07/04/2017 - 18:00

“La rete delle scuole e dei corsi di italiano all’estero  sarà più competitiva e maggiormente all’altezza delle esigenze di ragazzi e famiglie . Con il Decreto 383, approvato oggi in Consiglio dei Ministri, sono infatti state recepite le indicazioni fornite  nel parere approvato dalle Commissioni Esteri e Cultura della Camera, come da me redatto, insieme all'altra relatrice, la collega Tamara Blazina. È previsto un aumento di circa il 10% degli insegnanti di ruolo dall'Italia presso le scuole e i corsi di italiano all'estero. Entreranno cioè in servizio 50 docenti in più, in tutto il mondo. In aggiunta, sarà molto più facile assumere insegnanti con contratti locali, il che comporterà notevoli risparmi e meno burocrazia. E verranno messe in pratica tutta una serie di misure a sostegno della qualità e della diffusione della lingua e cultura italiane nel mondo. È davvero un'ottima notizia per le famiglie, i ragazzi e tutti coloro che credono nel valore della promozione della lingua e cultura italiana all'estero”.

Così Laura Garavini, della Presidenza del PD alla Camera, sull’adozione del Decreto 383 sulle scuole all’estero nell'odierno Consiglio dei Ministri.

06/04/2017 - 15:08

“Non capiamo lo sconcerto del Vicariato per la scelta della Regione Lazio di distribuire la pillola abortiva Ru486 nei consultori familiari. In tutta Europa funzione proprio così, cioè viene somministrata senza ricovero. Dunque, bene ha fatto la giunta Zingaretti ad adottare una misura del tutto in linea con gli standard di tutela della salute delle donne”.

Così Laura Garavini, della Presidenza del Gruppo Pd della Camera.

06/04/2017 - 14:03

"E´ appena stata votata dal parlamento europeo la cancellazione del roaming. Significa che a partire dal 15 giugno prossimo si può telefonare e utilizzare Internet via cellulare in tutta Europa senza nessun costo aggiuntivo, indipendentemente da dove si sia stipulato il contratto di telefonia. È davvero una bella notizia per tutti noi, cittadini sempre più in cammino, tra un paese e l'altro. Una bellissima conquista, ottenuta grazie all'Europa. Evviva." Lo ha dichiarato Laura Garavini, della Presidenza del Pd alla Camera.

31/03/2017 - 11:22

La Deputata PD sulle parole del Vice Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, al CGIE

“La dichiarazione al Cgie del Vice Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, in merito all’esigenza che gli accordi tra UE e Gran Bretagna vedano come priorità la tutela dei diritti dei cittadini europei dopo la Brexit, è un segnale molto incoraggiante in vista della preparazione delle trattative sull’uscita del Regno Unito dall’UE. In particolare, è da apprezzare la disponibilità dell’Europarlamento a dialogare con il Parlamento italiano e il CGIE, per individuare i temi più rilevanti da tenere in considerazione durante la trattativa. La giusta sinergia fra Parlamento europeo e istituzioni italiane in tema di Brexit può produrre risultati rilevanti, anche alla luce dell’inchiesta conoscitiva sugli effetti post–Brexit che, su proposta PD, abbiamo appena deliberato in Commissione Esteri alla Camera”. Così Laura Garavini, della Presidenza del PD alla Camera, commentando le parole del Vice Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, al CGIE

30/03/2017 - 14:44

La Deputata al CGIE sul Decreto 383, di cui è stata relatrice

“La promozione del sistema Paese passa anche dall’insegnamento della nostra lingua nel mondo. Con il decreto legislativo sulla promozione della lingua e cultura italiana all'estero l’Italia ha più strumenti per formare un numero sempre maggiore di bambini e studenti nell’ambito del proprio sistema educativo nel mondo. Sono gli effetti del Decreto in applicazione della Buona Scuola, di cui sono stata io stessa relatrice in Commissione Esteri. Un provvedimento attraverso il quale aumenta il contingente di docenti di ruolo di cinquanta unità a partire dall’anno scolastico 2018/2019. Le modalità di reclutamento diventano più trasparenti, grazie al ripristino della graduatoria nazionale. Gli enti gestori vedono riconosciuto specificatamente il loro importante ruolo. Insomma: l'insegnamento dell'italiano all’estero, nelle sue diverse sfaccettature, diventa più competitivo, all’insegna del miglioramento dell’offerta, del merito e della trasparenza”. Così Laura Garavini, della Presidenza del PD alla Camera, nel corso del suo intervento odierno al Consiglio Generale degli italiani all’estero, riunito alla Farnesina in plenaria.

30/03/2017 - 09:17

Il presidente dei deputati del Pd, On. Ettore Rosato e l'On. Laura Garavini , componente l'Ufficio di presidenza del Gruppo, saranno domani, venerdì 31 marzo, a Parigi per alcuni incontri politico-istituzionali.
Alle ore 12 incontreranno Olivier Faure, capogruppo del Partito socialista all'Assemblea nazionale, presso la sede dell'Assemblea Nazionale, mentre alle 18, Rosato e Garavini parteciperanno ad una manifestazione pubblica promossa dal Circolo Pd di Parigi, che si terrà presso la sede delle Acli, in Rue Claude Tillier, 28.  
In precedenza, alle ore 14, Rosato e Garavini saranno ospiti dell’Ambasciatore italiano a Parigi Giandomenico Magliano. L’incontro si terrà presso la sede dell’Ambasciata.

29/03/2017 - 11:27

“Tutelare i diritti e il giusto trattamento dei cittadini europei che vivono nel Regno Unito, questo sarà il primo compito al quale ci dedicheremo con il massimo dell’attenzione alla luce dell’avvio della procedura di Brexit. Ma, per affrontare più in generale questo decisivo snodo per l’Europa, le commissioni Affari esteri e Politiche dell’Unione europea avvieranno un’indagine conoscitiva sul futuro del progetto europeo, attraverso un ciclo di audizioni che vedranno coinvolti rappresentanti del governo italiano, del mondo della diplomazia e della comunità italiana a Londra. Capire qual è l’impatto e le conseguenze politiche ed economiche di questa scelta sbagliata sarà fondamentale, da un lato, per mettere in sicurezza la nostra Unione e, dall’altro, per rilanciare con ancor più determinazione la comunità del Paesi dell’Europa”.

Così le deputate Dem Marina Berlinghieri, Capogruppo in Commissione Politiche dell’Unione europea, Lia Quartapelle, Capogruppo in Commissione Affari esteri, e Laura Garavini, dell’Ufficio di Presidenza del Gruppo Pd a Montecitorio.

29/03/2017 - 10:00

La Deputata PD sull’ufficializzazione del processo di Brexit da parte del Governo di Londra

"Con la richiesta formale della Gran Bretagna di abbandonare l’UE, si apre un negoziato lungo ed impegnativo che, verosimilmente, risentirà anche dei grossi problemi di coesione interna che si stanno manifestando nel Regno Unito. L’atteggiamento dell’Europa e dell’Italia non è ostile, ma neanche ingenuo. Sono in ballo questioni cruciali, in primis la tutela dei cittadini europei, non britannici, residenti in Gran Bretagna. Il Governo italiano, come è stato più volte ribadito, è fortemente intenzionato a farsi interprete delle aspettative degli italiani nel Regno Unito. Così pure il Parlamento. In Commissione Esteri, su proposta del Pd, abbiamo già deliberato un’indagine conoscitiva sugli effetti della Brexit, così da recepire le istanze dei cittadini europei colpiti e da poter fornire elementi utili alla definizione delle modalità con le quali si imposterà il processo di uscita della Gran Bretagna dall’UE”. Così Laura Garavini, della Presidenza del PD alla Camera, in occasione dell’ufficializzazione del processo di Brexit da parte del Governo di Londra.

24/03/2017 - 12:56

La Deputata PD in occasione della celebrazione dei 60 anni dei Trattati di Roma

“La firma a Roma dei Trattati istitutivi della Comunità Europea nel 1957 diede avvio al più importante processo di stabilizzazione e di democratizzazione del nostro continente. A 60 anni di distanza l’Europa è diventata più prospera, più giusta, e soprattutto ha vissuto un inedito ininterrotto periodo di pace, che dura fino a oggi. Rispetto ad una crescente disaffezione verso l’Europa è importante non indietreggiare, lasciando spazio ai populismi. Bensì bisogna agire a velocità variabili, ma risoluti, sulla strada della sempre più stretta integrazione in temi che riguardano la nostra vita quotidiana di europei, come l’integrazione, la sicurezza, la difesa, il lavoro, i diritti. E’ questa la migliore risposta a chi spera in un’Europa debole, rinchiusa in sè stessa e non più faro della democrazia a livello mondiale”.
Così Laura Garavini, della Presidenza del PD alla Camera, in occasione della celebrazione nella capitale del 60° anniversario dei Trattati di Roma.

24/03/2017 - 09:57

"Vorrei esprimere grande cordoglio e solidarietà a tutto il popolo britannico per il vile attentato terroristico che ieri sera a Londra ha di nuovo gettato nella paura l'Europa ed il mondo intero.

La dinamica dei fatti ci riporta alla mente i brutali attentati di Nizza e di Berlino, di solo alcuni mesi fa, quando altri due terroristi si lanciarono con un tir a tutta velocità sulla folla, in tradizionali luoghi di ritrovo, causando decine di  morti e di feriti.

In modo analogo a Londra un terrorista, usando la sua auto come arma, si è scaraventato sui passanti sul ponte di Westminster e ha poi assalito un poliziotto del Parlamento britannico, uccidendolo.

Vorrei esprimere grande vicinanza ai famigliari delle vittime coinvolte, alle istituzioni, alle autorità, ai soccorritori, alle forze dell'ordine. E anche alle centinaia di migliaia di connazionali residenti a Londra.

Negli ultimi mesi stiamo assistendo sempre più spesso ad episodi di stampo terroristico di questo tipo. É importante non assuefarsi. Anzi, bisogna tenere alta la guardia, proseguendo ancora più intensamente nei processi di collaborazione a livello internazionale tra le forze di intelligence e inquirenti. Con determinazione.

Allo stesso tempo dobbiamo evitare false generalizzazioni e la bieca colpevolizzazione di tutti i migranti, solo per il fatto di esserlo.

Così come dobbiamo evitare che il prevalere della paura ci induca a soffocare le principali libertà delle nostre società nel tentativo di diminuire i rischi. Perché se iniziamo a limitare le libertà, allora ci pieghiamo ai terroristi e lasciamo che loro vincano." Lo ha detto Laura Garavini, della presidenza del PD alla Camera, commentando l'attentato terroristico avvenuto a Londra martedi scorso.

22/03/2017 - 15:51

Laura Garavini a Colonia sui 60 anni dei Trattati di Roma

"Quando Altiero Spinelli sull'isola di Ventotene ideò l’Europa unita,
quando Robert Schuman, Konrad Adenauer e Alcide de Gaspari diedero inizio all’Europa, nella loro visione immaginavano e perseguivano un'Europa della pace, della sicurezza, del benessere e del diritto. Pensavano ad un'Europa con obiettivi cui la gente continua ad ambire ancora oggi.

Ecco perchè bisogna rimettere al centro i bisogni della gente. Serve una guida politica dell'Europa, attenta alle Comunità. Una guida politica che faccia parlare l'Europa con una voce sola, su diverse questioni: la difesa, la sicurezza, le politiche sociali, le politiche migratorie.

Il ritorno alle nazioni, agli autoritarismi, non può essere la soluzione. Anzi, dobbiamo ricordarci quali sono state le fondamenta dell'Europa, convinti che l’Europa è il più grande risultato delle nostre generazioni – ed è lo strumento più idoneo per affrontare le sfide attuali. Per questo dobbiamo rafforzare l’Europa, contrastando le numerose tendenze antieuropeiste e nazionalistiche e dotandoci di strumenti che garantiscano politiche per la sicurezza, per il lavoro, per la tutela dei diritti, in modo equo e giusto". Lo ha detto Laura Garavini, della Presidenza del PD alla Camera, intervenendo al convegno promosso a Colonia dal direttore dell' Istituto Italiano di Cultura, Lucio Izzo, insieme alla Friedrich Ebert Stiftung di Roma.

22/03/2017 - 11:48

"La cattura di Santo Vottari completa queste belle giornate antimafia iniziate domenica scorsa con il Presidente della Repubblica a Locri per incontrare i familiari delle vittime innocenti delle mafie, proseguite con i tanti giovani che non si sono fatti intimorire ed hanno ribadito che la Calabria pulita sa che la 'ndrangheta è il vero nemico dello sviluppo.

La presenza dello Stato, il lavoro incessante delle forze di polizia e dei magistrati, saranno sempre più rafforzati dalle energie sane circolate in queste giornate e che porteranno a continuare con decisone la caccia a tutti i boss latitanti".

Così Laura Garavini, dell'ufficio di presidenza del Gruppo Pd della Camera.

20/03/2017 - 12:07

"La lingua e cultura italiana all'estero é diventata finalmente una priorità per l`Italia. Grazie a tre recenti interventi, fattivi e rivoluzionari, adottati dal Governo Renzi.

Innanzitutto abbiamo previsto lo stanziamento di risorse vere per la promozione della lingua e della cultura all`estero. Non solo stanno per essere reintegrate risorse per gli enti gestori precedentemente tagliate, ma è stato istituito un fondo cultura, dell‘ammontare di 150 milioni di euro in tre anni, che prevede ingenti risorse per lingua e cultura italiana nel mondo.

Inoltre abbiamo previsto l`invio di cinquanta nuovi insegnanti di ruolo da assegnare alle scuole italiane all`estero a partire dall‘anno scolastico 2018/2019, incrementando cosi il corpo docente di quasi un 10% dell‘intero contingente.

Infine il passaggio delle competenze, all‘interno del Ministero agli Affari Esteri, dal Dipartimento Italiani nel mondo a quello `Promozione Paese` segna un approccio completamente nuovo e moderno sul come viene interpretato l‘insegnamento della nostra lingua all‘estero. Significa infatti che l‘insegnamento dell‘italiano viene visto come uno strumento strategico per la proiezione del Sistema Paese nel mondo. L‘italiano, lungi dall‘essere solo la lingua di milioni di cittadini di origini italiane, diventa la carta da visita per la promozione del Paese Italia all‘estero. Consapevoli anche del fatto, che l‘italiano continua a riscontrare un incremento della domanda ed è la 5` lingua più studiata al mondo." Lo ha detto Laura Garavini, della presidenza del Pd alla Camera, intervenendo al Comites di Basilea, su invito della Presidente, Nella Sempio.

13/03/2017 - 10:06

Laura Garavini a Nizza per la Festa della donna

"Con il nostro Governo di centro sinistra negli ultimi tre anni abbiamo introdotto una serie di leggi che rendono i luoghi di lavoro maggiormente a misura di donna. Ad esempio abbiamo aumentato i tempi di congedo parentale, sia per le madri che per i padri. Abbiamo poi cancellato l’odiosa pratica delle dimissioni in bianco, (reintrodotta a suo tempo dai Governi Berlusconi), che prevedeva la prassi di fare firmare alle giovani donne una pratica di dimissioni spontanee al momento della assunzione, così da poterle licenziare in caso di eventuale gravidanza. Abbiamo infatti introdotto l‘obbligo di una procedura esclusivamente telematica, in tempo reale, per le dimissioni volontarie.

Abbiamo inoltre previsto una serie di misure a favore della natalità, dal momento che in Italia è crollato il numero delle nascite. Abbiamo esteso l’indennità di maternità alle lavoratrici iscritte alla gestione separata dell’Inps e l’abbiamo garantita anche in caso di mancato versamento dei contributi da parte del datore di lavoro. Abbiamo poi introdotto il cosiddetto Bonus Bebè, e cioè 960 euro l’anno alle famiglie o alle singole mamme, sia lavoratrici che disoccupate, per i bambini nati o adottati tra il 2015 e il 2017. Il Bonus si distribuisce in base al reddito e viene erogato nei primi tre anni di vita del bambino.

Non solo: da quest’anno, una futura madre può, al compimento del settimo mese di gravidanza o all’atto dell’adozione, chiedere all’Inps un premio di 800 euro, corrisposto in un’unica soluzione. Abbiamo poi istituito un Fondo di sostegno alla natalità, volto a favorire l’accesso al credito delle famiglie con uno o più figli, nati o adottati, a decorrere dal 2017. E sempre a partire da quest’anno, per i genitori dei nati dal 1 gennaio 2016, c’è un buono di 1000 euro annui per il pagamento di rette di asili nido pubblici e privati. La possibilità di usufruire di tutti questi benefici viene comunicata già alla denuncia della nascita della bambina/o all’anagrafe.

In sintesi, negli ultimi tre anni in Italia abbiamo fatto significativi passi avanti per le pari opportunità delle donne, sia sul mondo del lavoro che nella vita famigliare. Ma i buoni risultati non possono che essere di sprone a continuare nella stessa direzione perchè resta ancora enormemente molto da fare". Lo ha detto Laura Garavini, della Presidenza del Pd alla Camera, intervenendo a Nizza alla iniziativa "Les Femmes entre le souvenir et l'avenir" promossa dal locale Comites, presieduto da Franco Valenti, da Laura Albanese e dal Consigliere Cgie, Enrico Musella.

10/03/2017 - 10:52

L’Italia diventa più giusta, più moderna e più europea. Grazie alla volontà politica del nostroGoverno (Renzi prima e Gentiloni oggi) termina un triste primato: quello di essere l'unico Paese europeo, insieme alla Grecia, a non prevedere un sussidio contro la povertà per i propri cittadini indigenti. D’ora in avanti, infatti, esisterà il reddito di inclusione sociale: un vero e proprio sussidioper persone che si trovano in difficoltà economica, indipendentemente dall'essere  parte di una categoria specifica. Ogni cittadino, indipendentemente dall'essere anziano o disabile, potrà usufruire del reddito di inclusione in caso di povertà. Per questo si parla di misura universale, perché vale per tutti, alla luce di determinate condizioni  di indigenza”. 

 Lo dichiara Laura Garavini, della Presidenza del PD alla Camera, che aggiunge: “L’Italia, grazie all’azione riformatrice del PD, sta facendo passi da gigante in materia di contrasto alla povertà,riguadagnando anni di letargo normativo. La legge, che si presume interesserà circa un milione e ottocento mila cittadini, costituisce uno storico tassello di questo percorso, fatto di nuovi diritti e tutele”.

Pagine