19/12/2017 - 17:17

"Per le strade provinciali e metropolitane il Governo ha fatto oggettivamente uno sforzo importante". Lo dichiara Antonio Misiani, deputato Pd e membro della commissione bilancio della Camera. "Lo stanziamento di 120 milioni nel 2018 e 300 milioni annui dal 2019 al 2023 è un passo molto positivo che risponde ai tanti problemi che si erano aperti dal 2015 in avanti. Province e città metropolitane gestiscono 130 mila km di strade. La manutenzione di questa rete era stata quasi azzerata dalla drastica riduzione degli stanziamenti disponibili, portando alcune arterie fino alla chiusura per impraticabilità. Ora, finalmente, siamo ad un punto di svolta: nei prossimi cinque anni saranno a disposizione risorse importanti, che permetteranno agli enti di area vasta di riprendere a programmare la manutenzione di una rete di strade di grande importanza per tantissime comunità locali italiane".

17/12/2017 - 10:32

“Per le regioni con la sanità in pareggio è un prezioso margine di libertà in più su un tema decisivo come la gestione del personale. Un segnale importante per rafforzare il sistema sanitario pubblico e valorizzare la professionalità degli operatori.

Con l'approvazione del nostro emendamento si riduce l'obiettivo di contenimento del costo del personale della sanità delle regioni virtuose. E' una misura di flessibilizzazione che ha un grande impatto dal punto di vista organizzativo per le regioni con i conti della sanità in ordine.

La norma vigente prevedeva un percorso graduale di riduzione del costo del personale da attuarsi nel periodo 2015/2020, anno entro il quale la spesa complessiva avrebbe dovuto attestarsi alla spesa dell’anno 2004 diminuita dell’1,4 per cento.

Con l'approvazione dell'emendamento le regioni con la sanità in pareggio recuperano spazi di flessibilità importanti. E' un segnale che consente di poter rinnovare i contratti evitando il rischio dei bruschi ridimensionamenti dei servizi e delle prestazioni sanitarie che n erano stati paventati nei mesi scorsi, a causa dei ritardi accumulati da alcune regioni nell'assumere le iniziative necessarie per rispettare il vincolo imposto nel 2011, sicuramente obsoleto ma pienamente vigente”. Lo dichiarano i deputati Dem Elena Carnevali e Antonio Misiani.

 

17/12/2017 - 10:13

"I due emendamenti su ecobonus e sismabonus che la commissione bilancio ha approvato oggi rappresentano un notevole passo in avanti", dichiara Antonio Misiani, deputato Pd e presentatore degli emendamenti.

Il primo emendamento ridisegna in modo più razionale il sistema di incentivi per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale delle abitazioni. Un mercato importante, che vale oltre mezzo miliardo di euro e che è presidiato al 70 per cento da aziende italiane. L'ecobonus viene riportato al livello massimo per le caldaie a condensazione tecnologicamente più avanzate (classe A con sistemi di termoregolazione evoluti), e viene invece azzerato per quelle meno performanti (classe B). E' una scelta che premia l'innovazione e l'efficienza energetica, in un settore in cui le imprese italiane costituiscono una punta di eccellenza.

Il secondo emendamento coordina l'ecobonus e il sismabonus per gli interventi di riqualificazione dei condomini. L'incentivo, nel caso di interventi congiunti di riqualificazione energetica e sismica viene unificato all'80 o 85 per cento (a seconda del grado di riduzione del rischio sismico), con una importante semplificazione delle procedure per le imprese e i contribuenti. Si aggiunge così un tassello importante ad un sistema di incentivazione che già la legge di bilancio 2017 aveva fortemente rafforzato. La rigenerazione dei condomini ha potenzialità enormi sia dal punto di vista economico che sotto il profilo ambientale, dato che gli immobili abitativi sono responsabili di una quota importante delle emissioni di CO2 e del consumo energetico nazionale.

 

14/12/2017 - 20:29

"Ci eravamo impegnati ad aumentare il prima possibile le risorse per i piccoli comuni, abbiamo raggiunto un primo risultato sin da questa legge di bilancio" dichiara Antonio Misiani, deputato Pd e membro della commissione bilancio. "Il fondo della legge 158 aumenta da 15 a 25 milioni annui e, soprattutto, diventa permanente a decorrere dal 2018. In questo modo la legge per la valorizzazione dei piccoli comuni acquisisce una dotazione finanziaria strutturale, che si potrà ulteriormente rafforzare nelle prossime manovre di bilancio. E' un risultato molto positivo, frutto di un lavoro condiviso tra il Parlamento e il Governo. La prossima, importante tappa sarà, nei prossimi mesi, la redazione dei provvedimenti attuativi della legge" conclude Misiani. 

13/12/2017 - 20:37

​"La precarizzazione del lavoro va affrontata intervenendo sul tempo determinato ma anche sull'indennità di licenziamento individuale”. Lo dichiara Antonio Misiani, deputato Pd e membro della Commissione Bilancio.

"La proposta di riduzione da 36 a 24 mesi della durata dei contratti a termine – continua - è un primo passo, ma ne servono altri. Il primo è la riduzione del numero di proroghe da 5 a 3. Si possono poi prendere in considerazione anche altri strumenti. Penso innanzitutto al contributo aggiuntivo sui contratti diversi da quello a tempo indeterminato, oggi pari all'1,4 per cento, che potrebbe essere incrementato rendendo il lavoro precario  meno attrattivo anche dal punto di vista economico. Come già prevede la normativa, il contributo aggiuntivo verrebbe restituito all'impresa in caso di stabilizzazione del lavoratore. Un ulteriore punto su cui si potrebbe intervenire è il tetto quantitativo dei lavoratori a termine sul complesso degli occupati: oggi è prevista una sanzione amministrativa per chi lo supera, ripristinare la conversione obbligatoria a tempo indeterminato renderebbe più stringente questo ‘paletto’. Una questione cruciale, su cui il governo dovrebbe riflettere ulteriormente, è infine l'entità dell'indennità di licenziamento individuale, sollevata dalla commissione lavoro della Camera. La maggiore convenienza del licenziamento rispetto all'attivazione degli ammortizzatori sociali è un rischio concreto. Rendere più ‘pesante’ l'indennità di licenziamento aiuterebbe a scongiurare questa eventualità e avrebbe senso anche in relazione al generoso incentivo per l'assunzione stabile dei giovani previsto nel disegno di legge di Bilancio”. “Tutte queste misure permetterebbero di migliorare senza alcun stravolgimento il quadro normativo definito dal Jobs Act, rafforzandone la capacità di restituire centralità al lavoro a tempo indeterminato", conclude.

04/12/2017 - 11:36

Con Misiani, Carnevali e Martina.

Domani, martedì 5 dicembre, alle ore 11.00 nella sala Salvadori del Gruppo Pd della Camera, sarà presentata la proposta di legge ‘Disposizioni in materia di detraibilità delle spese sostenute per gli addetti all'assistenza personale’, per rafforzare gli strumenti di  agevolazione fiscale a favore delle famiglie che si avvalgono di un’assistenza o che acquistano il servizio da imprese che ne organizzano la fornitura per persone non autosufficienti.

Alla conferenza stampa saranno presenti i deputati del Partito  Democratico promotori della proposta, Antonio Misiani ed Elena  Carnevali, il Vicesegretario Nazionale Pd Maurizio Martina e il responsabile Welfare del PD Giovanni Lattanzi.

“L’assistenza ai non autosufficienti – spiega Misiani -  costituisce una delle sfide più importanti che il nostro Paese è chiamato ad affrontare e deve diventare una priorità dell’agenda pubblica. L’obiettivo è determinare i livelli essenziali delle prestazioni da garantire nei casi di non autosufficienza e definire una strategia organica di rafforzamento del sistema di sostegno. Con questa proposta di legge intendiamo rafforzare gli strumenti di agevolazione fiscale a favore delle famiglie che si avvalgono della collaborazione di un’addetta all'assistenza personale, la cosiddetta 'badante' ”.

30/10/2017 - 13:19

“La discussione parlamentare della legge di Bilancio è un passaggio cruciale per riaprire una prospettiva per il centrosinistra. Il primo terreno su cui costruire la nuova coalizione di cui ha parlato Renzi a Napoli è naturalmente quello delle politiche economiche e sociali. La legge contiene misure molto positive, dagli incentivi strutturali per le assunzioni stabili alla sterilizzazione degli aumenti Iva, fino alle risorse aggiuntive contro la povertà. Possiamo e dobbiamo lavorare per migliorarla ulteriormente, rapportandoci in modo aperto con chi a sinistra ha un giudizio più critico. Penso a temi come l’età di pensionamento piuttosto che la sanità, il lavoro, la web tax. I margini di manovra sono inevitabilmente stretti, ma dobbiamo da subito aprire questo confronto”.

Così il deputato Antonio Misiani, componente della commissione Bilancio della Camera.

27/10/2017 - 16:34

“E’ solo un imbroglio, un gioco delle tre carte. Al Nord autonomisti, al Sud unitari”. Lo dice Antonio Misiani, deputato del Partito democratico, commentando quanto annunciato da Matteo Salvini sul simbolo leghista. “Maroni e Zaia hanno appena ripreso in mano la battaglia dell’autonomia mobilitando gli elettori ed ora, casualmente a pochi giorni dalla elezioni in Sicilia,  Salvini cosa vuole farci credere? Ma per favore…”.

25/10/2017 - 15:34

"L'apertura del vicesegretario Martina verso il rinvio dell'aumento dell'età di pensionamento è un segnale positivo, che raccoglie finalmente le sollecitazioni di tanti dentro e fuori il Pd" dichiara Antonio Misiani, deputato Pd vicino ad Andrea Orlando. "Speriamo non rimanga un passo isolato. L'equità sociale deve diventare il cuore della prossima legge di bilancio. E' necessario introdurre nel percorso parlamentare misure sulle pensioni ma anche per la riduzione del lavoro precario, l'ulteriore rafforzamento della lotta contro la povertà, il sostegno alle famiglie con figli e agli anziani non autosufficienti, il superamento del super ticket. Più equità, infine, anche rendendo la web tax strutturale e obbligatoria. E' questo, a nostro giudizio, il terreno su cui il Pd dovrebbe rilanciare la propria iniziativa, ricercando il dialogo e la convergenza del centrosinistra e delle forze sociali".

 

23/10/2017 - 16:10

“Che Zaia possa parlare di successo è indiscutibile. Maroni, proprio no”. Lo dichiara Antonio Misiani, deputato del Partito democratico, per commentare l’esito del referendum consultivo tenuto ieri in Veneto e Lombardia.
“A venti punti di distanza dal Veneto – spiega - e con risultati non ancora ufficiali a sedici ore dalla chiusura dei seggi (una vergogna da repubblica delle banane...), farebbe meglio a tornare con i piedi per terra, perché la verità è che in Lombardia il referendum è stato in mezzo flop. Il presidente della regione aveva a favore tutto il centrodestra, tutto il M5S e buona parte del centrosinistra, a partire dai sindaci lombardi del Pd. Nonostante questo larghissimo consenso di partenza, i 55 milioni di euro spesi tra tablet e propaganda e l’asticella del successo furbescamente abbassata dal 51 per cento dichiarato ad agosto al 34 per cento di pochi giorni fa, ha portato alle urne la metà dei lombardi che avevano votato nel referendum costituzionale del 4 dicembre scorso”.
“Se questo era il primo passo della campagna elettorale per le regionali, Maroni è indubbiamente partito male”, conclude. 

29/09/2017 - 19:04

“Non contento della figuraccia rimediata sui parcheggi rosa, il sindaco di Pontida ha pensato bene di rifarsi sulle esenzioni per la tariffa rifiuti, garantite alle coppie sposate ma non alle unioni civili. Peccato che questa volta sia stato clamorosamente smentito persino dal suo leader Salvini, che ha esplicitamente preso le distanze da questa scelta”. Lo dichiara Antonio Misiani, deputato del Partito democratico.

“Forse, il sindaco Carozzi dovrebbe trarne le opportune conseguenze. La sua voglia matta di mettersi in mostra gli ha fatto fare l’ennesimo passo falso. Peccato per i cittadini di Pontida, che non meritano questa pessima pubblicità”, conclude.

29/09/2017 - 15:20

“Ma quale Def ha letto Rocco Palese?”. Lo chiede Antonio Misiani, deputato del Partito democratico e componente della Commissione Bilancio della Camera, in risposta alle parole di Rocco Palese sul  Def.

“Parlare –continua - di trucchi contabili e di pesantissima eredità non ha alcun fondamento. A meno che, appunto,  Palese non abbia letto un altro documento. La ‘pesantissima eredità’ che denuncia è un’economia che nel 2013 era in recessione e quest’anno ha ripreso a marciare crescendo di 1,5 punti. Sono quasi un milione di posti di lavoro creati in quattro anni. E’ un deficit pubblico ridotto dal 2,9 del 2013 al 2,1 previsto per quest’anno, grazie a una politica di risanamento graduale e prudente”.

”Intendiamoci: i problemi non mancano, a partire dagli elevati tassi di disoccupazione e di povertà. Ma il quadro tragico dipinto da Palese non sta né in cielo né in terra”, conclude.

28/09/2017 - 11:04

Grande soddisfazione per approvazione definitiva

"L’approvazione definitiva al Senato della legge per i piccoli comuni è un grande risultato che cancella le delusioni per i tentativi andati a vuoto in tre legislature e corona anni di lavoro dei parlamentari, a partire da Ermete Realacci promotore della legge, e degli amministratori locali". Lo dichiara Antonio Misiani, deputato Pd e relatore della legge insieme ai colleghi Tino Iannuzzi e Enrico Borghi.

"Finalmente, con l'approvazione di questo provvedimento, l'Italia dei piccoli centri - prosegue Misiani - quella che il presidente Ciampi chiamava la ‘piccola grande Italia’, ottiene il riconoscimento che merita. La legge definisce per questi territori una strategia di sviluppo sostenibile, che passa dalla valorizzazione del patrimonio paesaggistico, storico, culturale ed eno-gastronomico di questi territori e dalla modernizzazione della rete di servizi pubblici. La dotazione di fondi è limitata (100 milioni dal 2017 al 2023) ma lavoreremo sin dalla prossima legge di bilancio per rafforzarla. Le risorse disponibili non saranno in ogni caso erogate a pioggia: andranno a finanziare progetti locali di sviluppo privilegiando quelli costruiti su scala sovracomunale e capaci di mobilitare altre risorse pubbliche e private. Ora inizia un percorso nuovo che apre opportunità importanti per gli amministratori delle piccole comunità locali che sapranno promuovere progetti innovativi e coerenti con le finalità della legge".

14/09/2017 - 15:23

“Benvenuto! Comprendiamo l’imbarazzo di Roberto Fico che ha  sentito il bisogno di scrivere un lungo post su Facebook per spiegare il suo punto di vista sui ‘parcheggi rosa’ di Pontida. Bastava dire che quella delibera è demenziale e illegale, come abbiamo fatto subito noi del Pd. Se Fico ha dovuto dissertare su Lega, leghismo, medioevo e intolleranza razziale è perché il suo movimento va a braccetto troppo spesso con Salvini e soci. Il suo disagio è palpabile e umanamente comprensibile. Sarebbe utile però che tutto il M5S - a partire dal candidato-premier in pectore Di Maio - abbandonasse una volta per tutte la politica ambigua delle strizzatine d'occhio sui temi cari alla propaganda della Lega e dell'estrema destra".

Così  Antonio Misiani, deputato del Pd.

13/09/2017 - 18:06

"Pensavo fosse un pesce d'aprile, ma siamo a settembre … Battute a parte, la notizia comparsa oggi dell'approvazione da parte della giunta di Pontida di un regolamento che introduce "parcheggi rosa" discriminando però le donne in base alla loro nazionalità e orientamento sessuale provoca un misto di indignazione e vergogna. Crediamo che l'amministrazione di Pontida farebbe meglio a occuparsi dei problemi veri di quella comunità, risparmiando ai cittadini di Pontida la pessima pubblicità e l'imbarazzo provocato da una scelta demenziale e palesemente illegittima come quella assunta dall'amministrazione. Ci auguriamo che la delibera in oggetto venga al più presto ritirata, sollevando dal suo incarico l'assessore proponente".  

E’ quanto dichiara Antonio Misiani, deputato PD.

Pagine