01/06/2017 - 20:04

“Tra le altre misure contenute nella manovra di aggiustamento approvata oggi alla Camera vi sono anche i 600mln per il salvataggio di Alitalia. Questa scelta è stata dettata soprattutto dalla volontà di salvare l'occupazione del personale della ex compagnia di bandiera”. Lo dichiarano i deputati del Partito democratico Marco Miccoli e Emiliano Minnucci

“È però paradossale – continua - che la collega Saltamartini, che ha votato contro la manovra contenente i 600mln per salvare Alitalia, si erga a paladina dei lavoratori. Si scaglia contro il Pd e contro i parlamentari che, come noi, erano presenti al consiglio comunale straordinario convocato dal sindaco di Fiumicino, Esterino Montino, e che peraltro hanno votato a favore dell'ordine del giorno presentato dal collega Fassina. Si dimentica di dire, tuttavia, che se Alitalia è nelle condizioni che tutti conosciamo, è soprattutto per colpa dei governi di cui la Lega, il suo partito, faceva parte”.

“Noi auspichiamo che Alitalia possa essere rilanciata e che lo sforzo sostenuto fin qui, serva soprattutto per salvaguardare i lavoratori e i loro diritti. Su questo continueremo a vigilare e a impegnarci. La propaganda e la demagogia spicciola, le lasciamo alla deputata Saltamartini e alla Lega di Salvini, che sono stati sempre contro Roma e contro Fiumicino”, conclude.

26/05/2017 - 12:12

“La comunicazione lanciata da Acea a tutti i comuni del servizio idrico Ato2 è scandalosa e da contrastare immediatamente per non vedere il Lago di Bracciano sparire già a partire dai prossimi mesi. Il Presidente di Acea Ato2, Paolo Saccani, ha informato gli amministratori locali che, per far fronte alla carenza idrica degli acquedotti  provocata dalla scarsità delle precipitazioni, la società di piazzale Ostiense si appresta ad aumentare il volume delle captazioni delle acque. Una decisione indegna e oltraggiosa che, oltre a sminuire l’impegno profuso in questi mesi da cittadini e tecnici, infligge un colpo mortale al nostro territorio che rischia di veder morire uno dei suoi simboli storici e ambientali. In quest’ottica, è necessario intraprendere un’azione forte e determinata che vada oltre i tavoli tecnici proposti dai tre comuni rivieraschi che, a loro volta, hanno tutto il dovere di mettersi a capo di una protesta vigorosa, capace di pianificare delle iniziative coraggiose con l’obiettivo di salvaguardare proprio quel lago che hanno l’obbligo di difendere e tutelare. Se questo vuol dire andare sotto il palazzo di Acea con bandiere e fischietti, facciamolo. A riguardo, poi, viste le reali condizioni emergenziali in cui versa il nostro bacino e data l’indifferenza perpetrata da Acea e dalla stessa Virginia Raggi, penso sia arrivato il momento di affrontare la vicenda anche sul piano della giustizia, sia essa amministrativa, civile o penale. Abbiamo il dovere di mettere in campo ogni azione passando dalle parole ai fatti al fine di scongiurare ciò che oggi, purtroppo, sembra essere inevitabile. Io, a fianco di molti cittadini e dello stesso Comitato di difesa del lago, sono pronto: resta di capire chi è disposto a dare slancio a questa protesta collettiva che deve unire amministratori e cittadini, portandola anche fuori dalle sedi istituzionali con iniziative forti e determinate. Non possiamo permetterci che a fine agosto il nostro lago, con il caldo della bella stagione e l’aumento dei prelievi delle acque, si trasformi in una vera e propria distesa di sabbia”. Lo ha riferito il deputato PD, Emiliano Minnucci, commentando la volontà di Acea Ato 2 di aumentare le captazioni delle acque del Lago di Bracciano.

18/05/2017 - 14:43

"Ho chiesto ai commissari straordinari in quanto rappresentante territoriale di interloquire con il Comune di Fiumicino e con la Regione; di intervenire con un taglio degli extracosti veri (leasing, carburante, handlers, ecc...); di tornare indietro rispetto alla fallimentare esternalizzazione delle manutenzioni (il caso AMS brucia ancora); di valutare l'ingresso dei lavoratori nell'azionariato; di esplicitare gli strumenti attraverso cui si vogliono ampliare i ricavi. Positiva in generale la risposta dei commissari ed in particolare il fatto che il commissario Gubitosi abbia parlato con il sindaco di Fiumicino. Continueremo a seguire da vicino tutta la vicenda, perché è strategica per l'economia nazionale e nello specifico per quella romana e laziale". Lo dichiara il deputato Pd della commissione Trasporti della Camera, Emiliano Minnucci, a margine dell'audizione dei commissari straordinari di Alitalia.

12/05/2017 - 11:25

"Il documento inviato dalla Città Metropolitana di Roma Capitale a tutti i sindaci del nostro territorio provinciale è un vero attentato alla loro intelligenza e a quella dei loro cittadini che, secondo la mappa allegata all'elaborato, saranno costretti a fare i conti con ipotesi di future discariche nei loro territori. Lo scopo del lavoro realizzato dal governo a Cinque Stelle della Città Metropolitana di Roma Capitale, infatti, è quello di fornire una mappatura delle aree idonee a ospitare impianti di trattamento, recupero e smaltimento rifiuti da poter mettere a disposizione delle amministrazioni locali. Quali sono e dove sono le aree che la Raggi e il suo M5S intendono utilizzare per istallare queste discariche? Dai puntini rossi posizionati sulla mappa, si evince che i grillini vogliono trasformare la provincia nella discarica di Roma come se il Grande Raccordo Anulare fosse un vero e proprio spartiacque tra due mondi diversi. In altre parole: Roma produce i rifiuti, i Comuni della sua area metropolitana li raccolgono e li smaltiscono. Sia chiara subito una cosa: questo non lo permetteremo. I primi a opporsi a questa ipotesi scellerata devono essere proprio i sindaci metropolitani che hanno 60 giorni di tempo per presentare le loro osservazioni a un piano fatto con i piedi che rischia di mettere in ginocchio i nostri territori creando una frattura sostanziale tra la città e il suo hinterland.  Gli impianti per chiudere il ciclo dei rifiuti servono, anche urgentemente: ne siamo tutti consapevoli e in quest'ottica le Istituzioni hanno il diritto e il dovere di concorrere alla risoluzione di un problema che rischia di diventare sempre più drammatico. Proprio per questo, però, ciascuno deve fare la propria parte di lavoro: Roma in primis". Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, commentando il documento che la Città Metropolitana di Roma Capitale ha inviato ai sindaci metropolitani in merito all'individuazione di aree idonee per la realizzazione di discariche di rifiuti.

11/05/2017 - 18:41

“Anche  sulla questione degli emolumenti per i tre commissari di Alitalia, i Cinquestelle dimostrano la loro tendenza a concentrarsi sulle pagliuzze scandalistiche e perdere di vista la trave, ovvero la sopravvivenza della compagnia con tutto ciò che questo comporta in termini sociali ed economici”. Lo dichiara Emiliano Minnucci, deputato del Partito democratico e componente in Commissione Trasporti alla Camera, in riposta alle dichiarazioni di M5S su Alitalia.

“Come ha già chiarito Giacomelli in Commissione – spiega - a stabilire gli emolumenti  dei commissari è un decreto, che fissa dei parametri. Ed essi sono tali da prevedere compensi ridotti del 50% per evitare gli inaccettabili eccessi  del passato. Premesso che si tratta di un tema su cui, se necessario, potremo intervenire ulteriormente, quel che conta davvero è salvare l’azienda e i 20mila posti di lavoro. I Cinquestelle non solo non hanno dato alcun contributo positivo ma la smania di scoop su cui speculare, li porta a mettere ad anteporre dettagli come le spese per le poltroncine alla sopravvivenza stessa della compagnia.  Tanto per fare un esempio,  sulla base di quale analisi ritengono l’importo del prestito-ponte indispensabile per far vivere Alitalia troppo alto? Hanno capito che si tratta comunque di un prestito oneroso?”.

“I 5 Stelle è non hanno ancora capito che governare significa fare delle scelte e non solo sostituirsi ai pm per ragioni di consenso. Per noi quel che conta è salvare Alitalia. I grillini dimostrino che anche per loro 20mila posti di lavoro sono più importanti della loro propaganda”, conclude.

10/05/2017 - 16:22

"Le parole rilasciate dalla Raggi nel corso della trasmissione Porta a Porta mettono l'accento sull'incapacità amministrativa dei cinque stelle che, inevitabilmente, sta producendo veri e propri disastri a Roma e nel suo hinterland. La Raggi parla di Aprilia come discarica di Roma senza sapere che il territorio in questione, ospitando impianti di trattamenti rifiuti, è già ampiamente esposto ad eventuali problematiche ambientali. A parte questo, però, resta il principio di fondo che la Raggi non può pensare di far fronte al problema rifiuti della Capitale promuovendo l'installazione di discariche fuori dai suoi confini e, perciò, nei comuni dell'area metropolitana. È ora di darci un taglio con questa logica romanocentrica perpetrata a discapito della provincia e a sostegno di Roma e non dei romani che, paradossalmente e a causa dell'incompetenza pentastellata, sono costretti a fare i conti con topi e montagne di rifiuti che stanno nascendo spontaneamente lungo le strade cittadine. Se la Raggi ha un problema rifiuti a Roma ha il dovere di risolverlo senza scaricarlo negli altri territori". Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, commentando le parole di Virginia Raggi rilasciate ieri sera nel corso della trasmissione Porta a Porta.

09/05/2017 - 10:31

“Caro Grillo, purtroppo non è necessaria alcuna campagna per dimostrare l’inadeguatezza dei 5 stelle alla prova del governo delle città. Basta osservare realtà. E la realtà non la puoi cambiare con le invettive del tuo blog. Che Roma sia vergognosamente sommersa dai rifiuti è sotto gli occhi di tutti e le promesse e gli impegni presi con i cittadini romani dopo quasi un anno di amministrazione si sono sciolte come neve al sole. Inutile prendersela con il passato: è solo un modo squallido di sfuggire alle proprie responsabilità”.
Lo dichiara il deputato dem Emiliano Minnucci.

28/04/2017 - 13:14

“Apprendo con soddisfazione che il Governo è in procinto di modificare il Codice della Strada in merito alla circolazione delle auto con targhe straniere. La modifica al CdS, come sottolineato ieri nella risposta al mio Question Time presentato in Commissione Trasporti, vieterà a chiunque sia residente in Italia da più di sessanta giorni di circolare con veicoli immatricolati all'estero. A riguardo, sarà fatta salva l'ipotesi di veicoli concessi in leasing o in locazione senza conducente da parte di imprese costituite in un altro Stato membro dell'Unione Europea o aderente allo Spazio Economico Europeo, nonché l'ipotesi di veicoli concessi in comodato a soggetti residenti in Italia e legati da un rapporto di lavoro o di collaborazione con imprese costituite in un altro Stato membro dell'UE o aderente allo SEE. L’impostazione data a questo provvedimento rappresenta un importante punto di partenza per risolvere una situazione che nel corso del tempo è degenerata in un vero e proprio caos normativo a discapito dei cittadini onesti e delle stesse forze dell’ordine impegnate nei nostri territori. Mi auguro, dunque, che l’iter per la modifica del CdS sia piuttosto veloce al fine di iniziare ad apportare quelle regole fondamentali utili a garantire una maggiore sicurezza stradale e, tra l’altro, quell’equità sociale che, relativamente a questo argomento, in questi anni è sempre venuta meno. In quest’ottica, infine, consiglio al Governo di non escludere a priori l’idea di intervenire attraverso un decreto”. Lo dichiara il deputato Pd, Emiliano Minnucci, che ieri ha presentato un’interrogazione a risposta immediata sul tema delle targhe straniere in Commissione Trasporti.

03/04/2017 - 12:38

 “Arringa le folle con veemenza e fervore. Ulula alla luna come un lupo solitario vittima  delle ingiustizie e delle illegalità: Alessandro Di Battista è il nuovo Masaniello in blue jeans sempre pronto a salire sui palchetti gridando al mondo quant’è sporco il ‘sistema’, quanto è marcia la partitocrazia, denunciando l’influenza di quei poteri forti che impongono opere inutili a danno dell’ambiente e della salute pubblica. L’ultimo show del Dibba nazionale è andato in scena a Melendugno in occasione della manifestazione NO TAP contro la realizzazione del gasdotto transadriatico: ha parlato di ipocrisia e di malaffare, ha parlato di quei loschi poteri finanziari che, oltre a imporre opere inutili come il gasdotto, dettano le linee editoriali dei principali quotidiani italiani. Perché Di Battista non ha usato e non usa la stessa irruenza per denunciare la grave situazione del Lago di Bracciano che rischia di morire a causa delle continue captazioni perpetrate da Acea? Invece di partecipare alla trasferta pugliese, il caro Di Battista poteva tranquillamente intervenire alla manifestazione pro Lago organizzata a Trevignano sabato scorso: perché non l’ha fatto? Perché non ha mai detto nulla in merito a una situazione che rischia seriamente di tramutarsi in un vero e proprio disastro ambientale? Perché non annovera Acea tra quei poteri forti che per i propri interessi mette a repentaglio l’ambiente e le eccellenze paesaggistiche di un intero territorio? Forse perché vuole insabbiare l’inerzia della Sindaca di Roma? O forse perché non vuole disturbare quel cane che dorme di nome Acea che in queste ultime ore è al centro di una vera e propria spartizione tra le varie componenti del M5S? Prima di parlare di ipocrisia e malaffare, Di Battista dovrebbe guardarsi allo specchio e fare un sano esame di coscienza”. Lo dichiara il deputato Pd, Emiliano Minnucci, commentando l’intervento dell’On. Alessandro Di Battista nel corso della manifestazione NO TAP a Melendugno.

29/03/2017 - 14:28

"Dopo l’approvazione della legge sull’omicidio stradale, quella di oggi è stata un’altra giornata che potrebbe valere un’intera legislatura: in sede legislativa abbiamo approvato la PdL sulla Giornata in ricordo delle vittime della strada. Un risultato importante che risponde all’esigenza di dare sostegno alla sicurezza stradale sensibilizzando l’attenzione dei cittadini soprattutto sul piano educativo e, dunque, della prevenzione. Ora, dopo l’approvazione del Senato, anche il nostro Paese si doterà di una legge dall’alto valore morale e civile che è stata ampiamente condivisa da tutti i gruppi parlamentari tanto da rendere plausibile una sua rapida approvazione in via definitiva. A questo punto mi auguro, anche in considerazione dell’importante lavoro svolto in questi mesi da tutte le Commissioni parlamentari, si proceda speditamente al fine di approvare immediatamente questa proposta e mettere in campo sin da subito un programma di iniziative concrete, aperte alla prevenzione e alla sensibilizzazione, in vista della terza domenica del prossimo novembre che, finalmente, passerà alla storia come la prima giornata nazionale in ricordo delle vittime della strada”. Lo ha detto il deputato Dem, Emiliano Minnucci, primo firmatario della Pdl sull’istituzione della Giornata in memoria delle vittime della strada approvata oggi in sede legislativa in Commissione Trasporti della Camera dei Deputati.

 

27/03/2017 - 13:08

“Dopo 14 indagati del Movimento 5 stelle a Palermo per falsificazione delle firme, tra i quali tre deputati nazionali e due regionali, quattro indagati a Bologna sempre per irregolarità sulle firme, arrivano anche a Roma le anomalie sulla raccolta di firme per le elezioni comunali. Ci auguriamo di non dover attendere la magistratura per avere un po’ di chiarezza sull’ennesima firmopoli a 5stelle.

- così Emiliano Minnucci, deputata romana del Partito democratico, in merito a quanto emerso nel servizio delle Iene andato in onda ieri sera -

“Virginia Raggi prima della sua elezione aveva firmato un contratto con il Movimento che la obbligava al rispetto dei principi etici e giuridici fondamentali e inderogabili del M5S, ma – sottolinea il deputato Dem - evidentemente questi comportamenti non violano il codice pentastellato. A fronte dell’atteggiamento reticente di Virginia Raggi intervengano Grillo e Casaleggio per fare luce su quanto accaduto e per dare un po’ di concretezza allo slogan “onestà”, che - conclude Minnucci - in bocca agli esponenti 5stelle sembra una vuota cantilena priva di senso”.

24/03/2017 - 17:41

“In queste ore abbiamo appreso dunque che la scelta di non autorizzare la manifestazione pro lago non è figlia di disattenzione e leggerezza ma, piuttosto, della superbia e dell’arroganza a cinquestelle che dimostra un dilettantismo e un grado di incompetenza disarmante. Appellandosi alla mancanza di autorizzazioni prefettizie di pubblica sicurezza, la Sindaca Anselmo non solo ha dimostrato di non conoscere la normativa ma neanche quella Costituzione che lo scorso 4 dicembre hanno fatto finta di difendere. La Sindaca dovrebbe sapere che siamo e viviamo in un Paese libero e democratico dove, secondo l’articolo 17 della nostra Costituzione, i cittadini hanno il diritto di riunirsi pacificamente in luoghi pubblici per manifestare il proprio pensiero. La verità è che la banda grillina, su ordini di scuderia, non solo non ha autorizzato la manifestazione calpestando quella libertà di manifestare che è un diritto imprescindibile del nostro Paese, ma ha fatto in modo di boicottarla subdolamente negando al Comitato promotore quel sostegno che un’amministrazione locale dovrebbe garantire in situazioni che accumulano la sensibilità e la preoccupazione di migliaia di residenti. È questa la triste verità che la Sindaca a cinque punte, nel goffo tentativo di tirare in ballo l’aspetto sicurezza trasformando magicamente Anguillara in Parigi o Londra, non ha voluto ammettere neanche in queste ore continuando a giustificare una scelta francamente indifendibile”.

Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, commentando il post facebook pubblicato questo pomeriggio dalla Sindaca di Anguillara Sabazia, Sabrina Anselmo.

24/03/2017 - 10:48

 “Quello che è accaduto in queste ultime 48 ore ad Anguillara è estremamente grave perché, oltre a denigrare il nostro territorio, umilia l’impegno messo in campo dal ‘Comitato di difesa del bacino lacuale Bracciano-Martignano’ nella lotta a difesa del Lago di Bracciano. La manifestazione in programma domani ad Anguillara Sabazia non ha ricevuto l’autorizzazione da parte dell’Amministrazione cinquestelle: se il Comitato apartitico e indipendente, ha utilizzato, con stile e savoir-faire, toni laconici per comunicare l’annullamento dell’iniziativa, noi abbiamo il dovere di chiarire come stanno effettivamente le cose. La sindaca Anselmo, coadiuvata dal sindaco ombra Piccioni, appellandosi a fantomatici e capziosi cavilli burocratici, non ha concesso il permesso di organizzare la manifestazione pro lago. Una decisione che testimonia come le Amministrazioni locali pentastellate  siano un vero e proprio braccio armato dei poteri forti e, in questo caso, della Raggi e di Acea. La sindaca grillina di Anguillara, invece di accogliere l’invito a partecipare a quella che sarebbe dovuta essere una manifestazione apartitica e civile, partecipata da tutti quei cittadini preoccupati per le gravi condizioni del lago, da soldatina leale ha preferito dire «obbedisco» alla coppia Grillo/Raggi privilegiando gli interessi dei privati a quelli della collettività. Privilegiando gli interessi di Acea che, di fronte a una situazione che rischia di sfociare in un realistico disastro ambientale, si è limitata in questi ultimi giorni a presentare un piano interventi approssimativo che, peraltro, non fa alcun cenno né alla realizzazione di nuove opere nel nostro territorio né alla fondamentale e immediata sospensione del prelievo delle acque. La mia solidarietà, dunque, non va solo al  “Comitato di difesa del bacino lacuale Bracciano-Martignano”, che invito a non desistere dall’impegno profuso in questi mesi, ma anche a tutti quei cittadini pronti a scendere in piazza per difendere quel simbolo storico e ambientale che non possiamo far morire a causa dell’arroganza della Casaleggio Associati”. Lo ha detto il deputato Pd, Emiliano Minnucci, commentando la decisione del Comune di Anguillara Sabazia di non autorizzare la manifestazione in programma domani nel Comune sabatino.

20/03/2017 - 16:50

“Sabato prossimo sarò accanto al ‘Comitato difesa Bracciano-Martignano’ e a tutti i cittadini del territorio che, preoccupati della situazione legata all’abbassamento delle acque del bacino, hanno organizzato una manifestazione pubblica a tutela del Lago di Bracciano. Se di fronte la scarsità delle piogge siamo e rimaniamo impotenti, contro l’azione della mano umana, però, possiamo far sentire la nostra voce al fine di incentivare interventi risolutivi e immediati con l’obiettivo di ripristinare il normale livello delle acque e scongiurare quel disastro ambientale che, arrivati a questo punto, sembra inevitabile. Dalla petizione online alla riunione convocata dal Consorzio del lago, dalla denuncia di Legambiente agli incontri organizzati in Regione: l’attenzione riversata in questi ultimi mesi sulla situazione del nostro bacino non sembra abbia interessato Acea che, convinta della bontà della sua attività, prosegue con la captazione delle acque. Un atteggiamento disinteressato che preoccupa ancora di più la nostra Comunità ormai pronta a lanciare il suo grido dall’allarme e un invito forte e determinato a Piazzale Ostiense: fermate momentaneamente le captazioni e trovate soluzioni alternative perché il tempo delle parole è finito, è arrivato quello dei fatti”.

Lo ha detto il deputato PD, Emiliano Minnucci, sulla manifestazione di sabato prossimo, ore 16:00 in Piazza del Molo ad Anguillara Sabazia, che vedrà la partecipazione dei cittadini del territorio.

17/03/2017 - 11:03

Presto in commissione verrà approvata legge su giorno della memoria

“Dopo un anno dall’introduzione in Italia del reato di omicidio stradale e dall’inasprimento delle pene per chi provoca incidenti, il numero dei morti è sceso del 6,7 per cento. È un dato che parla da solo. Mentre confermiamo la nostra vicinanza ai familiari delle vittime, rinnoviamo l’impegno che abbiamo preso con le associazioni: presto in commissione Trasporti approveremo in sede legislativa la proposta di legge, di cui sono primo firmatario, che istituisce la giornata della memoria delle vittime della strada nella terza domenica di novembre. Speriamo che anche l’Italia, come tanti altri Paesi, possa celebrare presto questa giornata che è stata riconosciuta dall’Onu e dall’Ue. Il Pd mantiene gli impegni presi con i familiari delle vittime e con le associazioni per la prevenzione e il ricordo delle vittime”.

Lo ha detto Emiliano Minnucci, deputato del Pd componente della commissione Trasporti.

Pagine