17/07/2014 - 19:25

“In Italia non esiste un soggetto unico che si occupi e coordini le politiche di sicurezza e qualità, in ambito alimentare e nutrizionale. Sono per questo convinto sia necessario dare vita all’ Osservatorio per la Sicurezza Alimentare, la Qualità Nutrizionale e la tutela della salute del Consumatore (OSANC), come proposto dal professor Antonino De Lorenzo”. Lo dichiara Nicodemo Oliverio, deputato del Partito Democratico, e capogruppo in commissione Agricoltura alla Camera, commentando l’audizione del direttore della Scuola di specializzazione in Scienza dell’alimentazione, dell’Università di Tor Vergata di Roma, svoltasi oggi presso la Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati.

“Nel corso della discussione di oggi - spiega Oliverio - è emerso che per garantire la sicurezza alimentare, la tracciabilità, la qualità nutrizionale, salutare e funzionale dei prodotti biologici è necessario fornire indicazioni precise agli operatori, tutelando al contempo la scelta consapevole e sicura dei consumatori”.

“L’Osservatorio – continua Oliverio – sarebbe quindi il punto di coordinamento per tutte le tematiche relative alla sicurezza alimentare, alla qualità nutrizionale, e alla tutela della salute del consumatore, con l’ambizione di chiarire in maniera univoca, basata sulla forza dell’evidenza scientifica, le conoscenze spesso molteplici, e spesso contraddittorie, di organizzazioni ed enti che si occupano di Politiche e sicurezza in ambito alimentare e Nutrizionale”

“L’Osservatorio potrebbe divenire così elemento cardine in termini di chiarezza, attraverso Position Paper validati dalla comunità scientifica che rispondano alla domanda del consumatore”, conclude il capogruppo Pd.

 

16/07/2014 - 21:13

“Urge un intervento del Ministro delle Politiche Agricole, Martina, al fine di avviare a soluzione la grave crisi della filiera bieticola-saccarifera”. Lo dichiara Nicodemo Oliverio, capogruppo Pd in commissione Agricoltura della Camera. “La difficile situazione in cui versa il settore bieticolo saccarifero – spiega Oliverio - in seguito alla decisione dell’Unione europea di non erogare più le quote zucchero dal 2017, mette a rischio il regolare svolgimento della campagna saccarifera 2014 dello zuccherificio del Molise, con conseguenze molto serie per la filiera produttiva nelle regioni Molise, Puglia, Abruzzo, Basilicata e Marche”.

“Conoscendo la sensibilità del ministro Martina – continua Oliverio - siamo certi che a strettissimo giro avvierà un’approfondita discussione pubblica sull’importanza strategica nell’economia italiana della filiera bieticola-saccarifera. Una filiera che in questi anni ha visto un progressivo disinvestimento degli investimenti pubblici a sostegno del settore”. “A tutto questo occorre anche aggiungere come la riforma del settore bieticolo-saccarifero nel mercato europeo, ha portato negli anni trascorsi alla chiusura di 15 stabilimenti nel nostro Paese, con notevoli conseguenze economiche e sociali”, conclude il capogruppo del Pd.

 

03/07/2014 - 18:24

"Viva soddisfazione per la scelta di Ezio Castiglione e Stefano Antonio Sernia come presidente dell’Ismea e direttore dell’Agea. Si tratta di interlocutori di grande li vello professionale e di comprovata serietà nel loro impegno a servizio delle istituzioni”. Lo dichiara, anche a nome dei deputati Pd in Commissione Agricoltura, il capogruppo Nicodemo Oliverio.

“La Commissione Agricoltura della Camera – spiega Oliverio - ha espresso parere favorevole alla nomina di Ezio Castiglione a presidente dell’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare, e di Stefano Antonio Sernia a direttore dell'Agenzia per le erogazioni in agricoltura, entrambe proposte dal governo dopo una accurata valutazione  dei curricula e una selezione delle candidature, sulla base di stringenti requisiti professionali e di carattere etico”.

“Siamo sicuri che Castiglione e Sernia, entrambi in possesso di requisiti di comprovata competenza ed esperienza in materia di economia agraria e più in generale nel settore agricolo, sapranno essere all'altezza delle nuove sfide che attendono il settore agricolo. A loro i nostri auguri di buon lavoro”, conclude il capogruppo Pd in commissione Agricoltura.

 

26/06/2014 - 16:13

Approvata in commissione pdl su agricoltura sociale.

“L’approvato in commissione Agricoltura del testo unificato in materia di agricoltura sociale, è un importante risultato politico atteso da anni. Si tratta della prima volta che le Camere legiferano su questa materia andando nella direzione della multifunzionalità nel settore agricolo”. Lo dicono Stefania Covello, deputata del Pd e relatrice al progetto di legge approvato dalla commissione, e Oliverio Nicodemo, capogruppo Pd in commissione Agricoltura.

“Con questa legge - proseguono Covello e Olivero - esprimiamo l’importanza della agricoltura sociale che ricomprende un insieme di esperienze concrete; quest’ultime affondano le radici in alcuni aspetti tradizionali dell’agricoltura e nel legame tra impresa agricola e cooperative sociali con la famiglia rurale per esaltarne il carattere sociale teso all’integrazione nell’agricoltura di soggetti svantaggiati che avranno la possibilità di un inserimento lavorativo. Con questa proposta di legge si mira anche all’inclusione dei territori periferici e svantaggiati dalla posizione geografica oltre che dalle difficoltà economiche. Tutto ciò rispettando il concetto di sussidiarietà e solidarietà, di rafforzamento del welfare rurale e delle caratteristiche dell’impresa agricola. L’agricoltura sociale è tra i sei punti più importanti degli obiettivi della Politica agricole comunitaria”.

 

17/06/2014 - 17:00

“Valutare l’opportunità della messa in onda di pubblicità diretta o indiretta al gioco d'azzardo durante la diffusione radio-televisiva delle partite di calcio dei Mondiali, in particolare per quelle della nazionale italiana diffuse dalla Rai”. Lo chiedono i deputati del Pd Colomba Mongiello, Nicodemo Oliverio e Michele Anzaldi che hanno presentato una interrogazione al ministro per lo Sviluppo economico, Federica Guidi, e a quello della Salute, Beatrice Lorenzin.

La Rai - si legge nell’interrogazione dei deputati democratici -, nel corso della diffusione della partita di calcio Inghilterra-Italia ha trasmesso anche messaggi pubblicitari riguardanti la promozione del gioco d’azzardo. È noto che le partite di calcio, specialmente quelle della nazionale italiana durante i Mondiali, sono seguite da minori e da persone socialmente più fragili e più vulnerabili di fronte agli spot che invitano al gioco d’azzardo. Se si tiene conto delle pesanti conseguenze economiche e sanitarie della ludopatia, risulta molto grave che le televisione pubblica trasmetta spot del genere, per giunta durante appuntamenti sportivi seguiti da milioni di telespettatori. Il governo deve tenere presente la pericolosità sociale del gioco d’azzardo e, per questo, vietare la diffusione di messaggi che facciano riferimento al gioco stesso, come chiesto lo scorso 7 maggio nel parere della commissione bicamerale di Vigilanza sulla Rai in merito allo schema di Contratto di servizio tra ministero dello Sviluppo economico e  la Rai”.

 

 

14/06/2014 - 01:00

“Le misure contenute nel decreto omnibus discusso oggi in Consiglio di Ministri sono un ottimo punto di partenza per affrontare i problemi dell’agricoltura italiana”. Lo dichiara Nicodemo Oliverio, deputato Pd e componente della commissione Agricoltura della Camera.

“Con i provvedimenti approvati – spiega Oliverio – il governo pone i presupposti per trovare una soluzione ad alcuni dei nodi che frenano l’agricoltura italiana e assegna per la prima volta ad essa un ruolo determinante nella creazione di posti di lavoro, in modo particolare per i giovani”.

“Intervenendo – continua Oliverio – su giovani, sulla semplificazione, sul credito d’imposta finalizzato all’innovazione, allo sviluppo, alla rete delle imprese e all’e-commerce, sulle sanzioni per gli Ogm, nonché dando la giusta attenzione al l’esecutivo compie i primi passi necessari a rimuovere gli ostacoli che hanno finora impedito il pieno sviluppo della nostra agricoltura”.

“Le misure decise oggi dal Consiglio dei ministri sono importanti anche rispetto all’ormai imminente Expo. Esse costituiscono un’ottima premessa affinché i prodotti italiani possano trovare nella grande esposizione milanese la loro migliore valorizzazione”, conclude Oliverio.

 

 

16/05/2014 - 19:22

“L'approvazione, ad ampissima maggioranza, della risoluzione sulla Politica Agricola Comune (Pac) con la quale la commissione Agricoltura impegna il governo su  venti punti strategici per il rilancio dell’agricoltura italiana per i prossimi sette anni è un atto di grande rilevanza economica per l'Italia”. Lo dichiara il capogruppo del Pd in commissione Agricoltura, Nicodemo Oliverio.

 

 “Abbiamo compiuto - prosegue Oliverio - assieme un grande passo tenendo presente solo e soltanto l’interesse del nostro Paese. Prima di tutto l’agricoltura italiana e il suo apprezzato sistema agroalimentare. Abbiamo pensato ai giovani, a chi coltiva la terra, a chi vive di agricoltura senza trascurare quei settori che faticano a competere sui mercati internazionali nonché aree particolarmente svantaggiate che necessitano di misure speciali di sostegno. Oggi è necessario che la maggior parte delle risorse economiche disponibili attraverso la PAC sia convogliata verso le imprese agricole e quindi verso chi davvero coltiva la terra e alleva animali, assicurando in tal modo la produzione di alimenti sani e sicuri e al contempo la vitalità delle zone rurali e la salvaguardia e il presidio del territorio. Con questa Risoluzione abbiamo anche attribuito più forza al ministro dell’Agricoltura Martina affinché l’Italia possa fare da apripista, in Europa, nella costruzione della Politica agricola comune dei prossimi anni che saranno caratterizzati dal grande evento dell’Expo 2015”.

13/05/2014 - 19:27

Trasparenza e tracciabilità per tutelare agroalimentare di qualità

 

 

"Il ministero dell’Agricoltura chiarisca se sia a conoscenza dei fatti che hanno portato al sequestro del caseificio Cantile e come abbiano eventualmente agito gli organismi preposti a tutela del sistema di certificazione e di una produzione d’eccellenza qual è la mozzarella di bufala campana”. Lo affermano i parlamentari  del Pd Nicodemo Oliverio e Colomba Mongiello, rispettivamente capogruppo e componente della commissione Agricoltura, che hanno presentato un’interrogazione al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali con l’obiettivo di “ottenere una puntuale informazione sulle attività di controllo svolte sulla filiera produttiva della mozzarella di bufala dop campana”.

“Dalle cronache e da atti formali abbiamo appreso che già nel 2012 il Consorzio di tutela aveva espulso il caseificio al centro di una fitta rete di attività illecite e segnalato la vicenda al Ministero delle Politiche Agricole – affermano Oliverio e Mongiello – E’ determinante, quindi, sapere se tale comunicazione sia veramente giunta e, in caso affermativo, per quale ragione non abbia proceduto a rendere esecutiva la decisione consortile.

Il caso specifico, inoltre, deve indurre il Mipaaf ad adottare specifici provvedimenti operativi che siano in grado di assicurare controlli più incisivi. Verifiche mensili e incrociate tra la produzione di latte di ciascuno allevamento dell'area DOP e l’effettiva trasformazione e resa quantitativa di mozzarella di bufala campana DOP e mozzarella di latte bufala.

La trasparenza e la tracciabilità sono i soli strumenti a difesa della qualità dell’agroalimentare Made in Italy – concludono i deputati del PD Oliverio e Mongiello – e il ministero deve compiere ogni sforzo per garantire l’una e attuare l’altra”.

13/05/2014 - 17:34

Buon lavoro alla nuova presidente Agia

 

“L’elezione di Maria Pirrone a presidente nazionale dell'associazione giovani della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Agia, è molto positiva perché segna finalmente la scelta di una giovane donna alla guida di una importante organizzazione agricola. Nell’augurare buon lavoro alla nuova presidente, rinnoviamo il nostro impegno per rendere competitivo il settore agricolo italiano e per favorire ulteriormente il ricambio generazionale. La politica agricola comune, il collegato alla Stabilità agricoltura attualmente in discussione al Senato e il decreto ‘campo libero’ sono occasioni importanti per rilanciare il settore e per favorire il ricambio generazionale; è ora di coinvolgere pienamente i giovani affinchè contribuiscano, da protagonisti, alla realizzazione dell’agricoltura dei prossimi decenni. La presidente Pirrone sarà all’altezza di affrontare le sfide che attendono il settore agricolo ed agroalimentare italiano per l’esperienza imprenditoriale maturata fino ad ora”.

Lo ha detto Nicodemo Oliverio, capogruppo Pd in commissione Agricoltura.

Roma, 13 maggio 2014

Pagine