News e comunicati

11/12/2017 - 12:40

Oggi sarò al  presidio di solidarietà dei giornalisti organizzato alle 15,30, a  Roma, davanti alla sede di Repubblica e l'Espresso dove  e' avvenuto il blitz di Forza Nuova per dire ‘no’ a qualsiasi forma di violenza, ‘no’ al fascismo e al razzismo, per ribadire, con forza, che la libertà di stampa è un diritto acquisito che nessuno ci può togliere.  Mai rimanere inermi di fronte a inaccettabili forme di intimidazione, mai sottovalutare. Importante invece essere uniti e vigili contro qualsiasi forma di violenza, inaccettabile in un paese democratico”. Così Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia Camera.

06/12/2017 - 19:18

Sabato il Partito democratico sfilerà a Como

“I fatti di oggi sono gravissimi. Spero che l’assalto  contro Repubblica, i toni minacciosi, la violenza di quel blitz rimangano impresse nella mente di tutti quegli esponenti politici che nei giorni scorsi hanno rubricato a ragazzata l'ennesimo episodio di intimidazione a Como.
Anche se non c’era bisogno di assistere a scene di squadrismo come quelle di oggi per prendere atto del pericolo che incombe sulla nostra convivenza democratica”. Lo dice Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia, il quale aggiunge: “C'è bisogno di una grande offensiva politica e culturale, per far capire che vuol dire davvero neofascismo, neonazismo. Per far funzionare e apprezzare la democrazia, che, pur con le sue imperfezioni, è vitale, come l'ossigeno. Come Partito democratico ci siamo assunti anche la responsabilità di varare legge dure contro chi usa la violenza o si rifà ai simboli del nazifascismo. Siamo stati spesso lasciati soli anche da chi oggi esprime condanna. Ma è il momento - su certe cose - di stroncare tutti insieme questa onda nera così pericolosa. Per questo è importante la riuscita della manifestazione di sabato a Como”. 

06/12/2017 - 15:08

Oggi mercoledì 6 dicembre, con Orlando, Rosato, Verini, Realacci, Menditto, modera Puca

Oggi mercoledì 6 dicembre alle ore 15, presso la Sala Berlinguer della Camera dei Deputati, il Gruppo del Partito democratico organizza un convegno dal titolo: “Manufatti abusivi, tra legalità e giustizia sociale”. Oltre al ministro della Giustizia Andrea Orlando, interverranno: Ettore Rosato, presidente dei deputati Pd, Walter Verini, capogruppo in commissione Giustizia,  Ermete Realacci, presidente della commissione Ambiente, Marco Di Lello, segretario della commissione Antimafia, Francesco Menditto, Procuratore Capo di Tivoli e  Stefano Mazzetti, Responsabile Ambiente del Pd. Modera Carlo Puca, giornalista di Panorama.

06/12/2017 - 13:28

“Tra il ’69 e ’84 la storia del nostro Paese è stata segnata da gravissimi eventi. Parliamo di stragi che hanno insanguinato piazze, stazioni, treni. L’allora presidente del consiglio Renzi aveva disposto che tutte le amministrazioni dello Stato versassero all’Archivio centrale la documentazione in loro possesso e costituito un Comitato consultivo per il monitoraggio delle operazioni. Alcune associazioni delle vittime che siedono nel Comitato segnalano però alcune criticità nell’azione. Per questo chiediamo al governo di verificare l’attuazione della ‘Direttiva Renzi’, di indicare misure per rendere più efficace l’azione del Comitato. Parliamo di un provvedimento fondamentale per la trasparenza, l’accertamento della verità e la ricostruzione storica nel nostro Paese”.

Così il deputato Dem Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia, che ha presentato alla Camera una interrogazione rivolta alla Presidenza del Consiglio.
“Nell’interrogazione - aggiunge Walter Verini - si fa esplicito riferimento ai fatti di Piazza Fontana, Gioia Tauro, Peteano, Questura di Milano, Piazza della Loggia, Italicus, Ustica, stazione di Bologna, Rapido 904. Eventi gravissimi nei confronti dei quali la direttiva rappresenta una speranza dal punto di vista della trasparenza e del rispetto per la storia del nostro Paese. Una iniziativa che pare si stia confrontando con difficoltà per la mancanza o insufficienza di documentazione. Occorre intervenire - conclude il deputato Dem - per  consentire l’effettivo funzionamento di tale importante provvedimento”.
 

04/12/2017 - 14:37

 “L’altro giorno, in una trasmissione televisiva, ricordavo a Salvini che nelle occasioni nelle quali alcuni facinorosi gli avevano impedito di parlare, la solidarietà dei dirigenti del Pd e anche mia personale non era mancata. Così è oggi, davanti alla vera e propria intimidazione subita su Facebook dal leader della Lega. E lo facciamo, naturalmente, senza imbarazzi, perché ogni violenza deve essere isolata, prevenuta e stroncata. E lo facciamo tanto più quando la violenza, anche verbale, come a Como, la si esercita in nome di neofascismi e neonazismi, che sono pericolosissimi e allarmanti”. Lo dichiara il capogruppo Pd in commissione Giustizia, Walter Verini.

28/11/2017 - 18:33

Se i 5S la padella, questi sono la brace…

“Ogni giorno una frana nell’alleanza tra Forza Italia e Lega. Oggi assistiamo al loro scontro alla Camera sulla riforma del rito abbreviato che, semplicemente e con buon senso, impedisce a chi è condannato per gravi delitti, come il femminicidio, di accedere a sconti di pena. Abbiamo poi assistito alla sconfessione di Berlusconi da parte di Matteo Salvini riguardo al generale Gallitelli, candidato durato neanche qualche ora. Insomma, stanno litigando a tutto campo”. Lo dice il deputato del Pd Walter Verini, capogruppo dem in commissione Giustizia, il quale aggiunge: “il gioco della torre che è andato di moda in questi giorni – chi preferisci tra Di Maio e Berlusconi? – è dunque proprio mal posto: se i 5Stelle sono la padella, la destra è la brace. Anche per questo nelle prossime settimane emergerà con maggiore visibilità che la proposta di centro-sinistra imperniata sul Pd sarà sempre più centrale nell’interesse generale del Paese”.  

25/11/2017 - 13:20

"L'impegno sul tema della sicurezza sul lavoro deve essere incessante perché i dati ci dicono che il numero delle morti e degli infortuni sono in aumento". Lo ha dichiarato Walter Verini, capogruppo Pd in commissione Giustizia a Montecitorio, intervenendo oggi al Consiglio nazionale dell’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi del Lavoro,  che si tiene a Roma".

"E’ questo, del resto - ha continuato - anche il senso del contenuto dell’importante  messaggio del Presidente Mattarella inviato in occasione della giornata nazionale contro gli infortuni sul lavoro. E’ vero che in questi anni la sensibilità è cresciuta, grazie anche allo sforzo di associazioni come ANMIL, tuttavia è importante fare di più, con l’obiettivo, tra gli altri, di elevare il livello complessivo degli investimenti in tema di prevenzione e sicurezza".

"Va nella direzione giusta, a mio parere, il protocollo recentemente siglato da ANMIL e Ministero dell’Istruzione sul tema dell’educazione alla sicurezza fin dalla scuola,  come del resto le recenti nuove norme sul Codice degli appalti che hanno eliminato le offerte al massimo ribasso. Impegno della prossima legislatura dovrá anche essere quello di velocizzare i procedimenti penali e civili legati all’accertamento delle responsabilità negli infortuni sul lavoro e nelle malattie professionali”, ha concluso.

 

24/11/2017 - 16:16

"Non so nel prossimo ma in questo Parlamento non si è mai posta la questione di una modifica del 41 bis, il carcere duro per i boss. E se fosse accaduto, il Partito democratico sarebbe senz’altro intervenuto per stoppare il tentativo”.

Lo dice Walter Verini, capogruppo Pd nella commissione Giustizia, riferendosi alle parole del procuratore di Roma Giuseppe Pignatone agli Stati Generali della lotta alle mafie a Milano.

“Al di là del suo funzionamento, aspetto sul quale ci rimettiamo alle valutazione del DAP, la norma è acquisita nel nostro ordinamento ed ha svolto un ruolo cruciale nel contrasto alle mafie. Piuttosto, la lotta alle organizzazioni criminali va continuamente monitorata e adeguata alle esigenze di un fenomeno così complesso e in cambiamento. Come abbiamo detto alla Camera qualche giorno fa durante il question time con il ministro Orlando, per quanto riguarda gli strumenti normativi il Pd indica come prioritarie, la costituzione di una procura europea, il coordinamento delle banche dati come base per le attività investigative e le norme sui testimoni di giustizia che ci auguriamo siano approvate dal Senato prima della fine della Legislatura. E, naturalmente, grande impegno sul terreno sociale e culturale per togliere acqua laddove le mafie nuotano”.

22/11/2017 - 16:32

“Il complesso di interventi indicati oggi dal ministro Orlando, durante il question time della Camera, per il contrasto alle organizzazioni mafiose conferma che governo e Stato sono presenti e attivi. La prepotenza delle mafie, non sopite dopo la morte di Salvatore Riina, titolare di un “regno mafioso” lunghissimo ed estremamente sanguinario, e di Bernardo Provenzano, impone il monitoraggio degli strumenti normativi esistenti che hanno del resto garantito fino ad oggi grandi risultati sul piano repressivo”.

Lo ha detto Walter Verini, capogruppo Pd nella Commissione Giustizia, il quale ha aggiunto che il Partito democratico giudica di fondamentale importanza “il rafforzamento degli strumenti investigativi, il coordinamento delle banche dati, la costituzione della Procura Europea, l’approvazione delle norme sui testimoni di giustizia e quelle a tutela delle donne e dei bambini appartenenti a famiglie mafiose”.

21/11/2017 - 10:36

Cose fatte e cose da fare: verso il 25 novembre giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Conferenza stampa Martedì 21 novembre  - ore 17:30 Sala delle conferenze – Camera dei deputati, via della Missione 4
 
Partecipano: Ettore Rosato, Presidente del gruppo parlamentare del Partito Democratico, Titti Di Salvo, Vicepresidente gruppo Pd, Silvia Fregolent, Vicepresidente gruppo Pd, Barbara Pollastrini, Presidenza gruppo Pd e Walter Verini, Capogruppo Pd in Commissione Giustizia

20/11/2017 - 16:33

“Io penso che in questi anni il Pd, con i governi guidati da suoi esponenti, abbia contribuito a migliorare la situazione dell’Italia. Certamente con riforme di cambiamento, che hanno prodotto risultati significativi. Rispetto opinioni diverse, anche a sinistra. Ma il confronto non può essere sul passato, con la testa rivolta all’indietro. Non si pretendano abiure, non si mettano veti, non si chiedano pentimenti. Si guardi al futuro, con disponibilità di tutti a trovare punti in comune. Questa si chiama Sinistra. Chi investe sulle divisioni rischia non solo di dare una mano a populisti e forze di destra, ma anche di compromettere - con quello del Paese - il futuro della sinistra. E allora, cari Speranza, Epifani, Bersani: se non ora, quando?”.
Così Walter Verini, deputato del Pd.

15/11/2017 - 13:29

“Il Gruppo del Pd ha votato a favore della proposta di legge sulle segnalazioni di irregolarità nei rapporti di lavoro pubblico o privato. Lo abbiamo fatto con convinzione anche perché siamo stati determinanti nel renderlo un provvedimento serio, efficace, non propagandistico, togliendo tutti quegli aspetti - come ad esempio la monetizzazione - che avrebbero incentivato il dilagare delle segnalazioni anonime, delle delazioni spesso  infondate. Abbiamo invece tutelato davvero la riservatezza di chi segnala comportamenti e pratiche che possono nascondere illeciti e reati”.
Così il deputato Dem Walter Verini, capogruppo in Commissione Giustizia.
“Abbiamo tenuto - aggiunge Walter Verini - l’atteggiamento opposto a quello di M5s, che in questi anni ha demonizzato tante leggi giuste, non per il loro contenuto, ma in quanto sostenute dai Governi a guida Pd e dalla maggioranza, descritti come l’Impero del Male. Siamo quasi ormai alla fine della legislatura ed è possibile tracciare anche su questo qualche bilancio. Sono stati anni nei quali abbiamo colpito e rafforzato le pene
per il voto di scambio politico-mafioso e ri-penalizzato il reato di falso in bilancio; introdotto il reato di auto riciclaggio e norme importanti contro ecoreati, ecomafie e caporalato. E’ diventata legge il nuovo Codice Antimafia e la normativa sul ritorno alla legalità nella gestione dei beni confiscati. Si è aumentato lo scatto della prescrizione per i reati contro la Pa e introdotto il Codice degli appalti. Noi possiamo, come tutti - conclude il capogruppo Pd in Commissione Giustizia - votare leggi imperfette e migliorabili, ma abbiamo sempre lavorato mossi da una bussola: quella dell’interesse del Paese. E le battaglie per le regole, contro illegalità e criminalità sono state elementi centrali di questo impegno”.
 

09/11/2017 - 11:31

“In questi giorni cade il decennale della morte ingiusta e assurda di Gabriele Sandri. Un ragazzo di vent’anni che stava seguendo la sua squadra del cuore, la Lazio, e che fu colpito dallo sparo di un agente fuori di testa. Gabriele amava la vita, il calcio, la musica e condivideva le passioni tipiche della sua età. Da quando la sua vita fu spezzata così tragicamente, la sua famiglia, la mamma Daniela, il papà Giorgio, il fratello Cristiano sono devastati dal dolore e però non hanno rinunciato a portare il loro messaggio nelle scuole di tutta Italia per affermare, nel nome di Gabriele, che gli stadi non possono essere luoghi dove prevalga l’odio, il razzismo, la violenza. Questo è stato l’insegnamento che la Fondazione che porta il nome di Gabriele Sandri ha voluto diffondere in questi anni ed è giusto che l’Aula Camera abbia dedicato ieri un momento di riflessione in memoria di questo ragazzo”.

Così, nel decennale della morte di Gabriele Sandri, il capogruppo in commissione Giustizia Pd Walter Verini, e vice presidente della Fondazione “G

08/11/2017 - 17:33

"Invece di fare una querela temeraria, stavolta quella gentaglia ha deciso di passare direttamente all’azione. E’ una violenza insopportabile”. Lo afferma il deputato Dem Walter Verini il quale esprime “solidarietà e vicinanza al giornalista di RaiDue” e aggiunge: “il grave episodio riporta al centro della cronaca la pericolosità dei clan che da troppo tempo infestano il territorio di Ostia, e non solo quello, anche grazie alla contiguità con ambienti politici. Inoltre, ci ricorda i tanti rischi che subiscono i giornalisti, minacciati con le querele temerarie o, come in questo caso, aggrediti. E’ davvero una emergenza contro la quale dobbiamo batterci”.    

02/11/2017 - 18:38

“La prima impressione sul ddl di riforma delle intercettazioni licenziato oggi dal Consigli dei ministri, è che siamo davanti ad una norma seria ed equilibrata”.  Lo dichiara Walter Verini, capogruppo Pd in Commissione Giustizia alla Camera, per commentare il disegno di legge sulle intercettazioni approvato dal Consiglio dei Ministri.

“Esamineremo – continua – più nel dettaglio il provvedimento per il parere che la Commissione Giustizia dovrà esprimere, e magari potranno emergere suggerimenti migliorativi, ma già ora si può dire che il Cdm abbia lavorato per tenere insieme due principi fondamentali: da un lato il rispetto della sfera personale, del diritto alla privacy non sempre osservato in questi anni (per quanto riguarda intercettazioni di alcun rilievo penale o di contesto) e dall’altro, il diritto di cronaca”.

“Altro elemento fondamentale è il fatto che il ddl non intacca minimamente, ma anzi rafforza, la facoltà della magistratura di utilizzare le intercettazioni ai fini delle indagini. E i giudizi negativi ed estremistici diametralmente opposti che in queste ore vengono sul provvedimento da Forza Italia e 5 Stelle, confermano l'equilibrio del testo", conclude.

Pagine