17/02/2018 - 12:00

"Salvini ha detto che in caso di vittoria non terrà in considerazione le normative europee che, a suo dire, non servono all'Italia. Inutile dire che sono parole deliranti. Spieghi ai suoi elettori che non applicare le normative comunitarie in vigore, che noi stessi abbiamo sottoscritto, sarebbe impraticabile se non a costo di portare il Paese alla bancarotta. Non abbiamo ancora finito di pagare il conto della follia leghista sulle quote latte ed ecco che il leader del Caroccio tira fuori dal cilindro una soluzione degna di un ciarlatano. Si prenda le sue responsabilità: se crede in quello che dice mi auguro sia anche disposto anche a pagare di tasca propria le multe che ci pioverebbero addosso. Troppo facile fare campagna elettorale con il portafoglio degli altri". Lo scrive, su Facebook, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo candidato Pd nel collegio Manfredonia-Cerignola. 

15/02/2018 - 14:16

Dichiarazione dell'on. Michele Bordo, candidato alla Camera nel collegio Manfredonia-Cerignola

“Stasera posso dare ai pescatori una buona notizia che aspettavamo da giorni: gli sgravi contributivi per il settore sono confermati. A due giorni dalla scadenza dei pagamenti, il 16 febbraio, le imprese della pesca possono tirare un sospiro di sollievo. Seguo da giorni la vicenda a stretto contatto con l'Inail e il Mipaaf perché profondamente preoccupato dalle ricadute occupazionali che avrebbe comportato la soppressione degli sgravi e cioè il pericolo di disarmo dei pescherecci e il conseguente licenziamento di migliaia di pescatori”. Così, ieri sera sulla propria pagina Facebook, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo, candidato a Montecitorio per il Pd nel collegio Manfredonia – Cerignola, ha annunciato il mantenimento degli sgravi contributivi per il settore pesca.

“Proprio l'Inail, insieme all'Inps, il 18 gennaio scorso, dopo una circolare del Ministero del Lavoro che chiedeva la sospensione degli sgravi in 'ossequio alle regole disposte dal Trattato sul funzionamento dell'Ue in materia di aiuti di Stato', si era visto costretto a emanare una circolare e a richiedere il pagamento dei premi per il periodo 2017 e 2018” ha proseguito Bordo.

“Oggi finalmente una risposta che il settore aspettava da giorni. Torna così pienamente operativo lo sgravio contributivo che la legge di Bilancio 2018 fissa al 45,07%. Per quanti avessero già fatto il versamento ci sarà la possibilità di andare a credito con i prossimi F24”. Ha concluso Bordo.

09/02/2018 - 18:30

"Tutta la mia solidarieta' alla giornalista Mariagrazia Mazzola, aggredita vigliaccamente mentre svolgeva il suo lavoro per il servizio pubblico. Si tratta di un atto gravissimo che va fermamente condannato. La criminalita' pensa ancora di poterla fare da padrona ma lo Stato c'e' e la Puglia, terra democratica e ospitale, sapra' isolare i violenti". Lo afferma, con una nota, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo, del Pd.

07/02/2018 - 20:05

"Con la bocciatura delle liste transnazionali, da noi sempre sostenute, a Strasburgo ha prevalso un'idea paludata e conservatrice d'Europa. Invece di promuovere un vero dibattito europeo, ampliando il potere di scelta dei cittadini, si è fatta ancora una volta una scelta al ribasso". Lo scrive, su Twitter, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo, del Pd.

31/01/2018 - 11:17

"Erano gli anni in cui la Nazionale italiana insegnava a un'intera generazione di bambini e ragazzini ad amare il calcio e a sognare. Con lui abbiamo gioito e sofferto, cantato a squarciagola e pianto: addio Azeglio Vicini, ct azzurro delle notti magiche di Italia 90". Lo scrive, su Twitter, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo.

25/01/2018 - 17:49
"Una bandiera del nostro partito cosparsa di liquido infiammabile e data alla fiamme perché 'oggi per vivere bene bisogna bruciare il Pd' e una sede locale imbrattata. Quando la protesta diventa fascista e sfascista si oltraggiano non solo le istituzioni ma anche i cittadini di ogni orientamento politico. Alla violenza rispondiamo con la democrazia di tutti quei volontari che ogni giorno si impegnano per rendere migliore il Pd". Lo scrive, su Facebook, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo del Pd. 
06/12/2017 - 13:31

"Sui migranti in questi anni l'Unione europea non ha dato grande prova di sé, un po' perché non era attrezzata e un po' per mancanza di volontà. È mancata anche una vera e propria politica strutturale sul controllo dei flussi che deve andare di pari passo all'accoglienza. Proprio questa emergenza continua ha contribuito ad alimentare la paura dei cittadini. Fortunatamente ora, grazie anche all'impulso dato dall'Italia dopo le stragi nel Mediterraneo, stiamo assistendo a un cambiamento di prospettiva. Certo,  un vero cambio di rotta si avrà solo quando Bruxelles capirà che i problemi dell'Africa sono anche i problemi dell'Ue. Molto del ruolo che l'Europa svolgerà nel mondo dipenderà dagli atteggiamenti che avrà sul fenomeno migratorio, che durerà ancora anni". È quando affermato dal presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo durante l'intervento al panel di Eunews 'How can we govern Europe' in corso a Roma. 

29/11/2017 - 18:23

"Accade sempre più spesso che qualcuno, nascondendosi dietro a una tastiera o a uno schermo, dimentichi di far parte della specie umana e, privo di argomentazioni, o per scaricare così la propria frustrazione, intasi i social network di insulti e umiliazioni. Un abbraccio a Francesca Scarpato, segretaria dei Giovani Democratici della Campania. Non ci avrete mai".

Lo scrive, su Facebook, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo del Pd. 

21/11/2017 - 17:58

"Profonda delusione per la mancata assegnazione di Ema a Milano frutto non di una decisione politica ma di un sorteggio che, purtroppo, ci ha beffati. Rimane certo il rammarico per il metodo sbagliato con il quale si e' arrivati a questa decisione, cosa peraltro gia' sollevata dal nostro Governo che, a suo tempo, aveva criticato che si potesse scegliere la sede di un’agenzia così prestigiosa con i bussolotti. Avremmo ovviamente preferito un'assunzione di responsabilita' da parte dell'Unione europea e una valutazione piu' di merito delle proposte presentate, convinti della forza della candidatura di Milano. Utilizzare pero' quanto accaduto ieri come ennesimo pretesto per attaccare e denunciare il Governo per il suo presunto scarso peso in Europa, significa ignorare colpevolmente i fatti e fare propaganda". Lo ha detto il presidente Michele Bordo intervenendo durante i lavori della Commissione per le Politiche Ue della Camera.

"Va al contrario apprezzato - ha detto ancora Bordo - il lavoro sinergico fatto in questi mesi per promuovere la sede di Milano a tutti i livelli: Comune, Regione, governo nazionale e forze politiche di diverso orientamento hanno tutti collaborato per raggiungere l’obiettivo, costruendo in Europa un consenso trasversale. Questa volta purtroppo la fortuna non ci ha aiutati, ma resto convinto del fatto che, in prospettiva, bisognera' continuare con il lavoro di squadra perche' questa e' l’unica maniera per provare ad ottenere risultati importanti".

18/11/2017 - 18:06
 
"È importante che il dialogo tra le minoranze inizi dalla Puglia: modello politico e di governo vincente per il Pd e il centrosinistra. Non possiamo essere un partito di lotta e di governo e inseguire solo la pancia del Paese e non possiamo immaginare di chiedere la fiducia degli elettori solo rivendicando le cose buone fatte in passato senza riconoscere, analizzare e correggere gli errori commessi. Il centrosinistra si costruisce sui temi politici e non con i tecnicismi elettoralistici. E allora abbiamo bisogno di una grande e vera iniziativa politica che ricostruisca il patto di fiducia con i partner di centrosinistra e faccia da premessa a una nuova alleanza sociale con i cittadini mettendo prima di tutto in campo un piano per l'occupazione giovanile e la lotta alla povertà". Così il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo intervenendo a Bari all'Assemblea fondativa regionale Dems. 
08/11/2017 - 18:35

"Cinque Leggi europee approvate dall'inizio della legislatura. Un traguardo importante che ci riempie di orgoglio perché consente all'Italia di mettersi al passo con l'Europa e assicurare ai cittadini un risparmio enorme strappando definitivamente il nostro Paese dal pantano dell'immobilismo nel quale era finito nelle scorse legislature quando il Parlamento non riusciva a chiudere, o lo faceva molto lentamente, le vecchie Comunitarie. Così le procedure di infrazione lievitavano e, di pari passo, affidabilità e peso dell'Italia a Bruxelles diminuivano. Desidero quindi esprimere gratitudine e apprezzamento a Parlamento e Governo perché grazie a questa legge verranno aumentate le garanzie a tutela dei diritti fondamentali consentendo di cogliere tutte le opportunità che l’Europa offre ai cittadini italiani, dalla libera circolazione al lavoro, dalla sanità al fisco". Lo scrive, in una nota, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo, del Pd, dopo l'approvazione della Legge Europea 2017 da parte dell'Aula di Montecitorio. 

"Con la Legge europea appena approvata chiudiamo 12 contenziosi con l’Ue: 3 procedure di infrazione - portando il numero di quelle pendenti a 61 - 8 casi di pre contenzioso e un ennesimo Eu-Pilot. Si tratta di un risultato senza precedenti se si considera che a febbraio del 2014 sulla testa del nostro Paese pendevano ben 119 procedure (37 per mancato recepimento delle direttive e 82 per violazione del diritto europeo) prosegue Bordo.

"Nel corso dell’esame del provvedimento sono state inserite norme volte a dare finalmente attuazione alle disposizioni europee in materia di razzismo e xenofobia. Estesi inoltre l’ambito di applicazione e le risorse disponibili per l’indennizzo alle vittime dei reati intenzionali e violenti. Punti che rispecchiano la nostra visione dell’Europa come di una comunità dei diritti e delle garanzie e che dimostrano la volontà del Governo e del Parlamento di ridare al nostro Paese il ruolo che merita in Ue come esempio di sicurezza e solidarietà” conclude Bordo.

08/11/2017 - 15:16

"Dovrebbe informare, formare, al massimo 'divertire'. Invece Libero, nutrendo quotidianamente odio e violenza, fa solo piangere. Semplicemente vergognoso. La mia solidarieta' a Matteo Renzi". Lo scrive, sui propri profili Facebook e Twitter, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo del Pd.

 

26/07/2017 - 16:46

“Attenzione a lentezze INPS”

“Il Governo stanzia 7 milioni di euro a copertura dell'indennità giornaliera riconosciuta alle imprese della pesca durante il fermo biologico. La previsione di spesa è stata inserita nel DL Mezzogiorno approvato in via definita dal Senato.
"E' una notizia molto importante per il comparto ittico, che giunge alla vigilia dell'avvio del fermo stagionale e restituisce fiducia a migliaia di armatori e pescatori", commentano i deputati Michele Bordo, presidente della Commissione Politiche UE, e Colomba Mongiello, componente della Commissione Agricoltura.
"Grazie all'incremento del fondo per il 2017 sarà possibile riconoscere un'indennità giornaliera onnicomprensiva di 30 euro al giorno, per un massimo di 40 giorni, durante la sospensione dell'attività lavorativa.
I lavoratori del settore godono, così, di un sostegno al reddito che rende socialmente accettabile e sostenibile la necessaria attività di ripopolamento delle acque, particolarmente importante per le marinerie che operano in un mare chiuso qual è l'Adriatico.
E' importante, ora, - concludono Bordo e Mongiello - che l'azione positiva di Parlamento e Governo non sia vanificata dalle lentezze burocratiche a cui, purtroppo, ci ha abituato l'INPS. E per tale ragione chiediamo fin da ora al ministero del Lavoro di svolgere ogni attività di supporto e vigilanza utile a scongiurare ritardi nei pagamenti". Così i deputati Pd Michele Bordo e Colomba Mongiello.
 

23/06/2017 - 13:16

"Foggia rappresenta la sede naturale e più idonea per ospitare la Commissione Unica Nazionale sul Grano Duro e il ministro Politiche Agricole Alimentari e Forestali dovrebbe adoperarsi per concretizzare questa vocazione". Lo affermano i deputati pugliesi del Partito Democratico Colomba Mongiello, Michele Bordo, Dario Ginefra, Gero Grassi e Liliana Ventricelli nella risoluzione presentata in commissione Agricoltura, all'indomani della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto ministeriale che avvia il processo di istituzione e insediamento degli organismi, le CUN, che garantiranno "la trasparenza nelle relazioni contrattuali tra gli operatori di mercato e nella formazione dei prezzi" per le filiere maggiormente rappresentative del sistema agroalimentare.

"In Puglia si miete, in media, il 22% del grano duro made in Italy - sottolineano i deputati PD - le aree produttive più importanti sono nelle province di Foggia e Bari, con la gran parte di centri stoccaggio e industrie molitorie e pastarie.  Ciò consente alle imprese locali di trasformare, in 297 giorni di attività, oltre 146.000 tonnellate di grano duro per ottenere oltre 100.000 tonnellate di semola e 46.000 tonnellate di cruscame, venduti soprattutto nel mercato interno con ricavi per oltre 26 milioni di euro. La Puglia è anche principale varco di accesso di grano straniero miscelato con l’ italiano, destinato alla produzione di pasta italiana, per la cui produzione non c’è obbligo di etichetta sull'origine della materia prima, nonostante la richiesta del nostro governo alla Ue, da cui attendiamo risposta. Istituire la CUN al posto dell'attuale Borsa Merci della Camera di Commercio è attenzione a un comparto in crisi e garantisce partecipazione e trasparenza al processo di formazione del prezzo della materia prima, oggi venduta sotto costo. Martina, proprio a Foggia - concludono i deputati Pd - ha assunto l'impegno politico di sostenere la candidatura foggiana, ci auguriamo che quell'impegno, condiviso da tutte le organizzazioni di produttori, sia ora mantenuto".

14/06/2017 - 18:04
“Con l’abolizione del roaming l’Europa e' piu' unita. La cancellazione del sovrapprezzo per le chiamate, gli sms e la navigazione internet nell’Ue a partire dal 15 giugno rappresenta una rivoluzione nel settore delle telecomunicazioni e un importante passo in avanti nella creazione di una societa' digitale europea. E' questa l’Ue che vogliamo”. Lo dichiara il Presidente della Commissione Politiche Ue Michele Bordo del Partito Democratico.
 
“La cancellazione del roaming – aggiunge Bordo – che e' una conquista frutto della lunga battaglia cominciata con il semestre europeo di presidenza italiana e portata avanti da Pd e Pse, garantira' ai cittadini il libero accesso al mercato unico digitale. Da oggi ognuno potra' viaggiare su tutto il territorio europeo senza dover rinunciare alle comunicazioni. E' un beneficio tangibile che incidera' positivamente sulle vite delle persone, un successo delle politiche di innovazione dell’Ue che si inserisce all’interno di un piu' ampio impegno riformista. E' anche così – conclude Bordo - che si argina il populismo antieuropeo”.

Pagine