11/02/2016 - 17:45

“Esito positivo per la riunione ministeriale della Nato di oggi. Il risultato segna anche un successo della richiesta italiana di rafforzare il ruolo e l’attenzione dell’Alleanza sulle vicende del Mediterraneo”. Lo dichiara il deputato democratico Andrea Manciulli, presidente della delegazione italiana all’Assemblea parlamentare Nato.

“In particolare – continua Manciulli - è positivo l’impegno assunto da parte americana e dell’intera Alleanza per il contrasto al traffico degli essere umani nell’Egeo. Per l’Italia è fondamentale l’Alleanza affronti il tema del Mediterraneo in tutti i suoi aspetti: auspichiamo un sempre crescente interesse per i numerosi scenari che riguardano la lotta al terrorismo e la stabilizzazione delle aree di crisi”.

 

28/12/2015 - 20:42

“Quello di oggi tra il premier Matteo Renzi e il primo ministro libico designato Fayez Al-Serraj è un incontro importante. E lo è perché si tratta di un riconoscimento per l’eccezionale lavoro svolto dal nostro governo in questi mesi per sostenere una soluzione alla crisi libica”. Lo afferma Andrea Manciulli, Presidente della Delegazione parlamentare italiana alla Nato.

“L'Italia continuerà in questo suo impegno, facendo in tutto quello che sarà necessario per garantire un futuro di sicurezza alla Libia”, conclude Manciulli.

17/12/2015 - 15:51

“Vorrei esprimere massima solidarietà e vicinanza al ministro Orlando per le gravi minacce subite. Dobbiamo andare avanti con coraggio e non cedere alla paura”. Lo dichiara il deputato Pd e presidente della delegazione Nato in Parlamento, Andrea Manciulli.

25/11/2015 - 16:23

“Trovo molto positiva l’iniziativa del ministro Orlando di convocare una riunione dei vertici della sicurezza per potenziare l’azione di contrasto e prevenzione al terrorismo”. Lo dichiara Andrea Manciulli, deputato del Partito Democratico e presidente della Delegazione italiana all'Assemblea Nato

“Con questa decisione - spiega Manciulli – il ministro mostra una grande sensibilità, una grande sensibilità che Orlando condivide, del resto, con la magistratura italiana, che ha sempre svolto un lavoro serio ed efficace contro il terrorismo. Il tema di un coordinamento sempre più stringente, sollevato dal ministro, offre anche uno spunto per un ulteriore approfondimento che potremmo sviluppare nel corso della riunione della riunione del Gruppo Speciale sul Mediterraneo e il Medio, al via da domani a Firenze”.

“Di certo, l’iniziativa di Orlando conferma che, nella lotta al terrorismo, l’Italia è unita in tutte le sue articolazioni”, conclude Andrea Manciulli.

19/11/2015 - 12:51

“Ci auguriamo che questa sia l’ultima volta che votiamo il decreto legge sulle missioni internazionali. È all’esame del Senato la legge quadro su questo tema che, una volta approvata, ci permetterà di fare una volta l’anno una vera discussione sulle missioni internazionali. Quello che è accaduto a Parigi rende evidente l’importanza delle missioni internazionali”. Lo ha detto Andrea Manciulli del Pd, presidente della delegazione parlamentare presso l’assemblea parlamentare della Nato, durante la dichiarazione di voto sul decreto missioni nell’Aula di Montecitorio.

“Chi guida il Paese - ha proseguito Manciulli - deve dare il senso del mutamento della situazione e delle priorità dando importanza al dialogo con le opposizione. Quella che emerge è una guerra asimmetrica ed è rilevante il mutamento in atto. Si tratta di una guerra ibrida a tre teste: una guerra convenzionale voluta dai jihadisti, una guerra mediatica e il terrorismo che arriva anche nei nostri paesi. Il problema non è solo militare o soltanto politico ma ben più complesso. E il nemico si batte agendo su più fronti contemporaneamente. Il nostro dovere è quello di essere uniti da subito, prima che accada qualcosa e non dopo”.

12/11/2015 - 14:21

Il blitz antiterrorismo avvenuto oggi in Italia e in altri Paesi d’Europa è una brillante operazione che dimostra che uniti abbiamo la forza di sconfiggere questa pericolosa minaccia. Un grande ringraziamento va alla magistratura e ai carabinieri del Ros che, grazie alla loro professionalità e alla loro dedizione, hanno permesso questo grande successo. Successo che è il segno del buon funzionamento del decreto antiterrorismo approvato pochi mesi fa dal Parlamento. Abbiamo, infatti, introdotto nel nostro ordinamento nuove norme che hanno messo gli operatori del settore della sicurezza nazionale, la magistratura, la nostra intelligence, nelle condizioni di poter operare per prevenire e contrastare il terrorismo con la cooperazione internazionale delle altre forze di polizia. E, soprattutto, abbiamo inserito nuovi strumenti per il contrasto alle attività di proselitismo attraverso Internet, utilizzato proprio dalla cellula smantellata oggi per il reclutamento di aspiranti jihadisti. Adesso non abbassiamo la guardia e continuiamo a lavorare uniti per vincere la sfida che il terrorismo pone alla nostra sicurezza e alla nostra democrazia.

Lo afferma Andrea Manciulli, presidente della delegazione parlamentare Nato e relatore del decreto Antiterrorismo approvato dalla Camera.

12/11/2015 - 11:11

“La nomina di Filippo Grandi al vertice dell’Unhcr premia la esperienza e la qualità di una persona da anni impegnata a livello internazionale. La sua nomina racconta dell’importanza che l’Italia è tornata ad avere sullo scenario internazionale. Ci auguriamo che la nomina di Grandi contribuisca ad affrontare celermente le molte sfide che sono davanti alle Nazioni Unite in materia di profughi e rifugiati; temi questi che vedono l’Italia in prima linea da sempre. A Grandi va l’augurio di buon lavoro e all’Unhcr il rinnovato sostegno dell’Italia”.

Lo ha detto Andrea Manciulli, deputato del Pd e presidente della delegazione parlamentare presso l’assemblea parlamentare della Nato.

 

17/08/2015 - 18:44

L'Italia è in prima linea per risoluzione crisi libica

"Pieno sostegno all'iniziativa e al lavoro che il Ministro Gentiloni e il nostro governo stanno portando avanti insieme ai nostri alleati per risolvere la difficile crisi libica". Lo ha detto Andrea Manciulli del Pd, presidente della Delegazione italiana presso l'Assemblea parlamentare della NATO.

"L'Italia - ha proseguito Manciulli - è impegnata perchè in Libia si giunga ad una soluzione politica che stabilizzi il paese quanto prima e, proprio la gravità della situazione sul campo, ci impone di affrontare la questione senza rinunciare agli strumenti della diplomazia e della politica per giungere quanto prima ad un accordo politico che permetta di garantire sicurezza e ordine nel paese. Sarebbe utile che chi oggi attacca il governo e il ministro Gentiloni sulla Libia, si ricordasse di quando l'Italia, guidata dal centro destra, fu tra le protagoniste dell'intervento militare che, purtroppo, è stato tra le cause della crisi attuale in Libia" conclude Manciulli.

06/08/2015 - 16:23

Bene la scelta di Renzi di convocare una riunione a palazzo Chigi con tutti i capigruppo di Camera e Senato sulla lotta contro il terrorismo. È la giusta risposta di coesione di cui l’Italia ha bisogno di fronte alla sempre più pericolosa minaccia fondamentalista. Una linea di responsabilità e di condivisione in perfetta sintonia con il lavoro già avviato in Parlamento.

Lo afferma Andrea Manciulli, vicepresidente della commissione Esteri della Camera. 

21/07/2015 - 16:06

La richiesta inoltrata oggi dalla Farnesina al Tribunale internazionale del Diritto del mare di Amburgo per la permanenza in Italia del fuciliere di Marina Massimiliano Latorre e per il rientro dall’India di Salvatore Girone è un atto importante che tutela i marò e il nostro Paese. Grazie al ministro Gentiloni e con l’impegno di tutte le forze politiche, l’Italia affronterà forte e unita la fase decisiva dell’arbitrato internazionale, con la convinzione che la giustizia li porterà a casa questa volta definitivamente.

Lo afferma Andrea Manciulli, vicepresidente della commissione Difesa della Camera.

14/07/2015 - 12:01

“Abbiamo fiducia che lo storico accordo raggiunto stamani a Vienna ci consegni una situazione internazionale di maggiore sicurezza e pace. La straordinaria e incessante azione diplomatica, che ha visto protagonista l'Alto commissario Federica Mogherini, ha permesso il superamento degli ostacoli e di superare un lungo periodo di tensioni e conflitti che hanno paralizzato le relazioni e bloccato la possibilità di sviluppo nell'interesse di tutti. Spetta ora alla comunità internazionale sfruttare questa positiva novità per affrontare in uno spirito di cooperazione e sicurezza i molti nodi ancora aperti”.

Lo dichiara Andrea Manciulli, Presidente della Delegazione italiana presso l'Assemblea parlamentare della NATO.

26/05/2015 - 18:10

"Il clima surriscaldato della campagna elettorale fa perdere lucidità ai colleghi di Sel. Il ministro Pinotti ha infatti ribadito in più occasioni che nessuna spesa ulteriore sarà stanziata per la difesa, se non autorizzata dal parlamento. Anche per gli F35, la riduzione dell’impegno italiano e i costi complessivi terranno conto dei risultati del Libro Bianco e comunque delle decisioni scaturite dal confronto con il parlamento, alla luce delle esigenze di difesa e sicurezza nazionale e degli importanti ritorni economici per il comparto industriale. E’ singolare che per demagogia si chiedano le dimissioni di un ministro il cui partito, il Pd, ha finalmente reso possibile dopo quarant’anni che le decisioni in materia di difesa siano prese dal parlamento con scelte mirate e calibrate, consentendo così ampi margini di risparmio".

Lo afferma Andrea Manciulli, vicepresidente della commissione Esteri e capo della delegazione parlamentare alla Nato.

 

21/05/2015 - 12:43

“Voglio ribadire all’ aula della Camera che di fronte al caso dell’arresto a Milano del giovane Touil, il paese è stato pronto. Che alcune cose importanti che abbiamo voluto noi tutti insieme hanno funzionato: lo scambio di informazioni che non era così forte prima decreto antiterrorismo, il lavoro di squadra tra polizia e intelligence, il monitoraggio dati. Insomma: il decreto antiterrorismo ha funzionato. Questa operazione è stata fatta sulla base di un mandato di cattura internazionale tramite Interpol emesso dalla magistratura Tunisina per il ruolo che l’arrestato avrebbe avuto nell’organizzazione dell’attentato. L’arresto è stato possibile grazie al monitoraggio che abbiamo previsto nel decreto antiterrorismo. Nessuno può dunque negare che da questo punto di vista c’è stata un’efficacia evidente.

Il paese deve rimanere unito di fronte alla sfida difficile che ci troviamo ad affrontare oggi, una sfida globale dove non si sa neppure bene chi dobbiamo colpire. Di fronte alla sicurezza del paese bisogna mettere da un lato lo spirito di parte e non usare questi temi per la campagna elettorale. Combattiamo insieme, solo così sconfiggeremo il terrorismo globale.

La ricostruzione del ministro Alfano è stata convincente e voglio ricordare che negli ultimi mesi i nostri servizi per la sicurezza hanno portato allo smantellamento di una rete di reclutamento di terroristi in Veneto e in Sardegna e voglio ringraziare le forze dell’ordine e dei servizi che davvero ce la stanno mettendo tutta”.

Lo ha dichiarato Andrea Manciulli, Gruppo Partito Democratico, Presidente della delegazione parlamentare italiana alla Nato.

 

20/05/2015 - 16:06

Anche questa volta Lega e Forza Italia non esitano a speculare sull’arrivo dei barconi carichi di migranti dimenticando che se è stato possibile arrestare un responsabile della strage di Tunisi lo si deve alle iniziative e alle misure messe in atto per monitorare gli arrivi. Dunque il decreto antiterrorismo funziona e la collaborazione fra i servizi italiani e quelli tunisini hanno permesso il successo di oggi. Lanciare inutili allarmi serve da qui al giorno del voto, ma poi non garantisce una lotta seria al terrorismo. Dunque se pure mai nessuno, a cominciare dal governo, ha mai negato possibili infiltrazioni, ciò non toglie che solo la collaborazione di intelligence e forze di polizia può consentire di assicurare maggiore sicurezza ai cittadini.

Lo ha dichiarato l’on. Andrea Manciulli, Gruppo Partito Democratico, Camera dei Deputati, Presidente della delegazione parlamentare italiana alla Nato.

 

20/05/2015 - 12:51

L’arresto di uno dei terroristi autori dell’attentato di Tunisi dello scorso 18 marzo è una buona notizia. Fermo restando il pensiero alla tragedia che ha colpito 24 famiglie, di cui 4 italiane, va dato atto alle forze dell’ordine della capacità investigative serie e capaci di ottenere un primo risultato così importante. Segno anche del lavoro approfondito di investigazione e collaborazione tra organismi internazionali che è la vera strada per ottenere altri successi nella lotta al terrorismo.

Un pensiero di solidarietà e sostegno va oggi anche al difficile cammino della Tunisia per rafforzare la giovane democrazia in una zona difficile come l’Africa che si affaccia sul Mediterraneo. Lo ha dichiarato l’on. Andrea Manciulli, Gruppo Partito Democratico, Camera dei Deputati, Presidente della delegazione parlamentare italiana alla Nato.

 

Pagine