17/10/2017 - 17:34

“Data la situazione di emergenza che ancora vivono i comuni mantovani colpiti dal terremoto del maggio 2012, insieme agli amministratori locali, chiediamo al governo un provvedimento ad hoc che possa prorogare l’attività del personale tecnico aggiuntivo oggi decisivo per il disbrigo delle pratiche in corso. La proroga dei contratti, in scadenza a dicembre, ed anzi la possibilità di ulteriori assunzioni, non provocherebbe alcun onere aggiuntivo per lo Stato. Le risorse ci sono, proprio grazie al governo infatti vi sono tutte le coperture necessarie, e sarebbe paradossale privare i comuni di questo personale tecnico fondamentale a tutela dei cittadini. Il mancato inserimento di questo provvedimento nel decreto fiscale e i tempi troppo lunghi di approvazione della Legge di Bilancio rendono dunque urgente uno strumento ad hoc che permetta di garantire operatività certa agli enti locali”.

Così il deputato Dem di Mantova Marco Carra.

27/07/2017 - 16:51

“E’ stato bocciato l'emendamento al Decreto sul Mezzogiorno che chiedeva la proroga al 31 dicembre 2018 del personale tecnico in dotazione ai Comuni terremotati i cui contratti scadono a fine 2017. Avevo personalmente predisposto il testo e ringrazio i senatori del Partito Democratico che se ne sono fatti carico. Ora occorre che il governo dia una risposta ai Sindaci ed agli uffici tecnici dei Comuni terremotati, ovvero ai cittadini in attesa che siano evase le loro pratiche relative alla ricostruzione post terremoto del 2012. I nostri Comuni devono sapere se possono contare sul personale aggiuntivo, un supporto importante sia dal punto di vista numerico che professionale che si interromperebbe con disagi e lungaggini per i cittadini. Tra le tante cose ottenute in questi anni a favore della ricostruzione, resta questa grande lacuna alla quale chiediamo che il Governo dia risposte".

Così Marco Carra, deputato del Pd ed autore dell’emendamento.

27/04/2017 - 16:50

“Aiutare le aziende agricole colpite dal maltempo e risolvere le criticità che gravano sulle polizze contro le avversità atmosferiche”: è quanto chiedono in una lettera al Ministro delle politiche Agricole Maurizio Martina i deputati del Partito Democratico Massimo Fiorio, Susanna Cenni, Luciano Agostini, Marco Carra, Alessandra Terrosi e Renzo Carella.

“Nei giorni scorsi alcune regioni del nostro paese sono state colpite da fenomeni atmosferici che hanno causato gravissimi danni a molte colture ed allevamenti – si legge nella lettera –. Questi eventi calamitosi, che stanno aumentando a causa dei cambiamenti climatici, stanno compromettendo l’esistenza stessa di numerose aziende agricole dislocate in tutto il paese”.

“L’unico strumento per contrastare il fenomeno sono le assicurazioni attivate dalle imprese stesse. Purtroppo però l’attuale sistema assicurativo presenta gravi ritardi nell’erogazione dei contributi statali previsti, incertezze normative ed ostacoli burocratici. Tutte queste problematiche hanno disincentivato negli ultimi due anni il sistema italiano delle assicurazioni contro le avversità atmosferiche (nonostante un trend positivo che era durato dal 2006 al 2014) con una significativa riduzione del valore delle produzioni agricole cautelate”.

 “Per questi motivi – concludono i deputati Pd - chiediamo un intervento diretto del Ministero delle Politiche agricole per risolvere le criticità che gravano sulle polizze agricole contro le avversità atmosferiche al fine di promuovere un modello assicurativo che salvaguardi con efficacia l’intero settore”.

14/03/2017 - 17:04

Se da un lato la Regione Lombardia è totalmente inadempiente non avendo investito per il 2017 nessun euro per il contenimento e la eradicazione della nutria, dall’altro lato il ministero della Salute potrebbe sopperire a questa grave carenza, autorizzando la Regione Lombardia stessa ad usare una parte dei fondi regionali non spesi per la lotta al randagismo, cambiandone così la destinazione di uso. Ci auguriamo che non si perda ulteriore tempo perché per la popolazione della Pianura Padana e per l’agricoltura si tratta di un’autentica piaga.

Lo afferma Marco Carra, deputato del Partito democratico.

21/07/2016 - 12:54

“Affrontiamo il voto di fiducia al governo su un importante decreto migliorato in modo sostanziale nel suo iter parlamentare, lavoro che ha valorizzato il ruolo stesso del Parlamento e sminuito il valore politico della fiducia.

Dopo le scelte contenute nella legge di stabilità in materia di sostegno agli enti locali, questo dl può essere considerato la giusta continuità.  Oggi parliamo di temi che toccano direttamente i cittadini: le risorse aggiuntive per le  Province (sblocchiamo 100milioni per mantenere le strade e 48 milioni per il potenziamento delle funzioni fondamentali); lo sblocco del turnover dei piccoli comuni; il picco triennale di assunzioni negli asili nido; il potenziamento dell’attività dei vigili del fuoco; la rateizzazione dei debiti tributari; lo stop all’addizionale sui diritti di imbarco aeroportuali. E ancora. Sono previste norme per proseguire la ricostruzione dei terreni terremotati nel 2012; la proroga dal 30/06 al 31/10 per i pagamenti delle tasse delle imprese terremotate e l' autorizzazione ad assumere personale per consentire a Regioni e Prefetture di continuare a dotarsi di personale aggiuntivo.

Spazio importante anche al comparto agricolo. Per il settore suinicolo, estesa una misura della legge di stabilità 2015 che stanziava  108milioni di euro per la ristrutturazione dei debiti delle imprese lattiero-caseario; per il cerealicolo, con la costituzione di un fondo di 10milioni di euro; per il lattiero-caseario, con 20milioni nel decreto uscito da Palazzo Chigi. Ridefiniti poi i criteri di compensazione per le multe per il superamento delle quote latte. Oggi dobbiamo alla Ue 30milioni. Se non fossimo intervenuti,  la cifra complessiva dovuta dagli allevatori sarebbe stata di ben 100milioni. Dopo gli anni in cui l’agricoltura è stata merce di scambio politico oggi torna centrale nella politica del governo. Non più e non solo un pezzo della nostra economia ma un bene pubblico”. Lo ha dichiarato il deputato Pd Marca Carra annunciando il suo voto di fiducia al decreto legge misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali e territorio. 

06/07/2016 - 19:14

“Per la seconda volta l’assessore lombardo Fava elogia il ministro Martina e le scelte che si stanno compiendo, in questo caso su una partita molto importante quale l’adeguamento degli strumenti del premio accoppiato relativo al primo pilastro della Pac. Siamo soddisfatti che l’assessore abbia radicalmente cambiato l’approccio nei confronti del governo e di chi lo sostiene .

 Riteniamo che questo sia dovuto alle figuracce patite negli ultimi mesi in ragione di posizioni strumentali e poco legate alla realtà . Ci auguriamo che le conversioni di queste settimane non siano figlie del solleone ma il frutto della consapevolezza che solo attraverso la leale collaborazione tra i diversi livelli istituzionali si possono consolidare le politiche di sostegno al mondo agricolo”. Lo ha dichiarato il deputato Pd Marco Carra, componente commissione Agricoltura.

06/07/2016 - 17:53

“Per la seconda volta l’assessore lombardo Fava elogia il ministro Martina e le scelte che si stanno compiendo, in questo caso su una partita molto importante quale l’adeguamento degli strumenti del premio accoppiato relativo al primo pilastro della Pac. Siamo soddisfatti che l’assessore abbia radicalmente cambiato l’approccio nei confronti del governo e di chi lo sostiene .

 Riteniamo che questo sia dovuto alle figuracce patite negli ultimi mesi in ragione di posizioni strumentali e poco legate alla realtà . Ci auguriamo che le conversioni di queste settimane non siano figlie del solleone ma il frutto della consapevolezza che solo attraverso la leale collaborazione tra i diversi livelli istituzionali si possono consolidare le politiche di sostegno al mondo agricolo”. Lo ha dichiarato il deputato Pd Marco Carra, componente commissione Agricoltura.

04/07/2016 - 17:33

“Bene  l’incontro di oggi tra il ministro dell’Agricoltura Martina e l’assessore lombardo Fava durante il quale sono stati affrontati temi importanti come i problemi legati alla zootecnia, al comparto lattiero caseario e suinicolo, e degli allevatori. Temi vitali per il settore agricolo italiano e, in particolare del Nord, che attraversa una crisi che si può superare soltanto con l’impegno forte e costante di tutti i soggetti interessati.

Ci auguriamo che questo confronto porti a risultati costruttivi e soprattutto faccia rinsavire l’assessore regionale per lungo tempo impegnato in una sterile polemica con il ministro e con il PD. Una polemica del tutto inutile perché solo la collaborazione tra diversi livelli funzionali può portare a significativi miglioramenti della nostra agricoltura”. Lo ha dichiarato il deputato Pd Marco Carra.

14/06/2016 - 17:46

“Il Tavolo nazionale della filiera suinicola convocato oggi a Brescia dal ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, è andato bene. Come già avvenuto per il settore lattiero caseario, le positive proposte giunte da ministero e governo confermano la necessaria attenzione nei confronti dell’agricoltura e di quei comparti decisivi per il settore”.

Così il deputato Dem, Marco Carra, componente della Commissione Agricoltura della Camera.

“La conferma della compensazione Iva per le carni suine anche per il 2017 - ha aggiunto Marco Carra -, l’allargamento e la semplificazione della moratoria sui debiti degli allevatori, il sostegno all’export, unitamente alla battaglia da condurre in sede Ue affinché la suinicoltura possa essere contemplata nel primo pilastro Pac, certificano un approccio serio e determinato per tutelare e rilanciare un settore fondamentale per il nostro Paese”.

10/06/2016 - 17:44

“L’assessore Gianni Fava è un analfabeta legislativo. Un fatto grave per chi ricopre una posizione come la sua non sapere come funzionano le leggi. Sta lì che rosica e invece di lavorare fa l'ennesima figuraccia. Stia attento Fava che gli allevatori hanno finito la pazienza e delle bugie della Lega sono più che stufi. Dei bastian contrario come l'assessore lombardo non sanno cosa farsene. Non consentiremo a uno come Fava di macchiare un fatto storico come il decreto di etichettatura del latte. Noi vogliamo sapere se una mozzarella è fatta con latte italiano o no. Invece Fava vuole mantenere anonimi i prodotti, per fare lui un favore a chi non crede nel Made in Italy e che a chiacchiere dice di fronteggiare”. Lo ha dichiarato il deputato Pd Marco Carra, componente commissione Agricoltura.

01/06/2016 - 20:36

Insopportabili Calderoli e Saltamartini, di che parlano?

“Finalmente si può mettere la parola fine all’attesa angosciata di 41 bambini provenienti dalla Repubblica del Congo e dei loro genitori adottivi. La vicenda è stata segnata da ritardi, intoppi burocratici e inefficienze da parte del Commissione adozioni internazionali ma ora, grazie al lavoro del vice ministro Amendola e della ministra Boschi, da poco delegata a gestire le adozioni per conto della Presidenza del Consiglio, tutto si sta concludendo positivamente. Per questo gli attacchi dei parlamentari leghisti Roberto Calderoli e Barbara Saltamartini sono proprio insopportabili. Vanno a cercare un motivo di critica anche quando dovrebbero soltanto gioire”.

Così Marco Carra, deputato del Partito democratico.   

31/05/2016 - 12:43

“L’indicazione obbligatoria della provenienza di latte e formaggi è un altro grande risultato per i nostri allevatori. Avere l’origine chiara in etichetta è indispensabile per valorizzare il latte 100% italiano delle nostre stalle e farà bene a tutta la filiera.

Dopo anni in cui sembrava solo un sogno, si arriva a una scelta fondamentale per aiutare a uscire da una crisi strutturale. Nessuno ha la soluzione in tasca, ma l’impegno quotidiano del Pd e del ministro Martina è evidente e si misura in fatti concreti. Agli altri lasciamo polemiche inutili e vuoti comunicati stampa di lamentela”. Così Marco Carra, deputato del Partito democratico.

25/05/2016 - 20:05

Ora genitori e bambini potranno contare sul sostegno fattivo del governo

“Finalmente si è sbloccata la situazione di inerzia della Commissione adozioni internazionali. Siamo felici dell’impegno assunto dal ministro Maria Elena Boschi, che di recente ha avuto le deleghe su questa materia, ad assistere i genitori dei 59 bambini adottati da coppie italiane e bloccati in Congo negli orfanotrofi di Kinshasa e Goma. Fino ad oggi le famiglie erano state lasciate a loro stesse, ora posso contare sul lavoro e la solidarietà della CAI e del governo. Il segnale molto positivo del reale clima di collaborazione è la cancellazione della manifestazione di protesta prevista per oggi e domani”.

Così Marco Carra, deputato del Pd. 

11/05/2016 - 19:54

“Siamo molto soddisfatti della decisione del governo di affidare alla ministra Boschi la delega per le adozioni internazionali. Maria Elena Boschi è dunque ora la nuova Presidente della Commissione adozioni internazionali (Cai), un organismo  che ha bisogno di interventi finalizzati a snellire e rendere più efficienti le delicate pratiche, come hanno dimostrato i recenti fatti che hanno visto protagoniste famiglie italiane e i loro bimbi bloccati a lungo in Congo. Siamo certi che la ministra darà il giusto impulso al lavoro del Cai.

02/05/2016 - 19:45

“Per la nostra città è davvero una buona occasione, si tratta di risorse importanti che ci permetteranno di dare lustro ad uno dei beni più preziosi di questo territorio e dell’intera comunità”. Lo dice Marco Carra, deputato democratico di Mantova, a proposito dello stanziamento di 12 milioni di euro per il restauro di Palazzo Ducale. “Il miliardo stanziato dal governo per la cultura, aggiunge, servirà per 'grandi progetti' e opere rimaste incomplete, in tutto 33 in 13 diverse regioni. E’ una opportunità enorme di rilancio dei nostri beni più preziosi”.

Pagine