01/12/2017 - 14:58

"Sibilia in maniera ridicola cerca di perpetuare le fake news dei 5 Stelle sulle banche". Lo dichiara Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, in risposta alle parole di Carlo Sibilia.

"L'audizione di ieri della commissione sulle banche - spiega - ha dimostrato che il Pd è estraneo ai problemi del sistema bancario ma Sibilia, quello delle scie chimiche, fa finta di nulla. Continua imperterrito a propagandare a  pappagallo le bugie grilline. La verità e i 5 Stelle non si incontrano mai". 

"Anche sulle banche hanno dimostrato, come al solito, approssimazione e malafede", conclude."Sibilia in maniera ridicola cerca di perpetuare le fake news dei 5 Stelle sulle banche". Lo dichiara Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, in risposta alle parole di Carlo Sibilia.
"L'audizione di ieri della commissione sulle banche - spiega - ha dimostrato che il Pd è estraneo ai problemi del sistema bancario ma Sibilia, quello delle scie chimiche, fa finta di nulla. Continua imperterrito a propagandare a  pappagallo le bugie grilline. La verità e i 5 Stelle non si incontrano mai".
"Anche sulle banche hanno dimostrato, come al solito, approssimazione e malafede", conclude.

30/11/2017 - 19:48

“Adottare, nell’ambito delle sue prerogative,  le necessarie misure, anche di carattere regolatorio, atte a contrastare il fenomeno delle fake news”. Lo chiede al governo Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, con un’interrogazione alla presidenza del Consiglio dei ministri, al Ministro dello Sviluppo economico e a quello dell’Interno.

“Nei giorni scorsi è diventata virale sul web – spiega  - una foto che ritrae la Presidente della Camera Laura Boldrini, la sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi, il senatore Verducci, l’europarlamentare Sassoli e altri, in un chiesa, corredata dalla seguente didascalia la ‘Guardate chi c’era a dare l’ultimo saluto a Riina? Il  funerale di Riina non è stato nemmeno celebrato. La foto rappresenta, com’è ovvio, una bufala, poiché era stata scattata al funerale, nel duomo di Fermo, di un ragazzo nigeriano, morto per un’aggressione di stampo razzista. Nonostante una  presa di distanza ufficiale del M5S, ritroviamo la notizia su altri profili, uno fra tutti quello  Virus5Stelle, le cui foto del profilo mostrano un simbolo dei 5 Stelle. Lo Europe Editor di BuzzFeedNews, Alberto Nardelli segnala, con alcune foto, il legame tra Virus5Stelle e il vice Presidente della Camera Luigi Di Maio. Nardelli fa anche notare che fra i team manager di Virus5Stelle c'è un tale Adriano Valente, ‘taggato’ da Di Maio in alcuni post, che sul sul suo profilo sfoggia foto che lo ritraggono in compagnia di Beppe Grillo”.

“Questo è solo uno degli episodi che si collocano nell’ormai dilagante fenomeno delle false, diffamatorie, notizie che vengono diffuse e moltiplicate in particolare nel web, ma non solo”, conclude

30/11/2017 - 19:12

Oggi la Commissione di inchiesta sulle banche si è occupata del caso Etruria. A fronte di quello che emerge, il M5s ha qualche cosa da dire visto, che i loro teoremi si sono infranti contro la realtà dei fatti? #orabastabugie”. Lo scrive su Twitter Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera.

28/11/2017 - 15:50

“Mi occupo dei vivi non dei morti’, dice Salvini sul biotestamento. La differenza tra noi e loro è tutta in questa frase crudele e senza rispetto per la sofferenza delle persone #avanti con il #biotestamento #cosegiuste”. Lo scrive su Twitter Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, per commentare le parole di Matteo Salvini sul biotestamento.

25/11/2017 - 15:46

"Caro Di Maio intanto cominciate a chiudere i siti satellite del M5S tipo Tze Tze La Fucina Il grande cocomero che diffondono solo bufale".

Lo scrive su Twitter Alessia Morani, vicepresidente del gruppo Pd alla Camera, in risposta alle dichiarazioni di Luigi Di Maio sulla questione delle fake news.

25/11/2017 - 13:24

"Apprendiamo da alcuni giornali che la norma approvata al Senato e in via di approvazione alla Camera contenuta nel decreto fiscale che cancella la vergogna e la truffa delle bollette a 28 giorni sarebbe oggetto da parte delle compagnie telefoniche di curiose interpretazioni". Lo dichiarano Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera e il senatore democratico Stefano Esposito, a proposito delle norme del decreto Fiscale riguardanti il divieto di fatturazione delle bollette a 28 giorni per le compagnie telefoniche e pay tv.

"Usiamo la parola 'curioso' - continuano - per dire della sorpresa dettata dal fatto che i suddetti soggetti non demordono nel provare a perpetuare una pratica truffaldina nei confronti degli utenti. Una vera indecenza. Sia chiaro che la norma non ha margini di fraintendimento e che non accettiamo ne accetteremo il tentativo di prendere in giro il parlamento e i cittadini. Non riteniamo necessario spiegare che un anno è composto da 12 mesi e che le bollette di qualunque operatore devono essere 12. Se, però, per aiutare a comprendere questo dato di fatto servirà ribadire questo elementare principio, in sede di approvazione alla Camera faremo degli ordini del giorno in grado di chiarire tutti i dubbi sollevati dalle compagnie. Interverremo, infine, anche sui servizi premium ed aggiuntivi che sono pratiche che costituiscono un costo per lo più nascosto per i clienti della telefonia".
"Nessuno si presti a giochetti di alcun genere ai danni dei cittadini. Non lo permetteremo", concludono.

16/11/2017 - 14:49

Oggi, giovedì 16 novembre, alle 12, presso la Sala Cristallo dell’Hotel Nazionale (piazza Montecitorio, 131) a Roma, Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, e il senatore democratico Stefano Esposito, terranno una conferenza stampa per illustrare il contenuto dell’emendamento, approvato ieri in Commissione Bilancio al Senato, che mette fine alla pratica delle bollette a 28 giorni per le fatturazioni telefoniche e le pay tv.  All’incontro con la stampa sono state invitate le associazioni dei consumatori, il cui apporto e la cui vicinanza sono stati fondamentali in questi mesi, nel raggiungere questo importante risultato. 

16/11/2017 - 11:50

“Ma Luigi Di Maio in che veste si è recato negli Stati Uniti? Pare essere in veste istituzionale, visto che è stato ricevuto dall’ambasciatore. Perché allora ha fatto prevalentemente un tour propagandistico per il suo partito e per la sua candidatura? Si è fatto un giretto elettorale a spese dei contribuenti italiani? A leggere le sue dichiarazioni sembra che si sia dedicato soprattutto ad illustrare lo sorti magnifiche e progressive del grillismo, peraltro con risultati pietosi viste anche le stroncature ricevute dal New York Times. Vorremmo proprio capire come mai si parte in veste di vicepresidente della Camera e poi ci si auto promuove come candidato dei 5 stelle”. Lo dichiara la deputata dem Alessia Morani, vice capogruppo Pd alla Camera.

15/11/2017 - 18:22

“Verificare la liceità e la trasparenza delle  relazioni commerciali, e dei relativi finanziamenti, intrattenute dai movimenti di estrema destra, Casa Pound e Forza Nuova con ambienti manageriali italiani ed esteri e con movimenti estremisti di altri Paesi”. Lo chiede Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, con un’interrogazione al ministro dell’Interno.

“Da un’inchiesta de l’Espresso dello scorso 5 novembre – spiega - apprendiamo l’esistenza di una vera e propria galassia imprenditoriale che dall’Italia si allarga a Francia e Regno Unito,  passando per Cipro e arrivando fino alla Russia di Vladimir Putin. Sempre secondo l’inchiesta, a Casa Pound farebbero, inoltre, inequivocabilmente capo anche catene di ristoranti, marchi di vestiti, catene di barberie, oltre al quotidiano ‘Il primato nazionale’, recentemente affiancato dal mensile cartaceo”.

“Apprendiamo, inoltre, che prima dello svolgimento del primo turno dell’ultima tornata elettorale a Ostia, gli esponenti di Casa Pound offrivano generi alimentari agli elettori, fatto che potrebbe integrare la condotta di corruzione elettorale”, conclude.

14/11/2017 - 18:19

“Soddisfazione per l’emendamento del relatore Lai che, sullo stop alla fatturazione a 28 giorni, fa propria la soluzione del Partito democratico”. Lo dichiarano Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, e Stefano Esposito, senatore del Pd, firmatario dell’emendamento al Dl fiscale che riprende il testo del ddl Morani presentato alla Camera per mettere fine alla fatturazione a 28 giorni delle bollette di telefonia e pay tv.

“Nell’emendamento del relatore – spiegano – vengono accolti i punti cardine da noi suggeriti: il divieto di fatturazione a 28 giorni per tutti i tipi di contratto, compresi quelli business e prepagati (con le uniche eccezioni delle offerte promozionali non rinnovabili, tipo Summer o Christmas); sono previsti rimborsi e indennizzi per gli utenti in caso di violazione delle nuove disposizioni; sono rafforzati i poteri sanzionatori dell’Autority in caso di violazione della legge; i fornitori sono obbligati a informazioni chiare e trasparenti sulle diverse offerte”.

“Si può quindi dire che grazie all’iniziativa del Partito democratico si mette fine a una pratica vergognosa che danneggiava i consumatori a esclusivo vantaggio delle compagnie”, concludono.

14/11/2017 - 17:19

“Talamoni consigliere M5s XI Municipio Roma ha chiesto agli agenti della Polizia municipale di ‘usare con i consiglieri #Pd il metodo Spada’. Mi auguro che Virginia Raggi, coerentemente con la posizione assunta nei confronti degli Spada, lo butti fuori dalla maggioranza”. Lo scrive su Twitter  Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, per commentare l’invito ai vigili urbani di usare ‘il metodo Spada contro i consiglieri del Pd’, rivolto dal consigliere  Cinquestelle del XI Municipio di Roma, Fabio Talamoni.

14/11/2017 - 15:06

“Davanti alle varie ipotesi circolate in queste ore, restiamo convinti che la soluzione migliore per risolvere il problema delle bollette telefoniche a 28 giorni, sia la formulazione concordata dal Partito democratico, poi condensata nell’emendamento presentato da Stefano Esposito”. Lo dichiara Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, per commentare l’annuncio di un emendamento con cui il governo intende porre fine alla pratica della fatturazione a 28 giorni da parte degli operatori di telefonia e pay tv.

“Per sminuire la portata del provvedimento qualcuno sta provando a fare passare il messaggio che la pratica dei 28 giorni potrà essere utilizzata dai settori gas e luce che però non hanno mai fatturato le bollette a 28 giorni e che sono notoriamente calcolate sulla base dei consumi. Quella indicata dal Pd è una soluzione efficace e chiara. Dal nostro punto di vista, riteniamo non siano per questo necessarie altre modifiche”, conclude.

10/11/2017 - 20:00

“Sono molti i fatti recenti che dimostrano come ci sia bisogno del provvedimento contro l’apologia di fascismo, di cui Emanuele Fiano è firmatario, che stiamo portando avanti in Parlamento. La reazione inaccettabile di Forza Nuova alla semplice presenza di Emanuele Fiano a Sant’Angelo Lodigiano, ne è un’ulteriore prova”. Lo dichiara Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, per commentare l’azione di disturbo organizzata da Forza Nuova a Sant’Angelo Lodigiano, per protestare contro il deputato del Partito democratico Emanuele Fiano.

“Conosciamo bene Emanuele e sappiamo che non si fa intimidire da nessuno, in nessun modo.  A lui va tutta la nostra solidarietà. Ci auguriamo che Tutta la proposta sull’apologia di fascismo approvata alla Camera, diventi legge al più presto”, conclude.

09/11/2017 - 15:57

“La spiegazione di Di Stefano sugli incontri a Mosca tra M5S e gli emissari di Putin non dissipa le ombre che incombono sui 5 Stelle”. Lo dichiara Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, per commentare l’incontro, avvenuto a Mosca nel 2016 e rivelato da la Stampa, tra i deputati di M5S Alessandro Di Battista e Manlio di Stefano e alcune personalità russe vicine a Vladimir Putin.

“Considerato ciò che sta emergendo sulla strategia messa in atto dalla Russia – spiega – quell’incontro fa nascere molti inquietanti sospetti. E’ un fatto noto che i due personaggi che hanno incontrato i deputati Cinquestelle, Robert Shlegel  e Sergej Zheleznyak, non sono figure qualunque bensì coloro che conducono attività a favore di Putin all’estero – il secondo, per questo, è stato anche inserito in una blacklist dall’amministrazione Obama. E’ un fatto che dopo quel viaggio la linea di politica estera del Movimento abbia subito una violenta sterzata (vedi per esempio, sul Montenegro) e ora combaci in tutto e per tutto con quella putiniana: sulla Libia, sull’Euro, sull’Europa, sulla Nato. E’ un fatto che dopo quella visita tra i siti dell’orbita grillina e quelli della propaganda putiniana all’estero (Russia Today e Sputnik) si siano aperti dei vasi comunicanti, con tanto di fake-news condivise”.
“Se, come dice Di Stefano, si è trattato di un incontro giusto per conoscersi, perché il suo effetto è stato di allineare in tutto e per tutto i Cinquestelle alle politiche di Putin?  Tra i capisaldi del Movimento c’è la trasparenza. Sui rapporti tra Cinquestelle e Putin, al momento c’è tutto fuorché trasparenza”, conclude.
 

08/11/2017 - 18:27

“Esprimo solidarietà politica ed umana a Marco Cappato poiché oggi è iniziato il processo a suo carico per la morte di dj Fabo.”. Lo dichiara Alessia Morani, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera.

“Le persone nelle condizioni di dj Fabo devono poter scegliere. Perché vicende così dolorose e tristi non accadano più, mi auguro che il Senato possa esaminare il più presto possibile il testo ricevuto dalla Camera”, conclude.

Pagine