15/02/2018 - 12:35

“Dati così positivi non si vedevano da anni. Sono quelli che oggi l’Istat ci ha consegnato per l’export che confermano un risultato importante: le esportazioni rispetto al 2016 sono in crescita (+7,4% in valore  e +3,1% in volume) e l'espansione è sia per i paesi extra Ue +8,2%, sia per i paesi Ue, +6,7%. In aumento anche le importazioni i (+9,0% in valore e +2,6%).

L’economia si è rimessa in moto. Le riforme dei governi del Pd sono state efficienti e determinanti . E’ la dimostrazione concreta che chi come Salvini blatera di dazi e protezionismo vuole il male dell’Italia. Che chi come Berlusconi  critica la nostra politica economica vuole riportare indietro il paese bloccando la ripresa che c’è e che anche queste cifre ci confermano. Con le nostre proposte per la prossima legislatura vogliamo rafforzare il sostegno all'export e, al tempo stesso, impegnarci per sostenere  i consumi interni”. Così il deputato Pd Gianluca Benamati.

05/01/2018 - 18:21

“Si abbassa la pressione fiscale sugli italiani, mentre risalgono reddito e propensione al risparmio. Ed è anche molto positivo, per la crescita ed il lavoro, il fatto che da 14 trimestri aumentano continuamente gli investimenti delle aziende. Sono alcuni dati su cui riflettere del rapporto trimestrale Istat diffuso oggi. Serve continuare così, con molta serietà e con impegno costante, concreto e credibile per il futuro di questo Paese”.

Così, sul suo profilo Facebook, il deputato Dem Gianluca Benamati, capogruppo in commissione Attività produttive e responsabile del dipartimento Energia del Pd.

21/12/2017 - 14:36

“Con il parere del Senato e di quello, assai simile, approvato ieri alla Camera senza voti contrari, si può avviare di fatto dal 1 gennaio 2018 il nuovo sistema di agevolazioni sugli oneri per le aziende grandi consumatrici di energia”. Lo dichiara Gianluca Benamati, capogruppo Pd in Commissione Attività produttive della Camera e relatore del parere.

“La misura – continua - si rivolge a un settore con aziende che valgono il 22 % del Pil industriale e 1.2 milioni di occupati e porta sollievo non solo alle grandi realtà energivore ma anche e per la prima volta in maniera più incisiva a settori (es. carta, gomme, piastrelle) ad alto consumo energetico, esposte a concorrenza internazionale e a rischi di delocalizzazione. Una revisione che si è resa necessaria per adeguare il nostro Paese alle Linee-guida UE in materia di aiuti di Stato, a favore dell’ambiente e dell’energia pena decadenza degli attuali meccanismi di sostegno. Un intervento necessario e indifferibile per difendere la competitività del nostro settore industriale e l’occupazione. Un nuovo meccanismo i cui oneri aggiuntivi rispetto a quello già esistente  sono  più che compensati in bolletta dal calo in corsa degli oneri generali”. 

“Dall'emendamento iniziale alla legge europea, superando le difficoltà verificatesi in Senato e che hanno allungato i tempi del lavoro, con il parere di oggi, e grazie al supporto del ministro Calenda, il Pd ha mantenuto l’impegno assunto verso le aziende ed i lavoratori interessati”, conclude.

20/12/2017 - 14:56

“Con l'approvazione del mio emendamento sui poteri sanzionatori del GSE nel settore delle energie rinnovabili e delle relative  incentivazioni, si migliorano sensibilmente le condizioni di lavoro e quelle per uno sviluppo più ordinato del settore”. Lo dichiara Gianluca Benamati, capogruppo Pd in Commissione Attività produttive.  

“L'emendamento – spiega - prevede che si crei una reale corrispondenza fra la tipologia e il peso del l'infrazione commessa e la sanzione applica. Nello schema definitivo della norma, permane la revoca degli incentivi come penalità per la violazioni più gravi ma si introduce una gradualità nella penalizzazione di infrazioni più lievi o semplici difformità. Il ministero dello Sviluppo economico e il GSE verificheranno la natura e gli elementi per una più precisa disciplina di controllo e la rilevanza delle diverse violazioni. Il testo prevede anche forme di cosiddetto ravvedimento operoso, per chi comunica eventuali irregolarità”.

“Un passo avanti significativo, quindi, per chi opera ed investe nel settore delle rinnovabili”, conclude.

19/12/2017 - 14:54

"In commissione Bilancio è stato approvato un emendamento, che abbiamo fortemente sostenuto, che include le strutture termali tra i beneficiari del tax credit per la riqualificazione alberghiera. Un altro risultato importante per il nostro paese e per i nostri territori". Lo dichiarano i deputati del Partito democratico Edoardo Fanucci, Gianluca Benamati e Vanessa Camani.

"Gli stabilimenti termali - spiegano - potranno beneficiare di una detrazione fiscale pari al 65%, fino a una massimo di 200 mila euro, anche per la realizzazione di piscine termali e per l'acquisizione di attrezzature ed apparecchiature necessarie per lo svolgimento delle attività termali"

"Uno strumento in più per sostenere un comparto così strategico non solo per i nostri territori ma per l'intero Paese", concludono.

 

13/12/2017 - 18:30

“La rapida risoluzione dell’incidente tecnico occorso a Baumgarten che ha interessato il principale flusso di gas dalla Russia all’Italia è certamente una buona notizia. Questo però non può farci dimenticare il rischio sulle forniture di gas che corriamo quotidianamente”. Lo scrive su Facebook Gianluca Benamati, capogruppo Pd in Commissione Attività produttive della Camera.

“Non possiamo dimenticare, infatti – spiega - che questo incidente, unito ai concomitanti problemi del gasdotto che da nord attraversa la Germania e alla scarsa flessibilità delle forniture da Algeria e Libia, avrebbe potuto avere altri e più severi esiti, se la sua durata fosse stata dell’ordine delle settimane.
Oggi l’Italia, grazie a una politica previdente di stoccaggi e di diversificazione dei fornitori, è in grado di superare molte crisi ma ciò non vuole dire che possiamo arretrare sulla sicurezza degli approvvigionamenti. Nuovi fornitori, come nel caso dell’Azerbaijan mediante Tap, e un uso più efficace del Gnl e dei rigassificatori, sono punti importanti per la nostra sicurezza energetica. Occorre quindi proseguire sulle linee indicate nella Sen, che accanto a una revisione delle fonti energetiche, prevede per il gas l’opportunità di un più ampia diversificazione delle forniture”.

“Compatibilità ambientale, competitività economica ma anche sicurezza degli approvvigionamenti erano e rimangono le nostre priorità in campo energetico”, conclude.

13/12/2017 - 16:19

 “Oggi è stata approvata la mia risoluzione per spostare di un anno la terza fase della riforma della #bollette elettriche relative agli oneri generali di sistema.
Maggiore omogeneità nella spalmatura degli oneri fra i clienti domestici e bonus sociale da attivare in fretta!”. Così Gianluca Benamati, capogruppo Pd in commissione Attività produttive, su twitter. 

25/10/2017 - 18:28

“Continuano anche in questi giorni le dichiarazioni sul Congresso di Bologna e c’è chi parla di cosiddetta "disfatta Renziana". Premetto che il Congresso locale di Bologna non ha mai assunto le caratteristiche del confronto Renzi-Orlando-Emiliano, nonostante alcuni maldestri tentativi di descriverlo in questo senso. Una candidatura veramente “renziana”, di sintesi, non è mai stata cercata. Chi immaginava di attivare l'unità dei sostenitori di Renzi  ha preferito procedere per strappi, arrogandosi la rappresentanza dell'area  e cercando di blindare un congresso unitario su un nome imposto. Naturalmente un'azione politica tanto grossolana e scomposta non aveva molte probabilità di riuscire così come, infatti, non è avvenuto. Il Congresso si è quindi orientato su quello che era in realtà: un confronto su temi bolognesi per il presente e per il futuro, con mozioni molto trasversali. In queste condizioni avevo già avvertito, in tempi non sospetti, che la mia scelta chiara e coerente sarebbe stata per la riconferma di Francesco Critelli che avevo già sostenuto nel 2015. Il risultato mi pare molto limpido e non voglio tornare su questo argomento. Dico però che per quanto riguarda l'area Renzi, a Bologna ampia e significativa, essa è forte e ben rappresentata risultando anche fondamentale in quella che oggi è la nuova maggioranza della Federazione. Lo è certamente per i nomi che hanno sostenuto Francesco Critelli, fra  i quali ad esempio vi sono tutti i dirigenti nazionali bolognesi del Partito scelti da Matteo Renzi come i membri dell'Esecutivo Nazionale: oltre a me anche, Ernesto Carbone e Stefano Mazzetti; ai quali, però, si aggiungono quelli di una renziana storica come Isabella Conti, Sindaco di San Lazzaro di Savena, quello dell'attuale coordinatore della Segreteria Provinciale del PD Luigi Tosiani e quelli di molti Sindaci, amministratori, dirigenti di partito e iscritti di area renziana attivi in molti Comuni metropolitani e, a Bologna, in municipio e in tanti circoli e quartieri. Ma è fondamentale soprattutto nei numeri, per l'ampiezza importante del consenso ottenuto su tutto il territorio metropolitano, che ha permesso la vittoria limpida di Critelli. Ora, però, penso sia giunto il tempo di cessare le polemiche ed abbassare i toni, ed almeno per quanto mi riguarda mi impegnerò in questa direzione come ho sempre fatto. Dopo il tempo del confronto, infatti, viene il tempo della costruzione della proposta politica il più possibile unitaria sui temi. A questo aggiungo che sono sicuro che la Federazione di Bologna sarà oggi come ieri in prima linea per sostenere le battaglie del partito nazionale. Dimostriamo dunque ai nostri  iscritti, militanti ed elettori, che anche a Bologna i dirigenti locali sanno lavorare, pur nella pluralità di posizioni, tutti assieme per il bene del nostro PD, della città e dei territori metropolitani". Lo dichiara il deputato del Pd, Gianluca Benamati.

13/10/2017 - 11:16

“Il Pd si assume l’impegno a far calendarizzare ed approvare alla Camera il più rapidamente possibile la Legge Europea. Si tratta del testo modificato in maniera sconsiderata da Mdp al Senato che, votando con le destre e i Cinque stelle per miopi ragioni di propaganda politica, mette a rischio l’attività  di migliaia di aziende e il posto di lavoro di decine di migliaia di lavoratori che aspettavano la tempestiva entrata in vigore della nuova normativa in materia energetica. Allo stesso tempo chiediamo al Governo, per tramite del sottosegretario alle Politiche europee Sandro Gozi, un impegno per la veloce predisposizione dei necessari decreti attuativi. La scelta sconsiderata di Mdp  al Senato non può e non deve essere pagata dalle cittadine e dai cittadini italiani”.

Così il deputato Dem Gianluca Benamati, capogruppo in commissione Attività produttive e responsabile del dipartimento Energia del Pd.

“Occorre fare presto - aggiunge Gianluca Benamati - affinché dal prossimo primo gennaio possa entrare in vigore, accanto alla norma che riduce gli oneri in bolletta elettrica per le imprese e le famiglie,  la riforma del sistema di agevolazioni per le aziende ad alta intensità energetica. Norme che hanno un grande impatto sull’economia reale e sui territori. In questo caso, basti pensare ad esempio alla Sardegna, a queste norme è legata la soluzione di vertenze complesse e l’esistenza stessa di alcuni comparti industriali. E tutto ciò parallelamente a tariffe più leggere anche per i cittadini, che nel 2018, 2019, 2020, si vedranno assegnati quote importanti dei risparmi sugli oneri di sistema. Ecco perché - conclude il capogruppo Dem in commissione Attività produttive - la decisione assunta da Mdp al Senato è doppiamente incomprensibile: vuole mettere in difficoltà un governo che sta operando bene e, allo stesso tempo, colpisce gli interessi del sistema produttivo e dei cittadini”.

11/10/2017 - 13:36

“In relazione al congresso metropolitano di Bologna ed alle polemiche di queste ore è importante osservare come la commissione provinciale di garanzia, per altro istituita con il precedente congresso provinciale, abbia fatto chiarezza sulle notizie circolate in questi giorni sul tesseramento. Il numero di nuovi tesserati e le modalità di adesione sono risultati regolari e complessivamente congruenti con le dimensioni e le regole del nostro partito. Seppure rimane un dovere  verificare con molta severità e trasparenza eventuali questioni specifiche in singole realtà, come peraltro si è fatto nelle precedenti occasioni di confronto congressuale, il quadro che emerge non evidenzia irregolarità generalizzate. Così come è importante che si riaffermi  la completa correttezza della platea congressuale del recente congresso nazionale. Il Partito Democratico metropolitano di Bologna, il più grande d'Italia, ha dimostrato in questa fase di essere una grande comunità politica forte ed inclusiva come noi la vogliamo e come è stato più volte richiesto dagli stessi candidati segretari. Ora si ritrovi celermente la serenità dei toni necessaria e si avvii domani in maniera costruttiva il confronto nei circoli. Fase importante questa da affrontare, come richiesto anche del segretario regionale Paolo Calvano,  senza ulteriori polemiche, con il rispetto e la considerazione che si deve a ogni iscritto e ad ogni militante del nostro partito  indipendentemente dalla sua scelta congressuale o dalla sua provenienza geografica. Facciamo in modo che nel rispetto reciproco un confronto serio sulle idee e sulle proposte politiche renda più forte e ricco il Pd di Bologna e il partito nazionale alla vigilia di una importante competizione elettorale”. Lo dichiara il deputato Pd, Gianluca Benamati.
 

10/10/2017 - 15:03

“Ci troviamo ancora una volta in presenza di dati Istat positivi che confermano la consistenza di una ripresa che va di giorno in giorno rafforzandosi. Adesso occorre continuare sia a Roma che a Bruxelles sulla strada delle misure per la crescita. Da questo punto di vista sono importanti le notizie che giungono dal Parlamento europeo, sollecitate anche dal Pd, di attenzione e freno alle proposte di intervento sul credito avanzate dalla Bce. Non interrompiamo in nome di astratte teorie una fase propulsiva della nostra economia reale”.

Così il deputato Dem Gianluca Benamati, Capogruppo Pd in Commissione Attività produttive.

06/10/2017 - 16:41

"Il riconoscimento chiaro e dettagliato che il costo delle attività per produrre i campionari rientrano tra le spese ammissibili riconosciute per il credito d'imposta in ricerca e sviluppo è una buona notizia perché fa chiarezza su un punto ancora equivocabile. Chiarimento richiesto da molto tempo dal settore tessile e che rende finalmente efficace un utile strumento a supporto delle attività di ingegno e sviluppo del comparto,  cosa che senza dubbio contribuirà a mantenere buoni livelli di competitività e investimenti. 
Il Ministero dello Sviluppo economico ha fornito i  chiarimenti tesi a sbloccare questa situazione accogliendo anche le sollecitazioni del PD e del Parlamento che si è occupato più volte di questo tema con risoluzioni e interpellanze. Non si può che essere soddisfatti per questo risultato che si unisce anche ad altre misure orizzontali messe in campo dal Governo, come industria 4.0, per rendere sempre più competitivi ampi settori della nostra manifattura". Lo dichiara il capogruppo Pd in commissione Attività Produttive di Montecitorio, Gianluca Benamati.

05/10/2017 - 17:45

"Le nuove regole che si propongono  a livello europee, soprattutto nella parte riguardante le modifiche nella copertura dei nuovi flussi di crediti deteriorati, rischiano di appesantire in maniera molto significativa il flusso del credito e di danneggiare molto profondamente l'economia reale che sta appena uscendo da un periodo di grande difficoltà. Le proposte formulate non creano, infatti, difficoltà solo agli istituti di credito ma hanno un potenziale molto negativo sul nostro tessuto produttivo che si sta risollevando da una pesante crisi. Auspichiamo che la Bce non sia sorda alle nostre richieste  formulate con chiarezza anche del segretario del Pd Renzi e possa riflettere sulla rischiosità delle nuove regole proposte". Lo dichiara il capogruppo Pd in commissione Attività Produttive, Gianluca Benamati.

13/09/2017 - 18:32

"Il Governo ha annunciato che oggi il Ministro Padoan ha controfirmato il decreto già sottoscritto dal Ministro Calenda che istituisce la procedura competitiva per il riconoscimento dei Competence Center nazionali. Sono varie le candidature  già in campo: da quello sull’automotive di Torino a quello sulla protezione delle infrastrutture critiche di Genova, da quello sulla robotica di Pisa a quello sull’agroalimentare di Bologna". Lo dichiarano i deputati Pd, Lorenzo Basso e Gianluca Benamati, che nel question time di oggi hanno presentato una interrogazione al governo sui Competence Center di Industria 4.0.

"Con l'avvio dei Centri di Competenza nazionale - proseguono Basso e Benamati - si completa un progetto importante, quello di Industria 4.0, che proposto dal Parlamento e fatto proprio dal Governo sta portando risultati importanti per la crescita economica del nostro Paese".

12/09/2017 - 13:22

“Il dato Istat di oggi comunica una diminuzione della disoccupazione ed arriva dopo una serie continua di indicazioni positive. La costante crescita del PIL pari allo 0,4% in termini congiunturali e all'1,5% su base annua; le eccellenti performance del sistema manifatturiero negli ultimi mesi; la ripresa dei consumi e della fiducia sono solo alcune di queste notizie positive. Dal punto di vista dell'occupazione i dati recenti ISTAT hanno  fotografato in maniera inequivoca l'aumento consistente dei posti di lavoro e l'arretramento degli inattivi e oggi assistiamo a dati relativi ad un calo importante della disoccupazione. Certamente la strada da percorrere è ancora lunga e occorre fare ancora di più e meglio, ma comincia ad essere evidente agli italiani che la ripresa in atto è significativa e produce frutti. Merito anche delle politiche dei governi del Pd, delle riforme dei "millegiorni" e di un impegno costante. Non è più irrealistico pensare che l'aumento del numero dei nuovi occupati salga ad un milione prima della fine della legislatura. Un milione di posti di lavoro veri e non promessi in campagna elettorale”. Lo dichiara il capogruppo Pd in commissione Attività Produttive, Gianluca Benamati.

Pagine