20/12/2016 - 17:36

“Con l'approvazione dell'accordo italo-francese potranno finalmente iniziare i lavori del nuovo tunnel ferroviario. Si tratta di un'opera strategica fondamentale per tutto il nostro Paese, il cui tracciato è stato concertato con le comunità territoriali e che porterà enormi benefici in termini economici, occupazionali ed ambientali”. Lo afferma Silvia Fregolent, vicepresidente dei Deputati Pd, commentando il voto di oggi dell'Aula di Montecitorio.

“Nel 2017 – prosegue la deputata - si apriranno i nuovi cantieri che vedranno occupati oltre 4000 lavoratori solo nel territorio italiano e senza considerare l'indotto. L'impatto sulla qualità dell'aria e dell'ambiente è poi impressionante dal momento che la nuova opera eliminerà dalle strade circa 1,3 milioni di Tir l’anno. Non voglio nemmeno soffermarmi troppo sulla patetica lettera con cui il sindaco di Torino, in compagnia del suo folkloristico collega di Napoli, ha chiesto ai deputati di bloccare la ratifica dell'accordo”

“I cittadini, ormai, – conclude Silvia Fregolent – stanno iniziando a capire che i M5S, continuando a proporre una palese ignoranza istituzionale fatta di proposte assurde e populiste, sono incompatibili con una cultura di governo seria e responsabile. Soprattutto, quando sono in gioco per Torino ed il Piemonte milioni di euro per le opere di compensazione e il 2% del Pil regionale”.

19/12/2016 - 15:58

“Le reazioni scomposte alla proposta di aprire un confronto sulla legge elettorale avanzata da Renzi, a partire dal Mattarellum, dimostrano solo come al M5S non interessi dare al Paese un sistema omogeneo per le due Camere dopo il No al referendum. I repentini cambi di idea sull'Italicum, prima definito come un vero e proprio golpe, salvo poi volerlo applicare anche per il Senato, e sul Mattarellum prima apprezzato e poi addirittura motivo per dare vita a 'un Vietnam parlamentare', la dice lunga sulla strumentalità delle iniziative a 5 stelle. Pretendono coerenza dagli altri, ma dimenticano i continui annunci di ritiro di Grillo, a cominciare da quando due anni fa disse che avrebbe abbandonato al politica in caso di sconfitta alle Europee (e sappiamo tutti come sia andata)”. Lo dichiara la vice capogruppo Pd alla Camera Silvia Fregolent.

14/12/2016 - 18:19

“Esprimo tutta la solidarietà, personale e del gruppo Pd, a Osvaldo Napoli per la bruttissima aggressione  subita questa mattina nei pressi della Camera dei Deputati”. Lo dichiara Silvia Fregolent, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera.

“L’episodio accaduto oggi – spiega – è inquietante e pericoloso non solo per la violenza e le grottesche motivazioni per cui Napoli, colpevole solo di essere stato in Parlamento e di passare di lì, è stato fermato e malmenato. Ma anche perché aggredire un deputato per il solo fatto di essere deputato rappresenta un gravissimo attacco alla democrazie e alle sue istituzioni”.

“Nel rinnovare la vicinanza a Napoli, mi domando se l’aggressione di oggi non sia uno dei primi frutti amari raccolti da quella schiera di irresponsabili piromani che, quotidianamente e in modo ossessivo, indicano nell’odio dell’avversario politico la semplicistica soluzione ai problemi dell’Italia. Non vorrei che in questo modo si ponessero le condizioni per un clima davvero pericoloso”, conclude.

14/12/2016 - 12:44

“Ibm chiarisca se vuole davvero investire in Italia, come aveva annunciato nei mesi scorsi, ed il governo da parte sua sia maggiormente attivo nel tavolo di confronto fra azienda e sindacati”. È quanto dichiara Silvia Fregolent, vice presidente dei deputati Pd, che ha presentato una interrogazione parlamentare sulla vicenda.

“Ibm Italia sta perseguendo, da anni, politiche di riduzione del personale - prosegue Fregolent - che hanno portato la forza lavoro impiegata a ridursi di oltre un quarto nell’ultimo biennio mentre l’ultima procedura di licenziamento aperta riguarda 244 lavoratori e 60 dirigenti su tutto il territorio nazionale. Una delle sedi Ibm maggiormente interessata, in questi anni, dai tagli è quella di Torino che conta oggi 411 addetti e che è stata recentemente ridimensionata con il passaggio di 90 lavoratori ad un'altra società e rischia ora altri 19 licenziamenti. I dati economici ci dicono, al contrario, che Ibm è un azienda solida, con un fatturato annuo di quasi 93 miliardi di dollari che continua ad investire anche in molti paesi risorse per sviluppare nuovi prodotti: è di ottobre 2016 infatti la notizia di uno stanziamento di 300 milioni di euro per la sede di Monaco in Germania. In questo quadro – conclude Silvia Fregolent – è palese che l'Italia sembra venga trascurata rispetto agli investimenti effettuati anche nelle altre nazioni dell’Unione Europea. Ed è altrettanto necessario, soprattutto in un settore strategico come quello dell’Information Technology, salvaguardare gli insediamenti produttivi e le competenze presenti su tutto il territorio nazionale”.

13/12/2016 - 13:21

“Invece di prendere le distanze dalle frasi irresponsabili di Carlotta Tevere, i consiglieri del M5S del Comune di Torino danno piena e totale copertura politica ai delinquenti No Tav già condannati”: è quanto dichiara Silvia Fregolent, vicepresidente dei deputati Pd, sulla scelta del Presidente della Sala Rossa, Fabio Versaci, di censurare la lettera di condanna indirizzata dal pubblico ministero Francesco Salluzzo al sindaco Chiara Appendino.

“Dare, come istituzioni, la propria solidarietà ai teppisti - spiega Silvia Fregolent - è un atto gravissimo che mette a rischio la stessa incolumità degli operai dei cantieri e delle forze dell’ordine chiamate ad assicurare la sicurezza del territorio. Chiediamo pubblicamente le dimissioni di Carlotta Tevere da Presidente della Commissione Legalità e dal Consiglio comunale. Non possiamo dimenticare però che anche Chiara Appendino, prima di prendere posizione a sostegno delle Forze dell’ordine dopo l’ennesimo assalto dei No Tav, aveva solidarizzato con i teppisti. Il comportamento del sindaco è quindi sempre macchiato, come abbiamo sottolineato spesso, da una grave ambiguità di fondo. Qualora Carlotta Tevere non si dimettesse spontaneamente, sarà compito del primo cittadino convincere la propria maggioranza a sfiduciarla. E’ inammissibile - conclude la vicepresidente dei deputati Pd - che il Comune di Torino possa essere considerato corresponsabile di ulteriori atti di violenza contro i beni pubblici o cittadini nello svolgimento del loro dovere”.

07/12/2016 - 16:26

“In tre mesi l’occupazione degli edifici Ex Moi sarà conclusa: il Ministero dell’Interno ed il Prefetto di Torino hanno rassicurato sulla volontà di risolvere la situazione ed ha messo a disposizione le risorse, anche finanziarie, per evacuare le palazzine”.  Lo dichiara Silvia Fregolent, vicepresidente dei Deputati Pd, dopo un incontro con Renato Saccone.

 “Al contrario – continua - di quanto confusamente affermato dal sindaco Appendino, che in queste settimane ha cercato solo di prendere tempo con dichiarazioni spesso in contraddizione tra loro, le palazzine saranno evacuate senza costi per la città di Torino e in unico giorno, al termine del lungo e approfondito lavoro di censimento. Successivamente i migranti in regola saranno destinati ad altri alloggi e l’intero quartiere restituito alla città. L’incontro con il Prefetto, che ringrazio per la sensibilità dimostrata sulla vicenda Ex- Moi soprattutto rispetto agli ultimi gravissimi episodi e con cui concordo pienamente rispetto al timing per lo stop all’occupazione, è stata anche l’occasione per fare il punto su un'altra problematica che riguarda il nostro territorio: quella dei No-Tav”.

“Quando nei prossimi giorni il Parlamento approverà la legge per l’avvio definitivo dei lavori del tunnel con la Francia saranno possibili nuovi atti intimidatori e terroristici. E’ quindi necessario monitorare con la massima attenzione i cantieri”, conclude.

02/12/2016 - 13:33

“Con la scelta omertosa delle bocche cucite ed il rifiuto di collaborare con i magistrati, il M5s sta deliberatamente ostacolando le indagini sullo scandalo delle firme false a Palermo. Una inchiesta che invece si sarebbe potuta chiudere rapidamente, se il movimento non avesse nei fatti tradito uno dei suoi presunti dogmi costitutivi: la trasparenza dell’operato e delle scelte. Siamo dunque passati dallo streaming alla scena muta. Zitti davanti ai magistrati, ma loquaci sui social media, dove gli indagati si lanciano accuse reciproche e messaggi trasversali. Il tutto con la complicità dei Grillo e Casaleggio e a dispetto dei provvedimenti disciplinari annunciati dai Di Maio e Di Battista”.

Così la vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera, Silvia Fregolent.

01/12/2016 - 14:08

“Prima si utilizzano i soldi dei mega centri commerciali per far quadrare i conti del bilancio comunale, rinnegando ogni promessa fatta in vista delle elezioni, mentre il giorno dopo si vuole rinunciare ai finanziamenti già stanziati per le opere di compensazione della Tav. Qualcuno faccia capire al sindaco Appendino ed al Movimento 5 Stelle che la campagna elettorale è finita. Non sono in gioco le false ideologie di un gruppetto di esaltati, ma milioni di euro a beneficio di un’intera comunità”: è quanto dichiara Silvia Fregolent, vicepresidente dei deputati Pd, sulla mozione presentata a Torino dalla maggioranza per uscire dall’Osservatorio sulla Torino – Lione.

“Le opere di compensazione per la Tav valgono complessivamente circa 112 milioni di euro. Mi domando – conclude Silvia Fregolent – se i grillini abbiano realmente compreso che abbandonare l’Osservatorio non significa non realizzare l’infrastruttura ma soltanto rinunciare ad ogni decisione sull’utilizzo di tali ingenti risorse”.

01/12/2016 - 12:26

“Fine delle stagioni dalla crescita economica ferma agli zero virgola, con l’Istat che finalmente segnala un Pil al +1% nel 2017. Calo consistente della disoccupazione giovanile, che torna ai livelli dell’ottobre del 2012, dimostrando ancora una volta l’efficacia delle riforme e la ripartenza del mercato del lavoro. Rinnovo del contratto del pubblico impiego, un passaggio atteso da tanti anni che restituisce risorse nelle buste paga delle lavoratrici e dei lavoratori. Sono questi tre eventi materiali, fatti concreti che incidono sulla vita delle persone, e non le infinite e sterile polemiche politiche, a dirci che la direzione di marcia è quella giusta. Una direzione che prosegue e si rafforza con l’approvazione della Legge di Bilancio 2017 e che ora ha bisogno anche di un Sistema Paese più al passo con i tempi. Per questo ora serve la vittoria del Sì al referendum di domenica prossima”.

Così la Vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera, Silvia Fregolent.

30/11/2016 - 13:40

“Luigi Di Maio dovrebbe smetterla di dare lezioni. Aveva esordito al grido ‘con noi basta un avviso di garanzia e ci si dimette’, mentre ora vediamo gli esponenti nazionali M5s indagati che si rifiutano addirittura di rispondere davanti ai magistrati palermitani che cercano di far luce sulla inquietante vicenda delle firme false, altro che copiate, come stanno testimoniando gli stessi cittadini che non hanno mai sottoscritto la loro lista. Una Grillopoli che si estende in altre città e che vede coinvolto addirittura il braccio destro di Casaleggio, Massimo Bugani. La realtà è che abbozzano una reazione solo quando sono smascherati da inchieste giornalistiche e delle procure. Fino a quel momento provano a nascondere tutto e a girarsi dall’altra parte”.

Così la vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera, Silvia Fregolent.

29/11/2016 - 16:01

“La giunta Appendino fa cassa con i nuovi supermercati, dopo il mancato blitz sull’acqua pubblica il Consiglio comunale di Torino ha approvato il bilancio grazie agli oneri di urbanizzazione di ulteriori centri commerciali”. E’ quanto dichiara Silvia Fregolent, vicepresidente dei deputati Pd che aggiunge: “E’ andata in scena l’ennesima ‘bufala a 5 Stelle’. Nel libro dei sogni del Movimento, rivenduto in campagna elettorale come programma di mandato, si parlava invece di stop al ‘consumo di suolo ’, ‘opposizione alla realizzazione di nuovi centri commerciali’, promozione di prodotti a ‘km 0’, valorizzazione del ‘tessuto commerciale cittadino, in alternativa alla grande distribuzione’. Tutte buone intenzioni rimaste però tali”.

“Benvenuti nel mondo reale – conclude Silvia Fregolent –dove per assicurare i servizi ai cittadini è necessario anche utilizzare gli oneri di nuove cubature, ma va fatto all’interno di una programmazione complessiva che sappia far convivere i centri commerciali con gli esercizi di vicinato e non esclusivamente come ‘bancomat occasionale’ come sta facendo oggi il sindaco Appendino. Non sarà possibile nascondersi all’infinito dietro l’ideologia per mascherare incapacità ed incompetenza”.

28/11/2016 - 13:23

“Le notizie che giungono da Palermo sul caso firme false la dicono lunga sul fallimento M5s: aumenta la lista degli indagati e, contemporaneamente, il tasso di omertà. Quali nefandezze, intrighi e ricatti hanno da nascondere? Perché la deputata Claudia Mannino interrogata oggi si rifiuta di rispondere ai magistrati e di compiere la perizia calligrafica? Comportamento poco trasparente che assume anche suo marito Pietro Salvino, attivista del movimento ed indagato insieme ad altre dodici persone. Perché non sentiamo la voce di Grillo e Di Maio, peraltro entrambi avvertiti dei reati siciliani, neanche di fronte al dilagare di Grillopoli in altre realtà, come conferma il caso Emilia Romagna?”.

Così la Vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera, Silvia Fregolent.

24/11/2016 - 11:59

“La situazione delle palazzine Ex Moi non è più sostenibile. Gli ultimi episodi di violenza di questa notte stanno mettendo a rischio la sicurezza dell’intero quartiere, dei cittadini e delle forze dell’ordine”. È quanto dichiara Silvia Fregolent vicepresidente dei deputati Pd.

“E’ da molto tempo che segnaliamo la gravità della situazione - prosegue Fregolent -, anche con atti parlamentari, al Ministro Alfano. In questi anni il tavolo sulla sicurezza è stato molto prudente temendo ritorsioni sul resto della città da parte dei centri sociali artefici dell'occupazione, mentre forze di estrema destra continuavano a cercare lo scontro andando a fare proseliti sul resto delle palazzine. E’ inammissibile che, in questo clima di illegalità, venga lasciato solo un intero quartiere. Fino ad oggi gli abitanti non hanno reagito con violenza ma dopo la scorsa notte non è più possibile rimandare: i cittadini onesti vanno tutelati, i delinquenti puniti. Leggo che il M5S, che dovrebbe governare la città, esprime preoccupazione per quanto accaduto senza fare distinzioni. Alle tante promesse fatte dal sindaco Appendino, fin dalla campagna elettore, per riqualificare le palazzine non è seguito però alcun atto concreto; anzi il censimento promesso da mesi è ancora fermo e quei progetti messi in campo dalla giunta precedente per realizzare in quell’area un polo tecnologico e scientifico in collaborazione con l’Università di Torino sono stati fatti fallire. Come deputato del territorio – conclude Fregolent – chiedo che il Tavolo sulla sicurezza venga allargato anche ai parlamentari interessati per ricercare una soluzione efficace, rapida e condivisa dai differenti livelli istituzionali. Quello che riguarda le palazzine Ex Moi è un’esperienza unica in Italia e come tale va gestita”.

23/11/2016 - 11:30

“Il vice presidente della Camera e responsabile enti locali del M5s, Luigi Di Maio, straparla di brogli eventuali, ma si gira dall'altra parte sullo scandalo conclamato delle firme false a Palermo. Delle sospensioni non si hanno notizie. I parlamentari coinvolti non dicono nulla e i particolare dell'inchiesta sono sempre più inquietanti. Ormai il livello di reticenza dei 5 stelle è insopportabile e pari soltanto alla violenza del loro linguaggio contro il Pd, il premier e le  riforme”. Lo dichiara la vice capogruppo Pd alla Camera Silvia Fregolent.

22/11/2016 - 18:10

Urlano e sbraitano per coprire i loro scandali

“I 5 stelle sono ormai sull’orlo di una crisi di nervi. Dopo le firme false, clonate ed inventate tutti restano saldamente al loro posto senza che né Grillo né Di Maio né Di Battista né Davide Casaleggio spendano una parola per chiarire, dopo aver a lungo coperto questo scandalo. Come se non bastasse a Roma torna alla cronaca l’opaco ruolo dell’assessore Muraro e delle inchieste che la riguardano. Per questo sbraitano e attaccano alla cieca. Ma dalla mondezza all’inganno delle firme, la loro credibilità continua a precipitare”.

Lo dichiara la vice capogruppo del Pd alla Camera Silvia Fregolent.

Pagine