07/02/2018 - 18:53

“Oggi, grazie all’inchiesta del Post, si è finalmente capito come farebbe Di Maio, una volta premier, ad affrontare i problemi dell’Italia: consulterebbe il sito di Wikipedia. La sua supercompetenza sta in questo. #copioniacinquestelle”. Lo scrive su Twitter Simona Malpezzi, deputata del Partito democratico, per commentare la notizia pubblicata dal Post che evidenzia dei plagi da Wikipedia del programma del Movimento 5 Stelle.

30/01/2018 - 13:09

“Siamo curiosi di sentire cosa dirà il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, in merito all’apertura di una indagine per riciclaggio da parte della Procura di Genova. Secondo i magistrati sarebbero spariti milioni di euro anche durante la gestione del partito da parte dell’attuale segretario del Corroccio. Dopo i 49 milioni sequestrati, ora le indagini riguardano i 19,8 milioni che sarebbero passati da vari conti correnti volatilizzandosi. Sarà ancora una volta tutta colpa dei magistrati?”. Lo ha detto Simona Malpezzi deputata del Pd.

“L’accusa è contenuta in un esposto presentato da un ex revisore contabile del partito - prosegue Malpezzi -. Alla luce di questa notizia, se confermata, si capisce il motivo per cui l’attuale leader della Lega non si sia costituito parte civile contro l'ex tesoriere Belsito per i fondi ottenuti con i rimborsi truffa. Il traffico di soldi sarebbe proseguito anche quando a guidare il partito era lo stesso Salvini. Si tratterebbe di una ventina di milioni, compresi i due milioni che sarebbero finiti nelle tasche del movimento 'Noi con Salvini'. Adesso il segretario della Lega, che nelle piazze si presenta come uno dalle mani pulite, renda conto della sua gestione del partito”.

17/01/2018 - 18:47

“Gli erboristi e il tutto il settore dell’erboristeria non corrono più alcun rischio: la legge del 1931 sulle erbe officinali non verrà abrogata”. Lo dichiarano le deputate del Partito democratico Alessia Morani, Simona Malpezzi e Alessia Rotta.

“Il nostro interessamento – spiegano – presso i ministeri dell’Agricoltura e della Salute, avvenuto anche grazie all’aiuto della collega Donata Lenzi, ha fatto sì che si sia arrivati a un chiarimento  a proposito della legge del 1931 che disciplina la coltivazione, la raccolta e il commercio delle piante officinali. Dagli uffici competenti abbiamo avuto la rassicurazione che, contrariamente a quanto temuto, tale legge non verrà abrogata. Chi svolge la professione di erborista o lavora in aziende del comparto, non ha dunque nulla da temere”.

“Si tratta di un atto dovuto nei confronti non solo delle migliaia di persone e imprese che operano nel settore erboristico ma anche di una tradizione scientifica che, da tempi antichissimi, offre un significativo contributo al benessere e alla salute”, conclude.

17/01/2018 - 11:52

"Caro di Maio smantellare fa rima con tagliare: il vostro progetto quindi é quello di mandare a casa 132 mila maestri assunti dai governi del Pd. Ne prendiamo atto". Lo dice Simona Malpezzi, deputata del Partito democratico, in risposta alle dichiarazioni di Luigi Di Maio sulla scuola.

"La scuola - continua - non ha bisogno di slogan ma di fatti: con la legge 107 noi abbiamo assunto precari, pensato a quelli che sono rimasti fuori, investito quattro miliardi, lanciato la scuola verso la sfida della didattica innovativa (1 miliardo nel piano nazionale scuola digitale), promosso la formazione dei docenti, investito in edilizia scolastica. Alle nostre proposte con risorse avete sempre votato contro. Poi ci dite che volete smantellare una legge che contiene il più grande investimento sulla scuola che sia mai stato fatto".

"La verità è una sola: smantellare significa tagliare. E su questo non abbiamo dubbi", conclude.

 

16/01/2018 - 15:34

“Ci conforta sapere che anche Fratoianni riconosca nelle parole sfuggite ieri a Fontana l’espressione di una ‘sottocultura razzista, intollerante, ignorante’. Ci conforta meno, invece, dover prendere atto che nonostante questa sua consapevolezza Fratoianni continui a sostenere una scelta politica che, di fatto, rischia di favorire proprio Fontana”. Lo dichiara Simona Malpezzi, deputata del Partito democratico, in risposta alle parole di Nicola Fratoianni sulle elezioni regionali lombarde.

“E’ infatti del tutto evidente – spiega – che ogni voto sottratto a Gori è un voto dato a Fontana. Proprio per questo, alla luce delle gravissime dichiarazioni di Fontana, la decisione di LeU di correre in solitaria risulta ancora più assurda e rischiosa. Verrebbe da pensare che il bisogno di rinchiudersi in una roccaforte ideologica, voltando le spalle alle realtà, sia più forte dei pericoli corsi dalla società lombarda con le politiche demagogiche e razziste di un governatore come Fontana. Oppure che certe insensate antipatie nei confronti di Gori contino più di ogni altra considerazione politica”.

“Quel che è certo è che se non ci saranno scelte concrete contro Fontana, le parole di Fratoianni rimarranno pura retorica di circostanza. Perché nei fatti LeU è come se corresse al fianco della Lega”, conclude.

 

06/12/2017 - 18:54

“Utilizzare – e magari rendere ufficiali – i dati relativi agli episodi caratterizzati da violenza di stampo fascista e nazista, anche a livello internazionale, per redigere statistiche ufficiali sul fenomeno”. Lo chiedono i deputati del Partito democratico Alessia Morani, David Ermini, Alessia Rotta e Simona Malpezzi con un’interrogazione al ministro dell’Interno.

“In questi ultimi tempi – spiegano - assistiamo nel nostro Paese a un crescere, inquietante, di episodi violenti o comunque al confine con la legalità e di evidente natura intimidatoria e rivendicativa di chiara e dichiarata matrice fascista e neo nazista. Tra gli ultimi ricordiamo, ad esempio, l’assalto alla sede di Repubblica da parte di un gruppo di attivisti di Forza Nuova e il gravissimo episodio dell’irruzione a Como nella sede di "#Como senza frontiere". Apprendiamo che alcuni di loro  sono stati identificati e denunciati dalla Digos, e che sui fatti è stata aperta una un’inchiesta da parte della Procura di Como. Questo purtroppo è solo uno degli episodi che vengono registrati, e che si inseriscono nell’onda di rigurgito neonazista che sta investendo l’Europa e non solo”.

“Occorre dunque riconoscere che questi movimenti che si richiamano al fascismo e al  neo nazismo non sono da considerare come ‘rigurguti del passato’ ma un nuovo fenomeno che va combattuto con strumenti adeguati”, conclude.

06/12/2017 - 16:16

“Sono i fatti che dicono la verità, le chiacchiere sono chiacchiere. E sono penosamente colpevoli  quando riguardano argomenti delicati che vengono usati per biechi scopi elettorali. Ed è questo il caso di  Berlusconi  che oggi accusa la sottosegretaria Boschi di non aver fatto nulla dalla parte delle donne.
L’uomo del fare - come  gli piace autodefinirsi  -  che, però, quando gli fa comodo, non guarda ai fatti.
E allora ricordiamo a Berlusconi quanto è stato importante e fondamentale il lavoro svolto dal Partito democratico  durante questa legislatura: le dimissioni in bianco al Piano antiviolenza, la legge contro il femminicidio, l'aumento dei fondi per i  centri , l’istituzione del Codice Rosa negli ospedali, la  ratifica della Convenzione di Istanbul. Dal 2013 al 2016 sono stati   investiti 60 milioni di euro e per il 2018 la sottosegretaria Boschi  ha fatto inserire 37 milioni di euro per il nuovo Piano nazionale.
Il Partito democratico, in questi anni, sia dentro che  fuori le aule parlamentari si è attivato per diffondere la cultura del rispetto dei diritti delle donne, avviato programmi di sostegno concreto, si è impegnato per un radicale mutamento culturale, punto di partenza indispensabile per un cambiamento concreto dei rapporti.
Quella di Berlusconi di oggi è soltanto una grande e brutta bugia, e lui lo sa”. Così la deputata Pd Simona Malpezzi. 

15/09/2017 - 11:54

Con attacco a magistratura trova unità con Berlusconi

“Salvini invece di offendersi prenda atto che chi si candida alla guida del Paese dovrebbe rispettare le leggi e le sentenze, ma forse chiede che per la Lega si possano cancellare i reati con un colpo di spugna”.

- così Simona Malpezzi, deputata del Partito Democratico -

“Il leader della Lega parla di attacco alla democrazia, ma l’unico a minarla è lui che, dopo aver gettato per anni benzina sul fuoco, cerca di sottrarsi alla giustizia e di elevarsi, dunque, al di sopra dei cittadini italiani. Delle sentenze, un uomo di stato, prende atto. Quanto deciso dalla magistratura, seppur con una sentenza non definitiva, è a tutela degli italiani: un sequestro cautelativo che - spiega la deputata Dem - impedisce al Carroccio di svuotare le casse del partito e di creare un danno economico”.

“Salvini, sempre in campagna elettorale, con il suo attacco alla magistratura - conclude Malpezzi - trova il suo punto di contatto con Berlusconi".

 

10/08/2017 - 13:06

"Con la dichiarazione di oggi, dall'assessore della Lombardia Massimo Garavaglia arriva un esempio perfetto di come sia possibile distorcere e strumentalizzare i fatti a proprio vantaggio ma a danno della verità”. Così la deputata Simona Malpezzi, Capo dipartimento Scuola del Partito Democratico.

"Lo scorso febbraio - sottolinea la deputata Dem- viene firmata un'intesa in conferenza unificata in cui le Regioni, Lombardia compresa, informano lo Stato che per loro sarebbe meglio ridurre il fondo per i libri di testo piuttosto che avanzare richieste di risparmio alle Regioni sui costi di funzionamento (previsti dalla legge). E il Governo, nel pieno rispetto degli accordi stipulati con le Regioni, ha comunque stanziato i quasi 33milioni di propria competenza per il fondo per i libri di testo. Risorse che sono arrivate anche alla Lombardia e che quindi ora deve rispettare la sua parte di accordo.  Viene inoltre spontaneo chiedersi perché da febbraio la Lombardia di Maroni e Aprea si svegli ad agosto".

04/07/2017 - 17:29

“La Ministra Fedeli, nel corso della conferenza stampa sull'avvio del prossimo anno scolastico, ha garantito che esso avverrà in modo ordinato grazie all'impegno del MIUR, degli uffici scolastici regionali e delle scuole. La notizia più importante è che entro il 14 agosto - e cioè un mese prima rispetto allo scorso anno - saranno assunti 52 mila nuovi insegnanti. Anche sul fronte delle supplenze la Ministra ha assicurato che i docenti saranno in cattedra in tempo e che anche le operazioni più complicate come quelle dell’assegnazione delle supplenze annuali, avverranno entro l'inizio dell'anno scolastico”. Lo dice la deputata del Pd, Simona Malpezzi.

“Ma a settembre ci saranno novità significative anche sul fronte della ripartizione dei fondi destinati allo 0/6, sull'avvio dei Poli ad orientamento artistico e performativo e sul nuovo portale per l'alternanza scuola lavoro e la carta dei diritti e dei doveri in alternanza”, aggiunge Malpezzi.

“I prossimi mesi saranno fondamentali per portare a compimento il processo riformatore avviato con la Buona Scuola nel 2015 per dare ai nostri bambini e ragazzi una scuola migliore che guardi al futuro”, conclude la deputata dem.

08/06/2017 - 11:48

Dal M5S speculazioni per qualche voto in più

“Sono gravissime le parole usate da Carlo Sibilia, responsabile scuola e università del M5S, contro la scelta del governo di introdurre i vaccini obbligatori che si è resa necessaria a causa della diminuzione della copertura vaccinale nel nostro Paese. Una classe dirigente all'altezza dovrebbe proteggere i cittadini, soprattutto i più deboli, e non affidarsi a pregiudizi quando si tratta di tutelare le nostre comunità. Un governo serio si prende cura e difende i cittadini indifesi. Ma cosa possiamo aspettarci da uno che pensa che non ci sia mai stato lo sbarco sulla luna o che propone sul blog di Grillo il "matrimonio omosessuale tra specie diverse". Credo che l'Italia abbia bisogno di molte cose ma non di una classe politica che si affida a maghi e fattucchiere e che pur di prendere un voto in più sacrifica la salute dei bambini. Allora è bene rimarcarlo: vaccinare i più piccoli è importante”.

Lo ha detto Simona Malpezzi, deputata del Pd in commissione Cultura.

05/06/2017 - 19:07

Oggi è una giornata importante perché con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale la legge per il contrasto al cyberbullismo è finalmente operativa. Sono convinta che educare i ragazzi ad un uso consapevole della Rete sia fondamentale e con questa norma le scuole avranno gli strumenti per mettere in campo iniziative educative e di prevenzione efficaci. La scuola è, insieme alla famiglia, la più importante agenzia educativa del Paese ed è fondamentale che l'insegnamento ad un uso consapevole del web cominci proprio tra i banchi. Per questo, già con la legge della Buona scuola,  abbiamo finanziato con ingenti risorse il Piano nazionale scuola digitale che serve a guidare il mondo della scuola nel suo percorso di innovazione culturale, educativa e sociale. I finanziamenti non riguardano esclusivamente lo sviluppo delle competenze digitali degli studenti e il potenziamento degli strumenti didattici e laboratoriali ma anche la formazione dei docenti per insegnare, per esempio, un uso critico dei social”.

Lo ha detto Simona Malpezzi, deputata del Pd componente della commissione Cultura della Camera.

12/04/2017 - 11:02

“Avevano detto che lasciavano il Pd per garantire la durata del governo Gentiloni. La verità è che oggi Mpd ha votato contro il decreto sull’immigrazione, senza rischi per i numeri, ma con il chiaro obiettivo di mettere in difficoltà l'azione riformatrice della maggioranza. Ma soprattutto ancora una volta agli interessi del Paese, si è preferita la sterile polemica politica”. Lo dichiara la deputata dem Simona Malpezzi.

10/04/2017 - 15:17

“Uno che non rispetta il voto dei suoi elettori e che cancella con una matita i risultati di consultazioni vuole dare lezioni di trasparenza e propone la gogna per il direttore del Tg1. Grillo teme la libera stampa e pensa di imbavagliarla con le minacce e scatenando la furia del web. Ma è tutta scena. Dietro solo trolls e un’unica vera notizia: i 5 stelle vorrebbero tg che parlano solo di loro e delle loro bufale”.

Lo ha detto Simona Malpezzi deputata del Pd e componente della commissione Cultura della Camera.

07/04/2017 - 15:39

“Con l'approvazione definitiva in Consiglio dei ministri delle 8 deleghe portiamo finalmente a compimento il progetto di riforma avviato nel 2015 dal governo Renzi che, proprio con la legge 107 detta "la buona scuola", ha previsto le deleghe che oggi sono state approvate”. Lo dice Simona Malpezzi, deputata del Pd e componente della commissione Cultura della Camera.

“Questo successo - prosegue Malpezzi - ha le sue radici proprio in quel governo che ha avuto il coraggio e la visione di pensare una nuova idea di scuola investendo come non mai nell'istruzione e nei docenti. Oggi, grazie a quella legge approvata nel luglio del 2015 abbiamo, per esempio,  la delega sullo 0/6 anni che stabilisce che il nido non sarà più un servizio ma l'inizio del percorso veramente educativo (definito da sempre sulla carta ma mai realizzato fino in fondo) e si stanziano ingenti risorse per aumentare la presenza dei nidi nei Comuni d'Italia. Con la delega sull'inclusione, scuola, famiglia e territorio collaboreranno al progetto di vita e al percorso educativo dello studente disabile in modo più incisivo e grazie a competenze ancora maggiori. Infine, vorrei esprimere grande soddisfazione per il lavoro svolto sul reclutamento e la formazione iniziale. Un momento storico perché, se da una parte, abbiamo cambiato l'iter di formazione e di assunzione dei nuovi docenti, dall'altro, abbiamo definito una fase transitoria che consentirà nei prossimi anni l'immissione in ruolo dei precari storici in maniera certa, chiara e di prospettiva. È un cambiamento notevole che garantirà di coprire in modo regolare e prestabilito i posti vacanti e disponibili garantendo la continuità didattica e la professionalità della classe docente. Oggi, finalmente, con l'approvazione delle deleghe, la legge 107 è completa”.

Pagine