09/09/2016 - 12:16

"Dopo 15 anni, arrivano i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza. Quest’anno sono già garantiti 800 milioni di euro per le nuove prestazioni sanitarie, una somma destinata a crescere con la prossima legge di stabilità.
La conferenza Stato - Regioni ha approvato definitivamente l’entrata in vigore di tutte le nuove prestazioni 
e le Regioni in queste settimane sono tenute ad organizzarsi al più presto per garantire i servizi descritti nella legge. Per monitorare e sostenere questo processo di attivazione è stata richiesta l’immediata attivazione della Commissione Nazionale per l’aggiornamento dei LEA e l’appropriazione del SSN.
Contemporaneamente la Commissione si è espressa anche per rimuovere dalla lista delle prestazioni garantite tutte quelle attività obsolete, superate e poco erogate al fine di risparmiare risorse e mantenere sostenibile l’applicazione dei nuovi servizi.
Nei nuovi Lea rientrano moltissimi servizi fondamentali per la cura ed il sostegno alla persona come  il nuovo nomenclatore per le protesi e ausili, il piano vaccinale, lo screening neonatale, la fecondazione assistita omologa ed eterologa (comprese le prestazioni che precedono l’accesso alle tecniche) e la cura per l’endometriosi. Ma anche la dipendenza dal gioco d’azzardo e le cure per l’autismo, la terapia del dolore (con l’anestesia epidurale per il parto). 
Un grande passo avanti per la Sanità italiana, che si rinnova e dando nuovi diritti a sempre più persone. Dietro a questa scelta c’è l’ennesima dimostrazione dell’attenzione e della sensibilità politica della maggioranza e del Governo per quanto riguarda i temi della Sanità. Come Vicepresidente della XII Commissione Affari Sociali e Sanità voglio complimentarmi ancora una volta per lo straordinario lavoro legislativo della mia commissione. All'inizio dell'ipotesi di riforma dei LEA il Governo ed il Partito Democratico hanno svolto un lavoro attento, ascoltando i bisogni dei territori, delle famiglie e delle associazioni. Per noi è fondamentale mettere al centro i bisogni della persona e garantire a tutti l'accesso alle cure. Per questo pian piano stiamo completamente rinnovando il welfare del nostro Paese”. Lo ha dichiarato la deputata Pd Daniela Sbrollini , vicepresidente commissione Affari Sociali.

07/09/2016 - 16:59

In bocca al lupo a tutti gli atleti che da oggi sono a Rio de Janeiro per questa edizione delle Paralimpiadi. Dopo molti anni di allenamenti, sacrifici e competizioni, è finalmente arrivato il grande momento olimpico per  101 atleti azzurri, coraggio ragazzi!

In particolare voglio esprimere tutto il mio sostegno all’intera delegazione italiana, al nostro comitato Paralimpico e al Presidente Luca Pancalli, da molti anni uno straordinario riferimento per lo sport italiano. Il Governo Renzi nel Consiglio dei Ministri di fine agosto ha decretato che il CIP diventi un ente di diritto pubblico, un passo avanti importantissimo verso il pieno riconoscimento della funzione pubblica e  sociale dello sport, in particolare dello sport organizzato per chi ha disabilità. È un atto politico attraverso il quale questo Governo intende riconoscere pienamente la dignità del Comitato Italiano Paralimpico e dello sport rivolto a tutti.

Mi auguro che dalla spedizione brasiliana di Rio 2016 i nostri atleti portino a casa sicuramente tante medaglie e grandi risultati, ma anche mostrino al mondo la bellezza, la normalità e la passione che lo sport paraolimpico può regalare.

I nostri atleti possono, anzi devono rappresentare un’ispirazione per migliaia e migliaia di persone. Lo sport può essere uno strumento eccezionale di inclusione, di crescita della persona per il miglioramento della sua condizione fisica e mentale. Tutti dovrebbero poterlo praticare, e lo stato dovrebbe sostenere maggiormente le famiglie e le persone nella scelta di praticare sport. Seguirò con passione ed attenzione i risultati dell’olimpiade e del nostro movimento Paralimpico, e sono disponibile al termine della spedizione, a riprendere il dialogo con il CIP per lo sviluppo dello sport italiano.
 Lo afferma Daniela Sbrollini, vicepresidente della commissione Affari Sociali e Sanità della Camera e Responsabile nazionale Sport e Welfare del Pd.

24/08/2016 - 14:17

#LoFaccioPerchéInCampoNonServonoLibri. Il riferimento è allo sport, al calcio in particolare e sullo sfondo un ragazzo che gioca a calcio. E' questa la pubblicità di Decathlon Italia, evidentemente mal riuscita, diventata virale sui social network. In tanti, insegnanti, librai e le lettori, ne chiedono il ritiro.

"Sono assolutamente solidale con il presidente dell’Associazione Librai Italiani Alberto Galla e con tutti coloro che chiedono il ritiro della pubblicità di Decathlon Italia. 'Libri e sport' è un connubio perfettamente valido, sono compatibili fra loro e l'uno non esclude l'altro. Dobbiamo educare i nostri figli alla lettura così come li dobbiamo educare allo sport e alla cultura sportiva, cultura e sport insieme. La lettura aiuta la mente, lo sport il benessere fisico, ma ritengo che uniti abbiano ancora un effetto migliore. Auspichiamo quanto prima una spiegazione da parte dell'azienda Decathlon Italia ed il conseguente ritiro della pubblicità". Lo chiede la deputata Pd e responsabile nazionale Welfare e Sport, Daniela Sbrollini.

08/08/2016 - 15:50

“Non possiamo più tollerare titoli come quello apparso oggi sul Resto del Carlino in merito al trio azzurro di tiro con l’arco femminile; titolo nel quale le atlete italiane vengono apostrofate come ‘cicciottelle’. È una vergogna che nei confronti delle donne ci siano questi atteggiamenti, in particolare da parte da chi fa informazione e in questi giorni in cui ci sono state vittorie alle Olimpiadi di atlete azzurre. Purtroppo il sessismo trova ancora terreno fertile anche tra quanti fanno informazione”.

Lo dice Daniela Sbrollini deputata dem e responsabile Sport e Welfare del Pd. 

04/08/2016 - 19:58

"Con il voto definitivo del Senato oggi il Parlamento, ancora una volta, assolve alla sua funzione dettando le linee sulla sanità estendendo a tutti il diritto per lo screening neonatale per altre 40 malattie rare”. Lo dichiara Daniela Sbrollini, deputata del Partito democratico e vice-presidente della Commissione Affari sociali della Camera.

“È un grande risultato – continua - conseguito grazie al lavoro e alla sensibilità della Commissione Affari sociali e Sanità prima alla Camera, e poi al Senato. In virtù di questo percorso, fortemente voluto in maniera trasversale, s’intende non solo estendere nei fatti il diritto alla salute, aggiungendo molte prestazioni nei Lea (Livelli Essenziali di Assistenza) ma anche andare a colmare le differenze tra i servizi socio-sanitari erogati nelle diverse regioni. Verrà ulteriormente assicurata la buona salute delle future mamme e dei nascituri, sottolineando così anche l'importanza della prevenzione, grazie alle nuove regole si potranno prevenire molte patologie. Meno sintomi comporteranno un'enorme risparmio in termini di costi sociali ed economici e si avrà contemporaneamente una popolazione più sana”.

“C'è ancora molto lavoro da fare ma la strada intrapresa è quella giusta", conclude.

26/07/2016 - 16:51

Si terrà domani​,​ 27 luglio alle ore 13.00 in sala stampa alla Camera dei deputati​,​ la conferenza stampa convocata dalla responsabile nazionale Sport e Welfare PD, Daniela Sbrollini.

I principali temi all'ordine del giorno saranno l'illustrazione dell' accordo di programma ANCI-ICS per l'impiantistica sportiva (160 milioni di euro) e l'annuncio di altri progetti previsti per l'autunno a sostegno dello sport nelle periferie.

Saranno presenti Roberto Pella, Vicepresidente ANCI e delegato per le politiche dello sport; Paolo D'Alessio, Commissario straordinario dell' Istituto per il Credito Sportivo;  Francesco Soro, Capo di Gabinetto del Comitato Olimpico Nazionale Italiano CONI.

22/07/2016 - 16:05

"Approvato alla Camera il decreto Enti locali, un importante insieme di interventi che riguardano i comuni, le regioni e la vita quotidiana dei cittadini. Questo testo ridefinisce un rapporto tra stato centrale ed enti locali che da troppo tempo andava rinforzato, un rapporto di confronto e grande collaborazione per il benessere dei cittadini”. Lo ha detto Daniela Sbrollini del Pd e vice presidente della commissione Affari sociali della Camera.

“Sono tantissime le novità previste dal testo - prosegue Sbrollini -: finalmente stanziati i risarcimenti per i malati di talidomide, un tema su cui la mia commissione Affari sociali e Sanità si è molto spesa e che restituisce dignità alla politica, semplificazione delle procedure burocratiche in materia sanitaria, ambientale e agricola, finanziamento per il trasporto pubblico locale, assunzioni e blocco del turn-over, stop alla tassazione addizionale sui diritti di imbarco aeroportuali per il 2016 e aiuti ai comuni in procedura di pre-dissesto, per evitare che vadano in dissesto. Da parlamentare e da dipendente ANCI posso dire, anche a nome dei colleghi PD, di essere soddisfatta dei contenuti approvati in questo decreto che però non risolve ancora completamente alcuni aspetti decisivi per il buon governo nei comuni e nelle regioni. Bisognerà lavorare molto per far seguire a questa legge una vera e propria riforma degli enti locali. I comuni e le regioni offrono servizi fondamentali direttamente ai cittadini, l’efficientamento dei servizi rimane una priorità di questo parlamento e del Governo. Dobbiamo sostenere e controllare gli enti locali perché per molte delle competenze affidate agli enti locali passa la qualità della vita di tutti i cittadini italiani. Il provvedimento segna una nuova strada che percorreremo con convinzione nei prossimi anni."

13/07/2016 - 16:37

"Il nostro impegno e' puntare su societa', cultura e cooperazione, partendo anche dal welfare, per aprire un nuovo terreno di confronto e di dialogo. Vogliamo creare una sinergia vera per abbattere steccati e pregiudizi verso un paese che conosciamo ancora poco, migliorando le potenzialita' e gli interscambi, culturali oltre che economici”.

Cosi’ Daniela Sbrollini, presidente dell’Associazione parlamentare di amicizia Italia – Iran, in occasione dell’iniziativa “Italia – Iran, un modello di cooperazione”, che si è svolta oggi alla Camera dei Deputati.

“Le recenti visite – ha dichiarato Sbrollini - del Presidente dell’Iran Hassan Rouhani  a Roma e del nostro Presidente del Consiglio Matteo Renzi a Teheran hanno segnato una nuova epoca nelle relazioni tra l’Italia e la Repubblica Islamica dell’Iran. La comunità internazionale ha rimosso le sanzioni economiche e finanziarie imposte fin dal 2006 e a partire da quest’anno l’Italia si candida per essere il principale partner commerciale dell’Iran.  In questo momento storico per relazioni tra i due Paesi le istituzioni, le categorie economiche e le associazioni di cooperazione internazionale sono chiamate a compiere un passo avanti e a saper cogliere le opportunità di un nuovo scenario internazionale.”

13/07/2016 - 11:44

Oggi, mercoledì 13 luglio alle ore 14.00, si terrà a Roma, presso la Camera dei Deputati (Sala della Regina), un incontro sul modello di cooperazione tra Italia e Iran, organizzato dall’Associazione parlamentare di amicizia tra i due Paesi.

Ai lavori prenderanno parte, tra gli altri, Daniela Sbrollini, Presidente dell’associazione parlamentare di amicizia Italia–Iran, il professor Eugenio Gaudio, Rettore de La Sapienza - Università di Roma, Fatemeh Hashemim,Presidente del Fondazione benefica per le malattie speciali (CSFFD),Massimo Papa, Professore ordinario di diritto musulmano e dei paesi islamici dell’Università di Tor Vergata, Ali Nobakht Haghighi, membro del Parlamento della Repubblica Islamica dell’Iran,  Saeed Namaki,viceministro del Dipartimento nazionale di gestione e pianificazione pubblica e sociale del Governo della Repubblica Islamica dell’Iran, Cem Ozenc, Vice Presidente General Manager Novo Nordisk Iran.

E’ prevista la presenza del capogruppo dei Deputati Pd Ettore Rosato e dell’ambasciatore della Repubblica Islamica dell’Iran Jahanbakhsh Mozaffari. Modererà il capo ufficio stampa della Camera dei Deputati Stefano Menichini.

12/07/2016 - 13:59

"Via libera delle Regioni al nuovo piano dei LEA (livelli essenziali di assistenza), un momento storico per il Sistema Sanitario Nazionale, attraverso questa riforma attesa da molti anni si daranno risposte a milioni di cittadini perché aumentano le prestazioni gratuite e vengono riconosciuti diritti attesi da troppo tempo. Eterologa gratuita così come diversi vaccini, epidurale, diagnosi per la celiachia, papilloma virus e cure per altre 110 malattie rare”. Lo ha detto Danile Sbrollini deputata del Pd e vice presidente della commissione Affari sociali.

“Lo Stato - prosegue Sbrollini - fa la propria parte e aggiorna le linee sul ruolo della sanità: un sistema che nonostante la spending review continua ad investire nuovi fondi e in nuove prestazioni dando priorità e valore alla cultura della prevenzione e all'universalità delle cure. Un’attenzione particolare viene riservata ai bambini, alle giovani mamme e alle donne che sognano una gravidanza. Il sostegno alle fasce più deboli della popolazione è la priorità di questa riforma che comprende anche tantissime “minoranze” di malati: sono più di 100 le nuove malattie rare riconosciute e coperte dal Sistema Sanitario pubblico.  
Questo Governo ancora una volta si dimostra attento ed efficace sui temi della salute e della tutele per le persone in difficoltà. E’ una legislatura che verrà ricordata come “costituente” per un nuovo welfare moderno, sostenibile e pronto a cogliere le sfide del futuro per una popolazione che cambia. E’ la miglior risposta alla sciagurata riforma della sanità veneta portata avanti dalla giunta di Luca Zaia che sta lentamente logorando il sistema socio-sanitario veneto un tempo eccellenza in tutta Italia.
Ora vediamo se le regioni saranno in grado di fare la propria parte fino in fondo, perché la piena applicazione di queste leggi avverrà solamente quando tutti le regioni si saranno messe in regola con l’erogazione diretta e gratuita dei nuovi LEA."

07/07/2016 - 16:55

"Emmanuel Chidi Namdi è stato ucciso barbaramente da un cittadino italiano perché di un 'etnia diversa. Questo  episodio drammatico ci conferma che dobbiamo ancora  lottare molto, ogni giorno, contro razzismo, omofobia e ogni altra forma di discriminazione e che​  la politica ​non deve rinunciare al compito di essere d'esempio per tutti.

Se si alimentano sentimenti di odio e di chiusura verso il prossimo e lo straniero il risultato è questo. Chi governa ha la responsabilità dell’effetto delle proprie parole e la politica tutta deve condannare duramente quanto successo. Il razzismo è una un problema ancora presente ed è importante ribadire in tutti i modi la necessità di uno sviluppo culturale, sociale, ma anche economico, che abbia come principi fondamentali la dichiarazione universale dei diritti dell'uomo e la nostra Costituzione. Nel entunesimo secolo nessuna forma di razzismo, xenofobia o violenza può essere accettata.

Il colpevole di questa vicenda è un ultras che è stato arrestato e si è scoperto che era anche stato sottoposto a Daspo. Le curve di calcio, in quanto luoghi di grandi aggregazioni, diventano spesso pericolosi posti dove si alimenta l'odio e le  cosiddette "filosofie" di violenza ingiustificata.  Il calcio non ne è responsabile direttamente,  ma nel suo interesse e soprattutto nell'interesse del bene comune, è opportuno che attivi strumenti idonei per prevenire e reprimere razzismo e violenza. Investire in impianti sportivi, nella sicurezza e nella qualità dell'organizzazione delle competizioni sportive aiuta a eliminare i peggiori "tifosi" dagli spalti e comportamenti inaccettabili. Questi temi saranno sicuramente all'attenzione della nuova presidente dell'osservatorio sulle manifestazioni sportive Daniela Stradiotto con cui desidero al più presto collaborare per il futuro dello sport italiano. ​Un pensiero ed un abbraccio vanno a Chinyery, moglie di Emmanuel, nella speranza che l'Italia e la comunità di Fermo le diano il sostegno che merita". Lo ha dichiarato la vicepresidente della commissione Affari sociali Daniela Sbrollini.

23/06/2016 - 12:57

Si è insediata oggi la nuova associazione parlamentare di amicizia Italia – Iran a cui  hanno aderito circa 100 parlamentari di tutti i gruppi politici . La deputata Pd Daniela Sbrollini, promotrice dell’associazione,  è stata scelta come Presidente.
"Il primo impegno dell’associazione – spiega Sbrollini -  vedrà l’organizzazione di un convegno il prossimo 13 luglio alla Camera dei deputati dal titolo ‘ Italia- Iran , un modello di cooperazione’ moderato da Stefano Menichini, capo ufficio stampa della Camera.

 Per l’appuntamento è previsto l’arrivo di una delegazione dall’Iran capeggiata da Faezeh Hashemi Rafsanjani, Presidente del Fondazione Benefica per le Malattie Speciali (CSFFD) e figlia dell’ex Presidente Iraniano Akbar Hashemi Rafsanjani, e composta da alcuni membri del parlamento iraniano e altre importanti personalità del mondo Sociale ed economico della repubblica islamica. L’Iran è un paese che sta crescendo, vogliamo intensificare ed approfondire le relazioni tra Roma e Theran sul piano sociale, per le politiche sanitarie e per accompagnare il crescente scambio economico. Dopo la storica rimozione delle sanzioni internazionali contro l'Iran, l’Italia si candida per diventare il principale partner commerciale, lo sviluppo economico dell’Iran però dovrà andare di pari passo con una situazione di pace e di sicurezza in tutta la regione mediorientale. L’Iran ha un’ importante sistema di welfare rispetto ad altri paesi di quell’area e dobbiamo far si che la situazione migliori sempre di più.

Sono molto soddisfatta - ha concluso Sbrollini -perché questa nuova associazione ha trovato un consenso trasversale tra i vari gruppi politici di Camera e Senato, in collaborazione con le ambasciate, e con il ministero Esteri e Salute potremmo contribuire a migliorare le relazioni tra l’Italia e l’Iran”.

20/06/2016 - 16:58

“Il gruppo consiliare "SiamoVeneto" ha elaborato una campagna informativa contro il gioco d’azzardo di pessimo gusto. Trovo gravissimo il volantino fatto circolare sul web ed in forma cartacea in cui si  definisce lo stato come “pusher". La campagna è stata finanziata con soldi pubblici dei cittadini veneti ed è l''ennesimo esempio di una politica che sa solo gridare senza avere la responsabilità di governare la cosa pubblica e che strumentalizza i problemi al solo scopo di lucrare consenso”. Lo ha detto Daniela Sbrollini del Pd, vice presidente della commissione Affari sociali della Camera.

“L’immagine diffusa ovunque, di pessimo gusto - prosegue Sbrollini -, mostra una siringa con scritto a caratteri cubitali “drogati con moderazione”. La politica invece sta facendo tanto contro la ludopatia, tanto sta facendo il Parlamento in questa legislatura come nella scorsa e un gran lavoro lo stanno facendo anche le amministrazioni locali, quella di Vicenza in particolare se ne è occupata molto, dando regole severissime contro il proliferare delle sale giochi. Il Sottosegretario all’ economia Pier Paolo Baretta ha recentemente confermato il provvedimento che prevede la riduzione rispetto alle 400 mila attuali macchinette, l’obiettivo è quello di rimuovere tutte le macchinette dai bar e dalle tabaccherie, e concentrarle solo ed esclusivamente in sale specializzate. La legge di stabilità 2016 ha istituito presso il Ministero della salute il Fondo per il gioco d'azzardo patologico-GAP,  per la dotazione del fondo è già autorizzata la spesa di 50 milioni di euro annui. Va mantenuto in vita il mercato che però dev’essere severamente controllato e regolamentato. Se così non fosse, con certezza e in poco tempo,  vi sarebbe un aumento esponenziale del gioco d’azzardo illegale, gestito da organizzazioni criminali o mafiose senza alcun controllo ed incasso da parte dello Stato, che si vedrebbe solo addebitare a suo carico enormi costi sociali. Non si può vietare completamente il gioco, bisogna prevenire e limitare i fattori di rischio che portano alla ludopatia , si deve cominciare dal togliere il gioco d’azzardo dai luoghi della quotidianità e bisogna fare in modo che i giovani stiano lontani dalle sale gioco e dalle scommesse. Bisogna offrire ai ragazzi altre accattivanti possibilità di svago e di ritrovo prevenendo pericolose deviazioni sociali, lo si può fare ad esempio attraverso l’attivazione di percorsi educativi, culturali o sportivi in collaborazione con le scuole e con le famiglie”.

09/06/2016 - 17:58

“Alessandra, Sara, Michela e altre cinquantacinque donne uccise quest’anno. Anche ieri l’ennesima tragedia a Verona, un femminicidio dopo l’altro, ormai quotidianamente tv e giornali  raccontano  terribili casi di cronaca nera in cui le vittime sono sempre le donne, colpite, umiliate ed uccise da mariti o ex compagni. Sono donne uccise perché donne, e per colpa di  uomini che hanno un malato sentimento di “passione”, una degenerazione che troppo spesso purtroppo provoca la morte. L’attenzione della politica verso la sicurezza delle donne e verso un fenomeno così presente e pericoloso dev’essere costantemente massima. Occorre lavorare molto di più sulla prevenzione, sull’educazione alla parità tra i sessi e la prevenzione della violenza, temi già inseriti nel Piano di offerta formativa (POF) di ogni scuola per educare bambini e ragazzi alla parità tra i sessi e alla prevenzione della violenza di genere e di tutte le discriminazioni. Il decreto contro il femminicidio approvato l’anno scorso è importante ma non basta. Si prevedono già pene più severe per chi usa la violenza o commette stalking, ma anche misure concrete di prevenzione e protezione delle vittime, l’allontanamento dalla casa familiare, il patrocinio gratuito, l’irrevocabilità della querela, la priorità nel percorso giudiziario, il piano nazionale contro la violenza. Ora serve però un passo in avanti, un cambiamento radicale nell’educazione, nel linguaggio, nel rispetto, e nell’educazione ai sentimenti. La civiltà di un Paese si misura soprattutto da come sono tutelate le donne, è ora che l’Italia risolva questo fenomeno pericoloso una volta per tutte”. Lo dichiara la deputata e responsabile nazionale Pd Welfare e Sport, Daniela Sbrollini.

01/06/2016 - 15:00

"Roberto Giachetti ha ragione: sarebbe criminale per la città di Roma non utilizzare una grande opportunità come le Olimpiadi, che non c’entrano nulla con la manutenzione. Contrapporre come fa la Raggi la candidatura della Capitale d’Italia per le Olimpiadi con gli interventi di ordinaria amministrazione significa avere una visione ottusa della città che si vorrebbe governare. Nessuno nega che Roma abbia urgente bisogno di pulizia e manutenzione in numerosi quartieri. Ma non è certo rinunciando alle Olimpiadi che si risolvono questi problemi.  Anzi, una manifestazione come le Olimpiadi potrebbe giovare non poco a Roma e ai cittadini romani sotto diversi punti di vista, a partire dalle ricadute occupazionali”.

Così la deputata Daniela Sbrollini, responsabile nazionale Sport del Partito Democratico.

Pagine