15/11/2017 - 13:29

“Il Gruppo del Pd ha votato a favore della proposta di legge sulle segnalazioni di irregolarità nei rapporti di lavoro pubblico o privato. Lo abbiamo fatto con convinzione anche perché siamo stati determinanti nel renderlo un provvedimento serio, efficace, non propagandistico, togliendo tutti quegli aspetti - come ad esempio la monetizzazione - che avrebbero incentivato il dilagare delle segnalazioni anonime, delle delazioni spesso  infondate. Abbiamo invece tutelato davvero la riservatezza di chi segnala comportamenti e pratiche che possono nascondere illeciti e reati”.
Così il deputato Dem Walter Verini, capogruppo in Commissione Giustizia.
“Abbiamo tenuto - aggiunge Walter Verini - l’atteggiamento opposto a quello di M5s, che in questi anni ha demonizzato tante leggi giuste, non per il loro contenuto, ma in quanto sostenute dai Governi a guida Pd e dalla maggioranza, descritti come l’Impero del Male. Siamo quasi ormai alla fine della legislatura ed è possibile tracciare anche su questo qualche bilancio. Sono stati anni nei quali abbiamo colpito e rafforzato le pene
per il voto di scambio politico-mafioso e ri-penalizzato il reato di falso in bilancio; introdotto il reato di auto riciclaggio e norme importanti contro ecoreati, ecomafie e caporalato. E’ diventata legge il nuovo Codice Antimafia e la normativa sul ritorno alla legalità nella gestione dei beni confiscati. Si è aumentato lo scatto della prescrizione per i reati contro la Pa e introdotto il Codice degli appalti. Noi possiamo, come tutti - conclude il capogruppo Pd in Commissione Giustizia - votare leggi imperfette e migliorabili, ma abbiamo sempre lavorato mossi da una bussola: quella dell’interesse del Paese. E le battaglie per le regole, contro illegalità e criminalità sono state elementi centrali di questo impegno”.
 

09/11/2017 - 11:31

“In questi giorni cade il decennale della morte ingiusta e assurda di Gabriele Sandri. Un ragazzo di vent’anni che stava seguendo la sua squadra del cuore, la Lazio, e che fu colpito dallo sparo di un agente fuori di testa. Gabriele amava la vita, il calcio, la musica e condivideva le passioni tipiche della sua età. Da quando la sua vita fu spezzata così tragicamente, la sua famiglia, la mamma Daniela, il papà Giorgio, il fratello Cristiano sono devastati dal dolore e però non hanno rinunciato a portare il loro messaggio nelle scuole di tutta Italia per affermare, nel nome di Gabriele, che gli stadi non possono essere luoghi dove prevalga l’odio, il razzismo, la violenza. Questo è stato l’insegnamento che la Fondazione che porta il nome di Gabriele Sandri ha voluto diffondere in questi anni ed è giusto che l’Aula Camera abbia dedicato ieri un momento di riflessione in memoria di questo ragazzo”.

Così, nel decennale della morte di Gabriele Sandri, il capogruppo in commissione Giustizia Pd Walter Verini, e vice presidente della Fondazione “G

08/11/2017 - 17:33

"Invece di fare una querela temeraria, stavolta quella gentaglia ha deciso di passare direttamente all’azione. E’ una violenza insopportabile”. Lo afferma il deputato Dem Walter Verini il quale esprime “solidarietà e vicinanza al giornalista di RaiDue” e aggiunge: “il grave episodio riporta al centro della cronaca la pericolosità dei clan che da troppo tempo infestano il territorio di Ostia, e non solo quello, anche grazie alla contiguità con ambienti politici. Inoltre, ci ricorda i tanti rischi che subiscono i giornalisti, minacciati con le querele temerarie o, come in questo caso, aggrediti. E’ davvero una emergenza contro la quale dobbiamo batterci”.    

02/11/2017 - 18:38

“La prima impressione sul ddl di riforma delle intercettazioni licenziato oggi dal Consigli dei ministri, è che siamo davanti ad una norma seria ed equilibrata”.  Lo dichiara Walter Verini, capogruppo Pd in Commissione Giustizia alla Camera, per commentare il disegno di legge sulle intercettazioni approvato dal Consiglio dei Ministri.

“Esamineremo – continua – più nel dettaglio il provvedimento per il parere che la Commissione Giustizia dovrà esprimere, e magari potranno emergere suggerimenti migliorativi, ma già ora si può dire che il Cdm abbia lavorato per tenere insieme due principi fondamentali: da un lato il rispetto della sfera personale, del diritto alla privacy non sempre osservato in questi anni (per quanto riguarda intercettazioni di alcun rilievo penale o di contesto) e dall’altro, il diritto di cronaca”.

“Altro elemento fondamentale è il fatto che il ddl non intacca minimamente, ma anzi rafforza, la facoltà della magistratura di utilizzare le intercettazioni ai fini delle indagini. E i giudizi negativi ed estremistici diametralmente opposti che in queste ore vengono sul provvedimento da Forza Italia e 5 Stelle, confermano l'equilibrio del testo", conclude.

02/11/2017 - 12:54

"Sono davvero inquietanti  le notizie riportate da Repubblica sull'informativa del Ros dei Carabinieri circa quanto avviene all'interno di Forza Nuova a Roma. Quella informativa conferma la pericolosità di questa organizzazione, dentro la quale si instillano odio, razzismo, xenofobia. E conferma come sia necessario prevenire e reprimere certi comportamenti e certe prassi che richiamano esplicitamente fascismo e nazismo. Occorre prevenire culturalmente con un lavoro incessante nella scuola, nella società e nell'informazione. Ma anche reprimere. Davanti a queste cose invito a riflettere coloro che sghignazzavano quando alla Camera abbiamo approvato la legge per istituire il reato di apologia di fascismo (primo firmatario Fiano, di cui sono stato relatore): a fare paura non sono certo monumenti di ottanta anni fa, o paccottiglia folkloristica, ma pericolosi e concreti comportamenti neofascisti di oggi".

Lo dice Walter Verini, capogruppo Pd in Commissione Giustizia della Camera.

26/10/2017 - 16:27

Pd, dai grillini sempre e solo astio

Il capogruppo del Pd in commissione Giustizia, Walter Verini, replica ad una nota di Vittorio Ferraresi del Movimento 5 Stelle in merito alla legge sul reato di tortura:
“vorrei informare i 5 Stelle che ora in Italia esiste una legge contro il reato di tortura. Questo Parlamento l’ha approvata nel luglio scorso. Perché parlare sempre con astio e parole vuote, negando l’evidenza? Proprio guardando al passato, e ad episodi terribili come Bolzaneto su cui giustamente è intervenuta anche la Corte europea, abbiamo voluto approvare una norma, nel contesto di questa legislatura, che punisca un pubblico ufficiale responsabile di tortura. Lo abbiamo fatto sapendo che le Forze dell’Ordine e della Sicurezza sono sane e lavorano con rigore e professionalità e che singoli comportamenti violenti sono inaccettabili, non vanno tollerati da uno Stato democratico ma sanzionati con norme come quelle che abbiamo votato, che nessuno ha affossato, e che sono in vigore”.  

23/10/2017 - 17:37

“Le scene deplorevoli che abbiamo visto ieri all’Olimpico vanno prevenute e represse ovunque accadano.  Purtroppo le curve degli stadi di calcio sono spesso occupate da agitatori forsennati che spesso neanche sanno cosa rappresentano i simboli attraverso cui mandano i loro messaggi antisemiti e, se conoscessero la storia, forse, molti di loro si asterrebbero da gesti così offensivi”.

Così Walter Verini, deputato del Pd.

19/10/2017 - 13:18

"A estremisti e talebani di ogni genere, vorrei semplicemente ricordare che oggi la Camera ha approvato l'unica cosa che può realisticamente diventare legge: l'uso della cannabis a fini terapeutici, una risposta civile, umana a tanti malati che aspettano. Si può pensarla come si vuole, ma la legalizzazione (che molti, giustamente, intendono come modo per combattere meglio la criminalità che sta dietro al traffico di droga) sarebbe difficilmente passata alla Camera e tantomeno al Senato.

Aver stralciato quindi la parte dell'uso terapeutico è stata una scelta responsabile e intelligente fatta da tutto il Pd, anche contro chi vorrebbe che neppure si discutesse di temi come questo.
Chi voleva tutto (o come 5 Stelle ha fatto finta di volere tutto) in realtà avrebbe ottenuto niente. Mi auguro ora che ci sia il tempo e la volontà perché il Senato approvi definitivamente una norma importante e civile come questa".
Così Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia della Camera.

18/10/2017 - 16:59

“Aspettavamo l’ok del Senato. Mi auguro adesso che il ddl sulle norme a tutela di coloro che segnalano episodi di corruzione nel settore pubblico e privato, noto come 'whistleblowing', posso avere una rapidissima approvazione alla Camera". Lo dice il capogruppo del Pd in commissione Giustizia Walter Verini, il quale aggiunge: "Questo Parlamento ha già fatto importanti leggi: quelle contro gli eco-reati, il nuovo codice antimafia e quello sugli appalti, il fondamentale testo sull'auto-riciclaggio, quello sul falso in bilancio, l'aumento delle pene per questo tipo di reati. Ma occorre fare ancora di piu', come ci impongono anche i dati sulla diffusione della corruzione di recente diffusi dall’Istat. E il prossimo passo può essere proprio la legge che protegge e garantisce riservatezza a tutti i cittadini che intendano contribuire civilmente all'emersione di comportamenti corruttivi a tutela della stragrande maggiora degli italiani perbene e delle tantissime imprese che rispettano le regole".

17/10/2017 - 19:26

"Il Capo dello Stato ha promulgato la riforma del Codice Antimafia e questa è una notizia importante, perché le nuove normative sono uno strumento per combattere meglio le mafie e per garantire una gestione più trasparente ed efficace dei beni confiscati. Al tempo stesso condividiamo il richiamo del Presidente al Governo, per monitorare l'applicazione  del provvedimento e le eventuali criticità, come del resto anche il gruppo del Pd aveva chiesto, presentando l'ordine del giorno - accolto dal Governo - che sottolineava questa necessità”.

Così Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia di Montecitorio.

14/10/2017 - 19:30

“Mentre sta finalmente maturando la possibilità che il nostro Paese si doti di una legge che riconosca ai giovani nati qui la possibilità di essere italiani come lo siamo noi, assistiamo ad un deprimente e strumentale via vai di commenti della parte delle forze di destra contrarie a questa misura di civiltà. Si tratta di un passaggio storico importante, ma sentiamo, da alcuni esponenti politici, che si tratterebbe solo di un tentativo di attirare più voti. A loro lasciamo queste meschinità, noi ci riserviamo il compito di ottenere questa legge, consapevoli che sarà una legge per l’integrazione, la sicurezza e il futuro”.

 

Così Walter Verini, capogruppo del Pd nella commissione Giustizia di Montecitorio.

13/10/2017 - 18:44

“Insieme a molti altri esponenti del Partito democratico ho partecipato alla mobilitazione per sostenere l’esigenza di una rapida approvazione della legge sullo ius soli-ius cultura. Si tratta di un traguardo irrinunciabile, una legge di civiltà per assicurare diritti alle ragazze e ai ragazzi nati nel nostro Paese da genitori stranieri che risiedono qui legalmente e da anni e che crescono quotidianamente insieme ai nostri figli. Rinunciarvi significherebbe non solo tradire le speranze di molti di quei giovani ma anche cancellare un futuro di civiltà, integrazione e sicurezza. Sono sicuro che l’impegno di decine e decine di parlamentari trova nella società una condivisione ampia e mi auguro che nelle prossime settimane si possa raggiungere questa meta, anche perché è così che si sconfiggono le paure e chi le cavalca”.

Così Walter Verini, capogruppo Pd in Commissione Giustizia di Montecitorio, che nei giorni scorsi aveva aderito allo sciopero della fame a sostegno della legge sullo ius soli.

12/10/2017 - 19:37

Bene Grasso su whistleblowing 

"Fa bene il presidente del Senato Pietro Grasso a richiamare l’importanza dell’approvazione delle norme di tutela per coloro che segnalano episodi di corruzione nel settore pubblico e privato, noto come ‘whistleblowing’, in approvazione al Senato”. 

Lo dice il capogruppo del Pd in commissione Giustizia Walter Verini il quale aggiunge: “I dati Istat, ancora una volta, sono implacabili nel ricordarci la pervasiva diffusione della corruzione, e quanto incida nella nostra dimensione quotidiana. Questo Parlamento ha già fatto importanti leggi: quelle contro gli ecoreati, il nuovo codice antimafia e quello sugli appalti, il fondamentale testo sull’autoriciclaggio, quello sul falso in bilancio, l’aumento delle pene per questo tipo di reati. Ma occorre fare ancora di più, a partire dalla garanzia di protezione e riservatezza a tutti i cittadini che intendano contribuire civilmente all’emersione di comportamenti corruttivi a tutela della stragrande maggiora degli italiani perbene e delle tantissime imprese che rispettano le regole”.

06/10/2017 - 15:48

"Ho aderito anch'io allo sciopero della fame lanciato da Luigi Manconi, per sostenere l'approvazione della legge sullo ius soli o ius culturale. Auspico che dopo la sessione di Bilancio il Senato riesca ad approvare quello che anche per me rappresenta un doveroso traguardo di civiltà, integrazione, sicurezza. Un traguardo da costruire, innanzitutto nella maggioranza e coinvolgendo tutte le forze e i singoli parlamentari.  Al di là dei sondaggi, sono convinto che il Paese condividerebbe una risposta dì civiltà, che contribuirebbe a combattere le paure e soprattutto chi le sollecita e le strumentalizza. In questi giorni qualcuno ha ricordato la campagna elettorale in Francia nel 1981, quando Francoise Mitterrand mise tra i punti del programma l'abolizione della pena di morte, nonostante i sondaggi dicessero che il 72% dei francesi fossero favorevoli alla pena capitale. In quell'anno Mitterrand vinse le elezioni, divenne Presidente e poco tempo dopo la Francia vide abolita la pena di morte" .

05/10/2017 - 18:29

Spero presto sconti la sua pena in Italia

“La sua arroganza, purtroppo, è ben nota, se non fosse ogni volta una calcio in faccia alle sue vittime. Ma a Cesare Battisti piace giocare con le vite degli altri. E’ la sua cifra criminale. Anche per questo spero che presto possa essere assicurato alla giustizia italiana”.

Così Walter Verinim capogruppo Pd nella commissione Giustizia di Montecitorio, in merito alle parole dell'ex terrorista riferite dai media brasiliani.

Pagine