Giustizia

Giustizia civile

05/11/2014

Questa riforma è un passo importante verso una giustizia civile più efficiente e più vicina al cittadino.

Tempi certi per i processi; dimezzamento dell’arretrato; chiusura del primo grado di giudizio entro un anno, e non tre come purtroppo è oggi; un processo più lineare e comprensibile. Questi sono i risultati che contiamo di ottenere con la riforma.

I processi civili pendenti sono oggi 5 milioni. Questo provvedimento si basa su una triplice strategia: aggredire direttamente l’arretrato agevolando il trasferimento in sede arbitrale dei procedimenti civili pendenti anche in appello; favorirne lo smaltimento con l’introduzione del nuovo istituto della negoziazione assistita; rendere più veloce il processo esecutivo.

L’obiettivo è di migliorare la vita ai tanti cittadini da anni bloccati nelle lunghe procedure della giustizia civile, garantire maggiore attenzione ai diritti della persona, dei minori e della famiglia, dare una spinta agli investimenti attraverso una giustizia veloce ed efficace.

Una riforma per una giustizia civile più ...civile.