24/03/2016 - 19:46

La nomina di Mario Oliverio a componente della cabina di regia del Fondo di sviluppo e coesione è un’ottima notizia. E’ la prima volta che il Presidente della Calabria viene nominato in questo importante e strategico organismo nazionale preposto al coordinamento delle politiche di investimento e degli strumenti di programmazione economica nazionali ed europei.

Sono solo tre i presidenti di regione nominati ed Oliverio è quello chiamato a rappresentare tutte le regioni meridionali della fascia europea di Obiettivo 1. Tale nomina è la prova che la Calabria sta acquisendo una reputazione assai diversa dagli stereotipi negativi che l’hanno contraddistinta fino ad oggi.

Il riconoscimento è alla credibilità dello stesso Oliverio ma anche al lavoro che è stato svolto dal suo insediamento ad oggi. La Calabria in Europa e in Italia oggi è ritenuta più affidabile e gode di maggior fiducia rispetto al passato.

Con questa nomina la Calabria ha un’opportunità in più: misurarsi con la forza delle proprie proposte laddove si decidono le politiche di sviluppo del Paese e, specificamente, del Mezzogiorno.

Un’opportunità che rappresenta anche la sfida per costruire la regione del futuro per la quale abbiamo chiesto ed ottenuto il consenso dei calabresi un anno fa.

03/02/2016 - 14:08

"Da oggi i consigli regionali dovranno dotarsi di leggi elettorali che garantiscano l'equilibrio di genere. La legge, laddove il sistema elettorale regionale preveda liste con preferenze, stabilisce che le prime non potranno contenere al loro interno candidati dello stesso sesso superiori al 60% e che sia consentita l'espressione di due preferenze purché la seconda sia di un candidato di sesso diverso dalla prima.

In presenza di leggi elettorali regionali che prevedono collegi uninominali i candidati dello stesso sesso non potranno superare il 60% del totale. Nel caso di liste bloccate sarà necessario garantire non solo la rappresentanza dei candidati di sesso diverso per la percentuale citata ma anche l'alternanza nel posto in lista". Lo dichiara la deputata del Pd, Enza Bruno Bossio, per l'approvazione del ddl sulla parità di genere nei consigli regionali.

"Voglio ricordare che soprattutto la doppia preferenza di genere non rappresenta la 'garanzia' di quote rosa, ma il riconoscimento di pari opportunità attraverso il rispetto di una norma non discriminatoria tra i due generi. Purtroppo finora solo poche regioni hanno introdotto autonomamente norme che garantiscono l'equilibrio della rappresentanza di genere. Eclatante il caso della Calabria, dove nonostante la legge elettorale sia stata approvata nel 2014, la precedente maggioranza di centrodestra ha volutamente evitato di introdurre la doppia preferenza di genere nonostante l'intensa campagna di associazioni e movimenti dell'opinione pubblica calabrese. L'impegno assunto dal Presidente Mario Oliverio già in campagna elettorale di introdurre la preferenza di genere nel corso di questa consiliatura regionale trova oggi il conforto di una legge nazionale", conclude Bruno Bossio.

 

27/01/2016 - 14:43

Auspico che la vertenza dei lavoratori delle Terme Luigiane possa trovare al più presto una positiva soluzione.

Per quanto mi riguarda ho già avviato una interlocuzione con i soggetti coinvolti in questa vicenda: i sindaci dei comuni interessati, le organizzazioni sindacali, la Regione Calabria e il Prefetto Gianfranco Tomao, che sta svolgendo una importante azione di raccordo e mediazione istituzionale.

Tutto ciò al fine di assumere le iniziative più utili che consentano non solo la salvaguardia dei posti di lavoro ma anche il rilancio delle Terme Luigiane.

E’ del tutto evidente, infatti, che la professionalità degli operatori in esse impegnati potrà essere difesa soprattutto all’interno di un coerente piano di investimenti e sviluppo in grado di valorizzare uno dei siti termali storici della Calabria e dell’intero Mezzogiorno.

19/01/2016 - 20:44

Con l’approvazione odierna della Camera dei deputati, il cosiddetto decreto “Giubileo” è legge. Ai 38 milioni già stanziati per il secondo anno consecutivo dalla Regione Calabria, si aggiunge ora il finanziamento di 50 milioni di euro al fine di garantire, un altro anno di contrattualizzazione per i lavoratori LSU-LPU della Calabria. Non si tratta di un risultato scontato. L'ostruzionismo di Lega e 5 stelle si è palesato anche oggi con la presentazione di due emendamenti tendenti a cassare i 50 milioni destinati agli LSU-LPU definiti come l'ennesima mancia assistenziale alla Calabria.

Entrambi gli emendamenti sono stati respinti e ho sentito l'esigenza di intervenire nel dibattito in aula per difendere un provvedimento che, voglio ricordare, è stato costruito nella legge finanziaria 2013/2014, grazie ad un emendamento dei deputati calabresi del PD e che ha posto la parola fine a quindici anni di sussidi a pioggia !!! Tutt'altro che assistenza ma finalmente un percorso di contrattualizzazione, di garanzia di diritti e di definitiva stabilizzazione di lavoratori che con la loro opera oggi garantiscono che lo Stato, in Calabria, semplicemente non chiuda. Con la norma approvata oggi, i lavoratori LSU-LPU della Calabria potranno dunque contare su un altro anno di contratto, ma non basta. Occorre lavorare non solo per individuare le risorse per la terza annualità ma soprattutto per completare il percorso che porta all’avvio delle procedure per la definitiva stabilizzazione.

E’ necessario che al più presto sia convocato un tavolo che metta insieme Regione Calabria, organizzazioni sindacali, sindaci, amministratori degli enti territoriali, ma anche la delegazione parlamentare calabrese che ha sostenuto questa battaglia, per definire i prossimi passaggi e, soprattutto pervenire ad un piano di utilizzo sul territorio dei lavoratori in base agli effettivi fabbisogni e coerentemente con la legislazione vigente, in particolare il decreto 101 del 2013.

Sono sicura che tutti, a cominciare dai lavoratori che in questi mesi hanno dimostrato grande unità e senso di responsabilità, faranno la loro parte affinché l’obiettivo stabilizzazione, perseguito con tenacia in questi anni, possa essere finalmente raggiunto.

12/01/2016 - 19:42

"L’incendio doloso dello scuolabus avvenuto a Martone è l’ennesimo atto intimidatorio verificatosi nella Locride nell’arco dell’ultimo mese. Solo poche settimane fa, infatti, in fiamme erano finiti due mezzi della raccolta rifiuti da poco acquistati dal Comune di Gioiosa Ionica e le auto di familiari del Sindaco Salvatore Fuda. Preoccupata ed in attesa che forze dell’ordine e magistratura facciano al più presto piena luce su questi accadimenti, desidero far pervenire a Giorgio Imperitura e all’amministrazione da lui guidata la mia più sentita vicinanza e solidarietà. Non bisogna cedere alla prepotenza mafiosa. È necessario che il processo di cambiamento continui a camminare sulle gambe dei nostri coraggiosi amministratori locali. Ho ancora una volta coinvolto la Presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi perchè anche su questo episodio si assumano al più presto ulteriori ed incisivi provvedimenti. Si rende necessaria un'assunzione di responsabilità di tutte le istituzioni al fine di arginare il fenomeno mafioso che, partendo dalla nostra regione, ha oramai assunto evidente carattere di emergenza nazionale".

Lo dichiara la deputata del Pd e membro della commissione Antimafia, Enza Bruno Bossio.

16/12/2015 - 14:41

"Con l'approvazione dell'emendamento alla legge di stabilità che abbiamo presentato con il collega Boccadutri da oggi i cittadini saranno più liberi. Potranno infatti pagare con bancomat o carta di credito anche le piccole spese di ogni giorno.

È questo il modo migliore per combattere l'evasione e garantire trasparenza nelle transazioni finanziare. Non abbassare o alzare il tetto del contante consentito ma favorire e incentivare l'utilizzo dei pagamenti elettronici.

Con l'obiettivo di arrivare al livello di altri Paesi europei rispetto ai quali continuiamo ed essere troppo indietro nell'uso della moneta elettronica.

L'emendamento punta a cancellare il tetto dei 30 euro al di sotto del quale i commercianti possono rifiutare i pagamenti elettronici, tagliare le commissioni per le transazioni al di sotto dei cinque euro e a introdurre sanzioni per gli esercenti che non si dotano dei pos o non permettono il pagamento con moneta elettronica". Lo dice la deputata del Pd, Enza Bruno Bossio.

15/12/2015 - 19:30

E’ stato appena approvato in Commissione bilancio un emendamento che prevede nella legge di stabilità uno stanziamento di 20 milioni di euro ad integrazione del Fondo destinato al finanziamento di interventi nei settori della manutenzione idraulica e forestale per attività di difesa del suolo e di tutela ambientale.

La decisione odierna  è il successo della intensa iniziativa condotta dai deputati PD in raccordo con il Presidente della Giunta Mario Oliverio e le rappresentanze sindacali. Il risultato è stato possibile perché anche in questo caso, come per gli LSU-LPU, è stato sinergico il rapporto tra la Calabria e il Governo ed in particolare con Palazzo Chigi. I forestali calabresi, nonostante la rappresentazione folcloristica e criminalizzatrice dei leghisti e del movimento 5 stelle, sono tutt’altro che una sacca di assistenza; rappresentano la forza produttiva più importante per contrastare i rischi del dissesto idrogeologico e tutelare e valorizzare la ricchezza  boschiva calabrese. La nuova Calabria rinasce dalla tutela del suo territorio e del suo patrimonio naturalistico.

09/12/2015 - 16:38

"Quanto è accaduto a Bianco, dove una ragazza appena 24enne è stata ridotta in fin di vita da quello che, come sembra emergere dalle prime indagini, è un suo ex fidanzato, si configura come l'ennesimo drammatico caso di violenza contro le donne e di tentato femminicidio.

Come Parlamento abbiamo introdotto norme più severe per la repressione di questo tipo di reati, ma non basta.

Continuano ad essere troppe, in Calabria e in Italia, le donne che cadono vittime della follia omicida di uomini che non accettano la fine di relazioni amorose.

È ancora fresco il ricordo di Fabiana Luzzi di Corigliano e di Mary Cirillo di Monasterace, le vittime più recenti dell'ossessione di uomini che trasformano la loro insicurezza e incapacità di comprendere la diversità femminile in assurda violenza omicida.

È chiaro che la repressione è importante ma da sola non basta: occorre introdurre, come da me proposto con una apposita proposta di legge che è stata assunta come indirizzo in sede di discussione della "Buona Scuola", elementi di prevenzione basati sulla educazione alla differenza di genere in tutte le scuole di ordine e grado. Sono vicina alla ragazza che sta combattendo in queste ore la sua più difficile battaglia, quella per la vita, alla sua famiglia ed a tutta la comunità di Bianco.

Ho già dato la mia disponibilità al sindaco Aldo Canturi a partecipare ad una manifestazione contro la violenza e per l'affermazione del rispetto della differenza di genere da tenersi proprio a Bianco nei prossimi giorni". Lo dichiara in una nota la deputata del Pd, Enza Bruno Bossio.

 

04/12/2015 - 14:13

“E' stato sottoscritto l'accordo che prevede la cassa integrazione per 20 mesi per la riorganizzazione aziendale di Italcementi. L'azienda ha assunto l'impegno che nessuna scelta industriale definitiva sarà assunta per l'impianto di Castrovillari. E' confermato sia l'utilizzo flessibile sia il mantenimento dell'attuale assetto impiantistico. La verifica sull'attuale assetto verrà fatta nel 2017 e, quindi, quando subentrerà la nuova proprietà tedesca dell'Heidelberg Cement. Insomma, tutto quanto era stato richiesto dalle organizzazioni sindacali e sottoposto all'attenzione del Governo dal Presidente della Regione Mario Oliverio e dalla delegazione parlamentare del PD è stato ottenuto. Un'altra buona notizia, un risultato frutto della compattezza dimostrata da tutti i soggetti istituzionali che si sono ritrovati per la risoluzione di questa vertenza: comuni, giunta regionale, parlamentari e organizzazioni sindacali e, ovviamente, delle lotte dei lavoratori di questi giorni. Questa compattezza dovrà essere mantenuta anche per i prossimi appuntamenti, quando subentrerà la nuova proprietà. La vertenza Italcementi è il simbolo di un Sud che non chiede assistenza ma torna a misurarsi sul proprio futuro industriale e produttivo. Auguri ai lavoratori di Italcementi, alla popolazione di Castrovillari e dell'area del Pollino e a questa nostra regione che ha dimostrato di volercela e sapercela fare”. Lo dichiara la deputato del Pd Enza Bruno Bossio.  

03/12/2015 - 19:23

Dopo la delusione di ieri posso dire, anche  nome di tutti i parlamentari calabresi del PD, che gli LSU-LPU della Calabria possono tirare un primo sospiro di sollievo.

Grazie alla determinazione del Presidente della Regione Mario Oliverio e dei parlamentari calabresi, d’intesa con i gruppi parlamentari del PD di Camera e Senato è stata trovata una soluzione tecnica per reperire le risorse necessarie al proseguimento del percorso di contrattualizzazione degli LSU-LPU della Calabria. E’ stato infatti presentato in Commissione Bilancio al Senato dal relatore Silvio Lai (PD) un emendamento al decreto “Giubileo” che autorizza la spesa di 50 milioni quale quota di compartecipazione dello Stato alle procedure di stabilizzazione dei lavoratori LSU-LPU della Calabria.

La circostanza che a presentare l’emendamento sia il relatore di maggioranza del decreto rappresenta una garanzia per la sua approvazione nei tempi istituzionalmente previsti. Si tratta, però, solo in parte di una buona notizia: la nostra richiesta iniziale era infatti di 90 milioni e resta ancora aperta la questione dei forestali calabresi, per i quali non è stata autorizzata, almeno finora, la spesa di 30 milioni per come previsto dall'accordo triennale.

Per quanto ci riguarda, come parlamentari calabresi del PD continueremo a vigilare, insieme al Presidente Oliverio, fino a quando la norma per gli LSU-LPU non sarà definitivamente approvata e proseguiremo una battaglia in tutte le sedi per la tutela dei diritti di tutti i lavoratori calabresi.

24/11/2015 - 19:30

Nel corso del convegno tenutosi oggi presso il Senato della Repubblica sul tema “Indottrinamento mafioso e responsabilità genitoriale” l’on. Enza Bruno Bossio ha annunciato la presentazione di una importante proposta di legge che, attraverso la modifica dei artt. 387, 292 e 656 del c.p. introduce l'obbligo di avviso ai Tribunali per i minori in caso di arresto, fermo, custodia cautelare o esecuzione di pena per condanna definitiva disposti nei confronti di soggetti maggiorenni che abbiano figli di età inferiore ai diciotto anni.

"Questa proposta di legge - ha detto nel suo intervento Enza Bruno Bossio - è il frutto delle audizioni svoltesi durante la visita della Commissione antimafia in Calabria lo scorso 26 e 27 ottobre". 

“In quella occasione – ha proseguito la deputata del PD - riflettendo sulla tragedia del piccolo Cocò, assassinato a Cassano Ionio insieme al nonno in un agguato di mafia, è stato denunciato un grave vuoto normativo. Allo stato attuale, infatti, qualora uno dei due genitori di figli minori d'età sia detenuto, nessun obbligo di informazione è previsto all'autorità giudiziaria minorile e ciò impedisce alla stessa di poter intervenire tempestivamente a tutela di minori i quali si trovano a correre un duplice rischio: o essere allontanati dal contesto familiare in via d’urgenza dagli operatori dei servizi senza il vaglio della magistratura, oppure essere lasciati senza alcun intervento utile in contesti potenzialmente pregiudizievoli per la loro incolumità psico-fisica. Nello stesso tempo nessun obbligo è fissato ai servizi sociali dei comuni che sono chiamati a gestire i minori che si trovino in queste condizioni”.

“Quanto è accaduto al piccolo Cocò, - ha detto ancora Bruno Bossio - affidato al nonno affiliato ad una organizzazione criminale e che lo ha esposto al rischio che ne ha causato la morte, costituisce un caso emblematico. Quella morte probabilmente si sarebbe potuta evitare se il Tribunale dei minori fosse stato messo in condizione di intervenire”.

"Questa proposta - ha proseguito la parlamentare democratica – è il frutto dello straordinario lavoro di magistrati come il Presidente del Tribunale dei minori di Reggio Calabria dott. Roberto Di Bella e del dott. Giuseppe Creazzo che, quando era a Palmi, per primo adottò protocolli d’intesa che mettessero in comunicazione i vari uffici giudiziari di fronte a situazioni che vedevano la presenza di minori in contesti mafiosi. Anzi, la forza di questa proposta risiede proprio, come ha giustamente sottolineato il dott. Cafiero De Raho nel suo intervento, nella introduzione di un nuovo metodo di lavoro in rete, che trova proprio nei protocolli d’intesa già adottati dal Tribunale dei minorenni di Reggio Calabria un modello da assumere a livello nazionale".

"La tutela dei minori che si trovano a vivere in contesti criminali e mafiosi - ha concluso Enza Bruno Bossio - se questa proposta diventerà legge, potrà essere resa più efficace e, soprattutto, consentirà di supportare i provvedimenti giudiziali con iniziative sinergiche da portare avanti insieme a diversi soggetti che, finora, hanno troppo spesso lavorato separatamente.”

18/11/2015 - 15:13

"L'approvazione da parte della Camera dei deputati della legge-delega al Governo, che attua la nuova disciplina europea in materia di contratti pubblici di lavori e servizi, è una buona notizia.

Con la nuova normativa, infatti, lavori, servizi e forniture saranno affidati in maniera più rapida, trasparente e, soprattutto garantiranno una maggiore concorrenza tra gli operatori.

Quello che sarà il nuovo "Codice degli appalti pubblici e dei contratti di concessione" supera, finalmente, le norme speciali della legge obiettivo, che si affidava a procedure complesse e tortuose e, spesso, favoriva fenomeni di vero e proprio malaffare.

E', inoltre, per me motivo di particolare soddisfazione l'approvazione a larga maggioranza di due emendamenti: il primo, sottoscritto da me e dal collega Basso, che interviene per abolire la condizione di sostanziale privilegio dei fornitori alla PA di sistemi informatici per le componenti tecniche che, grazie alla norma introdotta, potranno essere aggiudicate, secondo i principi della libera concorrenza, anche a soggetti diversi dei vincitori dell'appalto di fornitura del sistema informatico; il secondo emendamento, proposto dai colleghi Albanella e Damiano introduce, invece, una clausola sociale per la stabilità occupazionale nel settore dei call center e tutela i rapporti di lavoro nei casi di successione di imprese nei contratti di appalti, alle medesime condizioni economiche e normative previste dalla contrattazione collettiva.

Con l'approvazione definitiva da parte del Senato delle norme approvate ieri dalla Camera sarà possibile, dunque, rendere la nostra PA più efficiente, il nostro sistema delle imprese più competitivo, i diritti dei lavoratori più garantiti". Lo dichiara la deputata Pd Enza Bruno Bossio.

13/10/2015 - 14:24

”Oggi la Camera ha approvato il nuovo testo unificato sulla cittadinanza, che combina lo ius sanguinis e lo ius soli e supera le finora eccessivamente rigide regole italiane sull'acquisto della cittadinanza.
Una legge che fissa regole e riconosce diritti e che ci pone in linea con i paesi più avanzati del mondo. Particolarmente importante è il riconoscimento del cosiddetto ius culturae, che consente l'acquisto della cittadinanza in seguito alla frequenza delle scuole italiane. Grazie a questa legge, infatti, saranno cittadini italiani i nati in Italia da genitori stranieri di cui almeno uno sia in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti a tempo indeterminato e i minori stranieri nati o arrivati in Italia entro il compimento del dodicesimo anno di età che abbiano frequentato regolarmente per almeno 5 anni uno o più cicli scolastici nel territorio nazionale. Con questa legge si potrà quindi riconoscere la piena integrazione di chi nasce, cresce o è istruito nel nostro Paese, come avviene in tutte le democrazie avanzate.
Tuttavia, per quanto mi riguarda, conservo seri dubbi sul parametro del riconoscimento della cittadinanza legato al reddito della famiglia, una norma che trovo fortemente discriminatoria, ma confido che in sede di approvazione definitiva della legge possano essere apportate le necessarie modifiche. Ciò che invece è inaccettabile è la bagarre che la Lega e altri settori della destra stanno inscenando in queste ore, l'ennesima dimostrazione della demagogia fine a se stessa di chi preferisce agitare pericolosamente gli spettri del razzismo piuttosto che misurarsi nel merito di questioni che possono solo essere governate e non esorcizzate”. Lo dichiara la deputata del Pd, Enza Bruno Bossio.

 

29/09/2015 - 14:12

“Considero assai rilevante l’impegno che il Governo ha assunto oggi in forma solenne davanti al parlamento nei confronti della Calabria” . Lo ha dichiarato Enza Bruno Bossio, deputata Pd, prima firmataria della mozione a favore del potenziamento del sistema infrastrutturale dei trasporti in Calabria. Il testo approvato è stato sottoscritto da tutti i deputati democratici della circoscrizione calabrese (Magorno, Aiello, Battaglia, Censore, Covello, D'Attorre, Oliverio, Stumpo).

"La decisione odierna - ha proseguito Bruno Bossio – inevitabilmente accelera la stipula dell'Intesa di Programma tra Ministero dei Trasporti e Regione Calabria. Le problematiche che sono state al centro del confronto tra il presidente della Giunta Oliverio e il ministro Delrio hanno trovato pieno riscontro nel dibattito parlamentare e nel testo della mozione approvata.

Alla luce di tutto ciò assume maggiore rilievo ed efficacia la decisione, che abbiamo già assunto in sede di commissione Trasporti, di organizzare una missione parlamentare in Calabria per affermare la centralità della velocizzazione dei trasporti calabresi nell'ambito delle strategie nazionali di sviluppo ".

"La Calabria rappresenta logisticamente un vero e proprio ponte del Paese nel Mediterraneo, in un’area che vedrà intensificare, nel corso dei prossimi anni, il volume di traffici anche grazie al raddoppio del Canale di Suez che fa proprio del Mediterraneo uno dei centri nodali del mercato globale. Investire sul sistema infrastrutturale calabrese – ha concluso la parlamentare democratica – diventa quindi una scelta strategica non solo per l’Italia ma per l’intera Europa, rovesciando l’idea di un Sud sempre e comunque subalterno e marginale".

31/08/2015 - 16:00

“Sono profondamente addolorata per la scomparsa di Luigi De Sena”. Lo dichiara Enza Bruno Bossio, deputata del Partito Democratico.

“Uomo dello Stato e delle istituzioni – ricorda Bruno Bossio - nella sua vita ha saputo rappresentare la serietà dell'impegno civile soprattutto nella lotta alla criminalità organizzata, impegno culminato nella sua elezione a senatore in Calabria”.

“Mi piace anche ricordare – continua la deputata democratica - che tra le tante avanzate durante il suo mandato di parlamentare, c'è stata anche la proposta di legge per l'introduzione del reddito minimo sottolineando la grande funzione che questo strumento può avere nel contrasto alle mafie”.

“Con Luigi De Sena, che calabrese non era, la Calabria perde uno dei suoi uomini migliori”, conclude Enza Bruno Bossio.

Pagine