03/07/2014 - 17:05

Necessarie politiche di inclusione e di sostegno per gli insegnanti

“Dopo la segnalazione di un gravissimo caso di discriminazione contro un alunno disabile in un istituto romano, che si aggiunge ai tanti da me seguiti in questi mesi, ho scritto alla Ministro Giannini affinché siano immediatamente avviate tutte le indagini necessarie per stabilire eventuali responsabilità”. Lo ha detto Laura Coccia, deputata del Pd in commissione Cultura.

“Se infatti le informazioni ricevute fossero confermate - prosegue Coccia - ci troveremmo di fronte ad un episodio gravissimo che richiederebbe un immediato intervento. Infine, visto che questo episodio è solo l'ultimo di una lunga serie, ho chiesto al Ministro quali iniziative intenda adottare affinché l'inclusione non resti un vuoto principio sulla carta. Dobbiamo, infatti, utilizzare la pausa estiva per elaborare politiche di inclusione e, laddove necessario, di sostegno agli insegnanti e alle classi affinché le diverse abilità presenti nelle nostre classi diventino una risorsa da includere e non un gravoso peso da mettere all'angolo o rinchiudere”.

 

25/06/2014 - 16:48

“Se la notizia della presenza di una classe differenziale in una scuola della provincia di Napoli fosse confermata, ci troveremmo di fronte ad un fatto gravissimo per il quale si renderebbe necessario l'immediato intervento della Ministro Giannini”. Lo dichiara la deputata del PD Laura Coccia, componente della commissione Cultura.

“A quanto riportano notizie di stampa - prosegue Coccia - una scuola primaria di  Brusciano, ospita in una classe dell’Istituto comprensivo De Ruggiero, composta da 22 alunni, ben quattro bimbi disabili. Per uno di essi la disabilità motoria è aggravata anche dall’assenza di un ascensore funzionante nella scuola. Quando venne immaginata la scuola dell’inclusione per i disabili si riteneva che essa fosse realizzabile con classi formate al massimo da un alunno con disabilità su venti. Spostare, anzi, deportare 4 bambini con un'unica insegnante in una classe non solo sconfessa la legislazione vigente e anni di politiche a sostegno dell'inclusione ma rappresenta un inaccettabile precedente. Credo sia arrivato il momento di dire basta all'idea per cui i bambini disabili sono semplicemente numeri o alunni da parcheggiare in attesa del suono della campanella. Invece di andare avanti, facciamo ogni giorno un passo indietro in più. Mi riservo di intervenire con tutti gli strumenti che ho a disposizione per fare luce ed eventualmente risolvere l'ennesimo abuso a danno dei bambini disabili”.

 

24/06/2014 - 17:05

"Non si può morire per una partita di calcio. Spero gli Azzurri lancino un forte segnale oggi pomeriggio durante il match con l'Uruguay. Dobbiamo sensibilizzare l'opinione pubblica e gli atleti stessi sul tema. Vorrei che Prandelli e i suoi ragazzi dessero un forte segnale al mondo intero durante i Mondiali di calcio, al di là del risultato sportivo".

Lo ha detto Laura Coccia, deputata del Pd ed ex atleta disabile.

 

18/06/2014 - 01:00

“Un passaporto ematico valido per tutti i tipi di sport: finalmente è arrivato in Parlamento il testo di legge da me presentato e promosso dall'Associazione Fioravante Polito che da anni insiste sull'importanza dei controlli medici nelle attività sportive”. Lo afferma Laura Coccia, deputata del Pd ed ex-atleta disabile.

“La cronaca – prosegue Coccia - riferisce di casi di giovani atleti deceduti durante lo svolgimento di attività sportive. La gravità di questi incidenti - la cosiddetta morte improvvisa da sport (Mis) – richiede l’adozione di misure efficaci per ridurne al minimo l’incidenza. Troppo spesso l’obbligo di sottoporre a visita medica gli atleti a livello agonistico e non, viene sottovalutato se non eluso anche dai medici sportivi, ma ritorna in modo drammatico ogni qualvolta ci si trova dinanzi a situazioni come decessi o invalidità permanenti dovute ad attività sportive non adeguatamente supportate”.

 

17/06/2014 - 18:12

“Apprendo con sollievo la disponibilità offerta da tanti centri estivi ad accogliere Danilo, il bambino down, rifiutato vergognosamente da una struttura perché avrebbe potuto dare fastidio ad altri bambini”. Lo dichiara in una nota la deputata PD Laura Coccia che aggiunge : “ Ottimo l'impegno e la solerzia con cui il Presidente del XIV Municipio Valerio Barletta e l'Assessore alle Politiche Sociali Barbara Funari hanno affrontato e risolto questo problema. Restano lo sgomento e l'indignazione per l'ennesimo episodio discriminatorio nei confronti di un bambino diversamente abile. Le istituzioni sappiano tutelare tutte le famiglie che, come quella di Andrea, hanno subito un abuso garantendo loro rispetto e pari diritti”.

 

19/05/2014 - 16:45

“Gli stadi non possono più essere una terra di nessuno, una zona franca in cui non vale che la legge del più forte e della violenza. E nemmeno luoghi usati come cassa di risonanza per slogan razzisti o capaci di diffondere il virus dell’intolleranza o della discriminazione. Servono dei provvedimenti urgenti perché tutto questo finisca”. Lo dichiara Laura Coccia, deputata del Partito Democratico.

“Anche ieri uno stadio – spiega la Coccia – è stato teatro di un grave episodio. Mi riferisco allo striscione comparso durante Juventus-Cagliari per offendere il giornalista della Rai Enrico Varriale che si era espresso contro la violenza negli stadi e la maglietta tristemente nota dell’ultra napoletano a Roma, cui va tutta la mia solidarietà, ed esaltare il poliziotto che uccise il commissario Raciti. Un episodio che fa anch’esso parte della intollerabile coda della finale di Coppa Italia dell’Olimpico Fiorentina-Napoli, e che aggiunge altra violenza, questa volta verbale, a quella fisica di due settimane fa”.

“Sia l’una che l’altra – conclude la Coccia – non possono più essere tollerate. Dobbiamo adottare urgentemente dei provvedimenti per cercare di stroncare il fenomeno. Per questo, sto lavorando per dare il mio contributo in questo senso, formulando alcune proposte concrete che renderò pubbliche nelle prossime settimane. Nel lavoro di elaborazione intendo anche confrontarmi con tutte le parti coinvolte, e utilizzare gli spunti e i suggerimenti utili che mi saranno dati”.

15/05/2014 - 13:15

"Sono molto contenta che il deputato Simone Valente (M5S) si sia dichiarato favorevole a discutere e a collaborare con me, come affermato sulla sua pagina Facebook, per inserire i laureati in scienze motorie alla scuola primaria”. Lo ha dichiarato la deputata Pd Laura Coccia (commissione Cultura) che aggiunge: “Come ho sempre affermato, sono assolutamente disponibile al confronto per migliorare in maniera condivisa il mio testo, affinché si possa arrivare ad una rapida conversione in legge. Essendo depositato da più di 2 mesi ed avendo ottenuto il plauso e il sostegno di tutte le componenti coinvolte (dai laureati in scienze motorie ai genitori, a diverse personalità del mondo dello sport passando per Associazioni e coordinatori di educazione fisica), non comprendo la necessità di attendere altro tempo su questo tema. Sono disponibile ad un confronto diretto con lui e i colleghi di tutti gli schieramenti che fossero interessati e a prendere in considerazione nuovi eventuali pareri.

 

“In ogni caso – conclude -  continuo a portare avanti il #crescoattivotour, il giro d'Italia per diffondere la consapevolezza della necessità di far svolgere l'attività motoria ai nostri bambini nella scuola primaria sotto la guida di persone esperte.

Pagine