09/09/2016 - 15:54

“Una buona notizia per i lavoratori della pesca. Alla riapertura del lavori parlamentari è stata ieri approvata, in Commissione Lavoro alla Camera, una risoluzione tutela dei dipendenti del settore ittico sul piano lavorativo e previdenziale”. Lo dichiara Laura Venittelli, deputata e responsabile Pesca del Partito democratico, per commentare il voto favorevole della Commissione Lavoro sulla risoluzione presentata da Gessica Rostellato, e di cui la Venittelli è seconda firmataria.

“L’atto di indirizzo – spiega - che ha incassato il parere favorevole del Governo, impegna quest’ultimo ad istituire un tavolo di confronto con le parti sociali e le amministrazioni competenti al fine di rivedere l’inquadramento professionale degli imbarcati. Siamo soddisfatti dell’approvazione di questa risoluzione  poiché mostra la volontà della maggioranza di impegnare l’esecutivo a promuovere e varare provvedimenti sempre più vicini alle esigenze di questo comparto, che diventa ogni giorno di più centrale per il nostro Paese.  Proseguiamo dunque l’iter positivo avviato con la presentazione dei nostri emendamenti, estendendo anche al mondo della pesca e alle compagini armatoriali la possibilità di ricorrere ai sistemi di ammortizzatori sociali già previsti in altri ambiti. Un’opportunità ulteriore per avversare e affrontare una crisi che l’ittica vive da anni”. Infine,

“Sono, infine, soddisfatta della sensibilità che il Governo sta dimostrando nei confronti dei lavoratori del settore. Ci auguriamo che il tavolo tecnico previsto dalla risoluzione permetta ai dipendenti del comparto ittico di avere un apparato di ammortizzatori sociali preciso e che venga riconosciuto il loro lavoro come ‘usurante’ nell’ambito della revisione del sistema pensionistico”, conclude.

27/07/2016 - 14:37

“Se il Ministro Boschi ha ribadito che il Molise non perderà i suoi connotati di autonomia amministrativa, politica e geografica, la visita di ieri del premier Matteo Renzi ha segnato una svolta nei rapporti istituzionali tra il Governo del Paese e la nostra regione, non solo come massimo organo di programmazione del territorio, ma come legame verso la comunità intera”. Lo ha dichiarato la deputata Pd Laura Venittelli che stila un bilancio della missione del presidente del Consiglio dei ministri in Molise “ andata al di là –spiega -  della sottoscrizione del Patto per il Sud, poiché è vissuta sull’onda emozionale dell’incontro a San Giuliano di Puglia e nella scoperta di realtà industriali d’eccellenza nelle province di Campobasso e Isernia”.

“In quasi due anni e mezzo di mandato – prosegue -  sono state numerose le iniziative e altrettanti i provvedimenti, che a vario titolo e su livelli diversi, inseriti nella legge di stabilità oppure ottenuti con una collaborazione spalmata su diversi dicasteri, sono riusciti a migliorare situazioni contingenti oppure a promuovere azioni di sviluppo a vantaggio del Molise. Un asse tra Governo e Parlamento che non ha mai messo in disparte la nostra regione ed è per questo che il Patto siglato ieri non ha l’essenza di una straordinarietà, ma di una continuità straordinaria”.

La parlamentare dem eletta in Molise ringrazia il premier e la struttura di Palazzo Chigi, che ha confermato la presenza e l’agenda nonostante l’ennesima giornata difficile sul fronte del terrorismo internazionale e che ha visto Renzi fermo nelle sue posizioni contro chi vuole disseminare paura in Europa proprio nell’intervento all’Unimol.

“Il Molise  - conclude  - raccolga il monito di unità e dimostri di meritare l’attenzione che il Governo ci ha riservato, solo attraverso una quotidiana attività in tutte le sedi sarà possibile raggiungere tutti gli obiettivi e questo si evidenzi anche verso chi ancora oggi considera e interpreta la politica solo come un posizionamento di ruoli fuori e dentro le istituzioni. Non siamo alla guida di monoposto in un gran premio di Formula 1, dove ci si adopera per inseguire la pole position, ma rappresentanti della collettività con l’onere e l’onore di agire per il bene comune”.

14/07/2016 - 18:28

“Stiamo discutendo in Aula la legge sul contrasto alla povertà, fortemente voluta dal Pd, e deputati M5s si stanno agitando molto: ci credo!”. Lo scrive su Facebook la deputata del Partito democratico Laura Venitelli.

“La povertà – spiega - è cosa diversa da chi vive a Roma in case lussuose pagando, giusto per fare un esempio: euro 1886 al mese (Giulia Sarti),  ero 2057  (Marta Grande), euro 2509, 80 (Laura Castelli)”. 
“Io non voglio fare i conti in tasca a nessuno ma, per onestà intellettuale, diciamo come stanno le cose, visto che i dati sono on-line e riguardano i rendiconti su come si spendono i soldi pubblici”, conclude.

13/07/2016 - 15:42

“La tavola rotonda sui nuovi strumenti finanziari e di gestione del rischio per il sistema nazionale della pesca e dell'acquacoltura, che si è svolta alla Camera dei Deputati, coordinata dal presidente della commissione Agricoltura Luca Sani, è stato un importante momento di confronto. Obiettivo: far finalmente uscire il comparto ittico fuori dalla mancata assistenza per l’accesso al credito e a leve assicurative capaci di rendere la pesca e l’acquacoltura tutelate come l’agricoltura, fornire dunque una strategia d’indirizzo preciso al Governo, in modo tale che anche il comparto marittimo possa ripartire e contribuire allo sviluppo del Paese”. Lo ha dichiarato la deputata dem Laura Venittelli, responsabile nazionale Pesca e acquacoltura del Pd che organizzato l’evento in collaborazione del direttore generale di settore del Mipaaf Riccardo Rigillo e del gruppo Pd della commissione Agricoltura, di cui è componente.

 “Il settore della pesca conta numeri importanti, è un grande comparto che non ha ancora preso coscienza piena delle proprie possibilità. Occorre un salto di qualità che ci permetta di valorizzare al meglio i nostri 8000 chilometri di costa. Abbiamo ormai abbandonato quel modo di pensare che vedeva la pesca italiana come quella categoria capace solo di genuflettersi per chiedere deroghe alla ‘maestra’ Europa. Ma per ottenere un concreto rilancio e lasciarsi alle spalle l’incertezza ci vogliono imprese che investano. L’incertezza va abbattuta non solo rispetto alla partita economica, ma anche burocratica e amministrativa. Sarebbe funzionale creare un organismo che si occupi in toto del settore. Per tornare ad investire c'è bisogno di accesso al credito, lo strumento è l’Ismea, che offre garanzie con le banche. Adesso bisogna capire come concretizzare lo strumento, senza dimenticare l’altro aspetto fondamentale, quello assicurativo. Molte delle problematiche di cui soffrono le flottiglie e l’intero parco armatoriale è dovuto ai cambiamenti climatici che spesso scoraggiano gli investitori, ora con la possibilità reale di ricorrere a un piano assicurativo come in agricoltura, anche i fattori di rischio ineluttabili saranno governati con indennizzi adeguati”.

Il direttore del Mipaaf Rigillo ha poi evidenziato la bontà del Feamp, che predispone strumenti operativi come l’articolo 35 (fondi di mutualizzazione) e l’articolo 57 (assicurazione degli stock acquicoli. “Bisogna utilizzare al meglio – ha detto - questi strumenti per la programmazione fino al 2020, abbandonando il sistema dei finanziamenti a fondo perduto e programmare, una nuova impostazione culturale che permetta un utilizzo delle risorse pubbliche più efficace, passando dalla valutazione ex post alla valutazione ex ante”.  

 

04/07/2016 - 19:23

"Ci stiamo adoperando nelle sedi competenti per cercare di trovare una soluzione che salvaguardi livelli occupazionali e filiera bieticolo-saccarifera in Molise e nel Centro-Sud, ma siamo a dir poco perplessi per l'inottemperanza del management del Nuovo Zuccherificio del Molise Srl che con ben due scadenze a disposizione, non ha presentato i documenti necessari per l'ammissione al concordato preventivo".

L'onorevole del Pd Laura Venittelli sta seguendo con viva preoccupazione dalla Camera dei deputati l'evolversi della situazione nello stabilimento termolese. 

"Vorremmo conoscere le reali motivazioni che hanno portato a questo passo falso, che rischia di vanificare anche l'impegno sulla prosecuzione degli ammortizzatori sociali e soprattutto cosa si intenderà fare ora per evitare che anche la Srl sia dichiarata fallita come avvenne già per la Spa". 

29/06/2016 - 18:21

Stabilito anche stop a aste giudiziarie al ribasso su seconda abitazione

“Il decreto approvato oggi dalla Camera rappresenta, per gli imprenditori, una conquista fondamentale sul fronte della tutela di un bene importante come la casa: scongiura infatti una volta per tutte il pericolo che la richiesta di un finanziamento possa tradursi nella perdita della prima abitazione o nella svendita della seconda”. Lo dichiara Laura Venittelli, deputata del Partito democratico.

“In modo diametralmente opposto – spiega – a quanto cercano di far credere alcuni esponenti dell’opposizione, dediti ormai alla sistematica costruzione di vere e proprie menzogne, questo decreto dà agli imprenditori la certezza che, anche in caso di difficoltà finanziarie, la loro casa non verrà toccata. Il testo approvato oggi introduce infatti l’esplicito divieto di porre in garanzia, a fronte di un prestito, la prima casa del titolare di un’impresa, del coniuge o dei parenti. Si mette così fine al drammatico fenomeno, purtroppo frequente, per cui un imprenditore in difficoltà finanziarie finisce con la propria famiglia per strada”.

“Non solo.  Anche nel caso in cui l’imprenditore offra come garanzia la seconda abitazione, la vendita verrà effettuata sulla base del valore di mercato, stabilito da un giudice e non all’asta. In altre parole, viene scritta la parola fine sullo sciacallaggio delle aste giudiziarie al ribasso”, conclude.

12/05/2016 - 15:48

“Riprendendo le parole che ci ha rivolto ieri sera il nostro Premier e segretario Pd Matteo Renzi, siamo davvero consapevoli di aver scritto una importante pagina di storia per l’affermazione dei diritti civili con l’approvazione in Parlamento del disegno di legge Cirinnà”. Lo dichiara Laura Venittelli, deputata del Partito democratico.

“Grazie alle norme che abbiamo varato in sede parlamentare, abbiamo colmato un vuoto dell’ordinamento giuridico italiano che da anni era stato sollecitato, anche dall’Unione europea. La pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge Cirinnà consentirà alle coppie conviventi omosessuali di avere pari dignità e accesso a diritti e garanzie in materia testamentaria e non solo”, conclude.

29/04/2016 - 20:37

“Come tracciato nell’iter che abbiamo reso noto agli inizi del marzo scorso, si sblocca definitivamente la vicenda relativa al progetto dell’acquedotto molisano centrale”. Lo dichiara Laura Venittelli, deputata del Partito democratico.

“Nella seduta del Pre-Cipe – spiega - la sessione preliminare e propedeutica al vero Comitato interministeriale per la programmazione economica, è stata approvata la delibera sull’acquedotto molisano centrale. Il prossimo step ci sarà domenica primo maggio, con la formale approvazione da parte del Cipe”. “Un risultato importante che permetterà alla popolazione di numerosi comuni di avere acqua di sorgente e di superare le criticità subite negli ultimi anni e in particolare nell’inverno scorso”, conclude.

13/04/2016 - 17:26

"Nel giro di pochi mesi sarà il popolo italiano a confermare la bontà dell’impianto di riforma istituzionale e costituzionale che la maggioranza parlamentare ha saputo approvare, dopo decenni di immobilismo, modifiche poco significative o sbagliate”.

Lo ha dichiarato la deputata Pd Laura Venittelli che evidenzia con enorme soddisfazione “il passo decisivo compiuto dalla legislatura col voto alla Camera dei deputati di ieri”.

“Questo governo  - prosegue - che sosteniamo con tutte le nostre forze, anche a dispetto delle azioni esterne che vorrebbero mandarlo a casa, ma che non ci riusciranno, ha conseguito uno dei risultati più importanti che si era prefissato.

Con lo snellimento di funzioni e apparati dei rami del Parlamento possiamo parlare davvero di Terza Repubblica. Il testimone ora va trasmesso ai cittadini che nel prossimo autunno saranno chiamati al Referendum confermativo. Ma siamo consapevoli che sono proprio loro ad averci chiesto di ammodernare il Paese”.

22/03/2016 - 17:48

“Un messaggio di profondo cordoglio alla popolazione e alle istituzioni del Belgio, colpite oggi nel cuore della capitale, Bruxelles, dall’assalto jihadista che ancora una volta ha portato il terrorismo in Europa, a poche centinaia di metri dalle sedi dell’Unione europea. Siamo vicini ai tre italiani che al momento risultano feriti, sperando che possano cavarsela al più presto”.  Lo dichiara Laura Venittelli, deputata del Partito Democratico.

“Il pensiero – continua - va all'estesa comunità che vive e opera in Belgio, tutti insieme dobbiamo agire per garantire la loro incolumità. Solidarietà anche a tutti i colleghi parlamentari europei che sono oggi ostaggio dell’ennesima follia islamista”. 

“Come ha riferito poco fa il premier Matteo Renzi, l’Europa deve assolutamente colmare quel gap che la vede indifesa e indebolita nei confronti del terrore, unendo gli sforzi delle intelligence e soprattutto varando una politica di difesa comune dei propri confini e territori”, conclude.

16/03/2016 - 19:34

“Passo dopo passo il mondo della pesca sta assumendo i connotati di un settore all’avanguardia, dove le conquiste in materia di diritti degli operatori sono assidue e frequenti. L’ultimo è di oggi, con l’approvazione dell’emendamento che consente il riconoscimento della figura del coadiuvante che presta la propria opera nell’impresa di pesca, peraltro ribadendo il principio della parità di trattamento fra gli uomini e le donne che esercitano un’attività autonoma e garantendo tutele le garanzie ai familiari che prestano la propria attività di lavoro nell’impresa ittica di famiglia”.

L'onorevole del Pd Laura Venittelli, responsabile nazionale dem per la Pesca e l’acquacoltura, annuncia il raggiungimento di un altro obiettivo, maturato nell’ambito del testo unico sul settore ittico attualmente al vaglio della XIII Commissione.

“Sin dall’audizione delle operatrici marittime avvenuto su impulso dell’associazione Penelope alla Commissione agricoltura eravamo certi che il principio di equiparazione della figura di coadiuvante familiare andasse in porto, ponendo fine a una discriminazione assurda dell’ordinamento giuridico”.

16/03/2016 - 19:34

“La sicurezza e la funzionalità dei plessi scolastici sul territorio molisano e su quello della penisola sono uno degli obiettivi principali del Governo Renzi, annunciato sin dal discorso d’insediamento del premier in Parlamento. In Molise siamo davvero sensibili a questo tema, poiché il dibattito nazionale si è aperto dopo la tragedia di San Giuliano di Puglia, riconsiderando un problema che era stato accantonato e poi acuito anche dal crollo della casa dello studente dell’Aquila. Una risposta efficace in termini di programmazione è quella che viene data col piano triennale triennale degli interventi di edilizia scolastica per il periodo 2015/2017. Oltre 6.000 gli interventi richiesti dalle Regioni, sentiti gli Enti Locali. Per un fabbisogno totale di 3,7 miliardi di euro”.

L’onorevole del Pd Laura Venittelli annuncia questa importante opera di pianificazione che consentirà corposi investimenti sul territorio e lo specchio dei finanziamenti richiesti dagli enti locali molisani per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie è nutrito.

“I primi 1.300 interventi saranno finanziati grazie a 905 milioni dei cosiddetti mutui BEI (Banca europea per gli Investimenti), mutui agevolati con oneri di ammortamento a carico dello Stato che potranno essere accesi dalle Regioni. Saranno finanziati interventi di ristrutturazione, messa in sicurezza, adeguamento antisismico, efficientamento energetico di scuole, immobili all'Alta formazione artistica, musicale e coreutica o adibiti ad alloggi e residenze per studenti universitari. Si potranno costruire nuovi edifici e realizzare palestre. Beneficiari dei mutui saranno gli enti locali proprietari degli immobili. L’auspicio è che tutti gli interventi in agenda arrivino a compimento per cambiare il volto dell’edilizia scolastica molisana e dare anche una scossa al comparto manifatturiero ed edilizio”.

11/03/2016 - 20:54

“Le mie congratulazioni sincere a Giovanni Luppi per la sua rielezione a presidente della LegaCoop Agro-alimentare, avvenuta nell’ambito del 16^ congresso della centrale cooperativistica di settore”. Lo dichiara Laura Venittelli, deputata Pd e responsabile Pesca e acquacoltura del Partito Democratico.

“L’obiettivo che stiamo raggiungendo giorno dopo giorno – continua - nel disegnare e realizzare una economia blu, diversa e sostenibile, con l’Italia nel ruolo guida del Mediterraneo, è possibile anche grazie al prezioso e fondamentale contributo del mondo della cooperazione, verso cui ci saranno novità interessanti e altrettante prospettive sul fronte creditizio, poiché è allo studio una sorta di Confidi Blu. Questo nuovo corso deve essere tenuto in considerazione anche dall’Unione europea, non esistono solo i Mari del Nord”.

“l’importanza dell’asse sinergico tra mondo cooperativistico e istituzioni per l’affermazione dell’agro-alimentare, un settore chiave per la qualità della vita, per lo sviluppo dell’economia e per l’occupazione anche auto-imprenditoriale dei giovani”, conclude.

02/03/2016 - 20:33

Consegnati a Delrio documenti su completamento

“Come auspicato già nella giornata di ieri, la documentazione sul completamento dell'acquedotto molisano centrale è stata consegnata dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio al Cipe”. Ne dà notizia Laura Venittelli, deputata del Partito Democratico.

“Adesso – spiega - abbiamo la certezza che, dopo la trasmissione odierna del dossier al Comitato interministeriale per la Programmazione economica, l'opera pubblica strategica potrà essere deliberata come intervento di variante al progetto originario nella prima seduta utile”.

“Una battaglia di civiltà, per far arrivare l'acqua di sorgente del Matese nelle case dei residenti di undici dei comuni del Basso Molise, troppo spesso alle prese con problemi di potabilità”, conclude Venittelli.

01/03/2016 - 12:19

 “La vertenza dei dipendenti precari della Protezione civile appare problematica e complessa poiché da una parte è indubbio che occorra il massimo sforzo per non mandare a casa senza prospettive quasi duecento tecnici e professionisti, che si sono adoperati per il post sisma in questi ultimi anni, dall’altra c’è da tenere presente il bilancio della Regione, le procedure amministrative che portarono alla selezione del personale e gli impegni, finanziari e non, assunti dal Molise.

In questa fase, al di là degli appelli e delle testimonianze di solidarietà, che poco apportano in termini di concretezza, ed exit strategy non risolutiva, ribadisco il mio impegno di parlamentare del Pd molisano per porre all’attenzione del Governo nazionale la delicata questione occupazionale e funzionale, relativa al modus operandi della ricostruzione, per verificare eventuali spazi di manovra su un percorso capace di attirare e sfruttare fondi e finanziamenti sia comunitari che nazionali per un recupero delle professionalità su progetti utili al territorio”. Questo dichiara l’onorevole del Pd Laura Venittelli in merito alla questione precari dell’Arpc.

Pagine