09/06/2015 - 19:48

“Ritengo che le dimissioni di Marco Vincenzi da capogruppo del Pd al Consiglio regionale del Lazio rappresentino un gesto di responsabilità e serietà politica. Un gesto compiuto in seguito al chiarimento della posizione dello stesso Vincenzi, che ha dichiarato la sua estraneità all'ipotesi di favoreggiamento alle cooperative che fanno capo a Salvatore Buzzi ‎e sebbene ad oggi non abbia ricevuto alcun avviso di garanzia. Conosco Marco Vincenzi e le sue capacità amministrative e le sue dimissioni confermano il suo rispetto per le Istituzioni e per lo Stato. In questo frangente molto delicato per la città di Roma e per la Regione Lazio non si può che ribadire con forza la fiducia nella magistratura, sperando che le indagini in corso portino presto alla luce tutta la verità sul sistema Mafia Capitale”.

Lo afferma il deputato del Pd Emiliano Minnucci.

03/06/2015 - 14:44

“I dati pubblicati oggi dall’Istat sull’occupazione sono incoraggianti e ci spingono a proseguire con ancora maggiore energia sulla strada delle riforme economiche intrapresa dal Governo. La speranza è quella di essere realmente, come ha affermato il Ministro Poletti, davanti alla coda di una crisi pesantissima”. Così il deputato PD, Emiliano Minnucci, ha commentato i dati Istat pubblicati oggi sull’occupazione.

“I dati sono estremamente buoni perché le 159mila assunzioni in più registrate nel mese di aprile riguardano sia il nord che il sud Italia e non hanno confini generazionali e di genere – ha continuato Minnucci -. Ora la priorità è lavorare per dare gambe solide alla ripresa economica, cercando di ridurre i divari geografici ancora presenti nel nostro Paese e investendo risorse ed energie sull’occupazione giovanile per recuperare il terreno perso negli ultimi anni”.

 

28/05/2015 - 17:45

“Le notizie che si susseguono sul Terminal 3 dell’aeroporto di Roma Fiumicino sono preoccupanti e necessitano di risposte tempestive e concrete”.

 Così il deputato PD e membro della Commissione Trasporti della Camera, Emiliano Minnucci, è intervenuto in merito al sequestro del molo D del Terminal 3 dell’aeroporto di Fiumicino da parte della Procura della Repubblica di Civitavecchia.

“Il sequestro preventivo del Molo D, così come le denunce di moltissimi lavoratori riguardanti problemi  respiratori e cutanei in seguito alla riapertura del Terminal 3 – ha continuato Minnucci - ci consegnano un quadro decisamente allarmante e sul quale è necessario fare luce al più presto.

Oltre ai danni economici, è infatti in ballo la sicurezza e la salute dei lavoratori a cui vanno la mia solidarietà e sostegno. Bene ha fatto quindi il Presidente della Commissione trasporti della Camera, Michele Meta a convocare i vertici di Enac e Adr il prossimo 3 giugno, per fare chiarezza sugli incidenti all'aeroporto di Fiumicino e sulla situazione attuale dello scalo. La priorità in questo momento deve essere la tutela della salute e la sicurezza di lavoratori e passeggeri. Il Parlamento non si deve sottrarre alle proprie responsabilità nel cercare delle soluzioni per il presente ed il futuro del primo aeroporto nazionale".

 

 

23/04/2015 - 17:23

"Alla vigilia del 25 aprile la revoca del finanziamento per il mausoleo al gerarca fascista Graziani è una bellissima notizia. Non si poteva finanziare, con soldi pubblici, un monumento che celebra un esponente di primo piano del regime fascista ed ex ministro della Repubblica di Salò". Lo scrivono i deputati del Partito Democratico Monica Gregori, Renzo Carella, Andrea Ferro, Emiliano Minnucci, Ileana Cathia Piazzoni e Marietta Tidei commentando la notizia della revoca, annunciata dalla Giunta regionale del Lazio, del finanziamento concesso al Comune di Affile.

"Con la decisione della giunta regionale si ristabilisce la normalità - proseguono i deputati dem - e si impedisce ad una Pubblica Amministrazione di compiere un abuso ed una scorrettezza istituzionale. Da parte nostra un plauso al Presidente Zingaretti per aver risolto così il problema ed aver contribuito a non distorcere la storia”.

 

24/03/2015 - 13:37

“Impegniamo il governo ad attivarsi per trovare e stanziare le risorse necessarie alla manutenzione ordinaria e straordinaria della rete stradale del nostro Paese. Un impegno fondamentale per migliorare la sicurezza dei cittadini e ridare forza ad un settore economico che è stato fortemente penalizzato dalla crisi economica. In questi anni l'Unione europea ha ribadito più volte la sua strategia e i suoi obiettivi per la sicurezza stradale, incoraggiando gli Stati a migliorare le infrastrutture stradali e sensibilizzando gli utenti ad un comportamento più corretto”.

Così il deputato Pd, Emiliano Minnucci, ha spiegato i motivi della risoluzione, di cui è primo firmatario, depositata oggi in commissione Trasporti della Camera dei deputati.

“I dati diffusi da Siteb (Associazione dei costruttori e manutentori delle strade) mostrano una realtà ben lontana da quella ambita ed evidenziano come i consumi di asfalto, per la manutenzione ordinaria e straordinaria della rete stradale italiana, si sono dimezzati rispetto al periodo precedente alla crisi economica, passando dai 44 milioni di tonnellate del 2006 a 22,3 nel 2014. Lo stesso studio dimostra come, per la manutenzione ordinaria della rete stradale del nostro Paese, occorrerebbero 40 milioni di tonnellate di asfalto annue, circa 18 in più rispetto quelle utilizzate lo scorso anno. Tale riduzione, ovviamente, ha ripercussioni dirette sulla mobilità e sulla sicurezza dei cittadini, poiché strade prive della manutenzione ordinaria sono strade più lente e pericolose e spesso costituiscono un elemento determinante nella dinamica degli incidenti stradali nonché sul triste primato italiano in materia: 181 mila incidenti nel 2013 con ben 3.385 morti e con costi sociali stimabili in circa 26.000 milioni di euro- ha aggiunto il deputato. “La messa in sicurezza del territorio e della rete stradale – ha concluso Minnucci – è anch’essa una «grande opera» che il nostro Paese dovrebbe affrontare con rapidità e convinzione. Un'operazione che oltre a rendere un servizio evidente e tangibile ai cittadini, rilancerebbe settori fondamentali per l'economia italiana molto colpiti dalla crisi, senza peraltro consumare ulteriore suolo”.

 

31/01/2015 - 15:41

“Oggi si è scritta una bella pagina della storia repubblicana italiana. Non posso che esprimere la mia più grande soddisfazione per l’elezione di Sergio Mattarella a Presidente della Repubblica”. Lo dichiara il deputato del Partito Democratico Emiliano Minnucci.

“Il Presidente Mattarella – spiega Minnucci - cui vanno i miei più grandi auguri di buon lavoro per i prossimi sette anni, è senza dubbio una figura di assoluta autorevolezza, con la storia e le capacità personali necessarie per ricoprire la prima carica istituzionale del Paese”.

“Un Presidente – continua il deputato democratico - che saprà certamente gestire la fase di profonde e importanti riforme istituzionali che abbiamo davanti, e mantenere allo stesso tempo il nostro Paese ancorato alla sua storia democratica ed europea. Quella di oggi è un’elezione che, per numeri e tempi, ha permesso inoltre al Partito Democratico e al Parlamento, di riscattarsi dagli infelici eventi che solo due anni fa portarono il sistema istituzionale italiano vicino al collasso e alla rielezione di Giorgio Napolitano”.

“Ora credo sia fondamentale proseguire il cammino delle riforme con rinnovata forza e con la consapevolezza di tempi parlamentari più certi. Buon lavoro Presidente”, conclude Emiliano Minnucci.

 

23/12/2014 - 11:31

“L’incendio contro l’alta velocità avvenuto stanotte nella stazione di Bologna è un atto contro l’Italia che cerca di rinascere e cambiare, crescere e andare avanti guardando al futuro. L’alta velocità è infatti un’opera che non solo migliora la qualità della vita ma modernizza il Paese. È un atto che condanniamo fermamente; non è ammissibile che frange estremiste danneggino beni pubblici e cavalchino il disagio sociale facendone la bandiera della loro follia”.

Lo ha detto Emiliano Minnucci, deputato del Pd componente della commissione Trasporti.

 

05/09/2014 - 13:13

“Ritengo che l’eventuale uscita di Civitavecchia dall’area Metropolitana di Roma per approdare alla Provincia di Viterbo costituirebbe una scelta autolesionista fatta senza tener conto del futuro sviluppo della città”. Così il deputato PD, Emiliano Minnucci, ha commentato l’annuncio del Movimento 5 Stelle di una delibera consiliare per sancire la non adesione di Civitavecchia alla Città Metropolitana di Roma.

Minnucci spiega: “Rinnegare in maniera unilaterale il rapporto di reciproco interesse economico, sociale e culturale che lega Civitavecchia con Roma significa decidere volontariamente non solo di rallentare lo sviluppo di infrastrutture di collegamento con la Capitale, ma anche di non avere alcuna voce in capitolo sul futuro di un’area che è e resta de facto fondamentale per lo sviluppo economico di Civitavecchia. L’alternativa sarebbe infatti quella di entrare a far parte dell’ex-provincia di Viterbo, un territorio il cui assetto istituzionale è ancora in fase di definizione e che quindi non dà alcuna garanzia su quali funzioni e poteri avrà come entità “sovra-comunale”, né di quali risorse economiche potrà usufruire.”

“Credo sia importante – conclude Minnucci – che tutte le forze politiche e sociali riflettano seriamente sulle conseguenze di una tale decisione, superando le divisioni di parte e agendo secondo l’interesse generale della città.”

 

01/08/2014 - 17:28

“Soddisfazione per l’accordo raggiunto tra Aliatlia e Etihad, ora pensiamo agli oltre 2 mila dipendenti che rischiano di perdere il posto di lavoro”. Lo ha dichiarato il Pd Emiliano Minnucci, componente della commissione Trasporti, che ha aggiunto “ Non possiamo che essere contenti che un’ azienda strategica come è l’Alitalia venga salvata. Ora il Governo affronti con il medesimo impegno il grave problema dell’occupazione dei 2.171 dipendenti. Anche le istituzioni locali si adoperino in questo senso: i lavoratori non devono e non possono essere abbandonati. L’occupazione nel trasporto aereo ha già subito penalizzazioni, soprattutto a Roma, adesso c’è la necessità di una risposta solida che, ci auguriamo, non vada nella direzione inaccettabile di far pagare ai lavoratori il salvataggio Alitalia”.

 

29/07/2014 - 18:46

“Personalmente ritengo che per una discussione valida e proficua sull’area metropolitana di Roma, il Partito Democratico debba uscire dalla vecchia logica di contrapposizione città-provincia e iniziare a pensare realmente a come riorganizzare, sia a livello istituzionale che politico, la nuova Città Metropolitana”. Lo dichiara Emiliano Minnucci, deputato del Partito Democratico.

“La discussione sull’Area metropolitana non può essere ridotta a una questione di nomi e poltrone, ma deve essere all’altezza della sfida che ci troviamo davanti. Rinnovare il dualismo città-provincia non giova a nessuno. In questo solco si inserisce anche la necessità di costituire una federazione unitaria del Pd metropolitano, in grado di adeguarsi ai nuovi assetti istituzionali”, conclude il parlamentare democratico.

 

Pagine