18/12/2014 - 19:41

“Un ottimo risultato approvato alla unanimità” . E’ il commento del presidente della commissione Agricoltura , il deputato Pd Luca Sani, al sì dell’aula della Camera alla proposta di legge sulla biodiversità.

“Il lavoro proficuo che in questi mesi ha svolto la commissione Agricoltura con serietà e determinazione - spiega Sani - ha trovato oggi nell’aula un punto d’arrivo importante. Si tratta di una proposta che per la prima volta modifica profondamente la prospettiva attraverso la quale interpretare l’ ambiente nel suo complesso. I capisaldi della legge sono l’istituzione del Sistema nazionale di tutela e valorizzazione della biodiversità agraria e alimentare, per la tutela delle risorse genetiche locali dal rischio di estinzione e di erosione genetica; l’Anagrafe nazionale della biodiversità alimentare, presso il Ministero delle politiche agricole; la Rete nazionale della biodiversità agraria e alimentare per la conservazione del germoplasma; il Portale nazionale della biodiversità e il Comitato permanente per la biodiversità agraria e alimentare, presso il Mipaaf . Ancora: dal 2015, il Fondo per la tutela della biodiversità agraria e alimentare per sostenere le azioni degli agricoltori e degli allevatori nell’ambito delle disposizioni previste dalla legge e appositi indennizzi ai produttori agricoli danneggiati da forme di contaminazione dagli Ogm coltivati in violazione dei divieti stabiliti”.

“Investire in biodiversità nell’era della globalizzazione – ha concluso Sani - è una scelta decisiva che ci permetterà di essere presenti sui mercati internazionali con un livello di competitività sempre più alto. Dobbiamo valorizzare i prodotti del nostro territorio e tutelarli costruendo un’economia imperniata del valore della grande qualità del nostro cibo”.

 

11/12/2014 - 13:50

“L’accordo con gli Usa è una opportunità per l'agroalimentare italiano, il Parlamento garantisce trasparenza e controllo democratico del processo negoziale”. E’ quanto ha dichiarato il presidente della commissione Agricoltura Luca Sani (Pd) commentando le parole di questa mattina dell’europarlamentare Paolo De Castro, in audizione in commissione, sul rischio di un possibile ‘no’ da parte del Congresso americano al Ttip a favore dell'altro negoziato con Cina e Giappone.
“Voglio ricordare – ha dichiarato Sani - che il saldo della bilancia agroalimentare è nel complesso positivo per l’Europa (+ 6 miliardi) e caratterizzato da una continua crescita (+36% negli ultimi 10 anni). Il volume complessivo delle esportazioni europee ammonta oggi a quasi 17 miliardi di euro e tra le opportunità dell’accordo ci sono l’eliminazione di alcune barriere non tariffarie che frenano l’export europeo di vini, formaggi, carni, ortofrutta e olio di oliva.
Dobbiamo dunque puntare al buon esito di questo accordo. Buon esito che è legato a un fattore di trasparenza e controllo democratico del processo negoziale che sono garantiti dal presupposto che il negoziato sarà ratificato dal Parlamento europeo e dai singoli Parlamenti nazionali. Altra priorità da rispettare riguarda le etichettature. In questo senso le parole di De Castro sono state confortanti in quanto l’ Europa le difende. L'iter di riconoscimento, infatti, il complesso sistema di controllo e certificazione fino alle attività di tutela e vigilanza poste in essere sono attività che, oltre a salvaguardare il patrimonio agroalimentare nazionale e comunitario, offrono garanzie al consumatore. Allora, un passaggio cruciale all'interno dei negoziati transatlantici sarà proprio quello relativo al riconoscimento delle denominazioni, fondamentale per continuare a garantire a consumatori e produttori gli altissimi standard qualitativi europei. Come presidente della commissione Agricoltura della Camera – conclude Sani – da parte nostra ci adopereremo con determinazione affinché il nostro patrimonio di produzioni agroalimentari a denominazione d'origine e controllata sarà difeso e valorizzato all'interno dei negoziati”.

 

28/11/2014 - 12:44

“I dati di oggi del ministero del Lavoro e dalla Coldiretti che registrano come in agricoltura ci sia un incremento del numero di occupati, nonostante la crisi sull’occupazione del Paese, è la conferma che la nostra richiesta di riduzione del cuneo fiscale anche per l’agricoltura, riduzione che avevamo chiesto alla Camera con un emendamento che non è passato all’articolo 12 della Legge di stabilità, è assolutamente prioritaria e necessaria. Chiediamo, quindi, che sia il Senato ora a lavorare per apportare questa modifica”.

Lo ha dichiarato il presidente della commissione Agricoltura Luca Sani 

 

27/11/2014 - 18:13

Etichettatura degli alimenti, sementi, ogm, TTIP, sono quattro tra i settori fondamentali del nostro comparto agroalimentare su cui oggi si sono confrontati il presidente della commissione Agricoltura Luca Sani (Pd) e il Commissario Vytenis Andriukaitis, responsabile UE del portafoglio “salute e consumatori” .

Spiega Sani : “Sono molti gli ambiti di competenza della DG Sanco, la dirigenza generale per la Salute e i Consumatori, ad avere ripercussioni e relazioni dirette con il settore agroalimentare e, di riflesso, con le istituzioni UE responsabili per l’agricoltura. Per questo l’incontro con Andriukaitis è un momento importante di confronto e approfondimento su temi fondamentali. A cominciare da quello dell’etichettatura degli alimenti per il quale il commissario, che si è detto assolutamente favorevole a sostenere la nostra scelta di trasparenza, ci ha confermato che si attiverà per un monitoraggio sulle posizioni dei paesi membri con una serie di audizioni e con un sondaggio tra l’opinione pubblica. Il problema, ha spiegato, sono i costi dell’ operazione. Sugli Ogm Andriukaitis ha ribadito la necessità di tutelarci dal rischio della omologazione ma gli Stati, ha aggiunto, devono essere messi nella possibilità di decidere liberamente, senza posizioni ideologiche e pregiudiziali, tenendo anche presente che soprattutto l’Italia importa dosi massicce di mangimi con ogm. Infine, sul TTIP, è stato confermato ciò che già ha detto il ministro Martina e quindi c’è la certezza di partire dalla difesa degli standard di sicurezza, l’accordo commerciale con gli Usa esclude gli ogm.

“Il semestre di presidenza italiana – ha concluso Sani - ha portato grande contributo all’avvio di questa legislatura europea con una particolare attenzione su Ogm, etichettatura e TTIP, rafforzando il rapporto fondamentale tra parlamenti nazionali e commissione europea con particolare attenzione alle posizioni italiane”.

 

16/07/2014 - 11:28

Importanti novità attese da anni approvate a larga maggioranza

“L’approvazione in Aula della legge sull’Agricoltura sociale, attesa da anni, segna un punto molto importante per il settore dell’agricoltura in Italia e consolida le imprese agricole e le cooperative sociali del nostro Paese. L'agricoltura sociale ricomprende un insieme di esperienze concrete che affondano le loro radici negli assetti tradizionali dell'agricoltura con il pieno riconoscimento del principio di sussidiarietà nell'ottica di rafforzamento di welfare rurale, dei soggetti svantaggiati e dei territori marginalizzati ed economicamente più svantaggiati. È una delle pratiche più rivoluzionarie del nostro tempo”. Lo dicono i deputati del Pd Stefania Covello, componente della commissione Agricoltura e relatrice della legge, Nicodemo Oliverio, capogruppo democratico in Commissione Agricoltura, Massimo Fiorio, componente della commissione Agricoltura, e Luca Sani, presidente della medesima commissione.

“Questo progetto di legge prevede l'inserimento occupazionale di persone vulnerabili - proseguono i deputati Pd-. La multifunzionalità dell'azienda agricola unita al sociale rafforzano la prospettiva imprenditoriale. Era necessario, visto il difforme quadro normativo delle varie Regioni ed il mancato utilizzo di risorse comunitarie, legiferare in tal senso. Il testo unificato approvato rappresenta un punto molto avanzato in grado di far fare al nostro paese un passo in avanti significativo, dal momento che anche la Commissione Europea lo ha configurato nei sei punti prioritari. Tutto ciò rappresenta un cambio di verso per le nuove generazioni al quale hanno partecipato il Governo nella persona del viceministro Andrea Olivero, tutta la maggioranza e le forze di opposizione che in maniera costruttiva hanno lavorato per arrivare all'approvazione della legge con la sola astensione del Movimento 5 Stelle”. 

 

Pagine