25/07/2016 - 19:20

"La legittima aspettativa di Torino di continuare ad organizzare il Salone del Libro non autorizza la sindaca ad usare parole offensive e gratuite verso Milano e la sua pluricentenaria cultura del Libro. Peraltro, gli indubbi meriti della qualità culturale di Torino non solo non sono della sindaca, ma sono stati disconosciuti fino all'altro ieri da lei e dal suo Movimento, non contribuendo di certo all'immagine della città che oggi si trova a governare, né ad ottenere i riconoscimenti che oggi desidererebbe". 

Lo afferma Roberto Rampi, deputato del Pd in commissione Cultura della Camera.

11/07/2016 - 13:15

Lunedì 11 luglio, alle ore 14.30 presso la Sala stampa della Camera dei Deputati, avrà luogo la presentazione della proposta di legge di "Delega al Governo per la disciplina delle attività musicali contemporanee popolari dal vivo", per rendere più avanzata e specifica la normativa di un settore chiave dell'industria musicale e discografica italiana.

La proposta si pone l'obiettivo di favorire l’adozione di una legge quadro che garantisca la musica popolare contemporanea e razionalizzi tutte le norme in materia di organizzazione e gestione dello spettacolo dal vivo. L'intento è quello di fornire agli artisti, agli operatori e alle associazioni tutti gli strumenti normativi per generare maggiore creatività e ricchezza musicale: dal tax credit per gli investimenti, alla semplificazione dei processi amministrativi, ai finanziamenti agevolati per ammodernare le attrezzature, al riconoscimento della musica, senza distinzioni di sorta, quale leva culturale fondamentale per il Paese.

Alla conferenza stampa prenderanno parte, tra gli altri, Roberto Rampi, deputato Pd in Commissione Cultura, Enzo Mazza, CEO della Federazione Industria Musicale Italiana, Vincenzo Spera, Presidente di Assomusica, Luca Fornari, Vicepresidente Audiocoop, Federico Amico, Vicepresidente ARCI, Mario Limongelli, Presidente Produttori Musicali Indipendenti e Sergio Cerruti, Vicepresidente  dell'Associazioni Fonografici Italiani. E’ prevista inoltre la partecipazione di Noemi, Amedeo Minghi, Massimo Di Cataldo, Shade, e Mimosa Campironi.

08/07/2016 - 13:47

Lunedì 11 luglio, alle ore 14.30 presso la Sala stampa della Camera dei Deputati, avrà luogo la presentazione della proposta di legge di "Delega al Governo per la disciplina delle attività musicali contemporanee popolari dal vivo", per rendere più avanzata e specifica la normativa di un settore chiave dell'industria musicale e discografica italiana.
La proposta si pone l'obiettivo di favorire l’adozione di una legge quadro che garantisca la musica popolare contemporanea e razionalizzi tutte le norme in materia di organizzazione e gestione dello spettacolo dal vivo. L'intento è quello di fornire agli artisti, agli operatori e alle associazioni tutti gli strumenti normativi per generare maggiore creatività e ricchezza musicale: dal tax credit per gli investimenti, alla semplificazione dei processi amministrativi, ai finanziamenti agevolati per ammodernare le attrezzature, al riconoscimento della musica, senza distinzioni di sorta, quale leva culturale fondamentale per il Paese.

Alla conferenza stampa prenderanno parte, tra gli altri, Roberto Rampi, deputato Pd in Commissione Cultura, Enzo Mazza, CEO della Federazione Industria Musicale Italiana, Vincenzo Spera, Presidente di Assomusica, Luca Fornari, Vicepresidente Audiocoop, Federico Amico, Vicepresidente ARCI, Mario Limongelli, Presidente Produttori Musicali Indipendenti e Sergio Cerruti, Vicepresidente  dell'Associazioni Fonografici Italiani. E’ prevista inoltre la partecipazione di Noemi, Amedeo Minghi, Massimo Di Cataldo, Shade, e Mimosa Campironi.

25/05/2016 - 17:45

“Siamo soddisfatti del chiarimento che il ministro Franceschini ci ha dato nel corso del question time in merito alla riforma del ministero dei Beni culturali varata nel 2014 che prevede una complessiva riorganizzazione delle strutture periferiche, tra cui l'accorpamento delle soprintendenze archeologiche con le soprintendenze per le belle arti e il paesaggio e la creazione di una sola direzione generale archeologia, belle arti e paesaggio. Questa riforma va nella direzione della valorizzazione e della tutela del nostro patrimonio artistico, culturale e ambientale che caratterizza l’azione del governo Renzi”. Lo hanno detto i deputati Irene Manzi e Roberto Rampi durante il question time oggi alla Camera.

“Per noi - hanno proseguito i deputati dem - la valorizzazione dei beni culturale va di pari passo con la tutela. Avere più soprintendenze significa rafforzare la loro indipendenza e aumentare la loro capacità di intervenire sul territorio con maggiore efficacia. La riforma non mortifica le competenze ma le valorizza: ci saranno, infatti, percorsi di carriera che permetteranno di specializzare e valorizzare le competenze all’interno delle soprintendenze”.

24/05/2016 - 13:20

“La  firma da parte del ministro Dario Franceschini di un 'Patto per la Lettura' con le principali televisioni italiane come Rai, Mediaset, La7, Sky e Discovery, che si impegnano a promuoverla, è fondamentale per contribuire a cambiare le abitudini degli italiani e aumentare il numero dei lettori”.

Lo ha detto Roberto Rampi deputato del Pd in commissione Cultura.

19/05/2016 - 18:51

“Addio a Marco Pannella, straordinario politico, intellettuale, artista cosmopolita. Imprevedibile, controverso, indefinibile, inincasellabile maestro. Ci consegna, a tutti e a ciascuno, un'enorme eredità”. Lo dichiara Roberto Rampi, deputato del Partito democratico.

“Dagli Stati Uniti d'Europa come destino dell’Europa al diritto alla conoscenza, dalle norme che garantiscano una giustizia giusta a battaglie di civiltà come quelle della condizione delle carceri, dalla regolamentazione dell'eutanasia a quella delle droghe e al superamento del proibizionismo: tantissime sono ancora le battaglie da combattere nel solco della grande lezione di libertà di Marco Pannella”, conclude.

11/05/2016 - 16:49

"Più diritti, più doveri, più Libertà. C'è chi urla e c'è chi fa le unioni civili".

Lo scrive su Twitter il deputato PD Roberto Rampi.

23/03/2016 - 20:19

“Garantire il pluralismo nell'attività editoriale e di distribuzione dei libri. Questo è il significato dell'importante delibera dell'Antitrust che, nel massimo rispetto delle reciproche autonomie, avevamo auspicato fin da subito”.

Così Roberto Rampi, deputato del Pd.

22/02/2016 - 13:47

“Dopo aver espresso preoccupazione per la possibile acquisizione del gruppo Rcs da parte di Mondadori e al tempo stesso fiducia nell’operato dell’Antitrust, la proposta, apparsa su organi di stampa, secondo la quale il gruppo di Segrate sarebbe pronto alla cessione di due marchi importanti come Marsilio e Bompiani per venire incontro alle obiezioni dell’Autorità garante della concorrenza, ci sembra importante. Se confermata, quella dello scorporo sarebbe la strada più giusta perché il monopolio è sempre un impoverimento culturale. Un gruppo editoriale forte e indipendente ci sembrerebbe anche il miglior omaggio alla memoria di Umberto Eco che tanto si è battuto per questo risultato. La cultura vive di pluralismo”.

Lo ha detto Roberto Rampi, deputato del Pd componente della commissione Cultura della Camera.

16/02/2016 - 14:40

“Ora alle Terme di Diocleziano l'Italia e l'Unesco insieme hanno dato vita alla prima task force di caschi blu della cultura. Esperti e Carabinieri che combatteranno il traffico di beni culturali, difenderanno il patrimonio, interverranno in zone colpite da disastri naturali”. Lo dichiara il deputato democratico Roberto Rampi,

“Un risultato concreto e straordinario. Quando presentai la prima interrogazione su questo tema in Parlamento - aggiunge Rampi - mai avrei pensato che in tempi così rapidi si riuscisse ad arrivare alla fase operativa. Ancora non c'era stata Palmira. Ma c'erano state le distruzioni di Mosul, il traffico di reperti, la fuga delle nostre missioni archeologiche dalla piana di Ninive. L'Italia c'è e ha fatto la sua parte. E dopo la risoluzione parlamentare attraverso le decisioni prese prima a Milano Expo e poi all'assemblea dell'Unesco oggi quell'idea, quel bisogno diventa realtà.

“La tutela del patrimonio culturale - conclude l’esponente democratico - è lotta a una delle principali fonti di finanziamento del terrorismo e al tempo stesso la difesa della diversità culturale, della convivenza tra culture che è il vero nemico che il terrorismo combatte”.

04/02/2016 - 18:25

“Con la firma del protocollo tra ministero dell’Istruzione e quello dei Beni culturali per ‘favorire e valorizzare il linguaggio teatrale e cinematografico, in ogni sua forma, nei contesti educativi, in particolare nelle aree urbane e nelle zone piu’ disagiate del Paese’ inizia una nuova era”. Lo dichiara Roberto Rampi, deputato del Partito Democratico.

“Tra le iniziative previste – spiega – da sottolineare ‘Ciak! Si studia!’ e ‘Scrivere il teatro’, i due bandi di concorso rivolti agli studenti, la programmazione di una serie di attività e progetti nelle scuole, e la Giornata del Teatro: teatri gratis e aperti tutto il giorno in tutta Italia, per le scuole e poi per tutti i cittadini”.

“Finalmente si affronta di petto il tema dell'allargamento delle persone che hanno accesso alla lettura, al teatro e al cinema partendo dalle scuole, cioè dall'inizio. E finalmente si lavora sull'educazione iconica e all'immagine. Questo guarda la democrazia, lo sviluppo civile oltre che economico del Paese”, conclude Rampi.

26/01/2016 - 16:30

“I dati record degli abbonamenti al Piccolo Teatro di Milano sono entusiasmanti. E confermano una tendenza che vede la cultura e i consumi culturali in crescita. A sostegno di questa tendenza vanno molti provvedimenti del Governo e del Parlamento. Al Piccolo di Milano vanno i nostri complimenti”. Lo ha detto Roberto Rampi deputato del Pd in commissione Cultura.

20/01/2016 - 18:53

“La politica come ‘un'altra poesia’ diversa, dal cinema, dal teatro, dalla scrittura. Una forma, diversa, d'arte, di attività culturale, che con le altre condivide l'urgenza è il desiderio di cambiare il mondo. Ho ancora nelle orecchie quella frase pronunciata da Scola ai funerali di Ingrao in piazza Montecitorio. Anche questo è stato Ettore Scola: un uomo che con l'arte, con il cinema, sapeva di star facendo politica, non nel senso comune di sterile gestione del potere, o, peggio, di chiacchiericcio”. Così il deputato del Partito Democratico Roberto Rampi, ricorda il regista Ettore Scola.

“Politica per scoprire, vedere, contribuire a un'idea di mondo. Ognuno con i propri talenti, ognuno per la strada che più lo chiama. Per non trovarsi a dire che ‘il futuro è passato e non ce ne siamo nemmeno accorti’”, conclude.

14/01/2016 - 14:35

“Sono molto importanti i dati sull'affluenza nei musei e nei luoghi della cultura nel 2015. È iniziata un'inversione di tendenza e inizia ad esserci una crescente consapevolezza anche se c'è ancora molto da fare”. Lo dice Roberto Rampi, deputato Pd in commissione Cultura della Camera.

“La cultura non è un lusso - prosegue Rampi -, un di più, una sovrastruttura, ma l'essenza del vivere civile, una precondizione per comprendere la modernità e la complessità. E quindi una priorità in termini di investimento. Ci preoccupano invece i dati sulla lettura, materia in cui proprio in queste ore stiamo lavorando a un provvedimento a sostegno della lettura in Commissione Cultura, e anche sullo spettacolo dal vivo ci sono luci e ombre”.

 

12/01/2016 - 19:43

"Istanbul è da oltre 2000 anni un punto di incontro e convivenza di culture, fedi, religioni. Un ponte naturale, fisico, culturale tra Europa ed Asia, tra Europa e vicino Oriente. Un modello di convivenza che ha resistito anche a momenti difficili della storia. Per questo oggi il pensiero di ogni uomo di cultura, di ogni democratico non può che essere per Istanbul, per le vittime, per i suoi cittadini, per il suo futuro. Ancora una volta il fondamentalismo colpisce la cultura, la bellezza, e il turismo culturale. Piazza Sultanhamet, uno dei luoghi più belli e più densi di storia del mondo. A noi spetta reagire non cadendo nella trappola dell'odio ma tendendo la mano ai tanti che insieme a noi, di ogni credo, di ogni etnia, di ogni cultura credono nella convivenza tra i popoli, nel l'incontro di civiltà".

Lo afferma Roberto Rampi, deputato del Pd e componente della commissione Cultura della Camera.

Pagine