05/07/2017 - 16:20

“Dopo l’appello che abbiamo rivolto al Presidente Gentiloni, sono positive le novità per la Commissione Adozioni Internazionali”. Con queste parole i deputati dem Tonino Moscatt e Chiara Gribaudo esprimono soddisfazione per la nomina dei vertici della commissione e la riattivazione dei canali di comunicazione. “Oggi, finalmente, a distanza di quasi un anno si ritorna  ad avere uno strumento diretto di dialogo e corrispondenza. Abbiamo subito sposato – continuano Moscatt e Gribaudo - la causa della velocizzazione delle adozioni internazionali per chi ha ottenuto un decreto di idoneità alle stesse, perchè la riteniamo una scelta di grande altruismo; pertanto siamo soddisfatti degli ultimi risultati raggiunti".

28/06/2017 - 16:37

“Il tratto mancante della Asti-Cuneo è cantierabile, dunque presto la comunità piemontese avrà un’opera fondamentale per lo sviluppo del Nord-Ovest. Aspettiamo ora di capire la tempistica ma sicuramente la negoziazione con la Ue è andata a buon fine”.

Lo dice Chiara Gribaudo, vice presidente del Gruppo Pd della Camera, dopo il question time con il ministro Delrio che ha annunciato la disponibilità della Commissione Europea alla proroga delle concessioni autostradali a Satap, controllata del gruppo Gavio, che consentirebbe la realizzazione della parte mancante dell’opera.

08/06/2017 - 12:28

“E’ assurdo che il Movimento 5 Stelle, dopo aver votato contrario a questo stesso emendamento in Commissione, cambi opinione in Aula. Si tratta di una chiara e determinata volontà di far fallire l’accordo fra le quattro forze politiche, accordo che il Partito Democratico ha accettato in virtù dell’invito del Presidente della Repubblica. Il Quirinale ha chiesto a tutte le forze parlamentari pacificazione e condivisione di una tematica così importante come la legge elettorale. Oggi apprendiamo che non è possibile proseguire su questo solco, per colpa del Movimento 5 Stelle, che deve prendersene la responsabilità di fronte agli italiani”.

Così la vice capogruppo Pd, Chiara Gribaudo, dopo il voto dell’emendamento sul Trentino Alto Adige.

31/05/2017 - 11:15

“Abbiamo puntato sulla crescita come motore del lavoro e  i dati dell’Istat di oggi sull’occupazione provano che abbiamo scelto bene: +94mila occupati ad aprile rispetto al mese precedente - un record da otto anni a questa parte - di cui 36mila ‘fissi’, e +277mila nuovi posti di lavoro in un anno. Le politiche riformiste di questi anni volute dal Pd e dai Governi Renzi e Gentiloni danno i loro frutti per il Paese, che avanza fuori dalla crisi e dalla stagnazione per tornare a essere un punto di riferimento in Europa”.

19/05/2017 - 15:28

“Oggi il governo ha preso una decisione importante: l’obbligo di vaccinazione per i bambini che accedono all’istruzione 0-6 è una norma di civiltà, che difende il diritto alla salute costituzionalmente riconosciuto. Lo Stato riafferma il suo ruolo regolatore e si oppone alle teorie antiscientifiche che mettono a rischio la vita delle bambine e dei bambini italiani”.

Così la deputata Dem Chiara Gribaudo, vice capogruppo Pd alla Camera.

“Il sistema sanitario - aggiunge Chiara Gribaudo - fa un salto di qualità nella protezione dei più piccoli, rendendo obbligatori i vaccini per malattie pericolose come morbillo e meningite. Il Pd si è sempre schierato fermamente contro i complottismi che per puro calcolo politico hanno lanciato allarmi ingiustificati e preoccupato i genitori italiani, alimentando la superstizione e la sfiducia nelle istituzioni. Difenderemo il decreto in Parlamento - conclude la vice capogruppo Pd alla Camera - perché non avvenga alcun passo indietro rispetto al provvedimento. Quando la politica decide con fermezza e senza ambiguità riacquista la propria credibilità di fronte ai cittadini”.
 

19/05/2017 - 13:16

Oggi il governo dichiara che partiranno l’Ape social e l’Ape per i lavoratori precoci, per accompagnare alla pensione tanti lavoratori ai quali la riforma Riforma Fornero l’aveva impedito. Si tratta di un provvedimento importante, inserito in Legge di Bilancio, che dà delle risposte concrete su un tema scottante per i lavoratori”.

Così la deputata Dem Chiara Gribaudo, vice capogruppo Pd alla Camera.

“Questi strumenti - prosegue Chiara Gribaudo - si inseriscono fra i tanti che maggioranza e del governo hanno adottato in questi anni per l’occupazione e l’equità nel mondo del lavoro. I dati Inps di ieri ci dicono che abbiamo scelto la strada giusta: crescono le assunzioni, diminuiscono le dimissioni in bianco. Le battaglie condotte con il Jobs Act e contro le discriminazioni verso le donne stanno avendo successo. Assieme ai provvedimenti per l’occupazione e per le pensioni, è necessario che governo e Parlamento proseguano l’impegno nella conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e nel sostegno alla natalità e alla genitorialità. L’esplosione delle richieste per il bonus mamme - conclude la vice capogruppo Pd alla Camera - che abbiamo sostenuto anche contro la burocrazia dell’Inps, ci conferma che il Paese ha bisogno di risposte per le famiglie. Anche per riparare ai dati Istat sulle nascite, non possiamo esimerci dal combattere su questo fronte: come ha affermato il segretario Matteo Renzi, le madri sono e devono essere un impegno costante del Partito Democratico. Siamo al lavoro per questo”.

12/05/2017 - 12:22

“Il mondo dello spettacolo affronta già tante difficoltà, dai bassi redditi, alla precarietà, ai costi di formazione. Dopo le cartelle pazze, i lavoratori dello spettacolo non possono permettersi che si inceppino anche le richieste di agibilità, senza le quali non può tenersi alcun tipo di evento”.

Così la deputata Dem Chiara Gribaudo, vice capogruppo del Pd, presente la settimana scorsa alla presentazione del rapporto Vita da Artisti, che denuncia le condizioni di lavoro nel mondo dello spettacolo e il complesso rapporto con Inps dopo l’assorbimento dell’Enpals. Chiara Gribaudo, su questo, assieme al deputato Pd Tonino Moscatt, ha presentato recentemente un’interrogazione alla Camera.

“Il campo delle autorizzazioni necessarie per gli eventi artistici - aggiunge la vice capogruppo del Pd - ha bisogno di una rivisitazione completa che semplifichi la burocrazia e gli adempimenti. Sul tema c’è un confronto aperto da tempo con Inps, anche in Parlamento con il lavoro della collega Di Salvo, che da oltre un anno attende risposte da parte dell’Istituto. Occorre risolvere quanto prima il problema e rendere più snelle, semplici e veloci le richieste di agibilità. Serve più attenzione per questo mondo, così importante per lo sviluppo e la diffusione della cultura nel Paese”.

10/05/2017 - 12:02

“Oggi il Senato ha approvato definitivamente il DDL sul lavoro autonomo. È una bella giornata per la politica: finalmente diamo risposte al mondo delle partite IVA, due milioni di lavoratori finora dimenticati” lo dichiara Chiara Gribaudo, vice capogruppo Pd alla Camera.

“Si tratta di un grande risultato di questa legislatura, di una legge fortemente voluta dal Governo Renzi che ha scelto di legarla alla stabilità 2016 e di un testo costruito passo passo a fianco dei lavoratori, delle associazioni, delle organizzazioni dei professionisti. Finisce l’era della flexibility senza security: si estendono la tutela per maternità, malattia e infortunio, si creano strumenti contro i mancati pagamenti, si rende possibile la deducibilità integrale dei costi di formazione. Viene resa stabile – continua la deputata dem – a partire dal 1 luglio 2017 anche la DIS-COLL, la disoccupazione per i collaboratori, che si estende ad assegnisti e dottorandi di ricerca.”
“Finalmente anche il lavoro autonomo ha una cornice normativa, nella quale abbiamo costruito il primo vero welfare per chi versa alla gestione separata INPS. Da questo punto di partenza proseguiremo, nell’ottica di rendere universali i diritti del lavoro, dai quali fino a oggi in troppi sono stati esclusi. Questa legge, resa possibile dal contributo di tanti dentro e fuori il Parlamento, deve rappresentare un orgoglio per il PD e per questa legislatura: seguiremo adesso la sua attuazione in ogni aspetto, perché tutte le misure siano caratterizzate dalla maggiore inclusività possibile.”
 

03/05/2017 - 19:38

“Nel parere al governo sul decreto legislativo per la riforma del pubblico impiego è stata inclusa la questione dei dipendenti precari di  Anpal Servizi, ex – Italia Lavoro, che fino a oggi non sono stati stabilizzati e continuano a lavorare nell’ambito delle politiche attive del lavoro con contratti precari e collaborazioni”. Lo dichiara Chiara Gribaudo, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera.

“Data la natura e l’importanza della loro attività – spiega - nel promuovere l’occupazione, si tratta di un vero paradosso che la Commissione Lavoro chiede ora al governo di risolvere. Dopo i tanti interventi per questi lavoratori, compresa un’interrogazione al ministro del Lavoro Poletti, sono felice che tutta la Commissione abbia deciso di prendere una direzione chiara su questo tema. Ringrazio la relatrice del provvedimento, la collega del Pd Valentina Paris, per l’attenzione che ha sempre dimostrato nei confronti di questi lavoratori e per la sua volontà di affrontare la loro situazione assurda nel testo inviato al governo”.

“Adesso ci attendiamo risposte dal Ministero del Lavoro e da Anpal. Sarebbe incoerente trattare chi lavora per le politiche attive peggio dei soggetti che di quelle politiche sono destinatari”, concludere. 

02/05/2017 - 12:17

“La disoccupazione giovanile ai minimi da 5 anni è davvero un’ottima notizia, segno che le politiche per il lavoro dei più giovani iniziano a dare i loro frutti”. Lo ha dichiarato Chiara Gribaudo, vice capogruppo del Pd a proposito dei dati ISTAT su marzo 2017 che vedono la disoccupazione fra i 15 e i 24 anni scendere al 34,1%.

“Resta però tanto da fare - prosegue Gribaudo - nel campo delle politiche attive del lavoro. Occorre rafforzare l’orientamento durante i percorsi scolastici e universitari, anche rispetto all’alternanza scuola-lavoro e ai tirocini. Soprattutto, serve un’accelerazione di ANPAL con gli assegni di ricollocazione, specie per andare incontro alla flessione che invece osserviamo fra gli over50. Il governo dovrà impegnarsi in queste direzioni e lo strumento del taglio del cuneo fiscale per le categorie più svantaggiate, come giovani e donne, dovrà essere portato avanti senza dimenticare chi con fatica cerca di arrivare alla soglia della pensione. Serve un’azione complessiva che combatta la disoccupazione in tutte le fasce d’età e in tutte le categorie, altrimenti il rischio è quello di creare nuove sacche di disagio sociale”.

20/04/2017 - 19:35

“È servito un anno intero di dibattito in Commissione e in Aula, ma oggi abbiamo approvato il testamento biologico alla Camera. Con grande forza di volontà continuiamo a comporre il mosaico dei diritti civili in questa legislatura”. Lo dichiara Chiara Gribaudo, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera.

“Questa legge – spiega - ci dà la libertà di autodeterminarci, di scrivere il nostro destino per quel delicato momento in cui potremmo essere incapaci di decidere, di intendere e di volere. Le ultime modifiche non hanno introdotto l’obiezione di coscienza, ma vietato l’accanimento terapeutico e al tempo stesso garantito che contro il dolore di chi soffre venga fatto il possibile, nel rispetto della professionalità dei medici. Mettiamo fine alle polemiche e fermiamoci invece, un attimo, a pensare a tutti coloro che non hanno avuto questa libertà di scelta sulla propria vita. Sarà responsabilità di tutte le forze politiche, al Senato, riuscire a far diventare legge il testamento biologico entro la fine della legislatura”.

“Per questo servirà un impegno condiviso contro modifiche e ostruzionismo. Le Dat sono una misura di civiltà che non possiamo rinviare oltre. Lo dobbiamo a tutte quelle famiglie che hanno sofferto per far valere le ultime volontà dei propri cari”, conclude.

20/04/2017 - 16:03

“Una buona notizia dalla multinazionale Diageo nella direzione degli impegni assunti con i lavoratori con i sindacati e con il territorio. La riconversione produttiva che ha infatti interessato lo stabilimento di Santa Vittoria D'Alba, dove la produzione di nuove bevande ha sostituito quella vitivinicola, sta permettendo passi importanti verso la piena salvaguardia gli attuali livelli occupazionali”. E’ quanto dichiarano i deputati piemontesi del Partito Democratico Massimo Fiorio, Chiara Gribaudo e Mino Taricco.

11/04/2017 - 14:04

“I dati OCSE ce lo confermano: la priorità per il paese è abbattere il cuneo fiscale, troppo alto per garantire la ripresa dei consumi interni e sostenere la crescita.” “In questi anni abbiamo imboccato la strada giusta, come dimostra il principio di trend positivo che OCSE ci consegna oggi. Ma ancora dobbiamo fare molto, per consentire ai lavoratori di aumentare il loro reddito e alleggerire le imprese dal carico fiscale. La decontribuzione ci ha mostrato la sua forza esplosiva per combattere la precarietà e creare occupazione: occorre proseguire su questa strada potenziando e migliorando le previsioni dell’ultima legge di Bilancio, che hanno legato questo sgravio all’alternanza scuola lavoro. Servirà anche estendere ed ampliare la misura degli 80€ a una fascia più ampia di popolazione, coinvolgendo tutto il ceto medio. Non si tratta di creare nuovi bonus, ma di rendere strutturale un taglio del cuneo che permetta al Paese di ripartire.”

Lo dichiara Chiara Gribaudo, vice capogruppo PD alla Camera.

06/04/2017 - 16:10

“I voucher, aboliti oggi, non sono uno strumento introdotto in questa legislatura, ma che in questa legislatura avevamo regolato proprio per limitarne gli abusi. Nonostante questo, ci sono state imprese che hanno continuato a utilizzarli al posto di forme di lavoro stabili, e abbiamo iniziato ad immaginare nuove correzioni”. Lo dichiara Chiara Gribaudo, vice capogruppo Pd alla Camera, dopo il voto dell’Aula sull’abrogazione dei voucher.
“Ho sempre ritenuto giusto – continua - dialogare con il sindacato, ma non ho condiviso l'uso del referendum, che ci avrebbe portati a mesi di polemiche sterili. Bene ha fatto il governo a tagliare la testa al toro, scegliendo di abolirli e garantendo la loro sostituzione con una disciplina più inclusiva e che garantisca maggiori tutele. Il presidente Gentiloni e il ministro Poletti hanno annunciato un nuovo decreto entro la metà di maggio: in Parlamento troveranno tante proposte sulle quali lavorare.  Serve soprattutto uno strumento semplice da utilizzare per lavoratori e imprese, che garantisca un salario minimo orario, che abbatta il lavoro nero. Non possiamo semplicemente liberalizzare i contratti a chiamata, né arrenderci alla nuova precarietà che qualcuno, anche nel governo, ha proposto in queste ore, scimmiottando i minijobs che in Germania vengono oggi condannati”.
“Si tratta, invece, di garantire ai lavoratori le giuste tutele, e alle imprese e alle famiglie la facilità di utilizzare prestazioni occasionali, quando il lavoro è veramente accessorio e gli altri strumenti non sono adatti a regolarlo. Il Pd in parlamento si impegnerà a lavorare con il governo per raggiungere questo obiettivo nel più breve tempo possibile”, conclude.
 

04/04/2017 - 16:46

“Sollecitiamo un intervento del governo sulla vertenza dei lavoratori del mondo dello spettacolo dopo l’assorbimento di Enpals da parte di Inps. Chiediamo che venga aperto un tavolo tecnico di confronto per trovare una soluzione e fare al contempo un'analisi complessiva della situazione di questa categoria di lavoratori”. Lo hanno detto Chiara Gribaudo, vice presidente dei deputati Pd, e Antonino Moscatt, capogruppo Pd in commissione Difesa della Camera durante una conferenza stampa sulla vertenza dei lavoratori del mondo dello spettacolo oggi a Montecitorio.

“L'assorbimento di Enpals - hanno proseguito Gribaudo e Moscatt - ha creato confusione e dubbi sul sistema previdenziale dei lavoratori del mondo dello spettacolo. Il tema, già sollevato dagli stessi lavoratori col supporto delle sigle sindacali di riferimento, mira a chiarire la posizione previdenziale degli artisti che, sotto gestione Enpals, vedevano gli adempimenti contributivi in capo ai committenti, mentre oggi, l'Inps ne richiede la contribuzione in gestione separata, anche per gli anni precedenti, aggravata dalle more e dal rischio di vedersi recapitare le cartelle esattoriali. Proseguiamo il nostro lavoro per la tutela di questi lavoratori come abbiamo fatto con una interpellanza indirizzata al Governo.”

Pagine