25/10/2016 - 11:55

“L’industria italiana ha tornata a crescere. Il fatturato ad agosto ha raggiunto livelli top dagli ultimi 5 anni ed è rilevato in un mese tradizionalmente segnato da bassi livelli di produzione. Questi dati Istat molto positivi si riscontrano nel mercato interno e in quello esterno. Compito della politica adesso è favorire questa tendenza positiva, che arriva dopo anni di recessione, con investimenti che possano consolidare questi segnali inequivocabili di ripresa. È quanto il Pd e il governo faranno a cominciare dalla prossima legge di Bilancio”. 

Lo ha detto Marco Di Maio della presidenza del gruppo Pd alla Camera.

07/10/2016 - 19:46

“Le contestazioni del deputato grillino Toninelli sul quesito referendario hanno un che di surreale”. Lo dichiara Marco Di Maio, componente della presidenza del gruppo Pd alla Camera.

“Magari nel frattempo se n’è dimenticato – continua - ma, solo alcuni mesi fa, Toninelli presentò una richiesta di referendum con una formula identica a quella che ora contesta. Onestà intellettuale vorrebbe che di fronte a una tale evidenza ci si fermasse. Anche perché la formulazione attuale è più logica, riprende il titolo delle riforme e, soprattutto, perché è quella prevista dalla legge”, conclude.

16/09/2016 - 14:00

"Una mente tra le più lucide e lungimiranti di sempre, protagonista indiscusso della nostra storia repubblicana, un presidente della Repubblica (il decimo, dal 1999 al 2006) tra i più amati. Addio a Carlo Azeglio Ciampi, un uomo delle istituzioni, una persona perbene, un esempio di rigore e sobrietà per tutti". Lo afferma Marco Di Maio, componente della Commissione Finanze e membro dell'ufficio di presidenza del gruppo Pd alla Camera. 

30/08/2016 - 15:03

“I dati dell’Istat sull’indice dei servizi rappresentano un segnale inequivocabile che l’economia italiana si è rimessa in moto”. Lo dichiara Marco Di Maio, componente della presidenza del gruppo Pd alla Camera.

“Nel deciso incremento – spiega – fatto registrare nel secondo trimestre dai fatturati relativi al trasporto aereo, ai servizi postali, alle consegne dei corrieri, considerato insieme ai dati altrettanto positivi della comunicazione, del commercio all’ingrosso, delle riparazioni di automobili, è impossibile non scorgere i sintomi settoriali di una più generale tendenza dell’economia italiana a riprendere forza. Le differenze rispetto allo stesso trimestre del 2015 evidenziano anzi un’accelerazione in corso nel 2016 in questo senso. D’altronde, la conferma più autorevole di questo movimento espansivo viene dallo stesso istituto di statistica che parla di ‘diffusi segnali di crescita congiunturale’”.

“Il lavoro che resta da fare per riportare l’economia italiana ai livelli precedenti alla crisi è ancora molto ma già la prossima legge di Stabilità potrà essere l’occasione per dare un ulteriore, deciso impulso perché l’Italia possa tornare se stessa. I dati di oggi confermano ancora una volta che la strada è giusta”, conclude.

03/08/2016 - 18:49

"Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, ha confermato la bontà dell'azione condotta fin qui e delle misure adottate per sostenere la nostra economica. Del resto, sono i fatti a parlare: la riforma delle banche popolari; la riforma delle banche di credito cooperativo; il contributo dato all'autoriforma delle Fondazioni bancarie che ha reciso il legame, troppe volte perverso, tra politica locale e gestione delle banche; la spinta fornita all'apertura del mercato del credito ad altri operatori diversi da quelli tradizionali; gli interventi sulla gestione dei crediti deteriorati; sono tutte azioni che segnano come governo e Parlamento in questi due anni e mezzo di lavoro abbiamo saputo affrontare il tema del settore bancario e del credito con la consapevolezza dei problemi, ma anche con la determinazione e il coraggio di compiere riforme che da tempo in Italia venivano solo enunciate e mai realizzate".

E' quanto afferma Marco Di Maio, dell'ufficio di presidenza del Gruppo Pd alla Camera e componente della Commissione Finanze, a margine dell'informativa del ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan sul sistema bancario. 

27/07/2016 - 16:10

“Toninelli non ha perso occasione per dimostrare, sulla base di argomentazioni campate in aria, la solita, grave mancanza di rispetto istituzionale tipica dei 5 Stelle”. Lo dichiara Marco Di Maio, deputato del Partito democratico e componente dell’Ufficio di presidenza del gruppo Pd alla Camera.

“Il Presidente della Repubblica – spiega – non ha fatto altro che ricordare, con il rigore e l’autorevolezza che lo contraddistinguono, l’esistenza di una procedura per decidere la data del referendum. Una considerazione, quindi, inattaccabile. Toninelli, invece, non solo l’ha attaccato, dicendo che Mattarella avrebbe dovuto tacere, ma l’ha fatto sulla base di un’avventurosa ricostruzione della procedura referendaria. Il presidente della Repubblica non merita parole tanto grossolane e pretestuose”.

“E se per Toninelli il bisogno di polemizzare è più forte della più elementare grammatica istituzionale, lo faccia, almeno, con argomentazioni meno improvvisate”, conclude.

25/07/2016 - 16:13

“Tutela dei risparmiatori, solidità del sistema bancario e sostegno al nostro tessuto produttivo sono i punti fondamentali sui quali si è mossa l'azione del governo e del ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Un impegno incessante in Italia e in Europa che ha già prodotto significativi passi avanti rispetto alle rigidità di qualche tempo fa. Dobbiamo sostenere questo impegno e insistere sulla strada intrapresa, nell'interesse delle persone e delle persone che vivono nel nostro Paese”. Lo dichiara il deputato  Marco Di Maio, della presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

19/07/2016 - 19:12

Futuro della mobilità è nelle tecnologie alternative 

“Sviluppare anche in Italia una rete per la distribuzione di idrogeno per autotrazione”. Lo chiede il deputato del Partito democratico Marco Di Maio con un’interrogazione in cui chiede al Governo di agire per adeguare un apposito decreto (quello del 31 agosto 2006, n. 213) che rappresenta l'"ostacolo principale allo sviluppo di una rete infrastrutturale per la distribuzione dell’idrogeno per autotrazione".

Nell'interrogazione, sottoscritta da un'altra decina di parlamentari, Di Maio riconosce positivamente il lavoro svolto dal governo ‘per l’’inserimento dell’idrogeno tra i combustibili alternativi del Quadro Strategico Nazionale per lo sviluppo delle infrastrutture (Direttiva DAFI)’; ma non basta per sviluppare questa tecnologia anche in Italia. Serve modificare quella norma per mettere l'Italia al passo con le tecnologie più moderne”

“In Italia la circolazione delle auto ad idrogeno, oggi già in commercio, è impossibile perché, a causa dell’arretratezza della norma, non si possono costruire le stazioni di rifornimento. E' il momento di mettere in campo un'azione orientata al futuro e che tenga conto dell'esigenza di promuovere una mobilità sostenibile e a basse emissioni (nel caso dell'idrogeno pressoché nulle) in tutte le sue sfaccettature e sfruttando ogni tecnologia disponibile", conclude.

18/07/2016 - 13:29

“Sono d’accordo con il capogruppo alla Camera di Sinistra italiana Arturo Scotto quando dice: ‘Dobbiamo abbassare tutti il livello di propaganda’. Giusta osservazione. Peccato, però, che ad alzare i toni della propaganda sia proprio lui, non dando seguito alle sue stesse parole. Evidentemente Scotto si è limitato alla sola lettura del titolo di prima pagina del Fatto Quotidiano di oggi e non ha approfondito gli argomenti, come invece dovrebbe fare qualsiasi membro del Parlamento prima di emettere sentenze, peraltro su questioni così importanti e delicate. Il Fatto Quotidiano titola: ‘La Boschi delira: nuova Carta per combattere il terrorismo’. Ma la ministra Boschi non ha detto nulla di neanche lontanamente simile. Scotto, e chiunque altro, può infatti controllare e verificare sia con i lanci delle agenzie di stampa presenti ieri mattina a Termoli, sia con le immagini video delle dichiarazioni della ministra riprese dalle tv, locali e nazionali. A volte basterebbe perdere cinque minuti per evitare inutili polemiche”.

Così il deputato Dem Marco Di Maio, della Presidenza del Gruppo Pd.

14/07/2016 - 17:59

"Il superamento dell'obiettivo delle 500mila a sostegno del referendum costituzionale è un primo importante traguardo raggiunto da chi si è mobilitato in tutta Italia a sostegno del Sì. Un risultato frutto dell'impegno di persone già attive in politica assieme a molte altre che non hanno mai militato per alcun partito, ma hanno deciso di mettersi in gioco per questa sfida e contribuire a fare dell'Italia un Paese più moderno. Sarà un impegno appassionante: incontrare le persone, confrontarsi, rispondere ai dubbi e alle critiche, illustrare le tante cose buone di questa riforma è un impegno che non riguarda solo i 'politici', ma necessariamente dovrà coinvolgere quante più persone possibili".

Lo afferma il deputato Marco Di Maio, dell'ufficio di presidenza del Gruppo PD alla Camera e componente della Commissione Affari costituzionali, a proposito della consegna in Cassazione delle quasi 600mila firme a sostegno del referendum.

14/07/2016 - 14:18

"La sentenza della Corte di Giustizia europea non è una buona notizia per il comparto turistico, ma non è una sorpresa. Ci si aspettava questo pronunciamento, ma ora occorre che l'Italia sappia reagire rapidamente adoperandosi per adottare un provvedimento che vada a sanare la situazione e mettere in sicurezza le nostre imprese balneari". Lo afferma il deputato del Pd Marco Di Maio, dopo la sentenza della Corte di Giustizia europea, secondo cui le concessioni sulle spiagge italiane vanno messe a gara, in quanto la proroga automatica e generalizzata fino al 31 dicembre 2020 per lo sfruttamento turistico di beni demaniali marittimi prevista dalla legge italiana "impedisce di effettuare una selezione imparziale e trasparente dei candidati".

"Il Governo - afferma Marco Di Maio - è da tempo impegnato nella predisposizione di un atto di legge sull'argomento recependo anche le molte sollecitazioni arrivate dai parlamentari dei territori interessati a questo problema; mi risulta che il testo fosse a buon punto. Ora occorre accelerare ed emanare un provvedimento che deve avere alcuni obiettivi ben precisi. In primo luogo occorre prevedere la proroga al 2017 delle concessioni in essere, avviando su un binario parallelo il lavoro di attuazione della legge delega sul riordino organico del settore". 

In aggiunta a questo, secondo Marco Di Maio serve "prevedere un adeguato regime transitorio dalla situazione attuale al nuovo regime, disporre una lunga durata delle concessioni, adottare un riferimento per valutazione immobiliare che non sia quella basta sui valori dell’Osservatorio del mercato immobiliare poiché inadeguato. Poi serve individuare un meccanismo di valutazione del valore delle imprese che tuteli gli investimenti effettivamente effettuati dagli imprenditori e le migliaia di posti di lavoro interessati. Sulle nostre spiagge nel corso degli anni si è sedimentata un'industria del turismo che fa bene al Paese, che attrae turisti dall'estero, che offre ancora grandi opportunità di crescita. La situazione di incertezza degli ultimi tempi ha paralizzato ogni investimento, ma questo è un comparto che può crescere ancora. Cogliamo questa occasione per trasformare un problema in un'opportunità di crescita e sostegno all'economia del nostro Paese". 

06/07/2016 - 15:57

Conferenza Stampa - Gruppo Pd Camera - Domani - giovedì 7 luglio ore 11.30 - Sala Stampa di Montecitorio

Con Sara Moretto, Marco Di Maio e Daniele Vaccarino (Presidente Cna)

Offrire la possibilità ai cittadini e alle imprese che realizzano interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica (gli ecobonus) di ottenere disponibilità finanziarie da parte di banche e intermediari finanziari attraverso la cessione delle detrazioni trasformate in crediti di imposta

“Anticipare, presso banche e intermediari finanziari, le agevolazioni fiscali previste per le ristrutturazioni edilizie, senza dover attendere i canonici dieci anni di recupero rateale in dichiarazione dei redditi. La trasformazione delle detrazioni in crediti di imposta cedibili agli intermediari finanziari aiuta l’emersione del lavoro sommerso, rilancia il settore edilizio e consente un ampliamento della platea dei beneficiari anche agli incapienti”. Questo il tema della conferenza stampa di presentazione della proposta di legge che si svolgerà domani, giovedì 7 luglio alle ore 11.30, nella Sala Stampa, alla quale parteciperanno: Sara Moretto, deputata Dem, componente della commissione Finanze e prima firmataria del testo; Marco di Maio, della Presidenza del Gruppo Pd e secondo firmatario; Daniele Vaccarino, Presidente della Confederazione nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa (Cna).

05/07/2016 - 19:12

“La riforma dei Confidi è una risposta concreta al mondo della piccola e media impresa che chiede, da molto tempo e senza essere ascoltata, un intervento organico del Parlamento per mettere ordine all’intero sistema dei confidi. Snellire le procedure, semplificare le modalità di accesso alle garanzie, introdurre meccanismi che facciano pulizia a favore di chi lavora in piena correttezza, sono elementi ben presenti in questa riforma. Ora ci si concentri con la stessa determinazione nell’attuazione rapida dei decreti previsti dalla legge delega: nell’interesse delle imprese e dell’economia del Paese”.

Lo afferma il deputato Dem Marco Di Maio dell’Ufficio di Presidenza del Gruppo Pd alla Camera e componente della Commissione Finanze.

27/06/2016 - 18:20

“L’insulto quotidiano del blog di Grillo tocca oggi all’Unità e il suo direttore Staino, rei di aver fatto della satira sui 5 Stelle. E’ proprio il caso di dire: da che pulpito!”. Lo dichiara Marco Di Maio, componente dell’ufficio di presidenza del gruppo Pd alla Camera

“Elencare le offese – spiega – che il blog grillino ha distribuito nel tempo a tutto e tutti è praticamente impossibile, dal momento che Grillo ha fatto dell’insulto il cardine del suo stile comunicativo, una costante di ogni suo post. Che ora trovi il coraggio di prendersela con Staino per una vignetta, la dice lunga sulla coerenza del comico”.

“Non solo. Con l’augurio che il giornale scompaia, Grillo si colloca da solo nella cupa schiera quelli che dal 1924 a oggi hanno sperato di zittire una voce tanto importante nel panorama editoriale e culturale italiano”, conclude

21/06/2016 - 17:07

“L’assoluzione di Vasco Errani è una bella notizia. Prima di tutto per lui e per la sua famiglia, poi per chi crede nella giustizia e nell’onestà di uomo per il quale parla la propria storia. Non ho mai avuto un solo dubbio sulla sua correttezza, come del resto ha dimostrato con il proprio comportamento durante l’intera vicenda; ho sempre confidato che sarebbe finita così”. Lo afferma Marco Di Maio, dell’ufficio di presidenza del Gruppo PD alla Camera. 

Pagine