30/12/2016 - 20:00

" Sul Corriere della Sera di oggi Massimo Franco sostiene che la  "discontinuità" rimane ancora una parola tabù nel Partito Democratico e, al tempo stesso, ha rilevato come la visione di Gentiloni, espressa nel discorso di fine d'anno, corrisponda più a quella di Mattarella che a quella di Renzi. Concordo. Questa contraddizione consolida la mia opinione circa il fatto che sia proprio la "discontinuità" il punto di partenza per rifondare il Partito Democratico e caratterizzarlo su contenuti di partecipazione e di lotta alle crescenti disuguaglianze". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera. 
" Ho apprezzato all'Assemblea nazionale del PD, il discorso "zen" di Renzi - prosegue - ma dalle parole si tratta adesso di passare ai fatti. Sui temi sociali e del lavoro molti nodi stanno venendo al pettine: occorre limitare l'uso dei voucher, reintrodurre la responsabilità solidale negli appalti e correggere l'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori". 
" Preoccupa - continua Damiano - la recente sentenza della Cassazione che giustifica i licenziamenti non a fronte di una crisi aziendale, ma in nome di una esigenza di maggiore profitto aziendale. Sentenza grave che risente di un clima politico e sociale che ha relegato agli ultimi posti la tutela del lavoro". 
"Anche per questo il Jobs Act non può essere considerato un tabù: dal Governo Gentiloni ci aspettiamo che non si chiudano gli occhi di fronte alla crescita dei licenziamenti disciplinari e alla necessità di ricondurre i licenziamenti collettivi alle tutele che esistevano prima del Jobs Act", conclude.

29/12/2016 - 19:00

" Il Governo ci ha parzialmente ascoltati con il Milleproroghe: vengono salvaguardati i precari della Pubblica Amministrazione in scadenza, collaboratori coordinati e continuativi e contratti a termine, che altrimenti avrebbero perso il lavoro. Si tratta di circa 42.000 lavoratori". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.
"Il Jobs Act, che vietava a partire dal 2017 il rinnovo dei contratti di collaborazione (co.co.co) - prosegue -  è oggetto di un'altra correzione, positiva e necessaria. Altrettanto importante è la proroga a fine 2017 della validità, per vincitori e idonei, delle graduatorie dei concorsi". 
"Rimangono ancora da risolvere i problemi relativi alla DISCOLL (la disoccupazione per i collaboratori) e ai Lavori Socialmente Utili. Si tratta di argomenti che non possono essere elusi dal Premier Gentiloni se è  vero che il lavoro rappresenta una priorità per il Governo, in una situazione di persistente crisi occupazionale", conclude.

28/12/2016 - 19:00

"I dati sul mercato del lavoro, d'ora in poi, avranno una sola fonte di informazione unificata: ministero del Lavoro, ISTAT, INAIL e INPS. Così ci eviteremo per il futuro faticose letture di cifre contrastanti. I dati, relativi al terzo trimestre dell'anno, evidenziano una crescita congiunturale dell'occupazione di 93.000 unità rispetto al trimestre precedente (2,1 milioni di attivazioni e poco più di 2 milioni di cessazioni)". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.
" Scomponendo la cifra - spiega - si evidenzia un aumento di 83.000 lavoratori a tempo determinato e di appena 10.000 a tempo indeterminato". 
"Questo conferma che, con la progressiva cancellazione degli incentivi, tende a esaurirsi la "spinta propulsiva del Jobs Act". Si conferma la preoccupante crescita dei voucher", conclude.

27/12/2016 - 19:00

" L'intervista al Corriere della Sera sui voucher del Presidente dell'ANPAL, Maurizio Del Conte, è condivisibile. Afferma giustamente che "i numeri ci dicono che c'è stato un abuso e il legislatore deve avere la coscienza di tornare sui suoi passi". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.
" La proposta di legge sottoscritta da 45 deputati del PD, che riprenderà il suo iter a gennaio alla Commissione lavoro della Camera - spiega -  va nella direzione di un restringimento dell'uso dei voucher attraverso un ritorno allo spirito e alla lettera della "legge Biagi", che prevedeva il loro utilizzo esclusivo per il lavoro occasionale e accessorio, e non per tutte le tipologie di attività". 
Bisogna tornare al punto di partenza se non vogliamo creare la "generazione-voucher". Dobbiamo decidere se vogliamo che l'Italia sia una Repubblica democratica fondata sul lavoro oppure sui "lavoretti", conclude.

27/12/2016 - 17:00

" Il 29 dicembre prossimo si terrà il Consiglio dei ministri che dovrebbe varare il Milleproroghe. Ribadiamo la necessità, inderogabile, che il Governo proroghi i contratti in scadenza dei Collaboratori Coordinati e Continuativi e dei contratti a termine della Pubblica Amministrazione. Si tratta di circa 40.000 lavoratori che, in caso contrario, sarebbero licenziati. Una prospettiva inaccettabile". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.
" Stesso discorso - prosegue - vale per i dipendenti dei Centri per l'impiego. Queste proroghe vanno realizzate nella prospettiva di una stabilizzazione di questi lavoratori". " " " Inoltre - spiega Damiano - va prolungata, fino al 31 dicembre del 2017, la validità dei concorsi, per vincitori e idonei, che si sono tenuti nella seconda metà del 2013 e nel 2014. Per un errore, questi concorsi (tra i quali quello di "Roma Capitale"), erano stati esclusi dalla proroga precedente che riguardava circa 110.000 persone: con questa correzione, da inserire nel Milleproroghe, si aggiungono altri 20.000 vincitori e idonei di concorso". 
"Ci attendiamo una risposta tempestiva dal Consiglio dei ministri", conclude.

23/12/2016 - 10:36

"Parrini conferma quello che sto sostenendo da tempo nel dibattito sui voucher: il Governo Renzi non li ha introdotti e si è limitato a innalzare il tetto complessivo annuo da 5.000 a 7.000 euro per ciascun committente.  Al tempo stesso - prosegue - sempre Renzi, ha introdotto alcune restrizioni: il divieto del loro utilizzo negli appalti e la loro tracciabilità". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.
" Nei primi 10 mesi di quest'anno - prosegue - l'INPS ha dichiarato che si sono venduti 121,5 milioni di voucher: proiettando questa cifra fino a dicembre si arriva a 150 milioni. Non si tratta più di un fenomeno marginale: traducendo la cifra in lavoratori a tempo pieno per un anno si tratta di 86.000 persone circa e, considerando che per ogni voucher venduto ci sono almeno altre 2 ore al nero, superiamo i 250.000 lavoratori a tempo pieno". 
"Condivido anche - continua Damiano - il fatto che Parrini ritenga che si possa intervenire per limitarne l'uso: la mia proposta è quella di approvare il disegno di legge sottoscritta da 40 parlamentari del PD (di cui sono il primo firmatario), in discussione alla Commissione lavoro della Camera". 
"Si tratta di una proposta che non cancella i voucher ma che vuole tornare al 2003: allo spirito e alla lettera della "legge Biagi" che li prevedeva esclusivamente per il lavoro occasionale. Sorprende il fatto che alcuni esponenti del centrodestra siano contrari a quella legge", conclude.

22/12/2016 - 19:31

"Nel Decreto Milleproroghe che dovrà essere varato entro la fine dell'anno dal Governo, chiediamo che vengano prorogati i rapporti di lavoro dei Collaboratori Coordinati e Continuativi e dei contratti a termine della Pubblica Amministrazione, nella prospettiva di una loro stabilizzazione". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera. 

"Non va trascurata - prosegue -  la situazione dei lavoratori dei Centri per l'impiego: anche per loro vanno prorogati i contratti a termine. Infine, va corretta la proroga delle graduatorie degli idonei (proroga fino al 31 dicembre 2017) includendo i concorsi che si sono tenuti nella seconda metà del 2013 e nel corso del 2014. Tutte queste situazioni vanno risolte per garantire una adeguata tutela occupazionale e una prospettiva di inserimento i di stabilizzazione a migliaia di persone, la gran parte delle quali giovani", conclude.

21/12/2016 - 20:27

"Il Jobs Act non é intoccabile e, quindi, non é un tabù. Può essere migliorato a fronte di un suo cattivo funzionamento.
Del resto, abbiamo già provveduto a varare alcuni decreti correttivi qualche mese fa". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commission lavoro alla Camera.

"Altre correzioni sono possibili - prosegue -   a partire dal fatto che i dati dell'Osservatorio dell'Inps ci segnalano un aumento di circa il 27% dei licenziamenti per motivi disciplinari: vuol dire che in questa parte della norma qualcosa non va nella giusta direzione".

"Per  quanto riguarda i voucher - spiega Damiano - invito i colleghi del NCD a leggere con attenzione la mia proposta di legge: non si prevede nessuna cancellazione dello strumento,  ma un suo uso riconducibile al criterio di lavoro accessorio e occasionale previsto da Biagi. Non credo che il centro destra possa avere delle obiezioni nei confronti di una legge che si propone di ripristinare lo spirito e la lettera di un provvedimento voluto e ispirato da Marco Biagi", conclude.

20/12/2016 - 16:22

" La Commissione lavoro della Camera ha "incardinato" oggi la proposta di legge sullo Statuto del lavoro autonomo. Le audizioni cominceranno il 10 gennaio prossimo. L'ipotesi è quella di portare il provvedimento in Aula alla Camera a partire dall'inizio di febbraio". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera e relatore del Jobs Act del Lavoro autonomo.
" Tutte le forze politiche - spiega -  hanno condiviso la volontà di concludere in ogni caso l'esame prima della fine della legislatura. I lavoratori autonomi rivendicano giustamente una rete di tutele sociali, e questa aspettativa non può andare delusa". "Al tempo stesso - prosegue - l'Ufficio di Presidenza ha deciso di proseguire la discussione sui voucher attraverso l'esame delle cinque proposte di legge che sono state depositate. "Quella del PD, della quale sono il primo firmatario, prevede una restrizione dell'uso dei voucher con il ritorno al criterio di prestazione occasionale voluto da Marco Biagi. Relatrice della proposta di legge è l'onorevole Patrizia Maestri", conclude.

19/12/2016 - 19:36

"Tra le cause della sconfitta al Referendum costituzionale e dell'allontanamento dei cittadini dalla politica, vanno considerati innanzitutto l'incapacità di ascolto e la scarsa considerazione delle difficoltà degli ultimi. Aver tolto l'IMU anche ai più ricchi è stato un errore, perché ha fatto crescere la percezione della diseguaglianza. Quando un Governo di sinistra fa cose di destra va incontro alla sconfitta certa".  Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera. 
" I dati dell'Osservatorio dell'Inps - prosegue  - dicono che il saldo tra assunzioni e licenziamenti del lavoro a tempo indeterminato, comprese le trasformazioni dei contratti a termine e degli apprendisti, ha avuto il seguente andamento nei primi 10 mesi di ciascun anno: 2014, +101.255; 2015, +588.939 e 2016: +61.640. Nel 2014, quindi, in presenza dell'articolo 18, il saldo occupazionale positivo è stato superiore a quello dell'anno in corso".
" I dati dicono anche - spiega Damiano - che aumentano del 3,4% i licenziamenti dei lavoratori a tempo indeterminato e quelli disciplinari del 27,4%. Anche per questo il Jobs Act non deve essere considerato un tabù e può essere corretto e migliorato, come abbiamo fatto con le pensioni".
" Per quanto riguarda i voucher che toccando relativamente il Jobs Act, occorre tornare allo spirito e alla lettera della legge Biagi.  Sugli appalti, invece - continua - del tutto estranei al Jobs Act, occorre tornare alla legge del Governo Prodi del 2007 che prevedeva la responsabilità solidale per le retribuzioni e per i contributi previdenziali.
"Sull'articolo 18, infine, la situazione é piú complessa: sarebbe prioritario concentrarsi sui temi dei licenziamenti disciplinari, di quelli collettivi e del mantenimento dell'articolo 18 nel caso di cambio di appalto", conclude.

16/12/2016 - 18:34

"Condivido l'opinione di Andrea Orlando: non possiamo "risolvere in modo burocratico" il tema dei Referendum proposti dalla CGIL. Il Governo e il Parlamento hanno il dovere di intervenire per trovare le soluzioni possibili". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

"Il primo dei quesiti - spiega - riguarda la responsabilità solidale negli appalti. Non è difficile risolverlo: basta tornare al testo del 2007, voluto dal Governo Prodi, e abrogare le deroghe inserite nel 2012. Nel testo di legge del 2007 era già contenuto l'obbligo solidale per il committente per quanto riguarda la corresponsione ai lavoratori dei trattamenti retributivi e dei contributi previdenziali. In sostanza si va nella stessa direzione richiesta dalla CGIL. Sui voucher - prosegue - è in corso una discussione alla Commissione lavoro della Camera su alcuni disegni di legge, a partire da quelli del PD e del Movimento 5 Stelle, che propongono di tornare allo spirito e alla lettera della legge Biagi, restringendo l'uso dei voucher alle prestazioni occasionali e accessorie. Sul ritorno alla Biagi anche la destra dovrebbe essere d'accordo". 

"Più complesso - continua Damiano - appare il terzo quesito, relativo ai licenziamenti illegittimi, con il quale si prevede una nuova tutela reintegratoria nelle aziende al disopra dei 5 dipendenti. Su questo punto, che è l'unico che ha una stretta relazione con il Jobs Act, si può aprire una discussione che tenga conto dell'aumento dei licenziamenti per motivi disciplinari avvenuto nell'ultimo periodo. Sbarrare le porte al dialogo non serve a niente, anche perché questi problemi prima o poi si ripresenteranno, e se la legge non interviene prima, i referendum andranno comunque tenuti se la Consulta darà il via libera", conclude.

14/12/2016 - 19:18

"Con i referendum proposti dalla CGIL bisognerà misurarsi: non si può mettere la testa sotto la sabbia. Sono quesiti che incidono su problemi reali della condizione lavorativa". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

"Per quanto riguarda i voucher - prosegue - la tracciabilità voluta dal passato Governo rappresenta un passo avanti, ma non è sufficiente. Bisogna tornare al criterio di lavoro occasionale e accessorio previsto da Biagi. Se la tracciabilità non avrà un effetto deflattivo, il 2016 si chiuderà con circa 150 milioni di voucher venduti: una crescita di 300 volte tanto rispetto ai 500.000 venduti nel 2008. La proposta di modifica dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori - spiega Damiano -  interviene, invece, su una preoccupante crescita dei licenziamenti dopo l'introduzione del Jobs Act". 

"Si tratta di temi di non semplice soluzione, ma la politica ha il dovere di affrontarli. Non possiamo restare schiacciati nella tenaglia: tenere i referendum o far cadere il Governo", conclude.

14/12/2016 - 17:12

"Penso che sia opportuno tenere il congresso del PD: l'ho chiesto con forza in varie occasioni. La crisi di Governo e le elezioni anticipate richiedono una discussione attenta e approfondita e la ricostruzione di un profilo politico di sinistra del nostro partito". Lo scrive sul suo profilo Facebook Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

"L'Assemblea di domenica prossima - prosegue - dovrà prendere una decisione su questo tema. Va ribadito che le regole congressuali esistono e vanno rispettate". "Sarebbe improponibile e inaccettabile cambiarle in corso d'opera", conclude.

12/12/2016 - 21:30

"Un Governo nella pienezza delle sue funzioni" e, dunque, anche con il potere di andare al più presto al voto dopo aver cambiato la legge elettorale e affrontato le questioni più urgenti e di emergenza, come gli aiuti ai terremotati. L'incarico a Gentiloni è positivo e dimostra la capacità di sintesi e di indirizzo del Presidente Mattarella in un momento di crisi molto delicato". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

11/12/2016 - 14:40

"Un Governo nella pienezza delle sue funzioni" e, dunque, anche con il potere di andare al più presto al voto dopo aver cambiato la legge elettorale e affrontato le questioni più urgenti e di emergenza, come gli aiuti ai terremotati. L'incarico a Gentiloni è positivo e dimostra la capacità di sintesi e di indirizzo del Presidente Mattarella in un momento di crisi molto delicato". Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera.

Pagine