02/05/2016 - 11:29

"Importante decisione assunta dal CIPE con il rifinanziamento per 40 milioni di euro degli Incentivi per la Piccola Imprenditorialità Giovanile e per l'Autoimpiego nel Mezzogiorno.  Si tratta di una misura molto attesa e di grande significato, per la quale è stato decisivo l'impegno del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Luca Lotti.

Infatti, nonostante la grave crisi che ha investito il nostro Paese, tali incentivi, previsti dal titolo II del D.lgs. n. 185/2000, hanno funzionato benissimo in questi anni, favorendo nelle Regioni meridionali la nascita di tantissime piccole, solide ed efficienti imprese, che nei fatti hanno superato la difficile sfida del mercato e della competizione, concorrendo alla occupazione stabile di più di 200.000 persone, in assoluta prevalenza giovani e donne disoccupati ovvero alla ricerca della prima occupazione. Più volte e da circa un anno, sia con iniziative specifiche nelle sedi parlamentari sia con il dialogo diretto con diversi Rappresentanti del Governo, ho sollecitato la soluzione positiva e stabile di tale fondamentale vicenda. Il rifinanziamento da parte del CIPE consente finalmente la prosecuzione di tale positiva ed utilissima esperienza, che può dare sicuramente una spinta rilevante alla crescita delle attività economiche e produttive nel Sud". Lo ha dichiarato il deputato Pd Tino Iannuzzi .

21/04/2016 - 17:48

La commissione Ambiente ha approvato il parere al Def con la condizione di incrementare in misura significativa gli investimenti in infrastrutture nel Mezzogiorno, innanzitutto per le reti ferroviarie.

“È importante e significativo che la Commissione Ambiente e Lavori Pubblici, in sede di parere sul DEF 2016,  abbia sollecitato, con l'approvazione di una apposita condizione, il  Governo ad  incrementare le risorse finanziarie da destinare al potenziamento infrastrutturale nelle regioni del Mezzogiorno, nell’ottica sempre più urgente ed indispensabile del  riequilibrio socio-economico tra le diverse aree del territorio nazionale, così come avevo richiesto nel corso del dibattito. La Commissione ha giustamente rilevato la carenza di un’adeguata rete infrastrutturale nel Sud, attestata in primo luogo dalla minima e del tutto insufficiente quota di investimenti destinati ai territori meridionali in rapporto al Centro Nord, relativamente alla realizzazione delle opere ferroviarie oggi più che mai indispensabili. Questa situazione di deficit infrastrutturale nel Sud costituisce un obiettivo e gravissimo  ostacolo al rilancio della crescita e degli investimenti, pregiudicando lo sviluppo non solamente del Meridione, ma  di tutto il Paese. Pertanto, in una logica nazionale di sviluppo unitario dell'intero Paese, è necessario adottare misure e interventi, nonché aumentare in modo considerevole i finanziamenti per il potenziamento delle infrastrutture meridionali”.

Lo ha detto Tino Iannuzzi, Vice-Presidente della Commissione Ambiente e Lavori Pubblici.

02/03/2016 - 15:41

Interrogazione al Presidente del Consiglio e ai ministri del Lavoro e dello Sviluppo economico

 

" Per sollecitare il rifinanziamento degli incentivi per la Piccola  Imprenditorialità giovanile e per l'Autoimpiego ho presentato,  unitamente al collega Edoardo Fanucci e ad altri 10 deputati, una nuova Interrogazione al Presidente del Consiglio, ai ministri del Lavoro e dello Sviluppo Economico. Si tratta di una decisione che non può essere ulteriormente rinviata o ritardata. Infatti, questi incentivi (previsti dal titolo II del D.lgs. n. 185/2000) hanno funzionato  benissimo fino ad ora, favorendo nelle Regioni  del Mezzogiorno la nascita di tantissime piccole e efficienti imprese che nei fatti hanno superato la difficile sfida del mercato e della competizione, concorrendo alla occupazione stabile di più' di 200.000 persone – in assoluta prevalenza giovani e donne  disoccupati, ovvero alla ricerca della prima occupazione - e dando anche impulso al mondo dei giovani professionisti (commercialisti, fiscalisti, consulenti del lavoro) impegnati nella predisposizione delle  relative pratiche". Lo ha dichiarato il deputato Pd Tino Iannuzzi che spiega: “Più' volte, sia con iniziative specifiche nelle sedi parlamentari, sia nella discussione della Legge di Stabilità 2016, sia con il dialogo diretto con il Ministro Poletti ed il Sottosegretario De Vincenti, abbiamo sollecitato la soluzione positiva e stabile di tale fondamentale vicenda. Del resto il Governo a più riprese ha espresso un giudizio pienamente positivo su queste agevolazioni. E' necessario, pertanto – conclude -  che senza altri ritardi e rinvii, come  auspicato anche più' volte dall'Amministratore delegato di Invitalia Arcuri, il CIPE deliberi il rifinanziamento di tali incentivi, da agosto scorso completamente bloccati, con tanti effetti negativi specialmente nel Sud".

29/01/2016 - 14:19

Accelerare al massimo suo completamento 

Question time in commissione Ambiente - Lavori pubblici

Il deputato Pd  Tino Iannuzzi, vicepresidente della commissione Ambiente-Lavori Pubblici, è intervenuto con un question time in commissione  sulla  vicenda dei lavori di  ammodernamento e messa in sicurezza dell'Autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria.

 “ Dalla risposta del sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture Del Basso de Caro - ha dichiarato Iannuzzi -  emerge che i lavori sono stati completati per l'80% dell'attuale tracciato: sono ultimati e fruibili dagli utenti e dai cittadini 355 km della Autostrada, l’80% dell’intero tracciato, che ricomprendono tutti i 118 km. della tratta campana, 30  km in Basilicata e  207 km in Calabria. Sono in avanzata esecuzione  20 km (circa 5% della Autostrada) , con lavori in Calabria relativi al Macrolotto 3 parte 2, che hanno raggiunto una percentuale di avanzamento del 57%”.

“E' realistico  - prosegue il deputato Pd - l'obiettivo del Governo di anticipare per questo macrolotto la  conclusione per la fine del 2016, rispetto al termine di novembre 2017 contrattualmente preventivato. Invece e' in svolgimento la gara di appalto per la tratta finale di 10 Km dell’autostrada tra gli svincoli di Campo Calabro e Reggio Calabria/Santa Caterina. Per i restanti interventi, per completare tutta l'opera con costi sostenibili e tempi celeri, il Ministero e l'ANAS giustamente stanno valutando la possibilità di procedere con un'ipotesi progettuale, fondata essenzialmente sul recupero del patrimonio viario esistente. Tale ipotesi prevede la manutenzione straordinaria della sede autostradale nella attuale configurazione, con le varianti di tracciato giudicate necessarie, con interventi strutturali e messa in sicurezza delle opere presenti,  con  l'adeguamento delle dotazioni impiantistiche e di illuminazione. 

   Un’ impostazione che permette non solo di ridurre il ricorso alle varianti di tracciato, e gli  impatti sull'ambiente, ma anche di diminuire tempi e costi di esecuzione, consentendo di realizzare nuove opere nel breve periodo,  con la possibilità di utilizzare i finanziamenti già assegnati con la legge di stabilità 2015 per 150 milioni di euro, con il D.L. Sblocca Italia per circa 300 milioni di euro.  La spesa complessiva per questi interventi e' poco più di 1 miliardo di euro.

“ Vanno accelerati al massimo – conclude Iannuzzi -  opere in corso, gare e finanziamenti, atteso che ora più' che mai, anche con la nuova ed opportuna scelta progettuale, può' e deve essere completata nel breve periodo tutta l’opera.

17/11/2015 - 19:11

Trasparenza e legalità, semplificazione normativa e procedure

"La delega sugli appalti pubblici e' una riforma fondamentale per il nostro Paese, e' un'altra pagina dell'Italia che cambia, che ha ripreso con determinazione la via della crescita e dello sviluppo, che sa innovare e modernizzarsi, che ha riacquistato fiducia e speranza", ha affermato il deputato del Pd Tino Iannuzzi, nel corso della dichiarazione di voto finale in Aula.

Trasparenza, legalità' e lotta alla corruzione; semplificazione del sistema normativo nel campo degli appalti, oggi farraginoso, incerto e iperburocratico con la introduzione del nuovo codice, destinato a includere tutte le disposizioni di rango legislativo, e di linee guida secondo un modello di soft law ben più' agile e snello e di più' immediata e diretta applicazione per le imprese e per le amministrazioni. Questi sono i principi guida della riforma fortemente voluta dal ministro Delrio e seguita con competenza dai due relatori Mariani e Cera.

Si supera così il fallimentare sistema della legge obiettivo, si restituisce centralità' alla progettazione, si limitano giustamente le varianti in corso di opera, si riducono le stazioni appaltanti, si circoscrive il ricorso al criterio del massimo ribasso, si qualificano le imprese alla luce di criteri sostanziali per premiare la loro affidabilità nel rispettare tempi e costi di esecuzione; sono previste misure in favore delle piccole e medie imprese; si introducono forme di dibattito pubblico con il coinvolgimento e la partecipazione delle comunità locali su grandi progetti infrastrutturali e di rilevanza sociale.

Decisivo è centrale stato il ruolo del Pd in tutte queste limpide e incisive scelte di fondo.
Abbiamo lavorato efficacemente per costruire una delega che consente di voltare pagina nel mondo degli appalti, dando grande impulso al mondo delle imprese, alla realizzazione di tutte le infrastrutture che servono allo sviluppo del Paese, al potenziamento dei collegamenti, al miglioramento della qualità' della vita per le persone e le comunità". 

06/11/2015 - 15:01

Molto positivo l’impegno del Sottosegretario Vicari

"Importante e significativa la volontà' espressa oggi dal Ministero dello Sviluppo attraverso il sottosegretario Simona Vicari di rifinanziare gli incentivi per la piccola Imprenditorialità' giovanile e per l'Autoimpiego. Nonostante la grave crisi che ha investito il nostro Paese, gli incentivi (previsti dal titolo II del D.lgs. n. 185/2000) hanno funzionato benissimo fino ad ora, favorendo nelle Regioni del Mezzogiorno la nascita di tantissime piccole e efficienti imprese che nei fatti hanno superato la difficile sfida del mercato e della competizione, concorrendo alla occupazione stabile di più' di 200.000 persone, in assoluta prevalenza giovani e donne disoccupati ovvero alla ricerca della prima occupazione. Più' volte, sia con iniziative specifiche nelle sedi parlamentari sia con il dialogo diretto con il Ministro Poletti ed il Sottosegretario De Vincenti, ho sollecitato la soluzione positiva e stabile di tale fondamentale vicenda. E' necessario, pertanto, che già' nelle prossime settimane, come auspicato anche più' volte dall'Amministratore delegato di Invitalia Arcuri, il CIPE deliberi il rifinanziamento di tali incentivi, da agosto scorso completamente bloccati, con tanti effetti negativi, specialmente nel Sud. Estremamente positivo quindi, l'impegno del Sottosegretario Vicari."

E’ quanto dichiara il deputato del Pd Tino Iannuzzi

 

30/09/2015 - 19:22

È importante l’impegno assunto dal governo per il rifinanziamento degli incentivi a favore dell'autoimpiego e della micro-imprenditorialità giovanile e femminile. Infatti il ministero dello Sviluppo Economico, con il sottosegretario Antonello Giacomelli, in commissione Attività' Produttive, nel rispondere alla interrogazione che avevamo presentato con i colleghi Stefania Covello, responsabile nazionale del Pd per il Mezzogiorno, Luigi Famiglietti e Camilla Sgambato, ha affermato che si sta adoperando per reperire le risorse finanziarie necessarie con la ormai prossima legge di stabilità.
Queste agevolazioni hanno prodotto risultati straordinariamente positivi nel Mezzogiorno, favorendo la nascita di piccole imprese, condotte da donne o da giovani disoccupati o alla ricerca della prima occupazione, le quali nei fatti hanno dimostrato di saper affrontare e superare la sfida del mercato e della competizione con iniziative produttive stabili ed efficienti.
Sono nate ben 120.000 aziende che hanno originato più' di 220.000 nuovi occupati nel Sud. Inoltre, ne sono derivate molteplici positive ricadute anche per diversi settori dell'indotto e per tanti professionisti (commercialisti, tributaristi, consulenti del lavoro e fiscalisti) impegnati nell'utilizzazione di tali agevolazioni. Con i colleghi Covello, Famiglietti e Sgambato continueremo a seguire la vicenda e a incalzare il governo per il sollecito e congruo rifinanziamento di queste utilissime misure, la cui esperienza deve essere proseguita e sviluppata". Lo afferma il deputati del Pd Tino Iannuzzi.

 

21/07/2015 - 18:59

“Ringrazio i colleghi della VIII commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici che oggi, con il loro voto, mi hanno rieletto alla carica di vicepresidente di commissione. Confermo di rinunciare alla relativa indennità d’ufficio, pari a circa 6 mila euro annui, come del resto avevo già fatto in occasione della mia elezione alla stessa carica all’inizio della legislatura il 7 maggio 2013. Continueremo a lavorare con il massimo impegno sulle tante e fondamentali materie di competenza della commissione, sempre con uno spirito di confronto approfondito e serio sulle questioni di merito per ricercare soluzioni normative e proposte utili al Paese”.

Lo afferma Tino Iannuzzi, deputato del Pd. 

26/03/2015 - 18:34

Si allarga il contingente impegnato tra Napoli e Caserta contro i roghi tossici, grazie all'emendamento dei deputati Pd.

“Nel Decreto legge Antiterrorismo e Missioni Internazionali è stato disposto un rilevante incremento del numero complessivo di militari per presidiare il territorio e vigilare nella Terra dei Fuochi, grazie all'approvazione dell'emendamento dei deputati PD Salvatore Piccolo, Tino Iannuzzi, Valeria Valente, Michela Rostan e Giovanna Palma. Viene così' rafforzato l'impegno assunto dal Presidente del Consiglio Renzi: infatti, in primo luogo, e' stato prorogato al 31 dicembre 2015 il piano di impiego del contingente dei militari che sarà' di 200 unità' fino al 30 giugno 2015, raddoppiando così' il numero dei soldati impiegati che, nel primo anno di utilizzo, era stato limitato, invece, a soli 100 militari. In piu',a decorrere dal 30 giugno 2015, il predetto contingente sarà' aumentato a 300 unità . La Commissione Bilancio, con l'intervento risolutivo del Governo e del Gruppo PD, ha definito l'integrale copertura finanziaria per sostenere la relativa spesa.

Ogni pretestuosa polemica sulle risorse finanziarie disponibili e' del tutto priva di giustificazione! E' stato previsto, altresì , che - entro 120 giorni dall'entrata in vigore della legge di conversione - saranno disciplinate le modalità di utilizzo degli aeromobili a pilotaggio remoto ( c.d. DRONI) per il monitoraggio del territorio, al fine di contrastare e prevenire piu' efficacemente tutti i possibili reati di criminalita' organizzata e ambientale nella Terra dei fuochi. Con il voto della Camera, sono stati clamorosamente smentiti coloro che, con incredibile leggerezza, diffondono notizie infondate al solo scopo, chiaramente strumentale, di svilire l'azione positiva del Governo e di generare confusione e preoccupazione nella popolazione interessata. Con il DL si e' potenziata la missione dell’esercito a Napoli e Caserta, a conferma della volontà del Governo di affrontare risolutamente questo problema di straordinaria gravità', con una ferma azione dello Stato contro il traffico illecito dei rifiuti ed i poteri criminali”.

Così Salvatore Piccolo e Tino Iannuzzi, deputati del Partito democratico.

 

10/02/2015 - 14:57

Il tema della annunciata privatizzazione delle Poste Italiane e i suoi riflessi sui territori, inizia ad agitare il mondo politico. Questa mattina 67 deputati iscritti al gruppo del Partito Democratico guidati dal presidente dell’Intergruppo Parlamentare per lo Sviluppo della Montagna Enrico Borghi hanno depositato alla Camera un’interrogazione al ministro per lo Sviluppo Economico, sottoscritta tra gli altri dai deputati Iannuzzi, Braga, Realacci, Di Maio, Fanucci, De Menech sulla vicenda del ridimensionamento del servizio di Poste Italiane in aree marginali e montane.

Poste Italiane Spa - si legge nel testo dell’interrogazione - riceve significativi contributi da parte dello Stato nell’ambito della legge di stabilità per consentire agli uffici postali periferici di garantire l'erogazione dei servizi postali essenziali. Eppure il piano di riorganizzazione annunciato dall'azienda prevedrebbe, a livello nazionale, la chiusura di 455 Uffici Postali e la riduzione degli orari di apertura in 608 uffici. Ciò nonostante il presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni abbia in più occasioni ricordato che con apposita delibera l’Autority ha inserito specifici divieti di chiusura degli uffici che risiedono nelle aree remote, anche a fronte di volumi di traffico molto bassi e di alti costi di esercizio.

“Poste Italiane - dice Borghi - non può perseguire logiche di guadagno a scapito delle esigenze della collettività, sacrificando uffici che ritiene "improduttivi" o "diseconomici", senza considerare che rappresentano un punto di riferimento per i cittadini dei piccoli comuni. I servizi postali, in particolare per le famiglie e le imprese, sono fondamentali per il presidio del territorio e la garanzia dei servizi essenziali. Il ministro deve dirci quali azioni intenda intraprendere per garantire il rispetto dei disposti stabiliti dall’Autorità per il Garante delle Comunicazioni e come si intenda intervenire per evitare che decisioni unilaterali assunte da Poste Italiane Spa arrechino disagi ai cittadini”.

 

14/01/2015 - 12:41

In mattinata svolto incontro con ministero Politiche agricole

“I parlamentari del Partito Democratico delle commissioni Agricoltura e Ambiente della Camera dei Deputati questa mattina hanno incontrato i rappresentanti del ministero delle Politiche agricole per un approfondimento sull'Imu agricola.

Da parte del Ministero è stato confermato l'impegno per una ridefinizione che tenga conto delle specifiche esigenze del mondo agricolo e dei comuni.

A seguito della riunione i deputati del Pd chiedono al ministero dell'Economia di accelerare nella revisione dei criteri per il pagamento dell'imposta sui terreni, prendendo a riferimento i criteri Istat per la definizione dei comuni montani, parzialmente montani e non montani.

Allo stesso tempo i deputati chiedono che i terreni montani siano completamente esentati dal pagamento dell'Imu, anche in considerazione del quadro economico e del fondamentale ruolo svolto dall'agricoltura di montagna. Per i comuni parzialmente montani è necessario secondo i deputati Pd distinguere, perlomeno, tra chi fa agricoltura e chi no, esentando i terreni di proprietà o in affitto a coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali.

Serve quindi una decisione urgente, che tenga conto anche delle esigenze dei comuni vista la prossima scadenza del 26 gennaio.

I Parlamentari del Pd fanno appello al Governo affinché si assuma nelle prossime ore una decisione risolutiva e adeguata alle esigenze del mondo agricolo e dei comuni”. Lo rendono noto i deputati Pd Nicodemo Oliverio, Enrico Borghi, Sabrina Capozzolo, Chiara Braga, Luca Sani, Ermete Realacci, Massimo Fiorio, Raffaella Mariani, Tino Iannuzzi.

 

25/06/2014 - 15:57

“Il decreto sulla semplificazione della P.A va nella direzione giusta di snellire e accelerare i giudizi amministrativi, con particolare riguardo alla realizzazione delle infrastrutture e delle opere pubbliche”. Lo dichiarano Fulvio Bonavitacola e Tino Iannuzzi, deputati del Partito Democratico.

“In tale materia – spiegano i due deputati democratici - sono importanti le norme che impongo di definire la causa con sentenza semplificata nel termine di 30 giorni. Positiva è la previsione di tempi certi per la attivazione del processo amministrativo digitale”.

“E', invece, estranea  e anzi in netto conflitto con questa finalità – continuano Bonavitacola e Iannuzzi - la  soppressione dal prossimo I ottobre delle Sezioni Staccate dei Tribunali Amministrativi Regionali, fra le quali la Sezione di Salerno, peraltro sede di Corte d'Appello e con un  ragguardevole contenzioso. Lo snellimento e la accelerazione della giustizia amministrativa non sarebbero favoriti da tale soppressione, ma, al contrario, risulterebbero fortemente pregiudicati e compromessi. Il trasferimento di migliaia di fascicoli presso sedi regionali già congestionate, come quella di Napoli, determinerebbe infatti pesanti e del tutto prevedibili difficoltà logistiche e organizzative, penalizzando il servizio pubblico e l'interesse dei cittadini, senza produrre alcun vantaggio in termini sia di economia di spesa, sia di efficienza nei tempi di giustizia”.

“Attiveremo da subito tutte le più opportune iniziative parlamentari per contrastare la decisione sbagliata di sopprimere le Sezioni Staccate, emendando il testo originario del DL”, concludono Bonavitacola e Iannuzzi.

 

Pagine