News e comunicati

17/01/2018 - 20:17

“C’è un limite alla strumentalità e alla rozzezza politica. Il sindaco di Arezzo l’ha ampiamento superato con una dichiarazione contro Maria Elena Boschi che svilisce il ruolo di una figura che dovrebbe rappresentare con serietà tutta la sua comunità”. Lo dichiara Walter Verini, deputato del Partito democratico, per commentare le parole del sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli su Maria Elena Boschi.

09/01/2018 - 16:34

"I dati sull'occupazione, quelli del Pil, le entrate sulla lotta all'evasione fiscale, i sostegni e le defiscalizzazioni agli investimenti delle imprese, i cambiamenti positivi nel funzionamento della Giustizia e della lotta per la legalità. Una rinnovata credibilità internazionale, le conquiste nel campo dei diritti civili, i risultati nelle politiche culturali o dell'immigrazione...Potremmo continuare. Sono solo alcuni dei segni  positivi  di cinque anni di Governo, che hanno provato con successo a rimettere il Paese in carreggiata. Sono risultati importanti ma certo dobbiamo continuare su questa strada, fare ancora di più. E chiediamo agli avversari del Pd di rispondere con onestà e senza propaganda ad una domanda semplice: rispetto a cinque anni fa lo stato del Paese è migliorato o no"?

Così in una dichiarazione Walter Verini, capogruppo Pd in Commissione Giustizia della Camera.

21/12/2017 - 12:53

“L'approvazione all'unanimità, e in via definitiva, della legge sulla protezione dei testimoni di giustizia è un altro risultato importante di questa maggioranza per la lotta alle mafie, per la legalità e la giustizia. Dopo il Codice Antimafia, la riforma del processo penale, gli ecoreati, il voto di scambio politico mafioso, l’autoricilaggio e il falso in bilancio, solo per citare alcune leggi varate.”.

Lo dice Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia di Montecitorio, il quale aggiunge ”questo testo era stato promesso a tutte quelle persone che con grande senso civico contribuiscono al percorso della Giustizia e che fino ad oggi non avevano sufficiente sostegno dallo Stato. Ora non sarà più così”.

14/12/2017 - 17:15

"E' troppo chiedere alle opposizioni meno accanimento nei confronti della Sottosegretaria Boschi? Quello che emerge oggi è quanto emerse due anni fa: l'allora Ministro non esercitò pressioni indebite sulla vicenda Banca Etruria, né ci sono state situazioni di conflitto di interesse. Questo è. Come  allora respingemmo la strumentale mozione di sfiducia, così oggi vanno respinti attacchi di evidente strumentalità e sapore elettoralistico. E basta usare la Commissione di inchiesta come una clava”. Così il capogruppo Pd in commissione Giustizia della Camera, Walter Verini.

13/12/2017 - 18:31

"Anche oggi va in scena, al Senato, la fragilità dell’alleanza di centro destra. Salvini minaccia di non sedersi più ad un tavolo con Berlusconi. Già alla Camera la riforma del procedimento penale, che impedisce a chi è condannato per gravi delitti, come il femminicidio, di accedere a sconti di pena, ha creato una guerra tra Forza Italia e la Lega. Se le danno di santa ragione. Il fatto è che quell’ alleanza non è credibile e un capo redivivo non basta a tenere insieme chi non ha un progetto comune, come appunto è per il centro destra italiano”.

Lo dice il deputato del Pd Walter Verini, capogruppo dem in commissione Giustizia alla Camera.

12/12/2017 - 14:49

“E’ stato dichiarato ammissibile il nostro emendamento alla legge di stabilità che impedisce l’uso dei contratti di co.co.co (art.2 del decreto legislativo 15.6.2015 n.81) per le collaborazioni giornalistiche. Auspichiamo naturalmente una sua approvazione a larga maggioranza”. Lo rendono noto i deputati Dem Walter Verini e Dario Ginefra  i quali spiegano che “l’emendamento è molto importante perché consentirebbe di recepire una recente giurisprudenza del Consiglio di Stato secondo la quale il lavoro giornalistico è sempre connotato “da alcuni caratteri del lavoro subordinato” e pertanto deve essere “meritevole di tutele assimilabili a quelle ad esse assicurate”. 

11/12/2017 - 12:40

Oggi sarò al  presidio di solidarietà dei giornalisti organizzato alle 15,30, a  Roma, davanti alla sede di Repubblica e l'Espresso dove  e' avvenuto il blitz di Forza Nuova per dire ‘no’ a qualsiasi forma di violenza, ‘no’ al fascismo e al razzismo, per ribadire, con forza, che la libertà di stampa è un diritto acquisito che nessuno ci può togliere.  Mai rimanere inermi di fronte a inaccettabili forme di intimidazione, mai sottovalutare. Importante invece essere uniti e vigili contro qualsiasi forma di violenza, inaccettabile in un paese democratico”. Così Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia Camera.

06/12/2017 - 19:18

Sabato il Partito democratico sfilerà a Como

“I fatti di oggi sono gravissimi. Spero che l’assalto  contro Repubblica, i toni minacciosi, la violenza di quel blitz rimangano impresse nella mente di tutti quegli esponenti politici che nei giorni scorsi hanno rubricato a ragazzata l'ennesimo episodio di intimidazione a Como.
Anche se non c’era bisogno di assistere a scene di squadrismo come quelle di oggi per prendere atto del pericolo che incombe sulla nostra convivenza democratica”. Lo dice Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia, il quale aggiunge: “C'è bisogno di una grande offensiva politica e culturale, per far capire che vuol dire davvero neofascismo, neonazismo. Per far funzionare e apprezzare la democrazia, che, pur con le sue imperfezioni, è vitale, come l'ossigeno. Come Partito democratico ci siamo assunti anche la responsabilità di varare legge dure contro chi usa la violenza o si rifà ai simboli del nazifascismo. Siamo stati spesso lasciati soli anche da chi oggi esprime condanna. Ma è il momento - su certe cose - di stroncare tutti insieme questa onda nera così pericolosa. Per questo è importante la riuscita della manifestazione di sabato a Como”. 

06/12/2017 - 15:08

Oggi mercoledì 6 dicembre, con Orlando, Rosato, Verini, Realacci, Menditto, modera Puca

Oggi mercoledì 6 dicembre alle ore 15, presso la Sala Berlinguer della Camera dei Deputati, il Gruppo del Partito democratico organizza un convegno dal titolo: “Manufatti abusivi, tra legalità e giustizia sociale”. Oltre al ministro della Giustizia Andrea Orlando, interverranno: Ettore Rosato, presidente dei deputati Pd, Walter Verini, capogruppo in commissione Giustizia,  Ermete Realacci, presidente della commissione Ambiente, Marco Di Lello, segretario della commissione Antimafia, Francesco Menditto, Procuratore Capo di Tivoli e  Stefano Mazzetti, Responsabile Ambiente del Pd. Modera Carlo Puca, giornalista di Panorama.

06/12/2017 - 13:28

“Tra il ’69 e ’84 la storia del nostro Paese è stata segnata da gravissimi eventi. Parliamo di stragi che hanno insanguinato piazze, stazioni, treni. L’allora presidente del consiglio Renzi aveva disposto che tutte le amministrazioni dello Stato versassero all’Archivio centrale la documentazione in loro possesso e costituito un Comitato consultivo per il monitoraggio delle operazioni. Alcune associazioni delle vittime che siedono nel Comitato segnalano però alcune criticità nell’azione. Per questo chiediamo al governo di verificare l’attuazione della ‘Direttiva Renzi’, di indicare misure per rendere più efficace l’azione del Comitato. Parliamo di un provvedimento fondamentale per la trasparenza, l’accertamento della verità e la ricostruzione storica nel nostro Paese”.

Così il deputato Dem Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia, che ha presentato alla Camera una interrogazione rivolta alla Presidenza del Consiglio.
“Nell’interrogazione - aggiunge Walter Verini - si fa esplicito riferimento ai fatti di Piazza Fontana, Gioia Tauro, Peteano, Questura di Milano, Piazza della Loggia, Italicus, Ustica, stazione di Bologna, Rapido 904. Eventi gravissimi nei confronti dei quali la direttiva rappresenta una speranza dal punto di vista della trasparenza e del rispetto per la storia del nostro Paese. Una iniziativa che pare si stia confrontando con difficoltà per la mancanza o insufficienza di documentazione. Occorre intervenire - conclude il deputato Dem - per  consentire l’effettivo funzionamento di tale importante provvedimento”.
 

04/12/2017 - 14:37

 “L’altro giorno, in una trasmissione televisiva, ricordavo a Salvini che nelle occasioni nelle quali alcuni facinorosi gli avevano impedito di parlare, la solidarietà dei dirigenti del Pd e anche mia personale non era mancata. Così è oggi, davanti alla vera e propria intimidazione subita su Facebook dal leader della Lega. E lo facciamo, naturalmente, senza imbarazzi, perché ogni violenza deve essere isolata, prevenuta e stroncata. E lo facciamo tanto più quando la violenza, anche verbale, come a Como, la si esercita in nome di neofascismi e neonazismi, che sono pericolosissimi e allarmanti”. Lo dichiara il capogruppo Pd in commissione Giustizia, Walter Verini.

28/11/2017 - 18:33

Se i 5S la padella, questi sono la brace…

“Ogni giorno una frana nell’alleanza tra Forza Italia e Lega. Oggi assistiamo al loro scontro alla Camera sulla riforma del rito abbreviato che, semplicemente e con buon senso, impedisce a chi è condannato per gravi delitti, come il femminicidio, di accedere a sconti di pena. Abbiamo poi assistito alla sconfessione di Berlusconi da parte di Matteo Salvini riguardo al generale Gallitelli, candidato durato neanche qualche ora. Insomma, stanno litigando a tutto campo”. Lo dice il deputato del Pd Walter Verini, capogruppo dem in commissione Giustizia, il quale aggiunge: “il gioco della torre che è andato di moda in questi giorni – chi preferisci tra Di Maio e Berlusconi? – è dunque proprio mal posto: se i 5Stelle sono la padella, la destra è la brace. Anche per questo nelle prossime settimane emergerà con maggiore visibilità che la proposta di centro-sinistra imperniata sul Pd sarà sempre più centrale nell’interesse generale del Paese”.  

25/11/2017 - 13:20

"L'impegno sul tema della sicurezza sul lavoro deve essere incessante perché i dati ci dicono che il numero delle morti e degli infortuni sono in aumento". Lo ha dichiarato Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia a Montecitorio, intervenendo oggi al Consiglio nazionale dell’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi del Lavoro,  che si tiene a Roma".

"E’ questo, del resto - ha continuato - anche il senso del contenuto dell’importante  messaggio del Presidente Mattarella inviato in occasione della giornata nazionale contro gli infortuni sul lavoro. E’ vero che in questi anni la sensibilità è cresciuta, grazie anche allo sforzo di associazioni come ANMIL, tuttavia è importante fare di più, con l’obiettivo, tra gli altri, di elevare il livello complessivo degli investimenti in tema di prevenzione e sicurezza".

"Va nella direzione giusta, a mio parere, il protocollo recentemente siglato da ANMIL e Ministero dell’Istruzione sul tema dell’educazione alla sicurezza fin dalla scuola,  come del resto le recenti nuove norme sul Codice degli appalti che hanno eliminato le offerte al massimo ribasso. Impegno della prossima legislatura dovrá anche essere quello di velocizzare i procedimenti penali e civili legati all’accertamento delle responsabilità negli infortuni sul lavoro e nelle malattie professionali”, ha concluso.

 

24/11/2017 - 16:16

"Non so nel prossimo ma in questo Parlamento non si è mai posta la questione di una modifica del 41 bis, il carcere duro per i boss. E se fosse accaduto, il Partito democratico sarebbe senz’altro intervenuto per stoppare il tentativo”.

Lo dice Walter Verini, capogruppo Pd nella commissione Giustizia, riferendosi alle parole del procuratore di Roma Giuseppe Pignatone agli Stati Generali della lotta alle mafie a Milano.

“Al di là del suo funzionamento, aspetto sul quale ci rimettiamo alle valutazione del DAP, la norma è acquisita nel nostro ordinamento ed ha svolto un ruolo cruciale nel contrasto alle mafie. Piuttosto, la lotta alle organizzazioni criminali va continuamente monitorata e adeguata alle esigenze di un fenomeno così complesso e in cambiamento. Come abbiamo detto alla Camera qualche giorno fa durante il question time con il ministro Orlando, per quanto riguarda gli strumenti normativi il Pd indica come prioritarie, la costituzione di una procura europea, il coordinamento delle banche dati come base per le attività investigative e le norme sui testimoni di giustizia che ci auguriamo siano approvate dal Senato prima della fine della Legislatura. E, naturalmente, grande impegno sul terreno sociale e culturale per togliere acqua laddove le mafie nuotano”.

22/11/2017 - 16:32

“Il complesso di interventi indicati oggi dal ministro Orlando, durante il question time della Camera, per il contrasto alle organizzazioni mafiose conferma che governo e Stato sono presenti e attivi. La prepotenza delle mafie, non sopite dopo la morte di Salvatore Riina, titolare di un “regno mafioso” lunghissimo ed estremamente sanguinario, e di Bernardo Provenzano, impone il monitoraggio degli strumenti normativi esistenti che hanno del resto garantito fino ad oggi grandi risultati sul piano repressivo”.

Lo ha detto Walter Verini, capogruppo Pd nella Commissione Giustizia, il quale ha aggiunto che il Partito democratico giudica di fondamentale importanza “il rafforzamento degli strumenti investigativi, il coordinamento delle banche dati, la costituzione della Procura Europea, l’approvazione delle norme sui testimoni di giustizia e quelle a tutela delle donne e dei bambini appartenenti a famiglie mafiose”.

Pagine