20/12/2017 - 13:38

“L’investimento promosso dalla Commissione Europea a beneficio del porto di Civitavecchia testimonia il grande valore strategico del nostro scalo regionale che, anche grazie al progetto ‘BClink: MOS for the future’, ambisce a diventare uno dei punti di forza del comportato portuale internazionale. Con l’obiettivo di integrare le catene logistiche dei porti di Civitavecchia e Barcellona, l’UE ha assegnato un finanziamento fondamentale per rafforzare il ruolo di Civitavecchia nell’abito delle cosiddette Autostrade del Mare. Il progetto ‘BClink: MOS for the future’ e l’investimento promosso da Bruxelles fanno del Lazio una regione ancor più competitiva sia sul piano infrastrutturale che su quello economico. Una vera e propria iniezione di fiducia che ci deve imporre a guardare la nostra regione anche con un occhio più europeista puntando sulle eccellenze imprenditoriali che abbiamo localmente a disposizione. In questo contesto, dopo lo sblocco dei finanziamenti per l’apertura del cantiere della trasversale Orte – Civitavecchia, come ho sempre sostenuto tanto da farne un mio cavallo di battaglia, è necessario spingere sull’acceleratore per il ripristino della linea ferroviaria Civitavecchia – Capranica – Orte che rappresenterebbe un’importante opportunità di collegamento tra il Litorale e il centro Italia”. Lo ha detto il deputato Pd, Emiliano Minnucci, commentando il finanziamento di 2,2 mln a fondo perduto promosso dalla Commissione Europea per il porto di Civitavecchia.

 

18/12/2017 - 14:48

“I provvedimenti per il settore agroalimentare approvati dal Consiglio dei Ministri rappresentano indubbiamente un importante passo in avanti in tema di politiche agricole alimentari e forestali. Con la lotta all’agropirateria e con la riforma forestale, oltre a punire con maggiore durezza le frodi delle organizzazioni mafiose e salvaguardare la salute dei consumatori, si mette in campo una norma organica a tutela del patrimonio forestale nazionale. In questo contesto, però, è necessario porre una grossa attenzione alla riorganizzazione di Agea. Se da una parte, infatti, è necessario rendere più efficiente l'intero sistema di erogazione degli aiuti in agricoltura anche con modifiche sostanziali sul SIAN, che verrà trasformato in un Sistema Unico per la gestione dei servizi essenziali trasversali, dall’altra è fondamentale salvaguardare tutti i lavoratori impegnati in questo settore. Attenti dunque ai 70 lavoratori della SIN, società partecipata al 51% da AGEA, che non possono rimanere a casa a differenza di tutti gli altri dipendenti AGECONTROL garantiti da una ricollocazione nei soggetti pubblici riformati. Per questo, dunque, invito la Commissione Agricoltura della Camera, impegnata domani a esaminare lo schema di decreto legislativo recante la riorganizzazione di AGEA e il riordino del sistema dei controlli nel settore agroalimentare, a farsi carico di questa situazione. La piena tutela dei livelli occupazionali deve riguardare tutti: non possiamo permetterci di fare figli e figliastri”. Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, che domani parteciperà al presidio dei dipendenti SIN a Piazza Montecitorio.

 

13/12/2017 - 10:54

Approvata in sede deliberante dalla Commissione Lavori Pubblici del Senato la Legge per l’istituzionalizzazione della Giornata Nazionale in memoria delle vittime della strada.
“Quello di oggi è un giorno da evidenziare sul calendario: la Commissione Lavori Pubblici del Senato, in sede deliberante, ha approvato la Legge per istituzionalizzare anche nel nostro Paese la Giornata Nazionale in memoria delle vittime della strada. Da oggi, ogni terza domenica di novembre sarà l’occasione anche per ricordare chi ha perso la vita sulle nostre strade e per approfondire il tema della sicurezza stradale. La Giornata Nazionale in memoria delle vittime della strada, infatti, non deve rappresentare solo una semplice data simbolica ma, piuttosto, una tappa di un percorso aperto alla prevenzione e alla sensibilizzazione verso una nuova e corretta condotta di guida”. Lo ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci che il 17 maggio 2016 ha presentato, come primo firmatario e insieme a cinquantanove colleghi, una Proposta di Legge con l’intenzione di avviare una concreta campagna di prevenzione, funzionale a una seria riduzione dell’indice delle morti lungo le strade italiane. “In attesa dei dati riferiti al primo trimestre 2017 – ha continuato Minnucci - possiamo dire che il 2016 è stato un anno abbastanza positivo: le 145 vittime in meno rispetto il 2015, però, non devono frenare la spinta verso una costante decrescita del numero degli incidenti stradali, soprattutto se consideriamo il fatto che gran parte di questi sono stati provocati da comportamenti largamente evitabili come l’eccessiva velocità, il mancato rispetto della precedenza e la guida distratta. In quest’ottica, dunque, l’auspicio è che la Legge approvata oggi sia l’inizio di un nuovo cammino caratterizzato, tra l’altro, anche da un concreto protagonismo dei nostri Comuni. Gli Amministratori locali, infatti, attraverso una collaborazione sempre più sinergica con le associazioni di settore, hanno il dovere di mettere in campo iniziative ad hoc utili a promuovere una condotta di guida responsabile e coscienziosa nelle rispettive comunità. In questo quadro invito i Presidenti di Anci e Legautonomie, Antonio Decaro e Marco Filippeschi, a organizzare insieme a tutti i loro associati dei momenti di confronto e discussione con l’obiettivo di promuovere iniziative propedeutiche alla prima Giornata Nazionale in memoria delle vittime della strada che, da calendario, ricorrerà il prossimo 18 novembre 2018” ha concluso Minnucci. La Legge approvata oggi in sede deliberante dalla Commissione Lavori Pubblici del Senato, e già approvata il 29 marzo scorso dalla Camera dei Deputati, ha avuto il parere positivo anche delle Commissioni Affari Costituzionali, Bilancio, Istruzione Pubblica e Beni Culturali, Igiene e Sanità del Senato e quello della Commissione parlamentare per le questioni regionali.

06/12/2017 - 18:55

"Stretta sull'uso del cellulare alla guida e seggiolini anti-abbandono sono due degli emendamenti che la commissione Trasporti della Camera ha approvato e che passeranno in commissione Bilancio, due temi centrali che hanno un impatto forte sui cittadini che ci hanno chiesto di intervenire per tutelarli. Nel corso di questi mesi abbiamo cercato di sensibilizzare tutta l'opinione pubblica sul tema di una guida più consapevole e più corretta, e questo passa da una parte attraverso l'uso di alcuni dispositivi come quello anti-abbandono per i bambini che va a rispondere ad una esigenza specifica anche alla luce dei fatti di cronaca degli ultimi mesi; e dall'altra dalla limitazione dell'uso dello smartphone perché è emerso da parte anche delle forze dell'ordine che il tema della distrazione da uso del cellulare è una questione dirimente che sta assumendo dimensioni preoccupanti. Quindi c'è bisogno di una risposta concreta che il Pd sta dando, cominciando a mettere a segno dei punti significativi". Lo dichiara il deputato Pd, Emiliano Minnucci, membro della commissione Trasporti della Camera.

30/11/2017 - 15:11

“L’intesa raggiunta oggi tra Poste Italiane e le organizzazioni sindacali per il rinnovo del CCNL delle società del Gruppo per il triennio 2016-2018 è passo importante a sostegno dei lavoratori.  Stiamo parlando di un aumento medio mensile di 103 euro pro capite e del riconoscimento di mille euro una tantum per il 2016-2017 che i dipendenti di Poste Italiane riceveranno con lo stipendio di gennaio 2018. Il rinnovo del CCNL è sicuramente un ottimo risultato che, mi auguro, rappresenti un trampolino di lancio anche per lo sviluppo e la crescita di Poste che ha il diritto, ma anche il dovere, di migliorare i suoi servizi nei territori”. Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, commentando il rinnovo del CCNL tra Poste Italiane e le organizzazioni sindacali. 

24/11/2017 - 13:29

“La partnership tra l’Autorità Portuale del Mar Tirreno Centro-settentrionale e quella del Mar Adriatico Centrale rappresenta un elemento di fondamentale importanza nel comparto delle reti logistiche comunitarie. Attraverso questo accordo possiamo tranquillamente dire che il corridoio tra il Tirreno e l’Adriatico non è più una chimera ma, piuttosto, una certezza. L’intesa sancita questa mattina mira a promuovere una strategia di sviluppo integrata e definita sulla direttrice di collegamento tra la Spagna, i Balcani e il Mediterraneo sud orientale, funzionale alla creazione di importanti opportunità di crescita per il nostro Paese e, in modo particolare, per tutta l’Italia centrale a partire dal Lazio, l’Abruzzo e le Marche. Con l’introduzione di questa nuova trasversale e, di conseguenza, di nuove sinergie e rapporti commerciali tra la sponda tirrenica e quella adriatica, potremo confidare su un notevole risparmio sia in termini economici che di tempo, senza contare, infine, gli inevitabili vantaggi sul piano dell’impatto ambientale”. Lo ha riferito il deputato dem e membro della commissione Trasporti della Camera, Emiliano Minnucci, che oggi a Civitavecchia ha partecipato alla firma dell’accordo di collaborazione tra le Autorità portuali di Civitavecchia e Ancona.

22/11/2017 - 14:41

“È doloroso annotare che in queste ultime ore le strade della Capitale sono state scenario di nuovi gravi incidenti che, purtroppo, hanno registrato anche la morte di un ciclista su Lungotevere Flaminio. Le strade di Roma, a causa delle buche e di una carente manutenzione, rappresentano un pericolo costante per tutti ma in maniera particolare per i biker e gli amanti delle due ruote. Una situazione che stride, e non poco, con l’impegno profuso in questi mesi e che ha portato all’approvazione in Parlamento della PdL per lo sviluppo della mobilità in bicicletta e la realizzazione della rete nazionale di percorribilità ciclistica. Una normativa che, oltre a uniformarci agli standard europei, prevede la costituzione di piani di mobilità ciclistica per tutti i territori con l’obbligo per gli enti locali di realizzare nuove ciclabili. Con gli incidenti all’ordine del giorno, dobbiamo pensare che questa PdL non è funzionale solo a sostenere una nuova strategia di mobilità e lo sviluppo del turismo a due ruote, ma piuttosto a garantire quella sicurezza stradale anche, se non soprattutto, lungo i tratti urbani. In quest’ottica, dunque, mi auguro che la Pdl ratificata dalla Camera la scorsa settimana rappresenti una concreta priorità anche per il Senato tanto da arrivare ad un’approvazione piuttosto veloce”. Lo ha detto il deputato dem e membro della commissione Trasporti della Camera, Emiliano Minnucci.

08/11/2017 - 13:46

"L’edizione odierna di Libero sarebbe da prendere e gettare in un camino acceso: ce lo consentono sia le temperature piuttosto rigide che il ribrezzo per un quotidiano che si permette di utilizzare toni così ripugnanti e violenti. Oltre all’indegna prima pagina di oggi, ciò che lascia ancor più basiti è l’ostinata difesa promossa online dal quotidiano che tenta di spostare l’attenzione sulla sconfitta elettorale maturata dal PD in Sicilia. Senaldi stia sereno: il nostro Segretario Renzi, oltre a lanciare il suo personale messaggio di buon lavoro al neo Governatore Musumeci, ieri sera ha riconosciuto pubblicamente e senza indugi la significativa battuta d’arresto del Partito Democratico. Questo giornalismo non fa bene a nessuno, mi auguro che su quanto pubblicato questa mattina intervenga anche l’Ordine dei Giornalisti”. Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, commentando il titolo della prima pagina di Libero.
 

05/10/2017 - 15:17

“La rabbia dei lavoratori Ericsson deve essere ascoltata dal Governo che non si può limitare a considerare la moral suasion come unica soluzione per risolvere questa situazione. Il Governo ha il dovere di scendere in campo con azioni determinate, mettendo le mani in un settore, come quello delle telecomunicazioni, caratterizzato sia da un contratto collettivo bloccato da tre anni e sia da un costante utilizzo del sistema dei licenziamenti collettivi. Mettere con le spalle al muro una multinazionale come Ericsson, che si permette di trattare i suoi lavoratori come fossimo ai tempi dei padroni delle ferriere, non è un delitto. Anzi. Per come ha gestito questa vicenda, vedasi le modalità di licenziamento utilizzate, e per l’atteggiamento intransigente messo in campo a seguito dell’invito del Governo di adottare lo strumento degli ammortizzatori sociali, Ericsson merita di essere obbligata a trovare soluzioni valide a tutela dei suoi lavoratori e delle loro rispettive famiglie. Perché in Germania i 750 lavoratori Alcatel sono stati assorbiti da ZTE e, a pari situazione, in Italia quelli Ericsson no?”. Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, che questa mattina ha partecipato alla manifestazione dei lavoratori Ericsson sotto il Ministero dello Sviluppo Economico.
 

29/09/2017 - 15:23

“Esprimo la mia massima solidarietà a tutti gli ex consiglieri Pd coinvolti nell'inchiesta sulla gestione dei fondi regionali nel Lazio che in queste ore sta rimbalzando con titoli a nove colonne. In un contesto dove gli eletti, di tutti i partiti, scelgono i loro staff nel rispetto di leggi e regolamenti, l’accusa rivolta agli interessati di aver scelto dei collaboratori sulla base di un rapporto fiduciario è alquanto bizzarra. In questo quadro, resto convinto che la magistratura, nell’analisi e nella valutazione dei fatti e della stessa normativa regionale, accerterà la legittimità del corretto operato degli ex consiglieri Pd”. Lo ha detto il deputato dem del Lazio, Emiliano Minnucci. 

13/09/2017 - 20:12

Mozione a tutela delle cittadine e dei cittadini

“Chi ha a cuore un’Europa delle cittadine e dei cittadini non può che pensare che debba essere madre e non matrigna, per questo il Partito Democratico ha presentato una mozione, approvata dal Parlamento, per impegnare il governo a promuovere proposte all’Ue per meglio definire la portata e gli effetti della direttiva Bolkestein sul commercio ambulante”.
- Lo dichiara Emiliano Minnucci, deputato del Partito Democratico e cofirmatario della mozione –
“Stupisce, invece, che gli esponenti di MdP si siano opposti ad un provvedimento che tutela l’occupazione, apre tavoli di confronto e – conclude - permette al governo di creare i presupposti per contenere le ripercussioni della direttiva sull’occupazione”.

01/08/2017 - 20:11

“L’attacco dei Cinquestelle al presidente della Commissione Trasporti Meta è così pretestuoso da sconfinare nel surreale”. Lo dichiara Emiliano Minnucci, deputato del Partito democratico, in risposta alle parole dei Cinquestelle su Atac.

“Purtroppo – continua – la disastrosa situazione in cui versa il trasporto pubblico a Roma non è il frutto delle campagne comunicative del Pd ma della totale inadeguatezza e dell’incompetenza della giunta Raggi. Informiamo M5S che la metro sarà ferma per tutto agosto, le corse degli autobus sono ormai aleatorie e si parla di portare i libri in tribunale. Il quadro è tale che tutti i principali media italiani, a partire dal Tg1, si sono occupati dell’Atac”.

“Una volta che una questione riguardante il trasporto pubblico raggiunge una gravità e una risonanza di questo genere, come poteva il presidente della Commissione Trasporti della Camera se non occuparsene con un’indagine conoscitiva?”, conclude.

26/07/2017 - 19:20

“Nella vicenda del Lago di Bracciano la Regione Lazio ha segnato un passo fondamentale a tutela dell’Ambiente e di quel territorio che sta facendo i conti con un disastro ambientale causato sia dalla scarsità delle piogge che dalla mano violenta di Acea. Un atteggiamento arrogante e supponente che la società di Piazzale Ostiense ha adottato non solo prima ma anche dopo il provvedimento tanto vituperato deliberato dalla Regione Lazio. Acea non può dire allo stesso tempo che il lago di Bracciano influisce per il solo 8% nell’approvvigionamento di Roma e minacciare, d’altro canto, di togliere l’acqua a un milione e mezzo di romani: le due cose non stanno insieme, neanche da un punto di vista aritmetico. Se da una parte c’è un lago che sta morendo, dall’altra c’è l’acquedotto del Peschiera che non può erogare, come sostenuto dalla stessa Acea, fino a 14 mc/s potenziali di acqua per via dei mancati investimenti: questa cosa è inaccettabile. A riguardo, dunque, mi auguro che il Ministero dell’Ambiente provveda a emanare un provvedimento analogo a quello della Regione Lazio e lo faccia, non solo per salvaguardare quella risorsa ambientale chiamata Lago di Bracciano, ma anche per mettere un freno alla protervia imperialistica di chi pensa di utilizzare quella risorsa idrica come meglio crede”.

Lo ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, nel corso della Commissione Ambiente in programma oggi alla Camera dei Deputati sul tema della crisi idrica.

24/07/2017 - 14:27

"Le parole al vetriolo della Sindaco di Anguillara Sabazia, Sabrina Anselmo, contro la sua collega grillina, Virginia Raggi, testimoniano ciò che noi andiamo dicendo da sempre: ovvero che la Raggi, in questi mesi di denunce e battaglie, non ha mosso paglia, disinteressandosi totalmente della situazione legata al lago di Bracciano e a quella crisi idrica che oggi sta sulla bocca di tutti. Parole forti quelle dell’Anselmo che, oltre a sconfessare la Raggi in merito a quell’impegno che la prima cittadina di Roma in questi giorni ha sbandierato ai quattro venti, fanno riflettere sul grado di incompetenza e sul pressapochismo dei grillini. Perché Sabrina Anselmo solo oggi fa uscire queste frasi? C’entrano forse le sue vicende giudiziarie e personali che forse obbligano Grillo & C. a espellerla dal Movimento? Ai cittadini di Anguillara, ma anche a quelli di Trevignano, Bracciano e Roma, poco importa delle beghe interne al M5S. La cosa che più rattrista e fa arrabbiare è che questi personaggi in cerca d’autore, oggi purtroppo amministratori locali anche di città come Anguillara e Roma, fanno leva su problemi gravi e tangibili, come quello dell’attuale crisi idrica e ambientale, per togliersi i loro sassolini dalle scarpe, mettendo in atto una resa dei conti interna esclusivamente al loro mondo grillino. Oggi scopriamo che l’Anselmo è una bugiarda a cinque stelle: se a Grillo & C., ma soprattutto ai cittadini di Anguillara, non ha confessato le sue vicende con la giustizia prima della sua candidatura, a noi e a tutta l’opinione pubblica ha mentito sull’atteggiamento menefreghista di Virginia Raggi che fin oggi ha sempre tutelato per ordini di scuderia”. Lo ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, commentando le dichiarazioni su Virginia Raggi rilasciate dalla Sindaco del Comune di Anguillara Sabazia, Sabrina Anselmo.

22/07/2017 - 15:46

"Oltre l’indifferenza dimostrata in questi mesi di fronte alle gravi condizioni del Lago di Bracciano, Acea si permette anche il lusso di fare terrorismo psicologico minacciando una turnazione idrica per un milione e mezzo di romani, a seguito della decisione assunta ieri dalla Regione Lazio di bloccare i prelievi dal bacino a nord della Capitale. Sostenendo che Roma possa incorrere il rischio di una seria crisi idrica, Acea contraddice se stessa e i dati che ha fornito in questi ultimi mesi. Uno: lo scorso 7 luglio, alla presenza della Regione Lazio e dei sindaci dei paesi del lago, il presidente Saccani ha ribadito che le captazioni dal bacino lacustre incidevano appena per l’8% del fabbisogno di Ato2. A riguardo, dunque, si evince che il venir meno dell’apporto del lago non avrebbe comportato una situazione così allarmante come Acea oggi vuol far pensare. Due: il 13 luglio, Acea ha comunicato formalmente alla Regione Lazio di avere già posto in essere degli accorgimenti e dei lavori per il risparmio idrico che, a quella data, gli avevano consentito di recuperare ben 1.770 litri/secondo di acqua. In quest’ottica, sottraendo ai 1.770 l/s recuperati i circa 1.200 l/s captati dal lago di Bracciano, si evince che oggi Acea può addirittura contare su un surplus di acqua pari a circa 570 l/s. Tre: lo scorso 23 maggio, con la diffusione di un suo report, Acea ha palesato inequivocabilmente che nel periodo successivo a luglio il prelievo dal lago di Bracciano avrebbe inciso in misura inferiore sul bilancio idrico di Ato2.

In questo quadro, dunque, Acea, invece di iniziare questa indegna campagna di terrorismo psicologico, pensi a investire una parte di quei 70milioni annui di utili al fine di trovare soluzioni adeguate e continuare a garantire il normale servizio idrico anche nella Capitale. A riguardo è auspicabile un intervento serio e rigoroso anche della stessa Virginia Raggi che non può continuare a fare melina e lasciare le responsabilità esclusivamente agli altri. Come sindaca di Roma, sindaca metropolitano e socia di maggioranza di Acea, Virginia Raggi ha il dovere di uscire allo scoperto e onorare i suoi compiti e i suoi doveri. Invece di rilasciare dichiarazioni a mezzo stampa, iniziasse a imporre ad Acea il silenzio, tanto da mettere fine a questo allarmismo, invitandola di contro a lavorare al fine di garantire ai romani il corretto e normale utilizzo del servizio idrico”.

Lo hanno riferito i parlamentari dem, Emiliano Minnucci, Fabio Melilli, Andrea Ferro, Ileana Piazzoni e Marietta Tidei.

 

Pagine