08/11/2017 - 13:05

Mercoledì 8 novembre ore 16 conferenza stampa di presentazione del Progetto Innòva sala stampa Montecitorio

"Educazione nella scuola, alla cittadinanza, nello sport, nel lavoro e Innovazione. Sono questi i temi che affronteremo nella terza edizione di Innòva, il progetto organizzato a Reggio Emilia dalla Fondazione Ora! che mette a confronto giovani, studenti universitari e rappresentanti delle Istituzioni". Lo dichiara la deputata del Pd, Vanna Iori, promotrice dell'evento Innova, che verrà presentato nella sala stampa di Montecitorio l'8 novembre alle ore 16.

"L'educazione e la formazione riguardano la capacità di attraversare le trasformazioni radicali del nostro tempo.  I veloci mutamenti richiedono oggi pensieri e comportamenti capaci di comprendere l’imprevisto, diventato agente strutturale del sistema, e non sempre  decifrabile attraverso un modo abitudinario di guardare la realtà. Ciò che oggi ci appare una certezza, non lo sarà più domani e dunque l'educazione, in ogni ambito, è allenare l’apertura al nuovo ed è il primo passo per abitare la complessità e trasformarla. Questo sarà il filo conduttore che attraverserà tutti i tavoli tematici e le diverse realtà di cui si discuterà", aggiunge Vanna Iori.

"La scelta di Reggio Emilia come luogo dell'evento non è casuale. La città, in virtù della sua storia passata e presente sempre all'insegna dell'innovazione, si è qualificata  non solo per gestire il cambiamento ma anche per generare il nuovo, nel mondo educativo come in quello tecnologico e produttivo", conclude la deputata democratica.

Alla conferenza stampa parteciperanno la deputata Pd, Vanna Iori, promotrice dell'evento; Andrea De Maria, responsabile Pd Formazione; Alessio Pecoraro, co-presidente della Fondazione Ora!

In allegato il programma dell'evento che si terrà a Reggio Emilia sabato 11 novembre dalle ore 9.30 alle 18 presso il Centro Internazionale Loris Malaguzzi. I tavoli di lavoro saranno 12 divisi in due sessioni.

28/07/2017 - 15:31

"Oggi abbiamo la necessità a livello nazionale e sui territori di un partito forte, coeso, capace di interpretare le esigenze dei cittadini e che al contempo non si disperda in un dibattito autoreferenziale, sui propri temi ed equilibri interni, incomprensibile ai più.
Anche a livello locale è momento di una responsabilità condivisa, che ci deve vedere impegnati tutti a parlare di contenuti per Bologna metropolitana, di proposte ed idee da mettere in campo.
Partiamo dallo sforzo del lavoro di questi anni, confrontiamoci con idee e contributi che in questa fase sono importanti, ma con la consapevolezza che il congresso, soprattutto in questa fase, ci consegna una responsabilità importante, quella di tenere unita una comunità preziosa come quella del partito democratico.
Per questo il confronto fra il Sindaco metropolitano Virginio Merola e il segretario della federazione Francesco Critelli è un elemento positivo sia per il presente sia per la stagione congressuale che sta per aprirsi.
Nel rispetto reciproco, nell'autonomia dei ruoli, nel sostegno alla nostra amministrazione comunale e metropolitana  vi è il motore per continuare anche a Bologna e sui territori quel lavoro di rafforzamento del partito democratico ora più che mai necessario anche in quadro nazionale". Lo dichiarano i deputati del Pd, Gianluca Benamati e Andrea De Maria.

03/04/2017 - 11:22

mercoledì 5 aprile ore 14 Sala Berlinguer  Camera deputati

 

16/03/2017 - 10:45

Oggi, giovedì 16 marzo, ore 13

Gianni Cuperlo e Andrea De Maria presentano oggi, giovedì 16 marzo alle ore 13, presso la Sala Stampa della Camera, la proposta di legge n. 4306 (prima firma De Maria) in tema di appalti allo scopo di modificare l’articolo 29 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, in materia di responsabilità solidale del committente. La materia è oggetto della consultazione referendaria promossa dalla CGIL con un quesito che la Consulta ha dichiarato ammissibile lo scorso 11 gennaio.

14/11/2016 - 12:50

Martedì 15 Novembre alle ore 20.00 i deputati Gianluca Benamati e Andrea De Maria introdurranno un incontro teso ad  approfondire la natura  della riforma costituzionale nei suoi vari aspetti tecnici e politici. 

L'incontro, che si terrà a Palazzo Montecitorio nella sala Salvadori del Palazzo dei Gruppi parlamentari, persegue altresì  lo scopo di evidenziare le molteplici ragioni e ricadute di questa riforma sulle istituzioni, sull'economia e sulla società italiana.

Questo approfondimento vedrà la partecipazione del Prof. Vincenzo Cerulli Irelli e del presidente emerito della Camera dei Deputati prof. Luciano Violante. 

L'incontro, aperto ai parlamentari e al pubblico, sarà condotto da Manuela Ferri giornalista televisiva. 

Intervengono:

Gianluca Benamati, capogruppo Pd in commissione Attività Produttive della Camera dei Deputati

Vincenzo Cerulli Irelli, professore ordinario di Diritto Amministrativo

Andrea De Maria, deputato e membro della segreteria nazionale del Pd

Luciano Violante, professore ordinario di Diritto e Procedura Penale e Presidente emerito della Camera dei Deputati

30/06/2016 - 15:42

Sentenze tribunali militari italiani siano esecutive anche all’estero

“È molto grave la notizia dell’avvenuta archiviazione, da parte della Procura di Stoccarda, del procedimento penale che riguarda Wilhelm Kusterer, condannato in Italia per aver partecipato alla strage di Marzabotto. Sono ben consapevole che dopo tanti anni Kusterer non avrebbe pagato materialmente per i suoi crimini, ma è fondamentale che l’Europa unita e democratica, nata dalla tragedia della guerra e del nazismo, dimostri che non rinuncia a fare giustizia su quanto accaduto allora. Un dovere verso le vittime e i loro famigliari e un monito verso il futuro e le nuove generazioni. Con altri colleghi parlamentari, come già fatto in occasione del conferimento di una medaglia allo stesso Kusterer, stiamo predisponendo una iniziativa in sede istituzionale che presenteremo nei prossimi giorni relativa alle esecuzioni in Germania ed in altri Paesi delle sentenze dei Tribunali militari italiani relative alle stragi nazifasciste”. Lo dice Andrea De Maria, deputato del Pd.

21/06/2016 - 19:31

"Sono molto contento che sia stata definitivamente sancita la correttezza di Vasco Errani nel procedimento giudiziario che lo ha interessato". Lo ha detto Andrea De Maria, deputato e responsabile della formazione politica della Segreteria nazionale Pd. "Il suo rigore morale e la sua serietà” aggiunge “non sono mai stati per me in discussione e ora questa sentenza gli rende definitivamente giustizia".

15/03/2016 - 16:37

“Apprendiamo che è stata ritirata l’onorificenza assegnata dal suo comune di residenza a Kusterer, uno degli ex Ss condannato per l’eccidio di Marzabotto. Un risultato della mobilitazione di tanti a sostegno dei familiari delle vittime dell’eccidio e della nostra iniziativa parlamentare. Un segno di sensibilità delle istituzioni della Germania importante e significativo. Non abbasseremo la guardia su questi temi. A partire dalla esecuzione delle sentenze dei tribunali militari italiani in Germania ed Austria. Non per le conseguenze per persone ormai molto avanti negli anni, ma per affermare che l’Europa democratica non dimentica e sa fare giustizia, prima di tutto come monito per le generazioni future”. Così il deputato Dem Andrea De Maria, membro della Segreteria nazionale del Partito democratico. 

08/03/2016 - 16:24

“Bene che il Sindaco del comune tedesco di Engelsbrand sia intenzionato a ritornare sull’assegnazione della medaglia all’ex Ss Kusterer. La forte iniziativa che ha fatto seguito alla denuncia del Comitato Onoranze ai Caduti di Marzabotto ha dato i primi frutti. Ora auspico che ci sia coerenza negli atti successivi. Resta il tema, giustamente sottolineato dal Procuratore militare di Roma, dell’esecuzione in Germania ed Austria delle sentenze in contumacia dei tribunali militari italiani, fra queste quelle relative alle ex Ss riconosciute colpevoli dell’eccidio di Marzabotto. In tutte le istituzioni italiane, a partire dal Governo, stiamo trovando attenzione e sensibilità e a breve discuteremo la nostra interrogazione in Commissione Esteri. E’ importante che le autorità tedesche, in nome dei valori comuni di democrazia e rispetto dei diritti umani, facciano altrettanto”.

Così il deputato Dem Andrea De Maria, membro della Segreteria nazionale del Partito democratico.

04/03/2016 - 11:30

Dichiarazione del deputato democratico Andrea De Maria

La denuncia del Presidente del Comitato Onoranze ai Caduti di Marzabotto Walter Cardi, che ha appreso dalle pagine del Pforzheimer Zeitung della medaglia assegnata a Wilhelm  Kusterer, uno dei boia di  Marzabotto, dal comune tedesco di Engelsbrand, merita grandissima attenzione.

Credo che tutto il Paese, le sue istituzioni, i partiti politici debbano sostenere la richiesta dei familiari delle vittime dell' eccidio nazifascista di Marzabotto perché il Governo della Germania intervenga e chieda la revoca di quel riconoscimento.
Chi scrive era Sindaco di Marzabotto quando il Presidente della Germania Johannes Rau venne nel 2002 a Monte Sole a rendere omaggio ai familiari delle vittime, pronunciando parole fortissime di condanna del Nazismo. Da quella Germania che ha scelto la strada della libertà e della democrazia oggi ci aspettiamo coerenza e comportamenti conseguenti. Non si tratta di guardare al passato ma al contrario di affermare verso il futuro i valori comuni della nuova Europa nata dalla sconfitta della barbarie nazista e fascista.

28/01/2016 - 14:54

“Vogliamo un quadro chiaro di quanto avvenne la notte del 27 giugno 1980”

Domani il Governo risponderà alla Camera alla interpellanza di Walter Verini, capogruppo in commissione Giustizia, di Andrea De Maria e di altri deputati Dem, sulla tragedia di Ustica, presentata anche alla luce delle novità emerse dal documentario firmato dal giornalista francese Emmanuel Ostian e trasmesso dalla rete televisiva francese Canal Plus. L’inchiesta, significativamente titolata “Il disastro di Ustica: un errore francese ?» si basa sulla raccolta di dati che smentiscono quanto affermato a suo tempo dalle autorità francesi. 

I deputati del Pd chiedono di sapere cosa intenda fare il Governo di fronte al nuovo scenario  di informazioni, e dopo due sentenze definitive della magistratura italiana, al fine di ottenere un quadro finalmente chiaro di quanto avvenne la notte del 27 giugno 1980 sopra i cieli di Ustica, restituendo così, sia pur con trentacinque anni di ritardo, la completa verità ai familiari delle vittime di quella tragedia.

21/01/2016 - 17:56

Grave comportamento azienda nel Bolognese

"Abbiamo preso atto favorevolmente del tempestivo e determinato impegno del governo sulla vertenza Saeco, fin dai primi momenti di comunicazione degli esuberi fatti dall'azienda, senza perdere tempo. Riteniamo molto grave e scorretto il comportamento tenuto in questi giorni dall'azienda a Gaggio Montano nel bolognese. Qui, durante il tavolo di crisi a livello nazionale ed in particolare nel giorno stesso in cui era calendarizzato a Roma un incontro con il ministro Guidi e le OO.ss., la sede Saeco ha deciso di forzare il presidio dei lavoratori per portare fuori dall'azienda le merci prodotte e dar corso alla minaccia di portare linee di produzione in Romania, scavalcando il presidio dei lavoratori, senza dare risposte o indicazioni sulle reali intenzioni rispetto al futuro dell'azienda e dei lavoratori stessi". Lo dichiarano in una nota i deputati Pd, Marilena Fabbri, Gianluca Benamati e Andrea De Maria, presenti in commissione Attività Produttive durante la risposta del governo all'interrogazione presentata sulla vertenza Saeco.

"Prendiamo atto della forte contrarietà espressa ieri dal Ministro Guidi in occasione dell'incontro con l'azienda per l'assenza di proposte chiare per affrontare la crisi e la invitiamo a pretendere con fermezza risposte chiare e definite da parte dei vertici olandesi di Philips. Invitiamo anche il Governo a non farsi cogliere di sorpresa di fronte ad un atteggiamento passivo di Philips teso a prendere tempo e portare l'azienda alla chiusura. Chiediamo inoltre che si valutino tutte le soluzioni possibili anche in assenza di un atteggiamento costruttivo di Philips per salvaguardare l'occupazione di Saeco. Anche il Presidente della X Commissione Guglielmo Epifani ha espresso apprezzamento per l'impegno fin qui profuso dal governo e dal Ministro Guidi, ma ha espresso profonda preoccupazione per la complessità della situazione relativa alla crisi in corso e chiesto al sottosegretario Vicari di riferire al ministro Guidi sull'urgenza di un intervento forte del governo al fine di impedire che si creino le condizioni di chiusura dello stabilimento e il contestuale utilizzo del marchio Saeco, marchio di grande valore e prestigio della caffetteria italiana, presso altri stabilimenti all'estero", concludono i deputati.

 

02/10/2015 - 18:24

“La memoria condivisa non si può basare sulla confusione tra vittime e carnefici. Chi ha sacrificato la propria vita per la Resistenza e per la conquista della democrazia, anche a vantaggio di chi combatteva dall’altra parte, merita il nostro tributo. Rendere omaggio a personaggi come Rodolfo Graziani, invece, è un modo di insultare la memoria di chi è caduto per la nostra libertà e per i valori della nostra Costituzione. Sono stato nove anni sindaco di Marzabotto è dico che Ercole Viri, oggi sindaco di Affile, dovrebbe venire a Monte Sole per capire cosa è stato il fascismo”.

Così il deputato democratico Andrea De Maria replica alle affermazioni del sindaco di Affile, Enrico Viri, in merito alla costruzione di un monumento a Graziani, firmatario delle leggi razziali e criminale di guerra, iniziativa contro cui è stata presentata una interrogazione parlamentare.

07/05/2015 - 13:08

“Nei prossimi giorni parteciperò con la delegazione dell' Aned alle cerimonie che si svolgeranno al campo di concentramento di Mathausen nel Settantesimo della Liberazione.

Quel campo di concentramento era destinato dai nazisti in particolare ai prigionieri politici ed oggi è divenuto luogo della memoria per tanti paesi che hanno visto loro cittadini subire torture e vessazioni terribili ed in tanti casi trovare la morte, fra loro molti italiani.

Da quel campo, appena liberato, i prigionieri superstiti sottoscrissero un manifesto di grandissimo valore, un testo straordinario di pace e libertà.

Essere lì, a settant' anni dalla Liberazione, sarà una occasione per rendere omaggio a chi ha sacrificato la vita per combattere il nazismo ed il fascismo, per affermare i valori di libertà e democrazia che oggi sono patrimonio comune dei popoli europei e per radicare quei valori, nell' Italia e nell' Europa di oggi, grazie alla forza della memoria”. Dichiara il deputato democratico Andrea De Maria della Segreteria Nazionale Pd.

 

08/07/2014 - 19:07

Errani si è immediatamente dimesso a ulteriore riprova della serietà con cui ha esercitato il suo ruolo in Emilia Romagna. Quando Grillo e i suoi lo insultano dimenticano che i migliori servizi ai cittadini, i migliori asili pubblici, i migliori ospedali del paese si trovano in quella regione. Come trattano le istituzioni i grillini lo vediamo ogni giorno nelle aule parlamentari, tra insulti, volgarità e campagne inutili, e non ha niente a che vedere con quel modello.

Alle parole dei rappresentanti del M5s sapranno rispondere, con il loro abituale senso delle istituzioni, i cittadini dell’Emilia Romagna.

Lo ha dichiarato l’on. Andrea De Maria, componente Ufficio di Presidenza del Gruppo Partito Democratico, Camera dei Deputati.

 

Pagine