28/10/2016 - 20:29

background:white">Una festa, tra la nostra gente, e l'occasione per rivendicare il coraggio di fare riforme e di stare in un'Europa che si misura con le sfide globali. 
color:#333333">È questo il senso della manifestazione di domani a Roma a Piazza Del Popolo. 
È ora che l'Europa diventi più giusta nei confronti dei propri cittadini, delle generazioni future e del nostro paese, perché l'Italia ha sempre fatto la sua parte e contribuito a rafforzare i valori di sicurezza, pace e welfare diffuso che sono i pilastri della Ue.
Un appello che arriverà
domani dalla piazza e dal Partito Democratico. 
Con uno sguardo al traguardo del 4 dicembre: il nostro impegno per un'Italia più forte e moderna con il Sì al referendum. Un'occasione che si presenta davvero concreta dopo 30 anni di discussioni e inutili tentativi #bastaunsi.

background:white">Lo scrive in un post su Facebook Ettore Rosato, presidente dei deputati Pd.

27/10/2016 - 19:35

“Le scosse e la paura di queste ore rilanciano il progetto di Casa Italia, una messa in sicurezza del paese che non possiamo rimandare.  Per questo è giusto chiedere all’Europa flessibilità sui conti: l’Europa può e deve applicare con intelligenza le sue regole, come fece per esempio concedendo margini di manovra alla Francia per le spese sulla sicurezza, dopo gli attentati terroristici a Parigi. 

L’Italia può rivendicare con forza le sue richieste perché in tutte le sedi è stata sempre la principale sostenitrice del metodo comunitario, cioè di quell’Europa che sta insieme per difendere i pilastri della propria esistenza: pace, sicurezza, sviluppo, welfare.  Può rivendicarlo con forza perché nonostante le stragi del Mediterraneo, rimane l’unica sponda e àncora di salvezza per migliaia di emigranti ogni anno. 
Per aiutare loro, per sostenere la ricostruzione: due buone ragioni per noi, due buone ragioni per salvare un continente e il senso della sua missione”.

Lo scrive su Facebook Ettore Rosato, presidente dei deputati Pd

26/10/2016 - 21:10

"Abbiamo approvato oggi alla Camera la legge sui minori non accompagnati che arrivano con i flussi di rifugiati nel nostro Paese. Per non lasciare più soli loro e nemmeno i comuni che li ospitano e a cui compete l'accoglienza. Sono 20 mila in Italia, fuggono da miseria, schiavitù, guerre e violenza. Un Paese civile se ne deve far carico fino in fondo. La legge, che ora passa al Senato, non solo garantisce una accoglienza adeguata, ma assicura anche un aiuto a trovare una famiglia, ad accedere all’assistenza sanitaria e al diritto all’istruzione. Viene introdotto il divieto di respingimento alla frontiera ed è rafforzato il ruolo del Tribunale dei minori. Un grazie particolare alla collega Sandra Zampa, prima firmataria della legge alla collega Barbara Pollastrini relatrice del provvedimento, e a Emanuele Fiano e tutti i colleghi della prima commissione che per mesi hanno lavorato sul testo per trovare le risorse, le soluzioni tecniche e il consenso politico".

Lo scrive in un post su Facebook Ettore Rosato, presidente del deputati Pd

19/10/2016 - 19:21

"Con la legge sulla videosorveglianza, approvata oggi dalla Camera e che passa ora al Senato, si tutelano i bambini e le persone più indifese e vulnerabili, prevenendo e contrastando, sia in ambito pubblico, sia privato, maltrattamenti o abusi, anche di natura psicologica.  La legge prevede l’installazione di telecamere a circuito chiuso in asili nido, scuole d’infanzia e strutture socio-assistenziali per disabili e anziani. 
Nessun Grande fratello, ma controlli mirati e accurati per prevenire e velocizzare le indagini in caso di segnalazione di un reato. Nessuno potrà accedere alle immagini senza l'autorizzazione di un magistrato, quindi nessun rischio di utilizzi distorti al di fuori delle indagini giudiziarie. 
Vogliamo così tutelare la stragrande maggioranza degli operatori che svolgono con dedizione e passione il loro lavoro. La legge interviene anche sulla formazione continua del personale. Oltre all’idoneità professionale è prevista una valutazione attitudinale, sia al momento dell’assunzione sia durante lo svolgimento del rapporto di lavoro. Si tratta di coniugare diritti e sicurezza, per non vedere o leggere mai più storie di abusi e maltrattamenti".

Lo scrive in un post su Facebook Ettore Rosato, presidente dei deputati Pd

19/10/2016 - 15:13

Post su FB di Ettore Rosato, presidente deputati Pd

Limitare l’aumento della temperatura globale entro l’1,5 gradi centigradi rispetto a l’era preindustriale. È questo il principale obiettivo sottoscritto con gli Accordi sul clima di Parigi di dicembre 2015, e che abbiamo ratificato oggi alla Camera.
“Così si salva il pianeta” aveva affermato il presidente USA, Barack Obama, spiegando l’importanza di questo trattato e l’urgenza di un impegno attivo di tutti i Paesi per ridurre le emissioni serra. 
Le condizioni affinché ciò possa accadere ci sono: questo è infatti il primo accordo sul clima che coinvolge tutti i paesi del Mondo, dall’Europa agli Stati Uniti, passando per la Cina e l’India.
Un obiettivo che sarà perseguito attraverso l’istituzione di un fondo internazionale per la diffusione delle energie verdi, compensazioni finanziarie per i paesi più poveri e un monitoraggio costante dei risultati di ciascun paese. 
Siamo ancora in tempo per segnare una svolta sul tema del contrasto ai cambiamenti climatici. Con il voto del Parlamento europeo è stata raggiunta la soglia fissata per l’entrata in vigore del trattato già dal prossimo 5 novembre.

18/10/2016 - 20:52

“Paola Clemente aveva 49 anni e lavorava ad Andria, ma viveva a quasi trecento chilometri di distanza. Partiva alle due del mattino e i suoi tre figli la rivedevano alle sei di sera. E’ morta di fatica, sotto il sole di luglio dello scorso anno, mentre raccoglieva l’uva. 
Nei vigneti del Chianti imprenditori agricoli toscani facevano lavorare  immigrati clandestini o richiedenti asilo, con le ciabatte anche in inverno a 4 euro l’ora.   Il caporalato colpisce lavoratori italiani e stranieri, al nord come al sud. Finalmente il Parlamento ha approvato la legge contro lo sfruttamento brutale dei braccianti, prevedendo nuovi strumenti più efficaci per combattere quella che è una vera e propria forma di schiavitù moderna, spesso legata alla tratta di esseri umani, allo sfruttamento spietato del lavoro, soprattutto nella filiera agroalimentare dove le mafie hanno allungato i propri tentacoli.  
La legge estende il reato di caporalato e rende più semplice la sua applicazione. Introduce la responsabilità del datore di lavoro,  rafforza l’istituto della confisca dei beni, prevede l’arresto obbligatorio in flagranza di reato e indennizzi per le vittime. Potenzia la Rete del lavoro agricolo di qualità, estende i controlli e la prevenzione del lavoro nero in agricoltura.  Una legge importante per sradicare una piaga inaccettabile e per colpire gli indebiti profitti del caporalato.  C’è ancora molto da fare, ma la legge approvata oggi è un grande atto di civiltà a tutela della dignità della persona e del lavoratore"

Lo scrive in un post su Facebbok Ettore Rosato, presidente dei deputati Pd

13/10/2016 - 10:30

“Ha rinnovato teatro, letteratura, cinema e TV parlando a tutti. Lascia un patrimonio culturale immenso di cui saremo sempre grati”.

Lo ha scritto su twitter Ettore Rosato, Presidente dei Deputati Pd.

07/10/2016 - 14:08

POST SU FB DI ETTORE ROSATO, PRESIDENTE DEPUTATI PD.

Scelta coraggiosa e giusta quella de Il Piccolo di manifestare in questo modo tutto il dissenso nei confronti della decisione del sindaco Dipiazza di togliere il manifesto di Giulio Regeni. 

Questa protesta è la protesta di Trieste, di tutti coloro che non vogliono rimanere silenti di fronte alla morte violenta e ingiusta di un giovane concittadino.

05/10/2016 - 13:09

Convegno promosso dal Comitato Basta un Sì - per un Italia più semplice

Oggi, giovedì 6 ottobre, ore 17.30, Sala Salvadori, via Uffici del Vicario 21

Un’occasione importante di discussione sul tema del referendum costituzionale che prende spunto dal volume a cura di Irene Tinagli: “L’economia del Sì. L’impatto del nuovo Titolo V sulle politiche economiche e sociali”, con i contributi Carlo Dell’Aringa, Giampaolo Galli, Paolo Gandolfi, Flavia Piccoli Nardelli, Chicco Testa, Ivan Scalfarotto, Stefano Quintarelli.

Ne discutono con gli autori: Gianni Toniolo (Università Luiss); Giovanni Guzzetta (Università di Roma Tor Vergata); Enrico Morando (Viceministro dell’Economia).

I lavori saranno introdotti dal Capogruppo Pd alla Camera, Ettore Rosato. Modera: Ernesto Auci, Direttore di Firstonline.info.

04/10/2016 - 18:43

Una democrazia è più solida se i cittadini possono disporre di una informazione di qualità.

"La legge sull’editoria approvata oggi interviene in modo concreto su un sistema in rapido cambiamento, istituendo un fondo per l’innovazione dell’informazione. Si va dal sostegno alla stampa locale, alle cooperative e agli enti no profit, ai fondi per il passaggio al digitale, dagli aiuti alle start up che presentano progetti d’avanguardia, agli interventi per la crisi delle edicole permettendo loro di diversificare i prodotti in vendita. 

Vogliamo favorire i giovani con particolare attenzione all’informazione multimediale e digitale. 
La legge evita finanziamenti generici, per premiare invece le attività imprenditoriali più virtuose, rispetto al numero di copie vendute, personale assunto e propensione ad aumentarlo. E’ una legge molto attesa da giornalisti e editori, che interviene sulle ristrutturazioni aziendali, riconosce l’importanza delle Tv locali e la qualità del servizio pubblico. Grazie ad essa si potrà riorganizzare l’ordine professionale dei giornalisti, mentre vengono finalmente fissati i limiti precisi per i compensi di amministratori e personale della Rai, e comunque della società concessionaria pubblica. 

E’ un primo passo importante per rilanciare un settore in continua evoluzione di sistemi e linguaggi e “garantire un reale pluralismo dell'informazione, tema fondante per la democrazia”, come ha giustamente detto il relatore Roberto Rampi. Un grazie a lui, ai Deputati PD in commissione cultura guidati da Maria Coscia e alla presidente Flavia Piccoli Nardelli".

Lo scrive in un post su Facebook Ettore Rosato, Presidente dei deputati Pd

04/10/2016 - 18:24
POST SU FB DI ETTORE ROSATO, PRESIDENTE DEPUTATI PD
 
Una democrazia è più solida se i cittadini possono disporre di una informazione di qualità. 

La legge sull’editoria approvata oggi interviene in modo concreto su un sistema in rapido cambiamento, istituendo un fondo per l’innovazione dell’informazione. Si va dal sostegno alla stampa locale, alle cooperative e agli enti no profit, ai fondi per il passaggio al digitale, dagli aiuti alle start up che presentano progetti d’avanguardia, agli interventi per la crisi delle edicole permettendo loro di diversificare i prodotti in vendita. 
Vogliamo favorire i giovani con particolare attenzione all’informazione multimediale e digitale. 
La legge evita finanziamenti generici, per premiare invece le attività imprenditoriali più virtuose, rispetto al numero di copie vendute, personale assunto e propensione ad aumentarlo. 
E’ una legge molto attesa da giornalisti e editori, che interviene sulle ristrutturazioni aziendali, riconosce l’importanza delle Tv locali e la qualità del servizio pubblico. Grazie ad essa si potrà riorganizzare l’ordine professionale dei giornalisti, mentre vengono finalmente fissati i limiti precisi per i compensi di amministratori e personale della Rai, e comunque della società concessionaria pubblica. 
E’ un primo passo importante per rilanciare un settore in continua evoluzione di sistemi e linguaggi e “garantire un reale pluralismo dell'informazione, tema fondante per la democrazia”, come ha giustamente detto il relatore Roberto Rampi. Un grazie a lui, ai Deputati PD in commissione cultura guidati da Maria Coscia e alla presidente Flavia Piccoli Nardelli.

29/09/2016 - 18:03

Prima era la data, poi il titolo. Quando gli argomenti scarseggiano, si arriva ai pretesti.

“Grillo attacca oggi il titolo scelto per la riforma costituzionale, divenuto in base alla legge 352/1970, anche l’oggetto del quesito referendario. Come sappiamo, non c'è alcuna discrezionalità: il titolo è meramente ed unicamente descrittivo del contenuto della legge ed è stabilito all'inizio dell'iter legislativo.

Il fatto è che quando si parla dei contenuti - e il quesito li riepiloga efficacemente - risulta difficile spiegare la contrarietà a una politica meno costosa e istituzioni più efficienti. Soprattutto se ci hai costruito su la tua fortuna politica. Tant'è che in quel titolo nessuno mai ha trovato qualcosa di sbagliato: tra 84 milioni di emendamenti nemmeno uno chiedeva di modificarlo”.

Lo scrive in un post su Facebook Ettore Rosato, Presidente dei deputati Pd.

28/09/2016 - 13:06

Ci sono volute 4 legislature e 15 anni di staffette tra Camera e Senato. 

Oggi, la Camera ha dato il via libera, a larghissima maggioranza, ad un provvedimento che salvaguardia i piccoli comuni, quelli fino a 5000 abitanti, il 67 % circa del totale. Ora, passa al Senato; speriamo sia la volta buona. 

L’aspettano 10 milioni di italiani che abitano in questi piccoli centri, situati prevalentemente in zone montane, spina dorsale di un’Italia spesso sconosciuta, ma ricca di cultura, storia e con un patrimonio artistico e ambientale straordinario. 

La legge punta a frenare lo spopolamento e l’abbandono, anche per prevenire i rischi e l’impoverimento del territorio. 

Un investimento pluriennale di 100 milioni di euro servirà per la riqualificazione degli immobili abbandonati, la manutenzione del territorio soprattutto quello soggetto a problemi idrogeologici, la messa in sicurezza di strade e scuole, l'acquisizione di case cantoniere e tratti di ferrovie dismesse da rendere disponibili per attività turistiche. 

C’è una piccola Italia che racchiude un grande patrimonio artistico, culturale, enogastronomico. Vogliamo siglare con queste comunità, preservandole e sostenendole, un nuovo patto di cittadinanza. 
Il voto di oggi premia il prezioso lavoro del presentatore della legge, Ermete Realacci e dei relatori, Enrico Borghi, Tino Iannuzzi e Antonio Misiani, a cui va il ringraziamento di tutto il gruppo dei Deputati PD.

Lo scrive in un post su Facebook Ettore Rorsato, presidente dei deputati Pd.

23/09/2016 - 14:13

Solidarietà agli iscritti e militanti.

Dichiarazione on. Ettore Rosato, presidente deputati Pd 

Agli iscritti e militanti del Pd di Altamura va tutta la mia solidarietà e quella dei deputati Pd per il vile atto accaduto stanotte, dove sono stati messi a soqquadro i locali della sede del partito, strappate le bandiere e disegnate svastiche su porte e muri. Confidando che gli inquirenti trovino quanto prima i responsabili, non sarà certo la violenza di ignoti a fermare le nostre iniziative, a cominciare dalla festa de l’Unità che inizia stasera.

23/09/2016 - 13:41

Post su fb di Ettore Rosato, presidente deputati pd

Oggi al Quirinale, con il Presidente Mattarella e il sottosegretario Lotti per il Governo, abbiamo ricordato Aldo Moro nel centenario della nascita, concordi nel considerare lo statista pugliese uno dei padri della democrazia italiana. 
Un riconoscimento alle sue capacità di allargare la partecipazione alla vita pubblica e di dare sempre nuovi orizzonti alla politica: Moro visse così gli ideali di libertà e uguaglianza con un'attenzione sempre rivolta all'uomo, alla persona, attento al mutare dei tempi. 
Una lezione che, a distanza di anni, trasmette ancora un messaggio attuale.

Pagine