09/10/2017 - 12:11

“I giovani e le istituzioni”
Convegno promosso dal Forum Giovani della Provincia di Salerno
Domani, 10 ottobre 2017, ore 14.30.
Aula Nuova Palazzo dei Gruppi Parlamentari, Via di Campo Marzio 74

Si svolgerà domani a partire dalle ore 14.30 il Convegno promosso dal Forum Giovani della Provincia di Salerno dal titolo “I giovani e le istituzioni”.
In apertura dei lavori, il saluto della vicepresidente della Camera, Marina Sereni; dei Coordinatori del Forum Nazionale dei Giovani, del Forum Giovani Regione Campania e del Forum dei Giovani Provincia di Salerno. A seguire gli interventi dei deputati Dem: Marco Di Maio, Commissione Affari Costituzionali e Finanze; Lia Quartapelle, Commissione Affari Esteri e Comunitari; Micaela Campana, Commissione Giustizia; Edoardo Fanucci, Commissione Bilancio; Francesca Bonomo, Commissione Politiche dell’Unione Europea. Conclude la deputata Dem Sabrina Capozzolo.

12/10/2016 - 13:58

"Sospendere l'esecuzione, prevista probabilmente per domani, di Zeinab Sekaanvand, una donna curdo-iraniana di 22 anni, arrestata quando ne aveva 17 e condannata per aver ucciso il marito, probabilmente al termine di un processo viziato da gravi irregolarità”. Lo chiede la deputata Pd Micaela Campana  responsabile Welfare della segreteria nazionale del Pd unendosi all'appello di Amnesty International  che ha sollecitato in questo senso le autorità di Teheran.

" E’ la drammatica  storia - spiega Campana - di una ragazza, ex sposa-bambina a soli 15 anni,  vittima di violenze fisiche e psichiche da parte del marito e di un tragico retaggio culturale arcaico per cui la donna è  oggetto di possesso e priva di una propria identità e personalità. Nel processo di veloce e confusa globalizzazione, come è quello che stiamo vivendo quotidianamente oggi attraverso i  flussi migratori, non possiamo girare la testa dall’altra parte. Il  dramma delle spose bambine sottoposte a matrimoni forzati e gravidanze precoci, così diffuso in molti paesi extraeuropei,   non può lasciarci inermi e silenziosi. Lanciamo dunque un appello per la sospensione dell’esecuzione della  giovane Zeinad".

" In un momento di gravi crisi mondiali, di grandi sofferenze per interi popoli - conclude la deputata Pd -  la sua salvezza potrebbe assumere un valore  di pace e di umanità che avrebbe una risonanza significativa  per il pianeta intero".

08/09/2016 - 18:32

"Lunedì arriva in aula la proposta di legge sul cyberbullismo frutto di un serio confronto che ha impegnato le Commissioni Giustizia e Affari Sociali della Camera e gli stessi operatori del web. Un provvedimento importante, che per la prima volta colma una lacuna della nostra legislazione su un tema di rilevante portata sociale, creando un sistema di regole a tutela di quanti sono vittime di atti lesivi e persecutori compiuti nel web. Non si tratta di mettere bavagli alla rete, come abbiamo letto recentemente, ma di garantire a chi si trova in difficoltà strumenti per potersi difendere e alle forze dell'ordine la possibilità di intervenire nei casi più gravi. Le regole non creano bavagli, ma garantiscono uno spazio di libertà entro il quale muoversi in sicurezza e nel rispetto reciproco. Per questo la legge si propone anzitutto di prevenire il fenomeno attraverso l'educazione a un uso responsabile della rete, in particolare fra le nuove generazioni". Lo dichiarano in una nota congiunta Micaela Campana, responsabile Welfare della segreteria nazionale del PD e il deputato del Pd, Paolo Beni, relatori del provvedimento che arriverà in aula lunedi.

27/05/2016 - 20:41

"La sentenza del tribunale di Torino si inserisce in una giurisprudenza che si sta consolidando in tema di genitorialità anche per le coppie omosessuali.  Si tratta di una decisione che consentirà ai minori di vedersi tutelati nella loro sfera familiare come soggetti di diritto. Ancora una volta i giudici hanno messo al centro il supremo interesse del minore al di là dell'orientamento sessuale dei genitori".

Lo dichiara Micaela Campana, responsabile Diritti della segreteria nazionale del Pd. 

26/06/2015 - 15:31

Ieri con le Commissioni congiunte II e XII, alla Camera, è iniziato un percorso importante che vede in campo diverse proposte di legge volte a contrastare il fenomeno del cyberbullismo”. Lo dichiara Micaela Campana, deputata e responsabile Welfare e diritti del Partito Democratico.

“Le statistiche che provengono dal MIUR e dalla Polizia Postale – spiega Campana - ci manifestano un fenomeno in profonda ascesa: 345 casi nel 2014 contro i 190 del 2013, colpendo fasce di età sempre più giovani (11-13 anni). Internet è un eccezionale strumento di conoscenza, socializzazione e interazione, ma non può e non deve essere uno strumento di emarginazione e di incitamento alla violenza. Il 72% dei bulli in rete tendono a preferire vittime dello stesso sesso, e colpiscono maggiormente le femmine, è un dato drammatico a cui il legislatore non può ignorare, soprattutto quando queste violenze portano i nostri giovani a cadere in depressione financo a togliersi la vita”.

“La prevenzione – continua la deputata democratica - è lo strumento principe, che la nuova legge deve prevedere, per educare al rispetto, alla tolleranza e alle diversità, quei giovani che saranno i cittadini del domani. Ma il comportamento sulla Rete, che è si virtuale, ha ripercussioni nella vita reale dei nostri ragazzi, ed è qui che entra in campo la politica, a seguito di numerose pronunce di condanna espresse dalla giurisprudenza.

“Nell’articolo 2 della pdL che ho presentato – aggiunge Campana - vengono individuati gli atti di bullismo, ovvero i comportamenti reiterati che si traducono in insulti, offese derisioni, diffamazione, minacce, violenza privata, aggressioni, lesioni personali e danneggiamento delle cose altrui. Nell’articolo 3, invece, vengono individuati quei comportamenti, che debbono essere considerati atti di cyber bullismo, quali: i messaggi on-line violenti e volgari, e il loro invio reiterato mirante e ferire la vittima, offendere gratuitamente qualcuno con cattiveria, mediante i sistemi di messaggistica istantanea o sui social network, il furto di identità digitale, la pubblicazione di informazioni private, l’esclusione deliberata di una persona da gruppi on-line al fine di provocare un sentimento di emarginazione, le molestie e le minacce mirate ad intimorire, la registrazione con apparecchi elettronici di video ed audio di fenomeni di bullismo e la conseguente pubblicazione on-line”.

“La tutela della dignità dei nostri giovani, non deve e non può essere letta come un bavaglio alla rete, ma la punibilità di quei comportamenti che portano a emarginare e a indurre sofferenza, fino ai gesti più estremi, devono essere condannati e puniti con forza, al fine di educare i ragazzi, nativi digitali, a comprendere che piazza virtuale e reale, sono interazione l’una dell’altra, e soggette entrambe alle regole della civile convivenza e del rispetto”, conclude Micaela Campana.

 

22/04/2015 - 17:22

"Non abbiamo colpa se siamo nati dalla parta sbagliata e soprattutto voi non avete alcun merito di essere nati dalla parte giusta”. Con queste parole Micaela Campana, responsabile Immigrazione del Pd ha iniziato la dichiarazione di voto in aula a nome del suo gruppo sulla risoluzione Rosato sulle comunicazioni del Presidente del Consiglio.

“Si tratta di una testimonianza che sta circolando sui social - ha proseguito Campana - a dimostrazione che il sentimento degli italiani rispetto al fenomeno migratorio è mutato. C'è maggiore consapevolezza che dietro queste partenze c'è la disperazione e il nemico da combattere non sono i migranti ma gli scafisti. Senza l'azione del governo italiano, il grande esempio che è stato Mare Nostrum e l'impegno di Triton sotto l'egida di Frontex, l'Europa oggi sarebbe ancora all'angolo. Grazie all'azione del governo c'è una consapevolezza che l'entità del fenomeno migratorio si risolve non attraverso ricette italiane, ma solo tramite la collaborazione europea, e che l' obiettivo principale adesso è colpire ed assicurare alla giustizia i trafficanti di morte. Contrasto alla criminalità, stabilizzazione dei paesi di partenza, il dialogo con quelli di transito, il riequilibrio del peso dell' accoglienza su base europea sono solo alcune delle misure da mettere in campo nel minor tempo possibile affinchè il Mediterraneo smetta di essere una tomba. In fondo al nostro mare sono sepolte migliaia di persone che nell'Europa vedevano la speranza di una vita normale. In quel mare ci sono troppe vite spezzate. Per questo il Pd vuole guardare lungo. Abbiamo scelto da che parte stare e chi difendere. Abbiamo deciso di non tradire i valori fondamentali della nostra Carta che difende i diritti dell'uomo e la solidarietà tra di essi. La paura e gli slogan li lasciamo agli altri".

 

22/04/2015 - 13:14

“Il Pd voterà la risoluzione di maggioranza perché abbiamo chiaro da che parte stare: noi vogliamo difendere i diritti umani e guardare al futuro”. Lo ha detto Micaela Campana, deputata del Pd e Responsabile Welfare della Segreteria nazionale, durante la dichiarazione di voto nell’aula di Montecitorio.

“Il governo italiano - ha proseguito Campana - ha indicato la linea all’Europa dicendo con grande forza che i morti nel Mediterraneo sono uguali a quelli in Ucraina. E in questi giorni c’è stata una risposta in tempi rapidi come non era mai avvenuto prima. L’impegno italiano è anche nella direzione di consegnare alla giustizia gli scafisti e i trafficanti di essere umani. Il problema non è chi scappa dalla guerra che avrebbero diritto all’asilo politico se riuscisse ad arrivare. Il Pd vuole governare la modernità e avere pensieri lunghi. Chi fa della violenza verbale la propria missione offendendo il presidente della Repubblica, della Camera e del Consiglio doveva aprire il Parlamento come una scatoletta. Noi rifiutiamo di fare campagna elettorale sulla pelle dei rifugiati. L’Europa deve fare però un passo avanti; non basta Triton e il salvataggio non può essere solo quello previsto dal diritto del mare. Dobbiamo capovolgere il sistema dell’asilo europeo così come è”.

 

09/04/2015 - 13:42

“Quello che approviamo oggi è un provvedimento atteso da 20 anni e che farà la storia; lo approviamo dopo aver parlato con coloro che ogni giorno lavorano nel Terzo settore e non aspettavano altro che essere ascoltati dalla politica. Questo ddl riguarda 300mila organizzazioni non profit e quasi 5milioni di volontari che ogni giorno lavorano per dare sollievo e sostegno ai più deboli”. Lo ha detto Micaela Campana, deputata e responsabile Welfare del Pd durante la dichiarazione di voto sul ddl delega in materia di Terzo settore.

“Molti cittadini - prosegue Campana - senza il Terzo settore non avrebbero aiuti essenziali come un pasto, l’assistenza domiciliare o una coperta. Il settore è in crescita costante nonostante la crisi: dal 2001 le organizzazioni non profit sono aumentate del 28 per cento, i dipendenti del 39 e i volontari del 43. Si tratta del primo erogatore di servizi per i cittadini. Questa è una legge per l’Italia migliore che lavora nelle scuole delle carceri, con gli immigrati e con i disabili o scava tra le rovine de L’Aquila o nel fango a Genova dopo l’alluvione. Abbiamo tenuto conto degli errori del passato e vogliamo evitare di trattare tutti nello stesso modo, chi ha sbagliato come chi silenziosamente fa il suo dovere ogni giorno”.

 

05/09/2014 - 11:25

“E’ bene che alla Mostra del Cinema di Venezia si accendano riflettori sul tema”

" Il film di Michele Cali' "Infernet", e la regia di Giuseppe Ferlito, ha il pregio di aver portato all'attenzione della Mostra del Cinema di Venezia un tema globale come quello del cyber bullismo. Quattro puntate, che vedranno come protagonisti Katia Ricciarelli, Giancarlo Giannini e Roberto Farnesi, affrontano il tema della violenza dei ragazzi attraverso la rete che in Italia colpisce un ragazzo su cinque e che spesso porta con se disagio, isolamento e purtroppo, nei casi estremi, anche il suicidio. - scrive in una nota l'on. Micaela Campana deputata del Pd membro della Commissione Giustizia intervenuta alla 71^ edizione della Mostra del Cinema di Venezia che aggiunge - E' bene che oggi proprio qui a Venezia si siano accesi i riflettori su questo tema e che nei prossimi mesi questo progetto cinematografico possa arrivare in televisione, affinché si possa aprire un canale di dialogo aperto sul fenomeno e non rimanga solo una piaga generazionale".

"La proposta di legge che ho presentano ha proprio l'obiettivo di Individuare i comportamenti distorti del bullo e del cyber bullo al fine di dare gli strumenti adatti anche agli adulti per individuare correggere le condotte scorrette perché Internet è una grande occasione di socializzazione e crescita, ma solo con una regolamentazione dei comportamenti può diventare un luogo sicuro di convivenza anche per le categorie più a rischio. E' necessario porre le basi di un'etica del web attraverso una navigazione più consapevole" conclude l'on. Campana.