02/12/2015 - 19:34

“Noi siamo dalla parte dei cittadini. Non si può pensare di tenere chiusi pronto soccorso e servizi ad h24 nell’attesa che vengano terminate le procedure concorsuali di assunzione. Questo è il senso del nostro emendamento alla Legge di Stabilità e ci dispiace che il sindacato dei medici Anaao non comprenda lo spirito di questo intervento”.

Così la capogruppo del Pd in commissione Affari sociali, Donata Lenzi, spiega l’emendamento del Pd che prevede lo slittamento di un anno dell'applicazione della normativa europea che fissa nuovi paletti per gli orari dei medici.

25/11/2015 - 12:18

Conferenza stampa del Pd, domani giovedì 26 novembre alle ore 12 presso la sala Salvadori, 2° piano palazzo dei gruppi parlamentari, via uffici del Vicario 21 – Roma.

All’indomani dell’approvazione in commissione Affari sociali della Camera della proposta di legge in materia di responsabilità professionale del personale sanitario, il Pd organizza una conferenza stampa per presentare i contenuti del testo licenziato dalla commissione che sarà in discussione in Aula da gennaio.

Parteciperanno, fra gli altri, Federico Gelli, relatore della pdl e responsabile Sanità del Pd, Micaela Campana, responsabile Welfare Pd, Donata Lenzi, capogruppo Pd in commissione Affari sociali, Emilia De Biasi, presidente della commissione Sanità del Senato e il senatore dem Amedeo Bianco.

19/11/2015 - 13:14

I capigruppo in commissione Affari sociali scrivono al ministro Lorenzin

“Siamo preoccupati per l’applicazione nel settore della sanità delle nuove norme in materia di orari di lavoro. Al momento non abbiamo un quadro completo dell’impatto di queste norme sui servizi ma è evidente che un settore sottoposto a vincoli finanziari relativi al costo del personale non è in grado di garantire tutti i servizi assistenziali rimasti aperti fino adesso grazie alla norma che consentiva di derogare rispetto ai nuovi orari”.

Lo dice Donata Lenzi, capogruppo Pd nella commissione Affari sociali, che ha firmato una lettera al ministro Beatrice Lorenzin su questo tema insieme agli altri capigruppo Giovanni Monchiero di Scelta civica, Raffaele Calabrò di Ncd, Benedetto Fucci di Forza Italia, Marco Rondini della Lega e Marisa Nicchi di Sel.

Nella lettera si propone di affrontare il problema nella legge di Stabilità.

10/11/2015 - 15:28

“L’esistenza in Italia di famiglie con figli poveri che fanno la fame è una vergogna. Il Parlamento ha approvato all’unanimità due mozioni per chiedere interventi urgenti in materia. Da parte nostra, mentre continuiamo ad approfondire le proposte dell’Istituto presieduto da Boeri, ci aspettavamo la collaborazione dell’Inps che invece ha ignorato questo tema e proposto altre priorità finanziate in realtà non con le pensioni ma con la riduzione di spesa sociale”. Lo ha detto Donata Lenzi, capogruppo Pd in commissione Affari sociali durante il convegno organizzato dal gruppo dem alla Camera in occasione dei 15 anni della legge 328 sui servizi sociali.

“L’impianto della legge 328 - ha proseguito Lenzi - è ancora attuale; si tratta di una legge che guarda lontano, basti pensare ai riferimenti al Terzo settore, alla definizione delle competenze dei Comuni e delle Regioni, alla valorizzazione degli operatori e all’attenzione ai servizi domiciliari. Riteniamo che le politiche sociali debbano cambiare insieme alla società che cambia rapidamente. A questo proposito, confermiamo il nostro impegno per una rapida approvazione della legge sul ‘Dopo di noi’, già finanziata nella legge di Stabilità, dopo che è già stata approvata la legge sull’autismo a conferma della nostra attenzione sui temi delle politiche sociali e la disabilità. Vorremmo che il sistema integrato messo in campo 15 anni fa con la legge 328 proseguisse; teniamo conto che, mentre la politica discute, la società va avanti e cambia”.  

05/11/2015 - 19:16

“Le decisioni in materia di vaccinazioni devono essere informate e prudenti: alla Camera stiamo discutendo il tema, abbiamo già fatto diverse audizioni e altre seguiranno lunedì prossimo. Personalmente credo sia più utile e praticabile imporre l'obbligo della vaccinazione per chi frequenta asili nido e scuole materne, dove l'età è più bassa e i rischi di contagio tra bambini non vaccinati sono più elevati. Bisogna infatti tener conto che la scuola oltre che un diritto è anche un obbligo. E’ necessario inoltre che il piano vaccinale chiarisca quali vaccinazioni siano necessarie nel primo anno di vita.
Credendo più nel dialogo che nelle imposizioni, comprendo la resistenza dei genitori a un piano di ben 18 tra vaccinazioni e richiami da effettuarsi nel primo anno di vita. Dobbiamo comprendere le ragioni delle resistenze alla vaccinazione per poter mettere in campo una strategia efficace”.

Così Donata Lenzi, capogruppo del Pd in commissione Affari sociali.

 

05/11/2015 - 19:09

“Le decisioni in materia di vaccinazioni devono essere informate e prudenti: alla Camera stiamo discutendo il tema, abbiamo già fatto diverse audizioni e altre seguiranno lunedì prossimo. Personalmente credo sia più utile e praticabile imporre l'obbligo della vaccinazione per chi frequenta asili nido e scuole materne, dove l'età è più bassa e i rischi di contagio tra bambini non vaccinati sono più elevati. Bisogna infatti tener conto che la scuola oltre che un diritto è anche un obbligo. E’ necessario inoltre che il piano vaccinale chiarisca quali vaccinazioni siano necessarie nel primo anno di vita.
Credendo più nel dialogo che nelle imposizioni, comprendo la resistenza dei genitori a un piano di ben 18 tra vaccinazioni e richiami da effettuarsi nel primo anno di vita. Dobbiamo comprendere le ragioni delle resistenze alla vaccinazione per poter mettere in campo una strategia efficace”.

Così Donata Lenzi, capogruppo del Pd in commissione Affari sociali.

15/10/2015 - 14:55

Presentate interrogazioni parlamentari

“Il processo di riorganizzazione e privatizzazione della CRI, che avrebbe dovuto trasformare tutti i livelli organizzativi della CRI da ente pubblico ad associazione di diritto privato, è stato profondamente modificato da due interventi di proroga legislativa che hanno favorito la trasformazione delle associazioni locali e provinciali e rinviato a fine 2015 la trasformazione delle associazioni regionali e nazionali. Ad oggi, quindi, in modo assolutamente anomalo per enti che gestiscono servizi, i livelli provinciali sono associazioni di diritto privato iscritte al registro delle associazioni di promozione sociale mentre, le associazioni regionali e nazionale sono rimaste enti pubblici. Ritengo necessario che il Governo faccia chiarezza sul processo di riorganizzazione in atto della CRI e per queste motivo ho presentato cinque atti di sindacato ispettivo per chiedere ai Ministeri interessati, ognuno per la propria competenza, di chiarire la natura giuridica dell’ente a tutti i suoi livelli, di fornire indicazioni circa le prospettive occupazionali legate alle riorganizzazioni e di verificare la corretta applicazione della normativa vigente a partire dalla piena attuazione del decreto legislativo 178/2012”.

Lo ha detto Donata Lenzi, capogruppo Pd in commissione Affari sociali.

14/10/2015 - 18:45

Diritto all’istruzione va garantito

“E’ importante la massima attenzione sui vaccini, quindi bene le campagne informative ma è davvero eccessiva l’ipotesi di negare le iscrizioni nelle scuole ai bambini non vaccinati. Il loro diritto all’istruzione va garantito”. Lo dice la capogruppo Pd nella commissione Affari sociali, Donata Lenzi, la quale spiega che “la commissione, vista la delicatezza e la centralità del tema delle vaccinazioni, sia dei bambini che quelle anti-influenzali, ha deciso di incardinare una risoluzione a favore della corretta informazione”.

13/10/2015 - 17:33

“Grande soddisfazione per l’impegno preso dal presidente del Consiglio di finanziare la legge sul ‘dopo di noi’ lungamente attesa dalle famiglie di persone disabili. Il provvedimento ha concluso l’iter in commissione Affari sociali della Camera e verrà messa all’ordine del giorno dell’aula il prima possibile. Dopo la sua approvazione, grazie al finanziamento garantito dal premier Renzi, potrà subito essere operativa. È un altro impegno che il governo del Pd realizza nei confronti delle persone con grave disabilità e delle loro famiglie”.

Lo ha detto Donata Lenzi capogruppo Pd in commissione Affari sociali della Camera.

06/10/2015 - 21:26

“Con il nostro voto agli emendamenti al DDL concorrenza abbiamo voluto ribadire il principio del mantenimento delle farmacie all’interno del Servizio Sanitario Nazionale e la programmazione delle loro sedi da parte dei Comuni. Rifiutiamo la logica di costruire un mercato parallelo fatto di meri negozi. Le critiche sono dunque infondate anche perché non è il decreto concorrenza il luogo e la sede per modificare in profondità il regime delle farmacie, questione che deve invece essere governata dal ministero dalle Salute e dalla Conferenza Stato-Regioni”.

Così la capogruppo del Pd in commissione Affari sociali della Camera, Donata Lenzi.

05/10/2015 - 17:01

“La situazione messa in luce dal servizio de ‘Le Iene’ di ieri sera, nel quale si vedono minori che giocano alle slot machine in tutto e per tutto uguali a quelle per i maggiorenni con la unica differenza che non danno premi in soldi, è molto grave. Ho presentato una interrogazione al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, per chiedere un intervento rapido per fermare il diffondersi di questi giochi per minori. In questo modo si tradisce la legge Balduzzi che ha regolato il settore del gioco d’azzardo prevedendo paletti proprio per tutelare i più piccoli e vietando esplicitamente il gioco a chi ha meno di 18 anni”.

Lo ha detto Donata Lenzi, capogruppo Pd in commissione Affari sociali della Camera.

24/09/2015 - 15:26

Evitare scaricabarili tra ministro e regioni  

“Mi auguro che ministro e regioni, senza inutili scaricabarili, procedano all’ascolto delle società scientifiche e delle organizzazioni professionali. Il Pd chiederà in commissione di incontrare sindacati e associazioni per ascoltare le loro osservazioni”. Lo dice Donata Lenzi, capogruppo del Pd nella commissione Affari sociali, in merito al Decreto sulla prescrizione di esami clinici che, aggiunge, “può essere il punto partenza per un profondo cambiamento culturale che può avvenire, però, solo con il coinvolgimento dei professionisti.
Condivido pienamente l' obiettivo che si vuole raggiungere. Non tutti gli esami sono utili e in qualche caso possono anche far male e le risorse del SSN non sono infinite e vanno usate con oculatezza. Ma senza la condivisione da parte dei medici del principio di appropriatezza delle prescrizioni, senza lo sviluppo di una maggior collaborazione tra medici di famiglia e specialisti e senza una adeguata seria informazione rivolta ai cittadini non ci sarà cambiamento durevole”. Secondo Lenzi “il provvedimento va valutato nella sua interezza: la parte che garantisce cure odontoiatriche ai minori di 14 anni e ai soggetti vulnerabili, ad esempio, è un obiettivo ancora da raggiungere in molte parti del paese che un taglio.  

19/08/2015 - 18:12

 ''Continuano gli incidenti sul lavoro e in questo periodo particolarmente colpita è l'agricoltura''. Lo affermano Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera, e Donata Lenzi, capogruppo Pd in Commissione Affari sociali. ''Complice la crisi - spiegano Damiano e Lenzi - si tende a giustificare la diminuita sicurezza e l'utilizzo di lavoratori al nero con la necessità di competere in un mercato sempre più aggressivo. Niente di più sbagliato: in questo modo, non solo si fa concorrenza sleale, ma si mette a rischio la vita di chi lavora''. ''Qualche mese fa - ricordano il presidente della Commissione Lavoro e la capogruppo Pd - alcuni viticultori delle Langhe avevano coraggiosamente denunciato l'utilizzo di operai macedoni attraverso finte cooperative 'senza terra', da parte di aziende definite mele marce. Lavoratori sfruttati a 3 euro all'ora, mentre il vino doc si vende anche a centinaia di euro la bottiglia. Nel mese di luglio sono morti un bracciante rumeno Ioan Puscasu che lavorava nelle serre di Carmagnola nel torinese e una vendemmiatrice pugliese Paola Clemente e ieri, ancora in Puglia, un lavoratore agricolo è stato colpito da un ictus ed è in coma''. ''Di fronte a queste sciagure - sostengono i due esponenti del Pd - il Governo prosegua la sua opera di intensificazione dei controlli anche in vista della stagione della vendemmia. Gli agricoltori avevano chiesto, già nel 2007, di avere i voucher per combattere il lavoro nero e evitare le multe: adesso ci sono, a 10 euro all'ora, compresa la tutela Inps e Inail''. ''Non adoperarli è doppiamente colpevole. Sradicare le finte cooperative, inoltre, è un preciso dovere morale'', concludono Cesare Damiano e Donata Lenzi.

05/08/2015 - 17:34

“Oggi la commissione Affari sociali della Camera, su proposta del nuovo relatore Federico Gelli, ha adottato il testo base in tema di disposizioni in materia professionale del personale sanitario. Consideriamo il testo come base di partenza da sottoporre alla discussione aperta, pubblica e trasparente e al contributo dei professionisti per arrivare entro l’anno a un testo definitivo. Naturalmente vogliamo confrontarci con il ministro Lorenzin e il tavolo di esperti da lei insediato in una collaborazione positiva tra parlamento e governo”.

Lo dice Donata Lenzi capogruppo Pd in commissione Affari sociali.

27/07/2015 - 16:04

“Invito a non buttar via il grande lavoro fatto con il patto della salute firmato esattamente un anno fa. Le scelte lì contenute, si pensi alla drastica riduzione di posti letto ospedalieri, hanno senso se permane il quadro generale che riorganizza l'offerta in sanità investendo in medicina territoriale, innovazione, tecnologica, nuovi farmaci, altrimenti si traducono solo in riduzione dei servizi. Anche la punizione minacciata contro i medici di famiglia è assai poco efficace e rischia di favorire distorsioni già in atto quali il sempre maggior aumento della spesa privata (quest'anno 33 miliardi) sostenuta anche da famiglie con bassi redditi, o il rifiuto di farsi carico di pazienti con malattie croniche o di età avanzata. Margini di miglioramento ce ne sono sicuramente e il patto della salute indicava già la strada”. Così il capogruppo Pd in commissione Affari sociali, la deputata Donata Lenzi.

Pagine