16/02/2018 - 19:30

“Creare un team di lavoro per portare a Roma le istanze dell’Alto Adriatico”. E’ la proposta lanciata da Sara Moretto, candidata del Partito democratico in Veneto, nel corso dell’incontro informale che si è svolto questa mattina, alla trattoria Pra Grande di Fossalta di Portogruaro (Ve) e al quale hanno preso parte il presidente del gruppo Pd alla Camera Ettore Rosato, Andrea Ferrazzi, candidato al Senato, sindaci veneti e friulani e diversi imprenditori del territorio. Al centro dell’incontro il tema della terza corsia dell’A4 con la realizzazione del casello di Alvisopoli/Bibione, la sburocratizzazione e il sostegno alla piccola e media impresa, la promozione del turismo e l’erosione costiera. 

“Il Veneto Orientale – ha sottolineato Moretto – è un polo di attrazione turistico-balneare tra i più importanti a livello nazionale. Il turismo è dunque un settore irrinunciabile per l’economia del territorio. Ho voluto questo incontro per rilanciare il tema del nuovo casello dell’A4 la cui realizzazione, grazie alle nuove norme che consentono alle Regione Veneto e alla Regione Friuli Venezia Giulia di creare una Newco, può essere riprogrammata e anticipata. Ho proposto anche la creazione di una squadra di lavoro che porti nelle Commissioni parlamentari delle proposte e delle istanze utili a valorizzare e tutelare l’Alto Adriatico”.

“Ho garantito, se eletta, il mio impegno a fianco di chi ha a cuore lo sviluppo del territorio”,  ha concluso.

15/02/2018 - 14:14

“Finalmente è stato risolto il problema che aveva allarmato e, comprensibilmente, messo in crisi le cooperative della pesca del nostro litorale”. Lo afferma la deputata del Pd Sara Moretto, candidata nel collegio uninominale Veneto 0-1 San Donà di Piave e nel collegio plurinominale che interessa l’intera area metropolitana di Venezia e 11 comuni della provincia di Treviso, annunciando la risoluzione del nodo della legge 30/1998 e la conferma del regime contributivo, previsto dall'ultima legge di bilancio.

“Una circolare dell’Inail  – prosegue Moretto - aveva prospettato la sospensione degli sgravi contributivi per il settore, paventando il rischio che venissero ritenuti aiuti di Stato e quindi illegittimi. Nelle scorse settimane mi sono attivata in prima persona presso i ministeri del Lavoro e delle Politiche agricole, ritenendo che una misura del genere avrebbe messo in ginocchio un settore strategico per la nostra regione. Abbiamo appurato che la legge su cui si basano questi sgravi vige ormai da diversi anni e che, riguardando un intero settore e non privilegiando un’azienda a discapito di altre, non può essere considerata aiuto di Stato. Ora la questione è stata chiarita formalmente e definitivamente. Sono molto soddisfatta per questo risultato che va a favore dei tanti lavoratori della pesca e in particolare delle cooperative di Caorle, Cortellazzo, Murano, Cavallino che nei giorni scorsi mi avevano contattato”.

 

08/02/2018 - 19:51

“Una soluzione definitiva al problema del trattamento pensionistico dei lavoratori esposti all’amianto della ditta Zignago di Fossalta di Portogruaro”. La chiede la deputata del Partito democratico Sara Moretto, dopo l’incontro di questo pomeriggio con i lavoratori, con una lettera indirizzata al presidente dell’Inps Tito Boeria e ai ministri del Lavoro e dell’Economia Giuliano Poletti e Pier Carlo Padoan.

“I lavoratori – sottolinea - esposti per più di 10 anni all’amianto, si vedrebbero riconosciuta l’anticipazione dell’età pensionabile ma non il corrispondente risarcimento. Nella mia attività parlamentare ho posto la questione in diverse occasioni attraverso una risoluzione in Commissione Lavoro, degli emendamenti alle Leggi di bilancio 2017 e 2018 e due ordini del giorno accolti come raccomandazione dal Governo. Resto convinta che questa questione, pur riguardando un numero assai limitato di persone, abbia a che fare con la correttezza del rapporto tra Stato e cittadini e che risolverla rappresenterebbe la piena applicazione delle norme sul riconoscimento dei rischi per la salute legati l’esposizione all’amianto. Lo dimostra l'attenzione che l'Ona - Osservatorio nazionale amianto sta riservando al problema”.

“Da qui la richiesta di intervento al Governo e di incontro al Presidente Boeri, assieme a una delegazione dei lavoratori interessati al fine di affrontare la questione e individuare le possibili soluzioni”, conclude.

20/12/2017 - 13:16

Recepito emendamento Moretto, Ginato, Sanga: “Con arbitrato Anac allargata platea beneficiari”

Un grande risultato per i risparmiatori truffati dalle banche: il Fondo per le vittime dei reati finanziari sale, nel passaggio alla Camera, dai 50 milioni, inizialmente previsti, a 100 milioni. La scorsa notte infatti è stato approvato in V commissione un emendamento alla Legge di Bilancio che recepisce quanto proposto dai deputati Pd presenti in commissione Finanze, Sara Moretto,  Federico Ginato e  Giovanni Sanga.
“Mercoledì  scorso – spiega Moretto - insieme ad alcuni deputati veneti e al capogruppo Pd Ettore Rosato abbiamo incontrato una delegazione di risparmiatori. In quella sede ci eravamo impegnati a provare a intervenire sulle modalità di accesso al fondo, poiché la richiesta di una sentenza come requisito avrebbe reso inaccessibile il ristoro alla maggior parte dei risparmiatori traditi dalle banche venete”.

“Con questa sostanziale modifica – aggiunge -  le vittime potranno accedere al fondo anche attraverso una procedura di arbitrato presso l'Anac, strumento gratuito e che ha già dimostrato la propria efficacia in precedenti casi. Con questo emendamento diamo un segnale concreto ai tanti risparmiatori che mi contattano per chiedere risposte e dei quali comprendo la tragedia . Il Partito Democratico – conclude -  con questa misura dimostra che sta dalla parte di chi ha subito la truffa, contro manager bancari che hanno lucrato sui risparmi di tanti cittadini mettendo in crisi il loro futuro”.

 

19/12/2017 - 14:50

 Approvato la scorsa notte un emendamento della deputata del Pd Sara Moretto alla legge di Bilancio, che assegna risorse cospicue alla legge speciale per la salvaguardia della laguna di Venezia. Si tratta di 25 milioni di euro per il 2018 e 40 milioni dal 2019 al 2024. "È un risultato importante, che stanzia una cifra doppia rispetto a quella richiesta in emendamenti simili presentati da altre forze politiche” commenta  Moretto, che sottolinea un’ulteriore novità introdotta dal testo: “Vengono per la prima volta riservati fondi - nello specifico 5 milioni nel 2018 e 10 dal 2019 al 2024 - ai Comuni che compongono il Comitato interministeriale, quindi anche a Codevigo, Campagna Lupia, Mira, Quarto d'Altino, Jesolo e Musile di Piave" .

"Ho presentato questo emendamento – aggiunge la deputata del Pd - accogliendo una richiesta del sindaco di Mira Marco Dori in sede di Comitatone e discussa anche con Matteo Renzi nella tappa veneziana di Destinazione Italia. Sono quindi molto contenta che il Governo l'abbia recepita. La salvaguardia della laguna, unica al mondo, è l'obiettivo di un territorio e di un Paese. Rinnovare le risorse e prevedere un’assegnazione anche ai Comuni della gronda risponde a questo scopo".

Sempre la scorsa notte è stato approvato un testo, frutto di lunga mediazione,  per l'istituzione di nuove "Zone a legislazione semplificata" in prossimità dei principali porti del Centro Nord: "Il testo recepisce, tra gli altri, un mio emendamento relativo al porto di Venezia, come da impegni assunti con il mondo dell'industria in diverse occasioni. Ringrazio dunque il Governo per aver rivisto la propria posizione, inizialmente contraria, approvando un testo che accoglie anche la mia richiesta e che dà il segno dell'attenzione per la città di Venezia e per le prospettive economiche e commerciali legate al porto".

Infine, ha superato il voto in V Commissione un emendamento della deputata Moretto che consente di includere beni demaniali pertinenziali, anche appartenenti al demanio marittimo, in accordi di valorizzazione e piani strategici di sviluppo culturale. Questo emendamento consente dunque di completare e rendere organico il progetto di rilancio dell’Isola della Certosa.

16/12/2017 - 17:07

"Le imbarcazioni ad alimentazione alternativa sono state inserite tra i mezzi di trasporto pubblico per cui possono essere assegnati finanziamenti a Comuni e città". Lo stabilisce un emendamento alla legge di Bilancio presentato dalla deputata del Partito democratico Sara Moretto.

"Il testo così modificato - spiega Moretto - potrà finanziare i progetti di mobilità sostenibile pubblica, che riguardano la laguna di Venezia ed eventuali progetti innovativi di mobilità fluviale".

"Credo che l’obiettivo della sostenibilità del trasporto e della riduzione degli impatti ambientali debba riguardare anche il trasporto su acqua, pertanto ringrazio il Governo per aver sostenuto questa importante integrazione", conclude.

14/12/2017 - 15:21

“Con il voto sulla Legge di Bilancio si darà sostanza al contenuto del decreto fiscale a essa collegato che dà la possibilità alla Regione Veneto e al Friuli Venezia Giulia di costituire la #NewCo, società interamente pubblica che dovrebbe subentrare fino al 2038 nella gestione della #A4 Venezia-Trieste al posto di Autovie Venete, occupandosi di portare avanti l’iter per i lavori dei restanti lotti della terza corsia”. Lo dichiara Sara Moretto, deputata del Partito democratico.

“Si tratta – spiega – di un lavoro durato mesi, svolto dal Ministero dei Trasporti in collegamento con i parlamentari, che ho fortemente sostenuto, tenendo fede agli impegni annunciati anche nell’affollato teatro Russolo di Portogruaro diversi mesi fa. L’operazione, proprio perché la NewCo avrà un capitale societario interamente pubblico, consentirà di procedere all’affidamento in house a scadenza della concessione. Abbiamo dunque approvato una norma che consente a Veneto e Friuli Venezia Giulia di costituire questa nuova società, di portare avanti con continuità un’opera che è strategica non solo per il Nord Est ma per l’intera Europa, aumentandone il livello di sicurezza per evitare i frequenti incidenti che purtroppo si verificano attualmente nell’arteria a due corsie”.

“Come avevo annunciato a Portogruaro, con la creazione di questa società si potrà rivedere anche il cronoprogramma della realizzazione del casello di Alvisopoli/Bibione. Vigilerò che la norma venga confermata alla Camera”, conclude.

13/12/2017 - 17:50

Oggi una delegazione del gruppo Unitiperilfondo costituito da 10 associazioni del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, attive sul tema dei risparmiatori truffati (Adiconsum, Adusbef, Adoc, Casa del Consumatore, Codacons, Ezzelino III da Onara, Federconsumatori Veneto, Federconsumatori Friuli Venezia Giulia, Lega Consumatori, Unione Nazionale Consumatori) è stata ricevuta dal capogruppo del Pd Ettore Rosato, dal capogruppo Pd in commissione Bilancio Maino Marchi, dal segretario della Bilancio Simonetta Rubinato e dai deputati del Pd Federico Ginato, Alessandro Zan, Daniela Sbrollini, Sara Moretto, Diego Crivellari e Roger De Menech.

“Quello di oggi – commenta la delegazione del Gruppo Pd - è stato un incontro proficuo. I rappresentanti delle associazioni hanno riconosciuto lo sforzo da parte della maggioranza e del Governo di istituire un fondo per ristorare tra gli azionisti delle banche poste in liquidazione, tutti quei risparmiatori che sono stati vittime di una frode finanziaria e ci hanno avanzato delle proposte per rafforzare la loro tutela. Abbiamo sottolineato che l’aspetto più importante è che sia stato introdotto il principio che riconosce che il risparmiatore ingannato venga risarcito. Il fondo ha ora una dotazione pari a 25 milioni sia per il 2018 che per il 2019. Stiamo lavorando con il sottosegretario Baretta per aumentarne la dotazione finanziaria e  per almeno dimezzare i tempi di emanazione del decreto con le condizioni per accedere al fondo. Ci stiamo, inoltre, impegnando per semplificare e accelerare il  riconoscimento del diritto al ristoro attraverso la pronuncia di un collegio arbitrale, in alternativa al titolo della sentenza passata in giudicato. Cercheremo anche di prevedere la presentazione da parte del Mef di una relazione puntuale al Parlamento per rendere conto, entro un anno, dello stato di attuazione delle misure predisposte per il ristoro e del numero stimato dei risparmiatori che hanno titolo ad accedervi,  in funzione dell’adeguamento nei provvedimenti della prossima legislatura  di somme adeguate per quanti ne abbiano diritto.

04/12/2017 - 19:56

“È importante arrivare rapidamente alla sottoscrizione di un Contratto di costa che permetta di pianificare una strategia per la gestione, la tutela e la valorizzazione del territorio”. Così l’on. Sara Moretto (Pd), intervenuta questo pomeriggio alla prima assemblea plenaria “Verso il Contratto di costa veneta”, svoltasi a Chioggia (Ve).

“Si tratta di un percorso – ha continuato - che nasce dal basso, ma che trova un quadro normativo già definito e un’ampia condivisione a livello istituzionale. Il Contratto di costa rappresenta un’importante opportunità per il territorio. Le varie località della costa veneta hanno in comune diverse criticità, alcune strutturali come l’erosione della costa, altre occasionali ma sempre più frequenti, come gli effetti del maltempo. In ballo, c’è poi la questione della gestione delle risorse demaniali, su cui la Regione Veneto può e deve avere voce in capitolo. Solo lavorando assieme si raggiungeranno risultati significativi”.

“Se questi territori sapranno valorizzare quello che negli anni siamo stati capaci di costruire in un connubio tra istituzioni e privati in termini di qualità dei servizi, non solo si confermeranno al top della classifica nazionale ed europea per numero di presenze, ma potranno creare ulteriore valore aggiunto anche per l’entroterra, con un effetto di onda lunga che produce attrazione e lavoro”, ha concluso.

23/11/2017 - 14:28

 A sei mesi dalla riapertura nessuna prospettiva per il reparto

“Appena sei mesi fa Zaia accusava di ‘chiacchere scandalose’ coloro che lo criticavano per la mancata riattivazione del Punto Nascite di Portogruaro. Sei mesi fa si annunciavano grandi investimenti, l’introduzione dell’anestesia epidurale, l’istituzione del Centro di procreazione medicalmente assistita e uno staff al completo. Si parlava di attrattività e di aumento dei parti. Oggi - afferma la deputata del Pd Sara Moretto - ci ritroviamo ancora con un primario ad interim, zero investimenti, personale che se ne va e un numero di parti che non raggiungerà mai l’obiettivo prefissato. L’incertezza sul futuro del reparto già oggi induce le future mamme a scegliere altre strutture e lascia il personale, al quale riconosco per esperienza diretta competenza e professionalità, senza prospettive".
"Fa specie - aggiunge l'on. Moretto - che il consigliere regionale Barbisan paventi il rischio di una chiusura da parte del Ministero. Il Dicastero non ha alcuna voce in capitolo nelle scelte di organizzazione del servizio sanitario che da anni sono in capo esclusivamente alla Regione. Sembra quasi che Barbisan voglia mettere le mani avanti. Se è vero poi che vi è una carenza di medici, almeno non ci si faccia scappare quelli che ci sono".
"La Regione, a questo punto - conclude - dica chiaramente che con un progressivo depotenziamento l’obiettivo reale è la chiusura”.

08/11/2017 - 15:24

“Soddisfazione per l’esito del vertice sulle Grandi navi”. Lo dichiara Sara Moretto, deputata del Partito democratico, per commentare l’incontro tenutosi ieri presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

“L’immagine dei giganti del mare – spiega - che transitavano nel cuore della città ha scosso molti di noi. La politica, dopo anni di dibattiti, non poteva rimandare ancora questo problema. La soluzione trovata dal comitato interministeriale permetterà di salvaguardare la laguna, evitando lo scavo di nuovi canali, e di mantenere il settore crocieristico a Venezia, dotandolo anche di prospettive di sviluppo, visto l’indotto che ne deriva.  Per diventare completamente esecutiva, la decisione richiederà altri passaggi, fra i quali gli approfondimenti dell’Autorità portuale. Mi auguro che tutti questi atti arrivino a breve, così da risolvere in via definitiva una vicenda che richiede risposte immediate, ma che si trascina da troppo tempo”.

“Ringrazio in particolare il presidente dell’Autorità portuale Musolino. Il risultato di ieri è frutto anche del suo impegno alla ricerca di una soluzione concreta e realizzabile”, conclude.

19/10/2017 - 13:08

 “Un deciso passo verso la semplificazione, quello compiuto ieri dalla commissione Finanze, con l’approvazione unanime di una risoluzione che impegna il Governo a modificare e semplificare le regole sullo spesometro. Un’iniziativa finalizzata a ridurre al minimo le comunicazioni obbligatorie, abbandonando la comunicazione ogni tre mesi sui dati di fatturazione, ed eventualmente consentendo un unico invio annuale per lo spesometro. Insomma, si intende assicurare le finalità dicompliance e di lotta all’evasione fiscale con modalità più semplici, efficienti ed efficaci”. Lo dichiara la deputata veneziana del Pd Sara Moretto che spiega: “La risoluzione chiede al Governo di ripristinare la norma che consentiva di accorpare fatture di piccoli importi con invii cumulativi al di sotto di una determinata soglia. Inoltre, chiede di escludere, attraverso una norma specifica, la discrezionalità degli uffici nella disapplicazione delle sanzioni. In sostanza, in caso di errori formali legati a questo primo invio delle comunicazioni, andrebbe prevista in modo esplicito la non applicabilità delle sanzioni”.

“Inoltre - prosegue  - la risoluzione impegna il Governo a investire in maniera adeguata sul fisco digitale attraverso la diffusione della fatturazione elettronica e dei pagamenti digitali, al contempo garantendo che tali trasformazioni si svolgano nel pieno rispetto dei diritti dei cittadini e dei principi fondamentali sulla protezione dei dati personali. Si tratta di impegni molto attesi dai professionisti e dalle imprese venete, dai quali ho ricevuto ripetute segnalazioni relative alla difficoltà di gestione degli adempimenti. La lotta all’evasione  - conclude Moretto - deve essere un obiettivo condiviso con le aziende, senza trasformarsi in un carico di inadempimenti insostenibili”.

12/10/2017 - 17:43

“Ho chiesto l’apertura di un tavolo sulle agevolazioni fiscali per i carburanti a favore delle imprese che noleggiano autobus con conducente”. Lo dichiara Sara Moretto, deputata del Partito democratico, dopo che il governo, sollecitato attraverso una interrogazione discussa durante il question time in Commissione Finanze, ha confermato la scelta di escludere dalle agevolazioni fiscali sul carburante tale tipo di azienda.

“Attraverso il sottosegretario Baretta – spiega – il governo ha reso noto che non rinviene alcun obbligo di integrazione della categoria nel recepimento della direttiva Ue secondo cui gli Stati membri posso prevedere il rimborso delle accise per le imprese a uso commerciale. Tale risposta mi soddisfa parzialmente perché, di fatto, il Governo ha confermato la scelta di escludere quelle imprese senza prospettare delle riflessioni in merito. In questo modo viene quindi lasciato irrisolto il problema per cui in Italia rimane inspiegabilmente escluso dalle agevolazioni un settore che conta circa 40mila imprese”.

“Ho quindi chiesto se il Governo non reputi opportuno convocare tutte le associazioni del settore per concertare le soluzioni del caso”, conclude.

29/09/2017 - 15:40

Un fondo di 10 milioni per le imprese termali, nel triennio 2017-2019, da utilizzare per le ristrutturazioni attraverso un credito d’imposta del 50 per cento fino a un massimo di 250mila euro. È quanto prevede la proposta di legge sulla disciplina del settore termale in discussione alla Camera sul quale la commissione Finanze ha dato parere favorevole.

“Ho seguito con attenzione la discussione in commissione Finanze della proposta di legge sul settore termale, data la mia vicinanza agli stabilimenti del territorio come le terme di Bibione che rappresentano una delle più importanti realtà termali tra Veneto e Friuli. Sono convinta che le imprese termali debbano essere sostenute e valorizzate nel progetto turistico di un Paese e dei suoi tanti territori da visitare”. Lo dice Sara Moretto, deputata del Pd e componente della commissione Finanze relatrice del provvedimento sul settore termale. “Basti pensare - prosegue Moretto - che in Italia il settore conta 378 stabilimenti, occupa oltre 60 mila addetti tra i diretti e l'indotto e produce un fatturato annuo di 800 milioni di euro circa che arriva a più di 1,5 miliardi di euro considerando i servizi correlati come l’alberghiero, la ristorazione, il commercio e altro ancora. La proposta di legge, sulla quale la commissione Finanze ha dato parere favorevole, rappresenta un passo in avanti verso l'approvazione di misure importanti per il rilancio del settore. L’obiettivo è la valorizzazione del patrimonio immobiliare termale pubblico, la promozione di percorsi di specializzazione in medicina termale e la creazione di un marchio di qualità termale. Le imprese del comparto rappresentano un tassello fondamentale del servizio sanitario e al contempo uno dei protagonisti di un'offerta turistica che coniuga la valorizzazione delle risorse ambientali, la salute e il benessere. Mi auguro - conclude Moretto - che il provvedimento giunga presto in aula per il voto finale”.

27/09/2017 - 14:43

In arrivo rispettivamente 924mila e 1 milione di euro

“Anche il Comune di Venezia e quello di Mira figurano tra gli enti locali beneficiari di fondi nell’ambito del Programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro”. Né da notizia Sara Moretto, deputata del Partito democratico.
“Nei prossimi giorni – continua - la Commissione Ambiente darà via libera allo stanziamento dei 35 milioni complessivi del Programma. I progetti sono cofinanziati dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare con una percentuale non superiore al 60% del totale dei costi ammissibili. Mira, che ha presentato come capofila un progetto che coinvolge anche i Comuni di Mirano, Spinea e Campagna Lupia, beneficerà di un finanziamento di 924mila euro per contribuire al progetto che ha un valore complessivo di 1,540 milioni – rende noto l’on. Sara Moretto, deputata veneziana del Pd –. Per il Comune di Venezia sarà invece stanziato un milione, a fronte di un progetto del valore di 1,9 milioni. Il programma nasce con l’obiettivo di ‘incentivare iniziative di mobilità sostenibile, si legge nel bando , incluse iniziative di piedibus, di car-pooling , di car-sharing, di bike-pooling e di bike-sharing, la realizzazione di percorsi protetti per gli spostamenti, anche collettivi e guidati, tra casa e scuola, a piedi o in bicicletta, di laboratori e uscite didattiche con mezzi sostenibili, di programmi di educazione e sicurezza stradale, di riduzione del traffico, dell’inquinamento e della sosta degli autoveicoli in prossimità degli istituti scolastici o delle sedi di lavoro, anche al fine di contrastare problemi derivanti dalla vita sedentaria”.
“La Città metropolitana inoltre è, in graduatoria, la prima dei non finanziati ma il progetto è stato decretato ammissibile per cui l'on. Moretto seguirà personalmente gli sviluppi per un possibile nuovo finanziamento. L'importo richiesto è di 936.960 euro a fronte di un costo complessivo di 1.561.600 euro del progetto”, conclude.
 

Pagine