10/11/2017 - 19:57

Perché noi e l’Italia la legge la vogliamo

“Si prepari a mangiare a Roma il panettone di Natale. Le sue minacce non possono fermare un processo storico. Noi del Partito democratico la legge sullo ius soli la vogliamo perché il Paese è consapevole che non si possono lasciare in strada uomini e donne che nascono da noi, crescono con i nostri figli, vivono accanto a noi”.

Così Gero Grassi, vice presidente dei deputati Dem, replica al leader leghista il quale ha affermato “se la sinistra prova a calendarizzare la legge sullo ius soli in Parlamento la Lega è pronta anche a passare il giorno di Natale a Roma”.

30/10/2017 - 18:52

“Una provocazione che ci fa tornare indietro nel buio”. Così Gero Grassi, vicepresidente dei Deputati del Pd, il quale aggiunge: “non si può giudicare la scelta di Antonio Tajani di omaggiare il leader socialista Bettino Craxi che l’attuale presidente dell’Europarlamento considera un grande politico. Craxi fu certamente un grande protagonista della nostra vita politica, tra luci ed ombre. Io non posso non ricordare i suoi tentativi di ottenere la salvezza di Aldo Moro durante i 55 giorni. Tuttavia, decise di sottrarsi alla magistratura, diversamente da molti uomini politici di quel momento. E questo gesto non gli può essere perdonato”.    

14/10/2017 - 18:23

 “Il Partito democratico è il perno riformista della scena politica, l’unico in grado di guardare avanti e nell’interesse del Paese. Le parole di Silvio Berlusconi su Luigi Di Maio e l’ambiguo rapporto tra il M5s e alcuni giudici svelano il limite culturale e politico dei riferimenti di questi due partiti e rischiano di farci tornare indietro, agli anni dell'insensato scontro tra politica e magistratura che certo non ha fatto bene al nostro Paese”.

Così Gero Grassi, vicepresidente dei Deputati del Pd. 

12/10/2017 - 19:56

“’Non dobbiamo pensare a governare ma a fare l’opposizione’. Queste parole-verità sono di Roberto Fico, pronunciate arringando la folla in piazza Montecitorio. Bisogna dargli atto di aver detto una cosa vera, cioè che il Movimento di Grillo non vuole prendersi responsabilità per render migliore il nostro Paese, non gliene frega un bel niente di governare il Paese, loro preferiscono divertirsi facendo gli eterni oppositori”.    

Così il vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera Gero Grassi.

11/10/2017 - 19:03

Gli altri hanno rifiutato responsabilità

“Siamo noi che dovremmo indignarci con chi si sottrae al confronto e al dovere della responsabilità e agita parole piene di populismo e demagogia. La legge elettorale è una necessità per migliorare il rapporto con i cittadini e dare al Paese uno strumento in grado di assicurare governabilità, e questa che stiamo votando oggi è l’intesa possibile. Avremmo preferito il Mattarellum, noi del Pd, cioè i collegi uninominali. Ma gli altri non l’hanno voluta. Abbiamo tentato di ottenere il massimo di convergenza, parlando e confrontandoci con tutti i Gruppi parlamentari, sulla base di un principio democratico: nessuno può arroccarsi, se vuole raggiungere l’obiettivo. Alcuni Gruppi, invece, si sono arroccati all’insegna di un individualismo che nuoce alla democrazia. Ci spiace non aver raggiunto l’unanimità, ma questa è la legge che questa Camera è riuscita a scrivere, e votiamo volentieri la fiducia, pur di dare al Paese una norma”.

Lo ha detto il vice presidente del Gruppo del Pd alla Camera, Gero Grassi, nella dichiarazione di voto di fiducia posta sulla legge elettorale.  

26/09/2017 - 17:58

“Gli viene facile perché sono ambienti a lui affini. Di certo non è rassicurante che Alessandro Di Battista faccia l’occhiolino ai fascisti”. Così Gero Grassi, vicepresidente dei deputati Pd, commenta il post del leader grillino secondo cui ‘Il fascismo è morto’. Grassi aggiunge: “spero che all’opinione pubblica italiana non sfugga la superficialità con cui Di Battista affronta un tema così delicato, importante e di attualità”.       

19/09/2017 - 19:26

“Sono stato il principale sostenitore della commissione d’inchiesta sul caso Moro. Non sarò io a dire, dunque, che non serve un’inquirente parlamentare sulla scomparsa di Emanuela Orlandi. I colleghi dei 5Stelle però non possono prendere in giro il Paese in questo modo, e soprattutto la tormentata famiglia Orlandi. Infatti, siamo a fine legislatura, non sanno che le commissioni decadono con lo scioglimento delle Camere? Una iniziativa di questo genere serve solo per farsi pubblicità e così non va bene.”.

Così Gero Grassi, vicepresidente dei Deputati del Pd e componente della Commissione d’inchiesta sul caso Moro. 

18/09/2017 - 20:30

“Apprendiamo che sono sette, come i nani di Biancaneve, i candidati per la premiership M5S. L’esito della battaglia è incertissimo, Italia con il fiato sospeso”.

Così il vicepresidente dei deputati del Pd Gero Grassi.

23/06/2017 - 13:16

"Foggia rappresenta la sede naturale e più idonea per ospitare la Commissione Unica Nazionale sul Grano Duro e il ministro Politiche Agricole Alimentari e Forestali dovrebbe adoperarsi per concretizzare questa vocazione". Lo affermano i deputati pugliesi del Partito Democratico Colomba Mongiello, Michele Bordo, Dario Ginefra, Gero Grassi e Liliana Ventricelli nella risoluzione presentata in commissione Agricoltura, all'indomani della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto ministeriale che avvia il processo di istituzione e insediamento degli organismi, le CUN, che garantiranno "la trasparenza nelle relazioni contrattuali tra gli operatori di mercato e nella formazione dei prezzi" per le filiere maggiormente rappresentative del sistema agroalimentare.

"In Puglia si miete, in media, il 22% del grano duro made in Italy - sottolineano i deputati PD - le aree produttive più importanti sono nelle province di Foggia e Bari, con la gran parte di centri stoccaggio e industrie molitorie e pastarie.  Ciò consente alle imprese locali di trasformare, in 297 giorni di attività, oltre 146.000 tonnellate di grano duro per ottenere oltre 100.000 tonnellate di semola e 46.000 tonnellate di cruscame, venduti soprattutto nel mercato interno con ricavi per oltre 26 milioni di euro. La Puglia è anche principale varco di accesso di grano straniero miscelato con l’ italiano, destinato alla produzione di pasta italiana, per la cui produzione non c’è obbligo di etichetta sull'origine della materia prima, nonostante la richiesta del nostro governo alla Ue, da cui attendiamo risposta. Istituire la CUN al posto dell'attuale Borsa Merci della Camera di Commercio è attenzione a un comparto in crisi e garantisce partecipazione e trasparenza al processo di formazione del prezzo della materia prima, oggi venduta sotto costo. Martina, proprio a Foggia - concludono i deputati Pd - ha assunto l'impegno politico di sostenere la candidatura foggiana, ci auguriamo che quell'impegno, condiviso da tutte le organizzazioni di produttori, sia ora mantenuto".

06/05/2017 - 12:34

“Capisco che il vicepresidente Luigi Di Maio senta il bisogno di raccontare la sua esperienza ad Harvard ma forse è il caso di ricordargli il detto secondo cui che chi si loda s’imbroda”. Lo afferma il vicepresidente dei Deputati del PD Gero Grassi, il quale nota che “il post comparso sul blog di Beppe Grillo più che il resoconto di un viaggio è una auto-celebrazione…”.

03/05/2017 - 16:18

“Fanno come gli struzzi: mettono la testa sotto la sabbia e pensano di non essere visti. Ma le motivazioni con cui il Movimento 5 Stelle non vuole prendere posizione sul prossimo voto francese è da una lato risibile, dall’altro molto preoccupante”. Lo afferma il vicepresidente dei Deputati del Pd Gero Grassi il quale spiega: “Di Maio e Di Battista insistono nel dire che il prossimo presidente francese sarà un loro interlocutore, come se questo esimesse una forza politica a prendersi delle responsabilità di fronte al proprio elettorato. Si comportano come fossero capi di stato e per questo fanno sorridere. E’ invece inquietante vedere che non hanno il pur minimo imbarazzo verso Marine Le Pen. Loro non sono ostili ai fascisti e questo ci preoccupa”.   

23/03/2017 - 15:25

“Le regole antidemocratiche che si è dato il  M5S per fortuna non sono legge e non valgono per il resto del mondo. Davide Casaleggio dice che, attraverso l'utilizzo di Internet, il M5S ha cambiato le regole dei partiti politici e dei mass media tradizionali, tanto che ora i cittadini possono scegliere con un click on line i loro candidati. Questa è una concezione aberrante dei processi di selezione della rappresentanza democratica che noi contrasteremo perché li riteniamo pericolosi per la collettività e la qualità della democrazia”.

Così Gero Grassi, vice presidente dei Deputati del Pd.

15/03/2017 - 18:32

Domani 16 marzoalle ore 9.30, una delegazione di deputati del Partito democratico si recherà in via Fani per onorare le vittime della strage del 16 marzo1978, i carabinieri Oreste Leonardi, Domenico Ricci, e i poliziotti Raffaele Iozzino, Francesco Zizzi e Giulio Rivera, trucidati dalle  Brigate Rosse durante l’agguato in cui fu rapito il presidente della Dc, Aldo Moro.

Oltre al presidente Ettore Rosato, faranno parte della delegazione Gero Grassi, Chiara Gribaudo e Andrea Giorgis.

18/02/2017 - 15:56

“Non dobbiamo abituarci agli insulti razzisti o ai toni dittatoriali evocati dal leghista Matteo Salvini. Fanno parte di una storia tragica che l’Italia, l’Europa e il mondo hanno conosciuto e sofferto. Oggi, parlando a Genova, ha evocato i peggiori metodi squadristi contro gli immigrati: le persone perbene e le coscienze democratiche devono saper respingere queste provocazioni che mirano a raccogliere voti sfruttando rabbia e malcontento”.

Così il vicepresidente dei deputati del Pd, Gero Grassi.

03/02/2017 - 14:27

“Matteo Salvini è un disperato. Solo così si comprende la campagna pubblicitaria nella quale indossa magliette di killer sullo sfondo delle immagini delle vittime. Sulla morte e sulle sofferenze degli altri non si gioca. Ho ricevuto moltissime segnalazioni di sdegno con le quali concordo pienamente. Vedere Aldo Moro dietro la sua faccia irridente e inneggiante alle Brigate rosse è orribile”.

Così Gero Grassi, vice presidente dei Deputati Pd, a commento delle foto pubblicate dal leader leghista sulla sua pagina facebook, oggi riprese da altri profili.

Pagine