06/08/2014 - 19:35

“Siamo molto preoccupati, seguiamo con angoscia le notizie auspicando una rapida soluzione del caso”. “La nostra diplomazia e la nostra intelligence sono al lavoro anche per ottenere la liberazione di padre Dall’Oglio, confidiamo nella loro professionalità ed esperienza per riportare a casa le due cooperanti”. Così Lia Quartapelle, deputata del Pd della commissione Esteri, dopo la notizia del rapimento in Siria di Vanessa Marzullo e Greta Ramelli che si trovavano ad Aleppo da fine luglio. 

 

01/08/2014 - 17:05

Quartapelle, “come ha sottolineato ieri Renzi alla direzione del Pd, si tratta di una riforma storica”

“Dopo 27 anni l’Italia torna ad essere protagonista della solidarietà internazionale grazie alla riforma della cooperazione che da oggi è finalmente legge”. Così la deputata del Pd Lia Quartapelle, relatrice alla Camera della riforma, dopo il via libera definitivo al provvedimento dato dalla commissione Esteri del Senato in sede deliberante.

“Le nuove norme – aggiunge - prevedono soprattutto tre strumenti importanti: l'Agenzia della cooperazione, l'istituzione finanziaria per lo sviluppo e una delega politica chiara ad un viceministro. In questo modo sarà possibile valorizzare il nostro contributo alle sfide globali, dalla lotta alla povertà alla sovranità alimentare, dalla affermazione dei diritti al raggiungimento di una pace durevole in molte aree martoriate. Il presidente Renzi ha giustamente ricordato ieri nel suo intervento alla direzione del Pd lo straordinario obiettivo che abbiamo raggiunto portando a termine definitivamente la nuova riforma della cooperazione, un risultato che dobbiamo anche grazie all’intenso lavoro del vice ministro Lapo Pistelli e del senatore Giorgio Tonini”.

 

24/07/2014 - 11:10

“Il ritorno di Meriam è una bellissima notizia, la conferma dell’impegno di questo governo a costruire un rapporto diverso con i paesi africani, come testimoniato anche dai recenti viaggi del Presidente del Consiglio Renzi.

Si tratta di un indubbio successo diplomatico che racconta anche di come l’Italia possa essere una potenza che fa valere nei rapporti internazionali i propri valori di rispetto dei diritti umani e della dignità dell’individuo”.

Lo ha dichiarato la deputata Pd Lia Quartapelle, componente della commissione Esteri, a proposito dell’arrivo in Italia della giovane sudanese, condannata a morte in Sudan perché cristiana, e dei suoi due bambini.

 

18/07/2014 - 17:54

"In occasione del Mandela Day, la Camera dei Deputati ha ospitato un importante momento di confronto tra la rappresentanza parlamentare italiana e il corpo diplomatico africano. Il semestre europeo di presidenza, appena avviato, responsabilizza il nostro Paese nella necessità di rafforzare e ampliare le relazioni italo-africane". Lo dichiara Lia Quartapelle, deputato del Partito Democratico, a proposito del seminario "Italia Chiama Africa", che ha visto la partecipazione della Presidente della Camera Laura Boldrini e del Viceministro Lapo Pistelli.

"Invertendo la rotta degli ultimi anni -prosegue Quartapelle - l'Italia si avvia a diventare un valido interlocutore con l'Africa sui temi della democratizzazione, sulle dinamiche e sui conflitti regionali, e sulle politiche legate ai flussi migratori. Con l'approvazione della riforma della cooperazione, abbiamo già dimostrato l'impegno del Paese verso i partner internazionali: ora abbiamo il dovere di sfruttare questo semestre di presidenza per trainare l'intera Europa verso il continente africano, con l'obiettivo di saldare le amicizie tra i Paesi e i rapporti politici, economici, e culturali".

"Il seminario è stato infine un momento di riflessione sincera e appassionata sulla figura di Nelson Mandela, che oggi avrebbe compiuto novantasei anni: un esempio di leadership coinvolgente, fortemente democratica e fieramente africana", conclude la parlamentare democratica.

 

17/07/2014 - 20:27

Attesa da 27 anni, cambia il modo dell’Italia di proiettarsi nel mondo 

“Attesa da 27 anni, è una vera riforma di sistema perché non riguarda un aspetto tecnico del funzionamento del ministero degli Esteri ma affronta il modo con cui l’Italia si proietta nel mondo e cambia il nostro modo di relazionarci con tutti i paesi meno sviluppati”. Così la relatrice Lia Quartapelle, deputata del Pd, commenta il via libera dell’Aula alla legge di riforma della cooperazione. “Mentre è sempre più difficile trovare strumenti per far camminare i principi di politica estera – aggiunge - questa legge di riforma fornisce strumenti operativi: l’Agenzia della cooperazione, l’istituzione finanziaria per lo sviluppo e una delega politica chiara ad un viceministro. Infine rende la cooperazione un principio qualificante della nostra politica estera, testimonianza del fatto che il mondo è profondamente cambiato e che non si può più agire per contrapposizione competizione”.

 

16/07/2014 - 17:48

"Dopo 15 anni prende finalmente il via alla Camera il dibattito sulla riforma della cooperazione. Sono tre i cardini del provvedimento che rilancia la cooperazione come asse della politica estera del nostro paese: l’istituzione della figura di un viceministro ad hoc, la creazione di un’Agenzia con competenze specifiche e di un organismo finanziario per lo sviluppo. In questo modo le attività di solidarietà internazionale avranno il loro giusto impulso, con l’idea di produrre un cambiamento del nord come nel sud del mondo”.

Così la relatrice del provvedimento, la democratica Lia Quartapelle.

 

16/07/2014 - 15:54

Dopo quasi vent’anni dalla strage di Srebrenica, il tribunale dell’Aja condanna l’Olanda per la responsabilità civile del massacro di 300 musulmani e rende così giustizia alle madri e alle famiglie delle vittime che avevano presentato il ricorso. Si tratta di una sentenza che segna un precedente storico nella valutazione delle responsabilità internazionali nei confronti delle situazioni di conflitto civile. Da oggi nessun Paese potrà sentirsi non responsabile davanti a crimini contro l’umanità, come la pulizia etnica o il genocidio.

Lo afferma Lia Quartapelle, deputata del Pd e componente della commissione Esteri della Camera. 

 

15/07/2014 - 20:50

“Il ministero dell’Interno si assuma le dovute responsabilità sulla questione dei profughi siriani di Milano”. Lo chiedono con un’interpellanza i deputati del Partito Democratico Eleonora Cimbro, Enzo Amendola, Lia Quartapelle e Pia Locatelli del Gruppo Misto. “Portando in Parlamento le giuste richieste dell’assessore milanese Pierfrancesco Majorino – spiegano i deputati democratici - abbiamo depositato un’interpellanza urgente sull’emergenza umanitaria che da mesi sta gravando sulla città di Milano”.

“Il ministero dell’Interno – proseguono i deputati Pd - si assuma le dovute responsabilità sulla questione: sia affidando al capoluogo lombardo i necessari strumenti per l’accoglienza, oggi gestita dal solo Comune e dall’Assessorato alle Politiche Sociali, con l’aiuto dell’associazionismo milanese; sia attraverso una non più rinviabile azione normativa che, dando protezione giuridica ai migranti, permetterebbe la regolarizzazione del loro transito per il Paese”. “Ricordiamo che tale flusso migratorio, per quel che riguarda l’Italia, si configura come di solo passaggio. Milano è essenzialmente luogo di transito per la Germania e il Nord Europa”, concludono Cimbro, Amendola, Quartapelle e Locatelli.

 

14/07/2014 - 18:35

“Sulle adozioni, chiediamo al governo di mettere a punto tutti quegli strumenti collaterali che permettono a una buona normativa, come quella italiana, di funzionare a pieno regime”. Lo dichiara Lia Quartapelle, deputata del Partito Democratico, e prima firmataria di una mozione presentata oggi alla Camera sulle adozioni internazionali.

“Con la mozione presentata oggi – spiega Quartapelle – intendiamo chiedere all’esecutivo di continuare nel forte impegno dimostrato fin a qui: e di dotare, quindi, la Cai di tutte le riserve necessarie a svolgere i compiti orinari e straordinari, di rafforzare la capacità di cooperazione in tema di tutela dei diritti dei minori e, più in generale, di garantire la possibilità di stipula con quei Paesi con cui i rapporti sono più incerti, di erogare le risorse dovute per il triennio 2011-2013”. “A nostro avviso – continua Lia Quartapelle - serve anche un ragionamento più complessivo sui benefici fiscali per le coppie che adottano e, in modo particolare, per le adozioni di bambini con bisogni speciali. Inoltre, mentre confermiamo la validità dell’impianto normativo, chiediamo al governo una semplificazione dell’iter burocratico, vale a dire uno snellimento delle procedure e tempi certi per le adozioni ”. “Siamo contenti che il presidente del Consiglio Renzi si sia tenuto le deleghe, dal momento che abbiamo interpretato questo fatto come segno della volontà politica di un impegno diretto sul tema dei minori. L’Italia è un paese tra i più accogliente e come tale ha bisogno di supporto. E tale supporto è a maggior ragione necessario in quei tanti casi di adozioni bloccate o il cui iter è complicato da questioni socio-politiche interne ai paesi di provenienza. Per risolvere tutte le difficoltà contro cui si trovano a combattere le famiglie, fonte di dolorose incertezze per loro e soprattutto per i bambini, è indispensabile che il governo continui il suo impegno straordinario”, conclude la parlamentare democratica.

 

11/07/2014 - 18:09

Speranza, Amendola, Chaouki, Manciulli, Quartapelle presentano risoluzione 

Il gruppo del Partito democratico della Camera chiede al governo di esercitare una decisa azione a livello bilaterale e multilaterale per scongiurare l’aggravarsi della crisi in Medioriente e l’innescarsi di una spirale di violenze. La posizione dem è contenuta nel testo di una risoluzione firmata dal presidente dei deputati, Roberto Speranza, dal capogruppo in commissione Esteri, Enzo Amendola, dal vicepresidente della stessa commissione, Andrea Manciulli, e dai deputati Khalid Chaouki e Lia Quartapelle.

“Nonostante le difficoltà per la ripresa degli scontri armati – si legge nel testo - occorre mettere in campo ogni sforzo per sospendere azioni militari e atti di violenza o di rappresaglia, riprendere il processo di pace che rispetti il diritto alla sicurezza di Israele e il diritto palestinese all’autodeterminazione, assicurare la protezione della popolazione civile, garantire il congelamento di nuovi insediamenti di coloni sui territori palestinesi e prevenire cambiamenti unilaterali dello status di Gerusalemme. E’ auspicabile che l’Unione europea eserciti un decisivo ruolo politico nel conflitto israelo-palestinese: nella crisi pesa infatti l’assenza di una strategia politica europea che vada oltre il sostegno economico e finanziario, seppure importante, all’ANP e alla cooperazione Euro-mediterranea, nel quadro del processo di Barcellona e della politica europea di vicinato per la promozione della sicurezza e della stabilità tra i paesi confinanti.”.

 

10/07/2014 - 21:06

“Abbiamo concluso oggi l'esame in commissione Esteri del disegno di legge sulla cooperazione internazionale introducendo alcune modifiche al testo approvato in prima lettura al Senato che riguardano lo status fiscale delle ONG, la definizione dei volontari della cooperazione internazionale, l’esclusione dai soggetti della cooperazione di imprese o società che commerciano in armi. Soprattutto, abbiamo introdotto la possibilità di utilizzare la Cassa Depositi e Prestiti come Istituzione Finanziaria per lo Sviluppo, cioè come ente pubblico che completi il nuovo sistema italiano della cooperazione con una banca di sviluppo che aiuti a promuovere iniziative di finanza per lo sviluppo. Si tratta di una modifica sostanziale, votata all'unanimità da tutti i componenti della commissione, che va a completare il sistema italiano della cooperazione, aggiungendo uno strumento che permetterà all'Italia di operare nel campo della finanza per lo sviluppo in accordo con le istituzioni europee e internazionali, che è la frontiera della cooperazione internazionale.

Speriamo che il percorso parlamentare prosegua in Aula con altrettanto impegno, continuando il dialogo con le forze di opposizione. Ci auguriamo che l'approvazione della legge si concluda al più presto, confermando la volontà di arrivare a una riforma definitiva della cooperazione non solo con le forze politiche che la hanno votata al Senato, ma di includere anche altre forze politiche che alla Camera hanno lavorato in commissione con spirito costruttivo. Abbiamo raccolto spunti e suggerimenti in un costante dialogo con le ONG e le organizzazioni del settore, confermando il percorso di confronto che ha contraddistinto già al Senato questa fase di riforma dell'assetto della cooperazione”. Così Lia Quartapelle, deputata della commissione Esteri, relatrice del provvedimento di riforma della cooperazione internazionale.

 

23/06/2014 - 20:03

"La scarcerazione di Meriam ci riempie di gioia e ci rende orgogliosi perché il nostro paese ha dato un contributo importante nella difesa dei diritti umani. La conclusione positiva della vicenda dà coraggio a tutte le migliaia di volontari impegnati nella tutela delle donne e degli uomini privati della loro dignità e dei loro più elementari diritti e dà speranza che sia possibile cancellare gli orrori compiuti in nome delle religioni”. 

Così Lia Quartapelle, deputata del Pd della commissione Esteri dopo la liberazione di Meriam Yehya Ibrahim, la donna cristiana condannata a morte per apostasia.

 

28/05/2014 - 01:00

Una grande emozione, abbiamo tutti pianto e gioito e l’arrivo di questi 31 bambini congolesi adottati da famiglie italiane è d’auspicio per tutti coloro che non hanno ancora completato il processo d’adozione di cui non ci dimenticheremo e per i quali lavoreremo con grande impegno”. E’ questo il commento della deputata Pd Lia Quartapelle (commissione Esteri) presente oggi all’aeroporto di Ciampino per accogliere i bambini provenienti dal Congo.

 

Quartapelle ha poi aggiunto: “Voglio innanzitutto ringraziare tutti quelli che in questi mesi hanno lavorato e si sono impegnati duramente per arrivare a questo grande risultato, a partire dal ministero degli Esteri ai funzionari della Presidenza del Consiglio.

Si tratta di un primo passo che dimostra come una questione complicata, quale è quella delle adozioni internazionali, quando c’è la volontà politica possa trovare soluzioni positive. Una vicenda che testimonia come situazioni molto difficili si possano risolvere”.

26/05/2014 - 01:00

E’ una notizia straordinaria che ripaga la fiducia delle famiglie nelle istituzioni e il grande e silenzioso lavoro di coordinamento tra ministero degli Esteri e Commissione per le adozioni internazionali. Ora impegniamoci per risolvere nello stesso modo le analoghe situazioni pendenti nel mondo, imparando dagli errori del passato. Riserbo è la parola chiave.

Lo ha dichiarato l’on. Lia Quartapelle.

 

Pagine