05/05/2016 - 14:34

"I dati sugli effetti economici di Expo citati questa mattina dal Presidente della Camera di Commercio Sangalli dimostrano in maniera definitiva quello che stiamo dicendo da mesi e cioè che l'Esposizione di Milano ha avuto delle ricadute economiche importantissime per la città. Il Governo nazionale, rappresentato oggi in Camera di Commercio dai Ministri Padoan e Martina, ha fatto tutto quello che serviva contro ogni scetticismo. Il centrodestra, che invece per mesi ha negato l'evidenza di questi benefici, sia in termini occupazionali che di indotto complessivo, dovrebbe adesso ammettere che Expo ha significato, anche a livello economico, un grande successo per Milano e per l'intero Paese. Dispiace constatare che ancora una volta l'interesse generale era stato messo da parte per portare avanti una inutile propaganda elettorale, poi smentita dai fatti. Parisi se ne faccia una ragione: Expo ha fatto bene a Milano e Beppe Sala, che l'ha saputa gestire così bene e con i bilanci in ordine, ha avuto un grande merito". Lo dichiara il vicepresidente vicario del gruppo Pd alla Camera, Matteo Mauri.

29/04/2016 - 13:35

"Ottimi i nuovi dati #Istat su #disoccupazione in calo, anche giovanile al minimo da 4 anni. Non ci accontentiamo, ma la strada è quella giusta".
Così Matteo Mauri, vicecapogruppo vicario del Partito democratico alla Camera, commenta i dati Istat di oggi.

27/04/2016 - 19:30

"Chiudere il Brennero è contro la cultura e i valori europei. È contro l'Europa che vogliamo. L'Austria si chiude l'Europa alla spalle".
Così Matteo Mauri, vice capogruppo vicario del Partito Democratico alla Camera.

19/04/2016 - 12:53

“Sul caso Livorno colpisce l’assordante silenzio dei vertici del Movimento Cinque Stelle. Il direttorio non trova nulla da dire sull'avviso di garanzia all'assessore al bilancio del Comune. Si riempiono sempre la bocca con la parola ‘onestà’ salvo poi fare finta di niente quando sono i loro esponenti ad essere coinvolti. Inoltre, come accaduto nel caso di Quarto, sono abilissimi nello sport italico dello scaricabarile. La verità, come anche il caso di Livorno dimostra, è che i disastri delle amministrazioni a guida Cinque Stelle sono sotto gli occhi di tutti. Gli esponenti del M5S sono molto abili ad insultare ma incapaci di governare”.
Cosi il vice capogruppo vicario del Pd alla Camera, Matteo Mauri.

22/03/2016 - 11:31

"Un attacco al cuore d'Europa. È evidente che la scelta di Bruxelles sia stata fatta perché la città belga rappresenta il cuore dell'Europa politica".

Così Matteo Mauri, vice capogruppo vicario del Pd alla Camera, ha commentato su La7 gli attentati di Bruxelles."Questi attacchi - ha aggiunto - devono avere una risposta soprattutto di carattere politico, una risposta di unità da parte di tutti i Paesi dell'Unione. Dobbiamo lavorare tutti per una l'Europa che deve essere sempre un soggetto unitario e autonomo, che sia in grado di esprimere politiche comuni".

20/03/2016 - 17:03

 "Il vicepresidente Di Maio dimostra ancora una volta di non essere all'altezza dell'incarico che ricopre. Ciò che è avvenuto in occasione della commemorazione dell'uccisione di Don Diana, con il suo tentativo di strumentalizzazione politica, è vergognoso e rende evidente la sua totale inadeguatezza e l'assenza di ogni senso istituzionale".

Lo afferma il vice capogruppo vicario del Pd alla Camera, Matteo Mauri.

"Non basta - prosegue Mauri - essere passato dalla migliore sartoria di Napoli o aver preso lezioni di portamento per essere adeguato a ricoprire un incarico così delicato e importante. Un incarico che tra l'altro Di Maio e i 5stelle non avrebbero mai potuto ricoprire senza la disponibilità dei deputati del Partito democratico a inizio legislatura. E cioè di chi deve quotidianamente subire ingiurie e offese proprio dal settore dell'Aula organizzato da Di Maio direttamente dagli uffici della presidenza". "Di Maio deve decidersi: o ricopre il ruolo a cui è stato chiamato con correttezza oppure, se vuole continuare a teleguidare gli ultras del M5S che pensano che l'emiciclo sia una curva da stadio e che il Parlamento sia una "scatoletta di tonno da aprire", tragga le logiche conseguenze e - conclude l'esponente Pd - lasci libero il suo incarico a qualcun altro che lo interpreti nel modo corretto, magari anche un altro del M5S".

16/03/2016 - 15:21

“Al Consiglio europeo dei prossimi due giorni si affronteranno temi spinosi, tra cui la questione dei flussi migratori e il ripristino del normale funzionamento di Schengen, a cui bisogna dare risposte rapide e convincenti. In questo contesto, l’allarme che anche oggi il Presidente Renzi ha voluto lanciare di un’Europa che non dà seguito alle decisioni prese, è ancora più preoccupante”.

Così il vice capogruppo vicario del Pd alla Camera, Matteo Mauri, in aula durante la dichiarazione di voto sulle comunicazioni del Presidente del Consiglio Renzi in vista del Consiglio Ue. 

“C’è chi di fronte a queste difficoltà oggettive – prosegue Mauri - vorrebbe riportare le lancette indietro, abolendo l’euro o la libera circolazione delle persone costruendo muri. Ma in questa situazione non serve meno Europa, ma più Europa! Certo un’Europa migliore, che affronti unita i rischi e che li condivida non lasciando qualcuno ad affrontarli da solo. Oggi in Europa la nostra voce è più forte, le nostre idee sono più ascoltate e siamo più rispettati. E l’evidente cambio di paradigma tra austerità e flessibilità, che c’è stato in buona parte grazie a noi, è lì a dimostrarlo in tutta evidenza”.

“Tante battaglie sono ancora da combattere ma la strada è quella giusta. Per farlo dobbiamo essere uniti come Paese. Questo si chiama interesse nazionale. Non mortifichiamolo con la solita polemica politica provinciale e – conclude Mauri - non mortifichiamo gli sforzi che gli italiani hanno fatto in questi anni per riemergere dalla situazione quasi disperata in cui eravamo finiti”.

09/03/2016 - 17:58

“La Digos ha arrestato a Campobasso un cittadino somalo con l'accusa di terrorismo. A loro e a tutte le forze di polizia va tutto il nostro ringraziamento per questa azione e per l'impegno quotidiano su questa emergenza. Sarebbe normale che tutta la politica accogliesse queste notizie con soddisfazione e con orgoglio. 
E invece Salvini non trova di meglio da fare che prendersela con Mattarella e con Renzi. Sembrerebbe uno scherzo, ma purtroppo è la realtà. Salvini non perde mai occasione per qualificarsi nel modo peggiore possibile. E chiarisce così ogni giorno a chi non l'avesse ancora capito che è completamente inadatto e inaffidabile per qualsiasi ruolo Governo. Al Presidente della Repubblica Mattarella e al Presidente del Consiglio Renzi va tutta la solidarietà per gli assurdi e insensati attacchi del leader del Carroccio”.
Così Matteo Mauri, vice capogruppo vicario del PD alla Camera.

02/03/2016 - 19:00

"Ciò che è accaduto oggi alla Camera è stato un fatto estremamente grave. Impedire con la forza a deputati della Repubblica l'accesso a una commissione parlamentare, come fatto dai parlamentari del Movimento cinque stelle, non è  una delle solite pagliacciate a favore di telecamera a cui ci hanno abituato".

Così Matteo Mauri, vice capogruppo vicario del partito democratico alla Camera.

"Avevano detto - prosegue Mauri - in campagna elettorale che avrebbero aperto il Parlamento come una scatola di tonno, non che avrebbero sbarrato le porte per impedire il confronto democratico. Siamo di fronte ad un atteggiamento squadrista che va condannato con la massima fermezza. Si è trattato di un gesto con un carattere eversivo e antidemocratico di cui devono essere chiamati a rispondere. Con le Istituzioni e con la democrazia non si può scherzare".

01/03/2016 - 13:42

“I dati Istat diffusi questa mattina  dimostrano che l’Italia ha intrapreso la strada giusta verso la ripresa". Cosi’ il vice capogruppo vicario del Pd alla Camera, Matteo Mauri, ha commentato i dati diffusi dall’Istat nel corso della trasmissione Coffee Break su La7.

“Nell’ultima legge di stabilità – ha aggiunto Mauri – ci sono state iniziative molto forti a sostegno del lavoro e delle imprese: il superammortamento, la proroga della decontribuzione per le nuove assunzioni, l’intervento sull’irap. Una serie di misure che hanno aiutato il Paese ad andare nella direzione giusta. E alcuni risultati positivi sono arrivati, altrimenti non saremmo passati da due anni a questa parte dal -1,9 a +0,8% di crescita, non sarebbero aumentate le assunzioni e non sarebbe diminuita la disoccupazione dal 13,01 all’11,4 %”.

“Ovviamente c’è  ancora molto da lavorare per tornare ai livelli prima della crisi, anche a causa delle condizioni internazionali sfavorevoli, e il primo a non essere ancora soddisfatto è proprio il Governo ma – conclude l’esponente Pd - sarebbe sbagliato negare questi segnali di ripresa”.

25/02/2016 - 19:44

“Finalmente è stato fatto un passo decisivo per arrivare ad una nuova legge sul tema del conflitto di interessi. Erano vent’anni che l’Italia la aspettava, tra polemiche roventi e scambi di reciproche accuse. Il testo che è stato approvato oggi alla Camera ha il pregio di essere, allo stesso tempo, equilibrato ed efficace. Alla fine del percorso parlamentare non si potranno più ripetere quelle situazioni inaccettabili per una democrazia avanzata, a cui abbiamo dovuto assistere nel passato. L’azione convinta del Partito Democratico ha reso possibile arrivare a un risultato di questa importanza, nonostante il voto contrario di diversi gruppi politici che evidentemente avrebbero preferito lasciare le cose così come stanno”.

Così Matteo Mauri, vice capogruppo vicario del Pd alla Camera.

24/02/2016 - 14:30

“La Consulta, come prevedibile, dichiara incostituzionale la legge anti-Moschee di Maroni, che in preda ad un raptus di frustrazione reagisce attaccando la sinistra. Comprendiamo la sua delusione: dopo i casi Rizzi e Mantovani e lo scandalo generale sulla sanità, ora anche la bocciatura della Corte Costituzionale. Ma era inevitabile perché se invece di pensare a guidare una Regione importante come la Lombardia, si passa il tempo a fare propaganda politica della peggior specie si corre il rischio di pesanti figuracce. La verità è che anche in questa occasione la Giunta Maroni dimostra tutta la sua inadeguatezza, cercando attraverso inutili e dannose mosse propagandistiche di nascondere gli scandali e la propria incapacità nell’amministrazione della Regione. Questo sì che interessa ai cittadini lombardi. E se avranno l'occasione a breve di poter esprimere la propria opinione con il voto lo dimostreranno in modo chiaro".

19/02/2016 - 14:49

"Oggi abbiamo avuto la prova. Di Battista e il M5S se ne infischiano della legge sulle unioni civili. Pensare che uno storico avanzamento di civiltà nel nostro paese sia considerato una 'leggina' come tante altre dimostra quanto gli esponenti del M5S siano miopi, spregiudicati e opportunisti".
Così Matteo Mauri, vice capogruppo Pd alla Camera, commenta l'intervista di Alessandro Di Battista. 

10/02/2016 - 14:12

“A Toninelli basterebbe studiare la Storia per capire che il rispetto del dissenso e l’assenza di un vincolo di mandato sono il sale della democrazia. Oltre al fatto che quello che vorrebbero imporre con il decalogo non è il rispetto di un programma elettorale ma l’obbedienza cieca ai diktat che, di volta in volta, il guru Casaleggio o il suo braccio armato Grillo partoriscono dalla loro mente”.

Cosi Matteo Mauri, vice presidente dei Deputati Pd.

“Non possono essere – prosegue Mauri - una norma liberticida o l’assalto impraticabile al conto corrente dei rappresentanti del popolo gli strumenti per evitare i cambi di casacca o il dissenso. Serve la politica e il dibattito democratico dentro i partiti, due cose ai cinque stelle sono evidentemente sconosciute. La realtà è che avete paura di voi stessi. Probabilmente sono le brutte e figure di Quarto, Bagheria, Civitavecchia, Livorno e le tante defezioni che avete avuto nei gruppi parlamentari che vi spaventano. Il vincolo di mandato è un modo solo per limitare le libertà, non a caso era in voga nei regimi autoritari degli Stati socialisti. Al contrario, diversamente da quello che Toninelli avventurosamente sostiene, in Italia l’assenza di quel vincolo era già prevista nello Statuto Albertino del 1848, e ancora prima durante la rivoluzione francese. Il motivo è evidente: ogni eletto ha il dovere di rappresentare gli interessi di tutta la comunità e non solo dei cittadini che lo hanno votato. In particolare un Parlamentare deve rappresentare tutta la Nazione e non solamente il territorio di provenienza".

"Forse è meglio - conclude l'esponente Pd - che il M5S occupi meno tempo a far firmare carte e di più a lavorare per selezionare amministratori all’altezza. Perché quello fino ad oggi hanno visto i cittadini italiani è un disastro dopo l’altro”.

08/02/2016 - 14:05

"Dopo il caso Quarto, ora anche la vicenda Bagheria. Se sarà confermato quanto è andato in onda ieri nell'inchiesta mostrata da 'Le Iene' sull'abusivismo nel comune siciliano, il Movimento 5 Stelle e i suoi esponenti locali avranno da chiarire molte altre cose oltre a quelle emerse in casi analoghi".

Cosi' Matteo Mauri, vice presidente vicario dei deputati Pd.

"Inizia a essere ormai evidente - prosegue Mauri - la totale inadeguatezza e incapacità degli amministratori del M5S ovunque governino. E soprattutto è evidente che predicano una cosa ma ne fanno decisamente altre. Se non sono capaci di gestire in modo trasparente le loro case figuriamoci che disastri farebbero a gestire la casa degli italiani. E per chi vorrebbe guidare le principali città italiane non è cosa di poco conto. E sembra che se ne siani accorti persino alla Casaleggio&associati, visto che li vorrebbero teleguidare con tanto di penale da 150.000 euro se non obbediscono. Ma la 'politica dei droni' che vorrebbe Casaleggio ha un difetto, non è democrazia. Ma si sa che da quelle parti non va di moda".

Pagine