07/10/2015 - 13:50

“L’approvazione del ddl concorrenza rappresenta una prima, fondamentale tappa nel cammino verso un mercato più libero e concorrenziale. Con il voto si segna una svolta nella lotta ai vari monopoli e oligopoli italiani, e si offrono maggiori garanzie ai cittadini”. Lo dichiarano Silvia Fregolent e Andrea Martella, vice-presidenti del gruppo Pd alla Camera e relatori del provvedimento.

“Il disegno di legge sulla concorrenza – spiegano Fregolent e Martella – abbraccia i settori nevralgici dell’economia e, in molti di essi, colpisce con coraggio le rendite di posizione e gli ostacoli che hanno fino a ora frenato molti mercati italiani. Da oggi la competizione commerciale nel campo delle assicurazioni, dell’energia, delle professioni ,del turismo alberghiero potrà avvenire con condizioni di maggiore parità e tutela del consumatore”.

“Le nuove regole nel campo delle Rc auto – continuano i relatori – premieranno i comportamenti virtuosi e colpiranno con maggiore efficacia quelli fraudolenti. Il passaggio al mercato libero dell’energia avverrà in modo tale da garantire un’effettiva competitività del mercato e insieme maggiori tutele per i consumatori. L’aumento del numero dei notai determinerà condizioni economiche più vantaggiose. Rimossi invece, grazie alle norme sulle telecomunicazioni, gli svantaggi per chi deve recedere da un contratto telefonico. Il mercato delle farmacie diventa invece più fluido e dinamico, con l’apertura ai capitali societari”.

“Di particolare rilievo è la norma sul parity rate. Da oggi gli albergatori italiani non saranno più ostaggio delle agenzie di prenotazione internazionale, a tutto vantaggio dei clienti. La strada verso una piena concorrenza non è ancora completata ma il voto di oggi rappresenta un tratto fondamentale”, concludono Fregolent e Martella.

01/10/2015 - 20:46

“Con il voto odierno al Ddl Concorrenza, siamo anche oggi riusciti a introdurre delle importanti novità a tutela dei consumatori e a favore di mercati più concorrenziali”. Lo dichiara Andrea Martella, vicepresidente del gruppo Pd alla Camera e relatore del provvedimento.

“Grazie alle disposizioni approvate – spiega Martella – il passaggio al mercato libero dell’energia avverrà in modo da garantire i consumatori, attraverso la comparabilità delle offerte, la verifica delle condizioni della piena liberalizzazione, una serie di comunicazioni obbligatorie da attuare prima della fase del passaggio definitivo alla piena liberalizzazione stessa. Viene inoltre prevista inoltre una procedura amministrativa per la verifica delle condizioni della piena liberalizzazione”.

“L’aumento del numero dei notai – continua Martella - che passerà da 1 ogni 7mila a uno ogni 5mila abitanti, determinerà una maggiore concorrenza, e quindi benefici in termini economici per i cittadini, ma significherà anche maggiori possibilità per i giovani di accedere a questa professione”.

“La prossima settimana, con il voto finale del provvedimento, l’Italia avrà compiuto un passo fondamentale verso la rimozione delle pastoie che, limitando la concorrenza dei mercati, frenano la crescita italiana”, conclude Martella.

 

11/09/2015 - 11:36

“Il dato sulla produzione industriale di luglio fornito oggi dall’Istat si inserisce in un quadro di generale miglioramento della nostra economia. L’azione riformatrice sta dando i risultati sperati per uscire da una situazione di grande difficoltà. In Parlamento stiamo lavorando per sostenere questa fase. Ieri abbiamo concluso un proficuo lavoro nelle commissioni Attività produttive e Finanze per dare al Paese delle nuove norme sulla concorrenza che vogliono contribuire a dare questa spinta. Questo è il compito della politica e su questa strada è nostro dovere insistere”. Lo dichiara il vice presidente del gruppo Pd della Camera, Andrea Martella.

03/08/2015 - 13:51

“L’esame della legge sulla concorrenza, la cui prima fase dei lavori delle commissioni Attività produttive e Finanze si è conclusa oggi, ha prodotto concreti aspetti positivi a vantaggio della crescita, dell’equità e dei cittadini”. Lo afferma Andrea Martella, vice presidente del gruppo Pd e relatore del provvedimento.

“Basta ricordare - spiega Martella - alcuni chiari esempi per dimostrare che la legge si muove nella giusta direzione. Sui notai siamo a una svolta con il passaggio del rapporto di uno a 7000 a uno a 5000, l’incremento potrebbe essere fino a 5000 nuovi notai in tutto i territorio nazionale. Sulle Rc auto abbiamo previsto un intervento per i meccanismi di calcolo dei risarcimenti che tiene insieme strumenti efficaci contro le truffe e una maggiore tutela dei danneggiati. Altro esempio positivo riguarda l’energia dove abbiamo garantito che il passaggio al mercato libero avvenga in modo graduale e produca risparmi reali per i consumatori”.

“Questi solo alcuni dei temi affrontati, nella certezza – conclude - che alla ripresa dei lavori, a settembre, licenzieremo delle norme che modernizzano il nostro sistema Paese a vantaggio di tutti”.

30/07/2015 - 19:54

In merito agli emendamenti dei relatori Silvia Fregolent e Andrea Martella al Ddl competitività, precisiamo che i risarcimenti delle Assicurazioni per danni non patrimoniali di lieve entità non riguardano i colpi di frusta ma la presenza di lesioni non rilevabili strumentalmente come, ad esempio, le cicatrici. I colpi di frusta, infatti, non rientrano in questo tipo di accertamenti obiettivi.

Così una nota dell’Ufficio stampa del Gruppo del Pd. 

20/07/2015 - 20:03

“Come già anticipato durante il dibattito in Commissione, abbiamo presentato 10 emendamenti che, accogliendo i preziosi spunti forniti dalle audizioni, puntano a migliorare il ddl concorrenza rispetto alle principali questioni da esso affrontate”. Lo dichiarano Andrea Martella e Silvia Fregolent, vicepresidenti del gruppo Pd alla Camera e relatori del provvedimento.

“I nostri emendamenti  – spiegano Martella e Fregolent – riguardano i temi come l’energia, le professioni, le farmacie, le assicurazioni. Sull’energia, viene garantita una gradualità nel passaggio al libero mercato. Viene prevista una maggiore apertura nelle professioni e nella creazione delle società di avvocati, garantendone la trasparenza a vantaggio dei clienti, nonché un allargamento nel numero dei notai”.

“Per quanto riguarda le farmacie – proseguono i vicepresidenti del gruppo Pd – i nostri emendamenti introducono il divieto di integrazione verticale. Si impedisce cioè a chi esercita la professione nel campo medico o farmaceutico di entrare nel capitale delle farmacie. Nelle assicurazioni, infine, si punta ad aumentare la chiarezza dei criteri con i quali vengono determinati i  risarcimenti per le vittime degli incidenti stradali”.

“Si tratta in sintesi di dieci proposte di modifica che vanno nella direzione di una maggiore tutela e attenzione nei confronti del consumatore”, concludono Martella e Fregolent.

Roma, 20 luglio 2015

17/07/2015 - 20:31

“La decisione del Consiglio dei ministri di dichiarare lo stato d’emergenza per i Comuni di Dolo, Pianiga e Mira per riparare di danni dell’ondata di maltempo dello scorso 8 luglio è un primo, importante passo per risollevare quei territori”. Lo dichiara Andrea Martella, vicepresidente dei deputati del gruppo Pd alla Camera.

“Come avevamo chiesto – continua Martella - il governo si è subito messo in moto per venire in soccorso delle zone colpite e ha individuato due soluzioni, come la dichiarazione dello stato d’emergenza e l’allentamento del patto di stabilità, indispensabili ad avviare il processo di ricostruzione”.

“Ora si tratta di compiere il resto del cammino che porta alla piena ricostruzione. Da questo punto di vista, noi siamo a pronti a continuare a garantire il nostro impegno perché tale, fondamentale obiettivo possa essere raggiunto in tempi più rapidi possibile”, conclude Andrea Martella.

01/07/2015 - 17:34

Attenzione anche su Porto Marghera

“Il sequestro di alcune aree dello stabilimento Fincantieri di Monfalcone mette nuovamente alla ribalta la necessità di ricercare un giusto equilibrio tra lavoro e tutela dell’ambiente. La sospensione dell'attività lavorativa di tutto il personale coinvolto nel ciclo produttivo del cantiere rischia di mettere a repentaglio il futuro dell’impianto”. Lo dichiara Andrea Martella, vice presidente del gruppo Pd alla Camera, che sulla vicenda ha presentato oggi un’interrogazione al Ministro dello Sviluppo Economico.

“E’ fondamentale – continua Martella - che, nel più assoluto rispetto dell’autonomia dell’azione della magistratura, il governo intervenga per scongiurare il blocco evitando così conseguenze irreparabili alla capacità competitiva dei cantieri navali friulani e tutelando i cinquemila lavoratori e le loro famiglie”.

“Il tutto tenendo alta l’attenzione anche sulla salvaguardia ambiente-lavoro anche negli altri siti Fincantieri, a cominciare da quello di Porto Marghera”, conclude Andrea Martella.

20/05/2015 - 17:08

Va risolto nodo dei crediti inesigibili

“L’ipotesi della costituzione di ‘bad bank’ per i crediti inesigibili è valida, ci pare sia una buona misura per risolvere il nodo delle sofferenze bancarie, pesante eredità delle imprese distrutte dalla crisi. Noi partiamo da questa considerazione: dal 2008 al 2014 i crediti deteriorati dell'intero sistema bancario sono aumentati da 131 a 350 miliardi di euro e la loro incidenza sul complesso dei prestiti è salita di circa 12 punti percentuali, al 17,7 per cento, come riporta l'ultimo rapporto sulla stabilità finanziaria pubblicato dalla Banca d'Italia. Fa bene dunque il governo, in accordo con la Commissione europea, ad affrontare la questione”.

Lo dice Andrea Martella, vicepresidente dei Deputati del Pd, in merito alla risposta data dal ministro dell’Economia, Padoan, durante il question time sul tema dei crediti inesigibili.

 

19/05/2015 - 13:08

“E’ inammissibile che nel quadro già disastrato del trasporto ferroviario del Veneto si aggiunga pure una vicenda come questa che, se confermata in tutti i suoi contorni, rappresenta un caso di autentica discriminazione nei confronti di viaggiatori disabili. La promessa di Trenitalia di svolgere un’indagine interna e di sanzionare gli eventuali responsabili va bene ma non è sufficiente. Chiedo che vi sia un immediato intervento del governo per fare piena luce su quanto accaduto”.

Dura la presa di posizione del vice presidente del gruppo PD alla Camera, Andrea Martella, a seguito della denuncia della Onlus Aipd Marca Trevigiana che ha segnalato, nella giornata di sabato scorso, un doppio caso di discriminazione ai danni di un gruppo di giovani affetti da sindrome di Down. L’accusa dei responsabili della Onlus è che, sia alla stazione di Conegliano che in quella di Mestre, gli addetti Trenitalia abbiano costretto il gruppo ad abbandonare la fila presso le biglietterie per far posto ad altri clienti.

“Il diritto di queste persone a vivere in autonomia e in condizioni di parità reale è irrinunciabile: va difeso e sostenuto, sempre ed ovunque. Le frasi che sarebbero state pronunciate dagli addetti, come quel ‘siete lenti, fate perdere il treno ad altri’, rappresentano una violazione grave di questo diritto. Proprio per questo ho presentato oggi un’interrogazione al ministro delle Infrastrutture per accertare quanto è accaduto”.

Martella in conclusione osserva che “il lavoro da fare per garantire alle persone disabili parità di trattamento nell’utilizzo dei trasporti pubblici è ancora molto. Propongo al ministero di valutare l’ipotesi, in relazione al contratto di servizio siglato con Rfi e Trenitalia, di attivare un apposito tavolo di confronto coinvolgendo anche le associazioni che operano nel settore delle disabilità. L’obiettivo deve essere quello di migliorare i servizi per questa fascia di utenza e di garantire loro una maggiore integrazione e autonomia, anche in considerazione dei grandi eventi che vedono il nostro Paese protagonista con Expo e il prossimo Giubileo”.

 

 

18/05/2015 - 18:14

Chi critica la decisione del governo di restituire 500 euro alle fasce di pensioni più basse, lo fa solo per propaganda. E dimentica le ragioni per cui ci troviamo in questa situazione. La legge Fornero nacque in clima di emergenza finanziaria senza precedenti: eravamo sull’orlo del default e c’eravamo stati condotti dalla finanza “creativa” firmata Berlusconi-Tremonti-Brunetta. Ecco, noi abbiamo detto basta ai posti di lavoro inventati, alle cartolarizzazioni impossibili, alle privatizzazioni approssimative. Stiamo disegnando una nuova stagione economica per il paese. Oggi anche il Fondo Monetario Internazionale ci dice che siamo sulla buona strada. Il decreto varato dal Cdm è improntato al realismo, alla necessità e al rispetto di una sentenza della Suprema Corte. E’ il prodotto serio di una classe dirigente che si fa carico dei problemi e prova a costruire un futuro sostenendo chi con il proprio lavoro ha dato molto al proprio paese.

Lo ha dichiarato l’on Andrea Martella, vice presidente Gruppo Partito Democratico, Camera dei Deputati.

13/05/2015 - 18:50

“Le raccomandazioni della commissione europea al nostro Paese per ciò che riguarda la concorrenza trovano pieno riscontro nella nostra iniziativa legislativa. In particolare, il ddl concorrenza all’esame della Camera risponde alle richieste di maggiore apertura dei mercati e di difesa dei consumatori. Interverremo infatti  su energia, assicurazioni, comunicazione, professioni e farmaci per superare una serie di vincoli che fino ad oggi hanno penalizzato una reale concorrenza. Si tratta quindi di un chiaro apprezzamento del lavoro che stiamo facendo e, insieme al giudizio positivo sul nostro Def e ai dati forniti oggi dall’Istat sulla fine della recessione, confermano la bontà dell’azione di maggioranza e governo per agganciare la ripresa e tornare a crescere”. Lo dichiara il vice presidente del Gruppo Pd della camera Andrea Martella.

 

13/05/2015 - 18:01

Non vi saranno penalizzazioni 

"Per i lavoratori stagionali non ci sarà alcuna penalizzazione rispetto agli anni scorsi: con una circolare (la n.94 del 12 maggio) l’Inps fa infatti chiarezza anche sulla situazione di questo comparto circa i criteri di accesso, beneficio e durata della Naspi (sussidio di disoccupazione)”.

A precisarlo è Andrea Martella, vice presidente del gruppo PD alla Camera.

“Si tratta di una notizia positiva per molti lavoratori che operano in settori di punta, a partire da quello del turismo. Al tempo stesso questo intervento consente di avere il tempo di monitorare con attenzione l’applicazione del nuovo sistema di ammortizzatori sociali e di valutare l’opportunità di un intervento legislativo a tutela della specificità degli stagionali”.

 

05/05/2015 - 13:10

"I dati resi noti dalla Commissione Europea rafforzano una speranza maturata negli ultimi mesi: l’economia italiana vede una prudente inversione che può preludere a una uscita dalla fase più difficile e ad una ripresa seria. Crescita del pil e diminuzione del deficit sono segnali importanti, alcuni favoriti da elementi esterni, come la crescita della domanda dall’estero, che non possono trovare il paese in ritardo. A questo servono le riforme: dalla scuola alla pubblica amministrazione, dal sostegno alla concorrenza alla giustizia, dal lavoro all’assetto istituzionale, governo e parlamento devono collaborare per mettere l’economia nelle condizioni di agganciare la ripresa e dare un futuro al Paese".

Lo ha dichiarato l’on. Andrea Martella, vice capogruppo Partito Democratico. Camera dei Deputati.

 

04/05/2015 - 16:58

"Con il voto favorevole alla nuova legge elettorale, oggi facciamo un passo avanti decisivo nel percorso di riforme e cambiamento che come PD ci siamo prefissati fin dalla sua nascita. L’Italicum è frutto di un confronto fra forze politiche – e all’interno delle stesse – che è durato oltre un anno, che ha accolto importanti cambiamenti rendendo questa legge elettorale in grado di garantire governabilità al Paese (la sera stessa del voto sapremo chi ha vinto), competizione reale tra le persone in ogni collegio e territorio, e libertà di scelta diretta dei propri rappresentanti che con il Porcellum era stata cancellata. Dunque risultano ingiusti e ingiustificabili gli accostamenti e i richiami all'autoritarismo che si sono ripetuti in queste ore. Pur capendo le preoccupazioni di chi ha visto una forzatura nella decisione del governo di porre la fiducia sull'Italicum, ciò non toglie valore a quanto è stato ottenuto col dialogo costruttivo: andare avanti in un'oltranza indefinita avrebbe vanificato il grande sforzo di sintesi dei passaggi precedenti". Lo dichiara Andrea Martella, vice presidente del Gruppo Pd alla Camera.

"Oggi votiamo una legge elettorale che garantisce al Paese maggiore governabilità e rappresentanza, che spinge al bipolarismo e a quella vocazione maggioritaria che è nel dna del Partito Democratico".

"Si tratta dunque - conclude Martella - di una riforma che rappresenta la migliore soluzione per consentire un altro passo di cambiamento concreto, atteso da anni e che non è più ulteriormente rinviabile".

 

Pagine