12/05/2017 - 16:09

“Prima i bisognosi e per ultimo gli sciacalli. Questo l’appello che sento di lanciare a quelle persone che stanno diffondendo messaggi di panico ad Altamura per il prossimo arrivo di migranti, alimentando la paura di un’invasione”. E’ quanto dichiara Liliana Ventricelli, deputata del Partito Democratico.

“Il progetto Sprar – spiega - siglato in accordo tra Anci e Ministero degli Interni ha permesso una distribuzione più equa degli immigrati che arrivano sul nostro territorio (2,5 migranti ogni mille abitanti), con adesione su base volontaria da parte dei Comuni. Ad Altamura arriveranno circa 80 persone richiedenti asilo e rifugiati che dovranno essere integrate attraverso progetti utili a tutta la comunità. Ottanta persone in una città di 70.000 cittadini: gli altamurani sapranno accogliere chi scappa da una situazione di pericolo nel proprio Paese e non cederanno agli appelli di qualche politicante che guarda ad Altamura ed alla Murgia come feudo da conquistare e crede di speculare qualche voto alimentando la paura con la minaccia dell’invasione. Quasi tutto mi divide da questa amministrazione comunale ma garantisco il mio sostegno e la piena collaborazione in questa fase se si riterrà opportuno coinvolgere le istituzioni della città. Condivido, invece, le preoccupazioni espresse da molti cittadini sulla trasparenza: bisogna vigilare sulle procedure e garantire tutti i controlli sui progetti e sulle cooperative o associazioni che li metteranno in piedi.

“Infine rivolgo l’invito all’amministrazione comunale a far conoscere preliminarmente tutte le informazioni in proprio possesso, in modo da evitare ingiustificati allarmismi”, conclude.

20/04/2017 - 19:09

"Sulle questioni dell'edilizia giudiziaria non convincono le varie ipotesi di trasferimenti. Per mantenere tutti i servizi attuali a Bari ci sono sia i fondi che le possibilità tecniche e logistiche. Non condivido l'ultima proposta, formulata dall'on. Sisto, in ordine al trasferimento del tribunale di Sorveglianza dal capoluogo a Modugno e tanto meno quella di trasferire la sezione lavoro". Lo afferma Liliana Ventricelli, deputata del Partito Democratico, che in una costante interlocuzione con gli uffici del ministro Andrea Orlando segue da mesi le vicende relative all'edilizia giudiziaria di Bari e della Città metropolitana.

"Sulla funzione del Tribunale di Sorveglianza - aggiunge l'on. Ventricelli - condivido la presa di posizione della Camera penale di Bari che ne chiede il mantenimento a Bari. Non va sottovalutata l'importanza di questi uffici giudiziari che hanno il ruolo fondamentale di esercitare il controllo sull'esecuzione della pena in carcere, nonché le misure alternative alla detenzione, importanti anche per il mondo del volontariato e di molte realtà associative. A Bari bisogna procedere celermente, senza trovare scorciatoie di trasferimenti. La Città metropolitana ha ricevuto 300mila euro dal governo per far realizzare ad Invitalia uno studio di fattibilità sulla realizzazione della cittadella giudiziaria nelle caserme Milano e Capozzi. 

 

"Intanto - aggiunge Ventricelli - come soluzione transitoria si è appena conclusa la ricerca di mercato per trovare spazi per archivi, 17 aule d'udienza, 8 camere di sicurezza, per le sezioni penali del Tribunale più ulteriori spazi per la Procura. Se la Conferenza permanente lo richiede, anche per la sezione Lavoro il Ministero può avviare la ricerca di un immobile, lasciando inalterati i servizi. Credo che sarebbe urgente percorrere questa strada, piuttosto che ipotizzare trasferimenti di uffici a Modugno. Infine - conclude l'on. Ventricelli - ricordo la disponibilità dimostratami dal ministro Orlando che ha ritenuto di doversi confrontare con l'avvocatura barese, non appena l'ordine sarà ricostituito, su queste questioni, prima di rispondere alle sollecitazioni provenienti dagli uffici giudiziari".

20/04/2017 - 16:37

"Sulle questioni dell'edilizia giudiziaria non convincono le varie ipotesi di trasferimenti. Per mantenere tutti i servizi attuali a Bari ci sono sia i fondi che le possibilità tecniche e logistiche. Non condivido l'ultima proposta, formulata dall'on. Sisto, in ordine al trasferimento del tribunale di Sorveglianza dal capoluogo a Modugno e tanto meno quella di trasferire la sezione lavoro". Lo afferma Liliana Ventricelli, deputata del Partito Democratico, che in una costante interlocuzione con gli uffici del ministro Andrea Orlando segue da mesi le vicende relative all'edilizia giudiziaria di Bari e della Città metropolitana.

"Sulla funzione del Tribunale di Sorveglianza - aggiunge l'on. Ventricelli - condivido la presa di posizione della Camera penale di Bari che ne chiede il mantenimento a Bari. Non va sottovalutata l'importanza di questi uffici giudiziari che hanno il ruolo fondamentale di esercitare il controllo sull'esecuzione della pena in carcere, nonché le misure alternative alla detenzione, importanti anche per il mondo del volontariato e di molte realtà associative. A Bari bisogna procedere celermente, senza trovare scorciatoie di trasferimenti. La Città metropolitana ha ricevuto 300mila euro dal governo per far realizzare ad Invitalia uno studio di fattibilità sulla realizzazione della cittadella giudiziaria nelle caserme Milano e Capozzi. 

"Intanto - aggiunge Ventricelli - come soluzione transitoria si è appena conclusa la ricerca di mercato per trovare spazi per archivi, 17 aule d'udienza, 8 camere di sicurezza, per le sezioni penali del Tribunale più ulteriori spazi per la Procura. Se la Conferenza permanente lo richiede, anche per la sezione Lavoro il Ministero può avviare la ricerca di un immobile, lasciando inalterati i servizi. Credo che sarebbe urgente percorrere questa strada, piuttosto che ipotizzare trasferimenti di uffici a Modugno. Infine - conclude l'on. Ventricelli - ricordo la disponibilità dimostratami dal ministro Orlando che ha ritenuto di doversi confrontare con l'avvocatura barese, non appena l'ordine sarà ricostituito, su queste questioni, prima di rispondere alle sollecitazioni provenienti dagli uffici giudiziari".

18/04/2017 - 15:06

"Sono impietosi i dati sulla spesa dei fondi europei in Puglia. Il Fondo sociale europeo (Fse) ed il fondo di sviluppo rurale (Feasr) del ciclo comunitario 2014-2020 sono delle opportunità gigantesche che al momento segnano "zero" per le somme spese. Questo è preoccupante per settori fondamentali come il lavoro, le imprese, l'istruzione, la formazione, il miglioramento dei servizi pubblici e l'agricoltura". Lo afferma la deputata del Partito democratico Liliana Ventricelli, commentando i dati diffusi oggi dal Corriere della sera.

"In Puglia bisogna far suonare la sveglia quanto prima - aggiunge Liliana Ventricelli - poiché sono a disposizione ingenti risorse da mettere a valore. Il punto non è solo spendere in tempo, anche se è un aspetto importante. E' necessario impiegare tali finanziamenti in modo qualificato e produttivo, per generare auto-sviluppo ed occasioni di lavoro. I ritardi accumulati sono già un grave peso. E' lecito attendersi un impulso immediato a fare bene e presto; nel contempo, per la trasparenza, si faccia conoscere ai pugliesi una tabella di marcia completa di azioni, finanziamenti e tempi in cui arrivare ai risultati".

22/03/2017 - 16:52

"Per una gravissima scorrettezza dei deputati del Movimento 5 Stelle che hanno interrotto il question time alla Camera dei deputati, non è stata discussa l'interrogazione del Partito Democratico che chiedeva lumi al Governo sulla situazione dell'invaso del Pertusillo”. Lo dichiarano i deputati del Partito Democratico, Liliana Ventricelli, Ludovico Vico e Maria Antezza. All'interrogazione del Pd, di cui Vico è primo firmatario, non è stata data risposta dal ministro all'ambiente Gian Luca Galletti a causa dell'interruzione della seduta. 

“I 5 Stelle  - spiega - hanno costretto il vice presidente Giachetti a interrompere la seduta dopo aver inscenato una manifestazione scomposta; un fatto vietato perché il question time si svolge in diretta televisiva. Ancor più grave perché non ci ha consentito di parlare di un tema molto sentito in Basilicata e in Puglia. Questa loro manifestazione non ha danneggiato noi bensì ha tolto ai cittadini la possibilità di conoscere risposte che attendono da settimane. In precedenza, rispondendo ad un'altra interrogazione, il ministro ha sostenuto che nell'invaso del Pertusillo non sono emersi finora elementi di contaminazione dalle indagini finora svolte ed ha comunicato che il Ministero dell'Ambiente ha dato incarico all'Ispra, l'istituto superiore per la protezione dell'ambiente, per un monitoraggio delle matrici ambientali in Val d'Agri e della qualità delle acque dell'invaso del Pertusillo. Il ministro stava dando risposte ad una seconda interrogazione, prima della nostra, ma è stato interrotto. Per quanto ci riguarda terremo la guardia alta perché da quel bacino si approvvigionano la Puglia e la Basilicata per importantissimi scopi irrigui e potabili".

"Tornando all'episodio è auspicabile che l'ufficio di Presidenza della Camera preveda gli opportuni provvedimenti sanzionatori a carico dei deputati 5 Stelle che hanno leso la possibilità di rappresentare i nostri territori ed in questo modo hanno leso il diritto dei cittadini a conoscere e ad avere le dovute certezze", concludono.

22/03/2017 - 16:37

"Per una gravissima scorrettezza dei deputati del Movimento 5 Stelle che hanno interrotto il question time alla Camera dei deputati, non è stata discussa l'interrogazione del Partito Democratico che chiedeva lumi al Governo sulla situazione dell'invaso del Pertusillo”. Lo dichiarano i deputati del Partito Democratico, Liliana Ventricelli, Ludovico Vico e Maria Antezza. All'interrogazione del Pd, di cui Vico è primo firmatario, non è stata data risposta dal ministro all'ambiente Gian Luca Galletti a causa dell'interruzione della seduta. 

“I 5 Stelle  - spiega - hanno costretto il vice presidente Giachetti a interrompere la seduta dopo aver inscenato una manifestazione scomposta; un fatto vietato perché il question time si svolge in diretta televisiva. Ancor più grave perché non ci ha consentito di parlare di un tema molto sentito in Basilicata e in Puglia. Questa loro manifestazione non ha danneggiato noi bensì ha tolto ai cittadini la possibilità di conoscere risposte che attendono da settimane. In precedenza, rispondendo ad un'altra interrogazione, il ministro ha sostenuto che nell'invaso del Pertusillo non sono emersi finora elementi di contaminazione dalle indagini finora svolte ed ha comunicato che il Ministero dell'Ambiente ha dato incarico all'Ispra, l'istituto superiore per la protezione dell'ambiente, per un monitoraggio delle matrici ambientali in Val d'Agri e della qualità delle acque dell'invaso del Pertusillo. Il ministro stava dando risposte ad una seconda interrogazione, prima della nostra, ma è stato interrotto. Per quanto ci riguarda terremo la guardia alta perché da quel bacino si approvvigionano la Puglia e la Basilicata per importantissimi scopi irrigui e potabili".

"Tornando all'episodio è auspicabile che l'ufficio di Presidenza della Camera preveda gli opportuni provvedimenti sanzionatori a carico dei deputati 5 Stelle che hanno leso la possibilità di rappresentare i nostri territori ed in questo modo hanno leso il diritto dei cittadini a conoscere e ad avere le dovute certezze", concludono.

10/03/2017 - 13:44
"Un risultato importante per il nostro Paese, occorre ora lavorare per accelerare l'emanazione dei decreti attuativi e dare risposte immediate a quanti ancora pagano le conseguenze della crisi".

E' il commento dell'on. Liliana Ventricelli, deputata del Partito Democratico, all'approvazione della legge contro la povertà che prevede importanti misure di aiuto ed inclusione.

"È stata approvata in via definitiva in Senato la legge delega sul contrasto alla povertà. Tra le misure previste - sottolinea Ventricelli - si introduce per la prima in Italia il Ria, Reddito di inclusione attiva, un sostegno concreto per chi si trova in condizione di povertà assoluta. Si mira ad accompagnare i beneficiari in un percorso di inclusione per farli uscire dalla condizione di bisogno attraverso un accordo con gli enti locali e con le associazioni del terzo settore".

 

01/03/2017 - 19:15

"Fare definitiva chiarezza sullo stato di salute dell'invaso artificiale del Pertusillo, in Basilicata, da cui si approvvigionano per usi potabili ed irrigui sia la Puglia che la stessa regione lucana. E' questo il senso di un'interrogazione a risposta in commissione presentata dai parlamentari pugliesi e lucani del Pd ai ministri della Salute, Lorenzin, e dell'Ambiente, Galletti". 

E' quanto afferma la deputata del Pd Liliana Ventricelli sulla vicenda che ha destato preoccupazione nel territorio appulo-lucano per l'anomala colorazione scura dell'invaso, nella Val d'Agri, in provincia di Potenza. 

Nell'atto parlamentare, che ha come primo firmatario l'on. Ludovico Vico, si chiede al Governo di approfondire la vicenda, nonché supportare l'attività degli enti di vigilanza e controllo competenti, con l'obiettivo di fornire elementi di chiarezza definitivi sulla salubrità delle acque dell'invaso che serve le regioni Puglia e Basilicata. 

"Prendiamo atto delle rassicurazioni fornite dalla Regione Basilicata e dall'Aqp - sottolinea Ventricelli - e le reputiamo importanti ma preferiamo mantenere alta la guardia su questo tema, senza allarmismi ma pure senza sottovalutazioni della questione. Periodicamente vengono sollevate delle perplessità sulla qualità ambientale ed è bene avere tutti i necessari elementi di chiarezza poiché parliamo di un bacino idrico di primaria importanza".

12/01/2017 - 18:09

"L'importante indagine condotta dai Carabinieri di Altamura e del Comando provinciale di Bari, sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia, conferma la grande attenzione delle forze dell'ordine e della magistratura nonché la loro professionalità nell'individuare i fenomeni criminali ed i gruppi più pericolosi. La vasta operazione di questa mattina, in cui sono stati impegnati oltre 200 militari, ha permesso di sgominare un sodalizio molto attivo nel traffico di sostanze stupefacenti, che si è fatto largo nel panorama criminale con omicidi, agguati ed estorsioni. Agli inquirenti è rivolto il mio plauso e, nel contempo, sono certa che la guardia resterà sempre alta". Lo afferma la deputata del Partito Democratico, on. Liliana Ventricelli, commentando l'operazione denominata "Kairos" svolta a Bari ed Altamura.

"È necessario, infatti, che il livello di attenzione resti sempre molto elevato - aggiunge la parlamentare - perché nell'entroterra della Città Metropolitana di Bari ci sono molti appetiti criminali che vanno stroncati sul nascere. Alle forze dell'ordine ed alla magistratura il compito di stroncare i gruppi ed i traffici di droga; a noi tutti, rappresentanti delle istituzioni e cittadini, il compito di essere sempre vigili ed essere sentinelle della legalità".

10/01/2017 - 16:51

Presentata interrogazione ai ministri Delrio e Minniti

"Città isolate da giorni, strade e trasporti bloccati, pesanti disagi per la popolazione. E' inaccettabile ed indegno quanto è accaduto nel territorio dell'Alta Murgia, a seguito di un'ondata di maltempo sicuramente eccezionale ma, ad ogni modo, ampiamente prevista. Ho appena depositato un'interrogazione ai ministri alle Infrastrutture ed ai trasporti ed all'Interno, Delrio e Minniti, per chiedere conto del perché la macchina organizzativa non abbia funzionato". Lo afferma la deputata del Partito Democratico Liliana Ventricelli.

“La strada statale 96 Bari-Altamura - sottolinea la parlamentare - è un collegamento di cerniera fra la Puglia e la Basilicata, è un’arteria strategica fra il corridoio adriatico e quello jonico. Non mi accontenterò di risposte burocratiche o rituali. Chiederò spiegazioni del perché la strada statale 96 “Barese” sia andata in tilt. Eppure è ampiamente noto che da sempre il tratto fra Altamura e Toritto è il più critico. Disagi che sono stati ulteriormente aggravati dallo stop del trasporto pubblico, comportando problemi per persone in viaggio, famiglie impossibilitate a raggiungere i Comuni di residenza, studenti universitari rimasti nelle stazioni. Senza dimenticare le persone ammalate impossibilitate a raggiungere gli ospedali e tante altre situazioni davvero complicate. Quanto alla ss 96, avevo lanciato la proposta all’Anas Puglia di utilizzare i grandi mezzi d’opera nei cantieri di Altamura e Palo-Modugno - conclude la deputata del Pd -. Il loro intervento sicuramente avrebbe permesso di risolvere le criticità in tempi più brevi, evitando situazioni che avrebbero potuto anche diventare drammatiche”.

14/12/2016 - 17:48

“Sulla sicurezza ad Altamura e nell'entroterra di Bari il movimento "Noi con Salvini" arriva tardi. Sin dai primi mesi del mio mandato parlamentare alla Camera dei Deputati, ho posto la priorità su questo tema ed ho portato avanti varie iniziative parlamentari. Rispondendo in Aula alla mia interpellanza urgente sulla strage al Green Table, il 27 marzo dello scorso anno il viceministro all'Interno Filippo Bubbico ha reso noto che c'è stato un primo rafforzamento sul territorio: nel settembre del 2014 sono state assegnate 59 unità agli uffici della Polizia di Stato ubicati nella provincia di Bari, portando il contingente complessivo a 467 unità; il dispositivo territoriale si compone anche di 1.653 militari dell'Arma dei Carabinieri nonché di 432 militari della Guardia di finanza. Ho sempre chiesto di provvedere a garantire unità aggiuntive a quelle che già operano attualmente sul territorio e di provvedere con urgenza all'adeguamento strutturale degli organici delle forze dell'ordine, assegnati alla provincia di Bari, con particolare riferimento ai Comuni murgiani. Per Altamura, nello specifico, ho segnalato in numerosi atti parlamentari la preoccupante escalation di episodi criminosi (furti, rapine, ecc.) nonché gli atti intimidatori, posti in essere con diverse modalità. Ed ho scritto varie volte ai Prefetti ed al Ministro.

Inoltre ho promosso, insieme al deputato Cariello del Movimento 5 Stelle, anche un approfondimento specifico sulla situazione della criminalità a Bitonto, con un incontro con il vice ministro Bubbico.

Dunque, a scanso di equivoci, stia certo il coordinatore regionale di NcS Rossano Sasso che la guardia sulla sicurezza è molto elevata da parte mia, del partito nonché del Governo; invece di puntare il dito contro, occorrerebbe creare sinergie sul territorio tra le istituzioni, le associazioni, le imprese e i cittadini”.

Così Liliana Ventricelli, deputata del Partito democratico.

29/11/2016 - 18:07

“Nessuno resterà indietro nelle Università italiane. Con la Legge di Bilancio, approvata ieri alla Camera dei Deputati e ora all’esame del Senato, è stato fatto un passo decisivo per garantire sia il diritto allo studio che l’alta formazione anche ai ragazzi che appartengono a famiglie economicamente disagiate. Infatti. È stata istituita una “no tax” area fino a 13.000 euro Isee: chi è sotto questa soglia non pagherà tasse. Mentre una tassazione “calmierata” è stata introdotta per le soglie Isee sino a 30.000 euro. Vale a dire, insomma, una garanzia d’accesso all’Università ed alla prosecuzione degli studi. Ecco, in modo analitico, tutto ciò che è previsto nella Legge di Bilancio per il capitolo “Università”: 1. ridefinita la disciplina della tassazione universitaria - per gli studenti dei corsi di laurea, di laurea magistrale e dei corsi AFAM che appartengono ad un nucleo familiare con ISEE fino a 13.000 euro, è istituita la “no tax area”. Per gli studenti con ISEE fino a 30.000 euro è definita una tassazione “calmierata”. Sono inclusi nelle disposizioni anche gli studenti fino al primo anno fuori corso. I dottorandi di ricerca che non sono beneficiari di borsa di studio sono esonerati dal pagamento delle tasse e dei contributi universitari. Si compensano gli atenei dei mancati introiti con un incremento del FFO di 105 milioni di euro; 2. aumentato stabilmente di 50 milioni di euro il Fondo integrativo statale per la concessione delle borse di studio, che verrà assegnato sulla base dei fabbisogni finanziari regionali, da attribuire entro il 30 settembre di ogni anno. Si prevede l’istituzione, in ogni regione, di un unico ente erogatore dei servizi per il diritto allo studio, nei cui organi direttivi è prevista una rappresentanza degli studenti; 3. istituita l’assegnazione annuale, sulla base di requisiti di merito e di reddito, di almeno 400 borse di studio nazionali per il merito e la mobilità, ciascuna del valore di € 15.000 annui, destinate a favorire l’iscrizione a corsi universitari statali ed a corsi AFAM; 4. finanziati stabilmente con 5 milioni gli interventi di orientamento pre-universitario e di tutorato, per facilitare l’accesso agli studi superiori e contrastare la dispersione universitaria”.

20/10/2016 - 11:35

Disponibili 35 milioni, i Comuni colgano opportunità

“Ha preso il via il programma nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro che mette a disposizione 35 milioni di euro per gli enti locali per iniziative che favoriscono gli spostamenti a piedi, in bici e con mezzi condivisi. Per i Comuni è un’importante opportunità per costruire nuove relazioni all’interno delle città, mirando alla riduzione dell’inquinamento. Il Ministero dell’Ambiente ha pubblicato un bando per raccogliere le candidature ai fondi disponibili e c’è tempo sino al10 gennaio per partecipare”.

E’ quanto rende noto l’on. Liliana Ventricelli, del Partito Democratico, che invita i Comuni ad aderire. Il bando è la prima emanazione del programma sperimentale di mobilità sostenibile e prevede il cofinanziamento da parte del Ministero dell’Ambiente di progetti promossi da uno o più Enti Locali, con una popolazione di riferimento superiore ai 100.000 abitanti.

“Nello spirito di collaborazione con le altre istituzioni, così come ho fatto in passato, ad esempio per il Piano di rigenerazione degli ambiti urbani che porterà importanti finanziamenti nei nostri territori - sottolinea l’on. Ventricelli - anche in questo caso suggerisco alle amministrazioni locali di non perdere questa opportunità e di organizzare i propri uffici per realizzare dei buoni progetti creando reti intercomunali per rispettare il requisito della popolazione. Possono essere ammessi ai contributi iniziative di car-pooling, car-sharing, bike-pooling, bike-sharing, piedi bus, percorsi protetti per gli spostamenti tra casa e scuola a piedi o in bicicletta, così come programmi di educazione alla sicurezza stradale e di riduzione del traffico, dell’inquinamento e della sosta degli autoveicoli in prossimità di istituti scolastici o delle sedi di lavoro. Non sono grandi opere bensì opere di grande impatto sulla cultura e sulla qualità del vivere urbano. C’è la possibilità di studiare delle soluzioni per la mobilità alternativa che metta insieme i Comuni murgiani oppure che unisca l’entroterra della Città metropolitana alla costa adriatica. E’ una buona occasione anche per confrontarsi direttamente con i cittadini, facendoli partecipare alle scelte”.

18/10/2016 - 20:57

Approvato un odg del PD sull'applicazione delle norme

”Le norme approvate oggi contro il caporalato restituiscono civiltà e dignità al lavoro. Nel voto di oggi è stato approvato un ordine del giorno del Partito democratico, di cui sono cofirmataria perché da me pienamente condiviso, che impegna il governo a considerare indice di sfruttamento la sussistenza delle violazioni delle norme in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro solo in caso di sfruttamento grave e reiterato”.

E’ il commento della deputata Liliana Ventricelli, del Partito Democratico, dopo le misure normative approvate oggi dalla Camera dei Deputati contro il caporalato: confisca del prodotto o del profitto del reato; introduzione nel codice penale del reato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro tra i reati per cui si procede alla confisca; inserimento di un indennizzo per le vittime che vengono equiparate a coloro che hanno subito la tratta.

”Sono strumenti legislativi molto forti quelli che sono stati introdotti a contrasto del caporalato – aggiunge Ventricelli – e su cui hanno lavorato congiuntamente il ministro alla giustizia Orlando ed il collega all’agricoltura Martina. E’ una risposta che vuole combattere fenomeni che riguardano migliaia e migliaia di persone, tra cui tantissime donne, per liberarle da un giogo che le opprime e di fatto le sfrutta. La tragedia degli uomini e delle donne, italiani e stranieri, che sono morti nella scorsa estate sotto il sole e sotto i tendoni in Puglia ed in Basilicata, reclamava anche una risposta di giustizia per debellare un fenomeno che nella pratica quotidiana si è dimostrato più pervasivo di quanto si potesse immaginare. Sicuramente il Governo sarà attento, in base al nostro odg, ad evitare un effetto dirompente sull’attività imprenditoriale agricola, applicando le norme per colpire lo sfruttamento ed il lavoro nero”.

23/09/2016 - 18:59

Una telefonata del presidente del Consiglio Matteo Renzi, attestazioni di solidarietà ed incoraggiamento dall'intero Partito Democratico (anche i vice segretari Guerini e Serracchiani ed il presidente Orfini), dagli iscritti e dalle altre forze politiche. E' unanime la condanna per l'assalto avvenuto questa notte alla sezione del Pd di Altamura (Bari), un gesto messo in atto da sconosciuti. Sulla natura del vile atto sono in corso gli accertamenti dei Carabinieri della locale Compagnia.

"Ringrazio i colleghi, i segretari di circolo, gli iscritti, gli oppositori politici, i cittadini - sostiene l'on. Liliana Ventricelli - e tutti coloro che hanno voluto dare testimonianza di solidarietà nei confronti del circolo di Altamura del Partito Democratico. Ho ricevuto anche la telefonata del segretario nazionale Matteo Renzi che ha espresso vicinanza alla sezione, si è detto dispiaciuto e ci ha invitato ad andare avanti con più forza ed entusiasmo, a cominciare dalla Festa dell'Unità. Lasciamo agli inquirenti l'accertamento sui fatti. Quanto accaduto è grave; ciononostante daremo vita ad una bella e grande festa in cui parleremo della crisi del grano duro, di politiche culturali, di vivibilità urbana. Sono temi, insieme a tanti altri, su cui siamo impegnati ogni giorno con la nostra proposta e attività politica, in tutte le sedi in cui svolgiamo il nostro mandato istituzionale".

La Festa dell'Unità di Altamura parte stasera presso la Villa Comunale e domani sarà tappa della Festa provinciale. Domenica sera la conclusione.

Pagine