25/01/2017 - 19:51

“La Corte costituzionale si è pronunciata sull’Italicum. Ha bocciato il ballottaggio e salvato il premio di maggioranza. Restano i capilista bloccati mentre, in caso di pluricandidature, la scelta del collegio avverrà con il sorteggio. Come sempre, prendiamo atto e rispettiamo le decisioni della Consulta”. Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

“Rimane il tema posto dal Presidente Mattarella – prosegue -  di rendere omogenee le leggi elettorali di Camera e Senato, obiettivo da perseguire con una soluzione rigorosa e largamente condivisa. C’è da augurarsi che tutte le forze politiche vogliano collaborare per raggiungere questo irrinunciabile  obiettivo. A questo punto, va affrontato il tema politico della costruzione di una coalizione di centro sinistra, nello spirito dell’Ulivo, fondata su programma e leadership condivisi”, conclude.

24/01/2017 - 20:31

"Il Governo deve affrontare alcuni temi molto urgenti: la povertà, lo Statuto del lavoro autonomo, i voucher e la responsabilità solidale negli appalti, tanto per citare quelli più urgenti e legati al 'sociale'. Dobbiamo occuparci dei problemi che stanno in cima ai pensieri dei cittadini insieme alla riforma della legge elettorale, appena la Consulta si sarà pronunciata". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

"Non va prodotto  però nessuno strappo e nessuna accelerazione verso il voto: bisogna affrontare anche le grandi emergenze, a partire da quella del terremoto, e ricercare un accordo tra i partiti per una legge elettorale omogenea tra Camera e Senato, come ci ha chiesto il Presidente Mattarella", conclude.

20/01/2017 - 17:32

"Secondo alcune indiscrezioni giornalistiche, al fine di reperire risorse per la manovra aggiuntiva richiesta da Bruxelles, il Governo si appresterebbe a toccare il "pacchetto pensioni" varato nella scorsa legge di Bilancio. Se così fosse, ci sarebbe la nostra più ferma opposizione. Il tema pensioni è stato oggetto di un confronto lungo e proficuo con il sindacato e con il Parlamento". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

"È stato firmato un verbale tra Governo e Cgil, CISL e Uil - prosegue - dopo un'ampia mobilitazione politica e sociale che ha anche coinvolto i comitati degli esodati, dei precoci e i pensionati. Fare un passo indietro ritardando l'applicazione delle regole o, addirittura, cambiando la normativa sulla quattordicesima dei pensionati, sarebbe assurdo e inaccettabile. Ci auguriamo che si tratti solo di illazioni giornalistiche e che il Governo smentisca al più presto queste notizie e rassicuri centinaia di migliaia di lavoratori e pensionati circa la puntuale applicazione delle nuove norme previdenziali previste dalla legge di Bilancio", conclude.

19/01/2017 - 19:54

"L'INPS fornisce alcuni dati, relativi ai primi 11 mesi del 2016, utili per interpretare l'andamento del mercato del lavoro. Il primo riguarda i contratti a tempo indeterminato. Il saldo tra assunzioni e cessazioni è sempre positivo ed ammonta a +65.989 unità, però con un decremento del 90% rispetto ai primi 11 mesi del 2015, nei quali il saldo era stato di +660.626 lavoratori". Lo dichiara Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

"Questo dato - prosegue -  conferma il fatto che rimane determinante il ruolo giocato dagli incentivi. Infatti, nel 2015 le assunzioni a tempo indeterminato avevano incentivi molto robusti, decurtati del 60% nel 2016. Da qui il crollo. Altro dato interessante - spiega Damiano- é quello che riguarda i licenziamenti che aumentano invece del 4 % rispetto al 2015, mentre si registra una crescita più sostenuta, pari al 27%, per i licenziamenti disciplinari.  Un dato positivo é invece quello relativo alle dimissioni, calate del 13,5 %, probabilmente a seguito della nuova normativa sulle dimissioni in bianco che abbiamo sostenuto con forza". 

"Infine - continua - per quanto riguarda i voucher, il consuntivo del 2016 è pari a circa 134 milioni di buoni venduti, con una crescita del 23,9% rispetto all'anno precedente. C'è da registrare un rallentamento delle vendite a partire dal mese di ottobre, con l'introduzione della tracciabilità dei voucher. Questo andamento conferma la scelta di continuare sulla strada della regolazione di questo strumento che va riportato al criterio della "occasionalità" contenuto nella legge Biagi del 2003. Obiettivo che chiediamo al Governo di perseguire anche utilizzando le proposte di legge attualmente in discussione in Parlamento", conclude.

18/01/2017 - 20:16

"Si sono concluse oggi in Commissione lavoro della Camera le audizioni sul lavoro autonomo e sullo "smart working" (lavoro agile) ed è cominciata la discussione generale. Per quanto riguarda lo "smart working" le audizioni hanno messo in luce che già oggi circa 250.000 lavoratori utilizzano questa modalità di lavoro, soprattutto nelle imprese medio grandi. Le potenzialità di espansione sono rilevanti e la regolazione sindacale, aziendale e nazionale, può favorirla". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

"La cornice legislativa che stiamo discutendo - prosegue - che chiarisce senza equivoci come lo 'smart working' sia lavoro esclusivamente subordinato e che il lavoratore ha diritto a un trattamento economico e normativo non inferiore a quello dei lavoratori che svolgono le medesime mansioni esclusivamente in azienda, ha quindi bisogno anche di una cornice contrattuale". 

"Questa modalità di lavoro deve riguardare anche i lavoratori del settore pubblico, che dispongono già di un riferimento normativo nella legge Madia che può essere ulteriormente potenziato", conclude.

17/01/2017 - 21:30

" L'osservazione fatta dal segretario generale dello SPI CGIL Ivan Pedretti a proposito della circolare dell'INPS relativa alla restituzione dello 0,1% degli importi pensionistici, va tenuta in considerazione". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della commissione Lavoro alla Camera. 
" Pur trattandosi di importi modesti - prosegue - la loro decurtazione avrà un effetto penalizzante agli occhi dei pensionati in un momento di inflazione zero e di assenza di rivalutazione degli assegni previdenziali".
"Dai nostri calcoli - spiega Damiano -  l'importo di questa misura vale circa 185 milioni di euro. Suggeriamo al Governo di utilizzare il decreto Milleproroghe attualmente in discussione al Senato al fine di rimandare il taglio al 2018". 
"Basterebbe un emendamento del Governo", conclude.

16/01/2017 - 20:31

"Da luglio dell'anno scorso al 13 gennaio 2017 sono stati dichiarati conformi dal ministero del lavoro quasi 19.000 accordi aziendali e territoriali di produttività: segno della vitalità della contrattazione e della importanza della detassazione dei premi di risultato". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera. 

"Bisogna continuare su questa strada - prosegue - iniziata nel 2007 dal Governo Prodi, ma in un contesto di equilibrio tra i livelli di contrattazione: il contratto nazionale deve continuare a svolgere un ruolo fondamentale di omogeneità salariale e normativa per ciascuna categoria, mentre quello aziendale deve concentrarsi sul salario di produttività, di qualità e di redditività. La contrattazione, confederale e di categoria, ha il compito di fissare standard inderogabili per sconfiggere i contratti-pirata e il dumping salariale e normativo che mette fuori gioco, con la concorrenza sleale, le aziende che rispettano le leggi e i contratti", conclude.

13/01/2017 - 20:11

"Sui voucher stanno circolando sui giornali molte ipotesi, parte delle quali probabilmente di fantasia. Tra queste, quella di istituire una "quota" massima di voucher in proporzione al numero degli occupati a tempo indeterminato. Una soluzione come questa significherebbe istituzionalizzarne l'uso, anziché ricondurlo al criterio della "occasionalità". Vogliamo portare i buoni lavoro anche alla catena di montaggio della Fiat?". Lo scrive sul suo profilo Facebook Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

"Quello che serve - prosegue - è battere l'abuso di questo strumento riportandolo allo spirito e alla lettera della norma voluta da Biagi nel 2003. Il suo uso sia consentito esclusivamente per il lavoro occasionale e accessorio (per i piccoli lavori domestici o per le ripetizioni private, ad esempio) da parte di soggetti deboli nel mercato del lavoro come i disoccupati di lungo periodo, gli studenti e i pensionati", conclude.

11/01/2017 - 19:34

"Totale solidarietà ai lavoratori dell'Unità, i cui posti di lavoro sono a rischio". Lo dichiara Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera.

"Bisogna assolutamente  scongiurare - continua - qualsiasi ipotesi di licenziamento, a maggior ragione in una situazione in cui è prevista un'assemblea dei soci che potrebbe portare a un aumento  di capitale. È incomprensibile il fatto che si voglia procedere ai licenziamenti collettivi senza interpellare le rappresentanze sindacali, il Pd, che è l'azionista di minoranza, e che si escluda il ricorso preventivo agli ammortizzatori sociali. Si tratta di un atto brutale che va respinto con grande forza", conclude. 

11/01/2017 - 16:36

"Prendiamo atto della autonoma decisione della Consulta che, come sempre, rispettiamo. I quesiti referendari proposti dalla CGIL sono stati dichiarati ammissibili per quanto riguarda i voucher e gli appalti: non viene ammesso quello sull'articolo 18." Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.
" I problemi sollevati dai referendum sul lavoro - prosegue - vanno comunque affrontati perché evidenziano alcune criticità: l'abuso dei voucher, la tutela dei lavoratori nella catena degli appalti e la crescita, dopo il Jobs Act, dei licenziamenti per motivi disciplinari. Tocca ora alla politica intervenire, indipendentemente dalla tenuta dei Referendum". 
"Sui voucher - spiega Damiano- inizia oggi in Commissione lavoro della Camera la discussione su 6 proposte di legge, gran parte delle quali convergenti con la proposta del PD che prevede il ritorno alla legge Biagi del 2003. Il disegno di legge del PD ha raccolto, ad oggi, l'adesione di circa 100 parlamentari democratici. Noi ci auguriamo che il Governo prenda in considerazione questa proposta che metterebbe fine agli abusi nell'utilizzo dei voucher riportandoli a un uso esclusivo per i lavori occasionali". 
"Per quanto riguarda gli appalti è stata depositata oggi una proposta di legge, anch'essa di alcuni parlamentari del PD, che condivide l'idea di un ritorno alla responsabilità solidale negli appalti anch'essa riconducibile alla legge Biagi e resa operativa nel 2007 dal Governo Prodi. Proposta che prevede una tutela solidale per le retribuzioni e per i contributi previdenziali", conclude.

08/01/2017 - 01:00

"Il Centro di Identificazione ed espulsione (CIE) di Cona, dopo il trasferimento di 100 immigrati disposto dal Governo, ospita ancora 1.300 persone in un Comune di 190 abitanti. Le immagini trasmesse oggi dalla Rai all'Arena, sono allucinanti: le persone vengono trattate come animali, al di sotto di qualsiasi livello di civiltà e di umanità". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.
" Condivido, a differenza di altri miei colleghi del PD - prosegue - le scelte del ministro Minniti di avere un CIE di nuova concezione per ogni Regione, con la capienza massima di 100 persone ciascuno e anche la scelta, ventilata oggi dal Governo, di affidare il presidio di questi Centri ai militari". 
"Ma questo - aggiunge - non basta: bisogna intervenire sulla gestione delle cooperative eliminando gli appalti al massimo ribasso, espellendo quelle che non garantiscono i minimi standard di qualità e avviando i controlli necessari per il rispetto dei capitolati".
 "Chiedo al ministro Minniti, che sta lavorando con serietà: dopo le immagini Rai, a quando la cacciata di quella cooperativa (Ecofficina), già espulsa da Confcooperative e oggetto di indagini, dato che i CIE dipendono dal ministero degli Interni? Sarebbe meglio, in questi casi, affidare la gestione alla Croce Rossa", conclude.

06/01/2017 - 01:00

"Le diatribe sulla ammissibilità dei tre Referendum proposti dalla CGIL sui temi del lavoro, verranno risolte il prossimo 11 gennaio con la pronuncia della Consulta".
Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.
"Sui voucher - spiega - il Governo ha l'opportunità di sostenere i disegni di legge in discussione alla Commissione lavoro della Camera che propongono un ritorno alla legge Biagi del 2003: primo tra tutti quello firmato da 45 parlamentari del PD. Sulla responsabilità solidale negli appalti presenteremo una proposta di legge che, in questo caso, suggerisce un ritorno alla normativa del Governo Prodi del 2007. In essa era già prevista la tutela solidale di retribuzioni e contributi previdenziali". 
"Infine, al legislatore non può sfuggire il fatto che i dati dell'Osservatorio dell'INPS denunciano una crescita del 28% dei licenziamenti disciplinari nei primi 8 mesi del 2016, dopo l'introduzione del Jobs Act. Tutti problemi che andranno comunque affrontati", conclude.

05/01/2017 - 16:25

" Condivido le parole del ministro Minniti e l'idea di presentare un progetto organico sui temi della sicurezza: proposta che va sostenuta e non contrastata. Per combattere la radicalizzazione bisogna, in primo luogo, combattere l'estremismo di casa nostra. Di quei politici, come Grillo, che cavalcano la paura e l'equazione immigrato-terrorista, proponendo l'espulsione di tutti i clandestini in pochi giorni. Semplice idiozia. E combattendo, contemporaneamente, le "viole mammole" dell'accoglienza". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Camera dei Deputati.
" Costruire, su basi nuove, Centri di Identificazione e di Espulsione (CIE)  in ogni regione, con capienza massima di 100 persone e vicino agli aeroporti - prosegue - può essere la giusta risposta purché inserita in un intervento organico che preveda accordi con i Paesi che dovranno accogliere i clandestini espulsi". 
" Un suggerimento a Minniti: non affidiamo più la gestione alle cooperative che hanno calpestato le condizioni di vita dei migranti speculando su cibo, assistenza e persino sul cambio delle lenzuola. Si indìcano gare di appalto che escludano il massimo ribasso e privilegino la qualità del servizio e si istituisca un apposito Albo aperto alle cooperative che certificano una vera esperienza nel settore della migrazione e il pieno rispetto di leggi e contratti", conclude.

05/01/2017 - 13:00

"La posizione dell'Avvocatura dello Stato sui Referendum del lavoro è comprensibile, ma non condivisibile. Al di là di una valutazione politica e di merito sui singoli quesiti, mi pare che non si sia tenuto conto di precedenti valutazioni di ammissibilità. Sull'articolo 18 non c'è nulla di 'manipolativo' in un quesito che propone una abrogazione parziale e non totale della normativa". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.
"È ovvio - prosegue - che l'abrogazione della norma generale dei 15 dipendenti innalza allo stesso rango 'generale' ciò che residuerebbe: vale a dire la soglia dei 5 dipendenti, che esiste e che vale attualmente come clausola speciale o residuale solo per l'agricoltura. Il contenuto del quesito è dunque univoco e la disciplina che si creerebbe non è del tutto nuova. È già capitato nel passato: si veda il Referendum del '93 sull'elezione del Senato della Repubblica". 
"Sui voucher - continua Damiano - il Governo dovrebbe sostenere la proposta di legge firmata da 45 parlamentari del PD che propone di tornare alla legge Biagi del 2003. Infine, sulla responsabilità solidale negli appalti, basta ripristinare la normativa del governo Prodi del 2007, 'manipolata' dai successivi Governi. Se funzionava allora, può funzionare anche adesso per le retribuzioni e per i contributi previdenziali".
"Anche se non ci fossero i referendum, tutti questi problemi andrebbero affrontati perché realmente esistenti", conclude.

05/01/2017 - 09:29

"Voucher sì, voucher no: messa in questo modo, la questione non ha sbocchi". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.
"Lo dico da conoscitore della materia - spiega - avendoli istituiti nel 2007 quando ero ministro del Lavoro, ma solo per la vendemmia e per pensionati e studenti. Con questa scelta ho fatto emergere sicuramente lavoro nero. Il fatto che nel settore agricolo i voucher siano ancora oggi destinati, per legge, solo a pensionati e studenti, è una cosa positiva che scoraggia gli abusi, come dimostrano le statistiche del loro basso utilizzo in agricoltura. Purtroppo, anche dopo l'approvazione della legge sul caporalato, gli schiavi di Rosarno continuano a esistere: se le leggi non si fanno applicare con interventi mirati di presidio del territorio, tutto resterà sulla carta". 
"In altri settori - prosegue Damiano -  dopo la liberalizzazione dei voucher voluta dal centrodestra e da Monti, si concentrano gli abusi: è lì che bisogna colpire riportando l'utilizzo dei voucher all'origine, vale a dire solo per il lavoro occasionale e accessorio. La proposta di legge del PD, all'esame della Commissione Lavoro della Camera a partire dall'11 gennaio prossimo, va in questa direzione e propone un ritorno alla 'legge Biagi' del 2003". 
"Alla Pubblica Amministrazione che utilizza i voucher, vedi i Comuni di Torino e Napoli dei sindaci Appendino e De Magistris, torno a suggerire che sarebbe preferibile, almeno per il 2017, utilizzare i collaboratori coordinati e continuativi (co.co.co.): il Decreto Milleproroghe ha cancellato per l'anno in corso una norma del Jobs Act che lo proibiva. Almeno questi lavoratori, perlopiù giovani, avrebbero un contributo previdenziale al 27% e non al 13% come nel caso dei voucher", conclude.

Pagine