17/11/2016 - 13:48

"Ringrazio il Presidente della Repubblica Mattarella per le sue parole sensibili e attente alla condizione dell’infanzia e dell’adolescenza in Italia. Bambine, bambini, ragazze e ragazzi sono davvero il nostro avvenire,  ‘sono - come dice Mattarella - la speranza del Paese e abbiamo il dovere di offrire loro un futuro’. Bisogna garantire soprattutto a quelli che si trovano in difficoltà , ‘tutte le opportunità’ necessarie.

Punto centrale in questo contesto sono l’istruzione  e la cultura, la vera opportunità per uscire dall’isolamento e dalla emarginazione. E’ quanto ci chiede la Costituzione e bene ha fatto oggi Mattarella a ricordarcelo.

 Parlamento e Governo hanno già compiuto alcuni passi importanti con l’istituzione di un fondo per il contrasto alla povertà educativa e con il disegno di legge sulla povertà. Ma siamo tutti consapevoli che c’è ancora molto da fare. Da troppi anni si è trascurato l’impatto che la crisi economica stava producendo sui più piccoli, come, tra l’altro, ha evidenziato l’indagine conoscitiva svolta dalla commissione bicamerale infanzia e adolescenza sulla povertà minorile, del cui documento finale sono stata relatrice. 

Di grande rilievo è anche la conquista della legge per i minori migranti non accompagnati, approvata dalla Camera due settimane fa. Un grande risultato e ora occorre che il Senato dia presto il via libera sia al ddl sulla povertà sia alla legge per i minori. La nostra battaglia per i diritti dell’infanzia è iniziata e non cesserà, proseguirà con molte altre iniziative che porteremo avanti con una forte determinazione”. Lo ha dichiarato la deputata Pd Sandra Zampa, vicepresidente commissione  bicamerale Infanzia e Adolescenza.

16/11/2016 - 15:02

“I dati degli oltre 3 milioni e mezzo di minori italiani a rischio di povertà o esclusione sociale, diffusi oggi dall'Atlante dell’Infanzia di Save the Children, ci  confermano nelle preoccupazioni che di recente hanno condotto il Governo a istituire, per la prima volta, un fondo di contrasto della povertà minorile. I bandi per l'assegnazione delle risorse si chiuderanno tra poco e sarà importante che, con i fondi destinati dalle fondazioni bancarie, si dia vita a progetti in grado di incidere davvero sulle tante forme di povertà che l'Atlante di Save the Children ha messo in rilievo anche oggi e che già la Bicamerale per l'infanzia e l'adolescenza aveva identificato in una importante indagine conoscitiva. 
Proprio questi dati  ci rendono ancora più determinati nella lotta che in Parlamento e con il Governo stiamo conducendo  per contrastare la povertà nel nostro paese, come testimonia il via libera della Camera nel luglio scorso, alla legge  sul contrasto alla povertà, ora all'esame della commissione Lavoro e Previdenza sociale del Senato”. Lo dichiara la deputata Pd Sandra Zampa  vicepresidente commissione Bicamerale Infanzia e adolescenza
“Un ddl – spiega Zampa - che rappresenta un importante passo avanti nelle politiche di inclusione sociale e di lotta all'emarginazione e che individua i soggetti più deboli da cui è necessario partire, tra cui, in primo luogo, i minori. È un provvedimento che esce  dalla logica emergenziale per affrontare in modo sistematico il gravissimo fenomeno della povertà.  Le risorse complessive, pari a 1,4 miliardi di euro, non saranno destinate a pioggia, ma per la prima volta saranno indirizzate su interventi mirati. Il sostegno all'infanzia è prioritario e non solo per il contrasto alla povertà dei bisogni primari,  ma anche per quella educativa. Save the Children ci dice che il 14,7% di giovani si ferma a licenzia media e noi sappiamo che questo rappresenta un ostacolo sostanziale  per la crescita e lo sviluppo di tante bambine e bambini". 
“Il Governo e il Partito democratico – conclude -  proseguiranno con forza nel portare avanti il proprio  impegno su questo tema e ci auguriamo un’approvazione rapida del ddl al Senato. Solo con i fatti potremo togliere dalla povertà o dalle troppe privazioni bambine, bambini e ragazzi svantaggiati assicurando loro una vita dignitosa”.

15/11/2016 - 16:42

“I numeri preoccupanti  del rapporto di Terre des Hommes sui maltrattamenti nei confronti dei bambini ci dicono che dobbiamo investire sulla formazione dei soggetti professionali che entrano in contatto con i minori , con i medici, i pediatri, gli insegnanti, gli operatori dei servizi sociali “. Lo ha dichiarato la deputata Pd Sandra Zampa, vicepresidente Commissione Bicamerale Infanzia e adolescenza, intervenuta oggi alla presentazione del rapporto di Terre des Hommes 'Maltrattamento e abuso sui bambini: una questione di salute pubblica' presentato oggi nella Biblioteca Giovanni Spadolini del Senato.

“Secondo la prima indagine nazionale presentata alla Camera dei deputati nel maggio 2015 su iniziativa del Garante dell’Infanzia e realizzata in collaborazione con Terre des Hommes e CISMAI e con il supporto di Anci e Istat, - ha continuato Zampa -  i minorenni maltrattati in Italia, seguiti dal servizi sociali, sono 91.000. Più numerosi al Sud e al Centro rispetto al Nord. Bambine o ragazzine adolescenti e stranieri le due categorie più colpite . Ogni abuso lascia danni certamente destinati a durare nel tempo, ferite permanenti se non curate adeguatamente, e la politica deve avere la saggezza di interrogarsi sul costo sociale che tutto ciò produce. Che adulti saranno i bambini maltrattati, violati, ignorati, abbandonati a se stessi? Tutto ci mostra – ha concluso -  che occorre lavorare su due leve: la prevenzione e la cura. Mille sono i segnali che bambini e adolescenti lanciano agli adulti e nessun bambino va lasciato solo. Occorrono sentinelle in grado di leggere la realtà e agire".

04/11/2016 - 13:02

Quanto accaduto questa notte in Turchia dove sono stati tratti in arresto 11 deputati dell’Hdp, tra cui Selahattin Demirtas e Figen Yuksekdag i due co-leader di quella che è la terza forza politica turca, rappresentano un punto drammatico e forse di non ritorno per la vita democratica  di un grande Paese alle porte dell’Europa come la Turchia e rispetto al quale non possiamo rimanere a guardare”. Lo afferma la deputata e vicepresidente del  Pd Sandra Zampa. “Colpisce che ad essere vittima di questa repressione sia una forza politica e un leader, Demirtas, che si erano mostrati tra i primi e più contrari al golpe del 15 luglio e tra i più leali verso le istituzioni rappresentative democraticamente elette. Se si osserva che questi fatti sono conseguenza della decisione di abolire l’immunità parlamentare, operativa dal maggio scorso e quindi precedente al fallito golpe di luglio, si evince che l’arresto dei leader e dei deputati dell’Hdp non ha nulla a che vedere con quel drammatico accadimento, ma rappresenta l’esito di un disegno repressivo preparato da lungo tempo e perpetrato già nelle settimane precedenti con la chiusura di numerose emittenti radiotelevisive in lingua curda. Anche  per queste ragioni l’Italia,  l’Unione europea e tutte le istituzioni della comunità internazionale non possono rimanere in silenzio ma devono attivare tutti i canali diplomatici per far tornare il rispetto delle libertà fondamentali e dello stato di diritto in Turchia, consapevoli che altrimenti verrà messa a rischio la stabilità non solo di quel Paese, ma di tutto la Regione mediorientale”.

28/10/2016 - 16:40

 Grazie a associazioni e Anci

“Ringrazio le associazioni umanitarie e a tutela dell'infanzia per la sensibilità e il sostegno che ancora continuano oggi a manifestare per l’approvazione alla Camera, lo scorso mercoledì, della legge sul riordino del sistema di accoglienza dei minori stranieri, provvedimento che hanno sostenuto con grande impegno fin dalla stesura del primo testo, tre anni fa. 
Sono certa che al Senato si troverà la stessa trasversalità politica che siamo riusciti a costruire a Montecitorio, dove la legge è stata votata quasi all’unanimità.
Conosco bene l'attenzione e la sensibilità del presidente del Senato Grasso  per i temi che riguardano l’infanzia e, in particolare, il suo impegno per il problema della protezione dei minori migranti non accompagnati. Sono quindi sicura che potremo contare sulla sua attenzione .  
Questa legge rende davvero più civile il nostro paese e soprattutto restituisce senso alla fatica e all’impegno di sindaci che , proprio come le associazioni umanitarie di tutela per l’infanzia,  hanno sostenuto con forza attraverso l’Anci  questa legge espressione di grande civiltà giuridica che ha sempre contraddistinto il nostro paese”.  Così Sandra Zampa, vice presidente della Commissione bicamerale Infanzia e Adolescenza.

26/10/2016 - 21:15

"Il via libera alla legge sul riordino del sistema di accoglienza dei minori stranieri non accompagnati è una notizia bellissima. Queste norme non sono solo una risposta umanitaria e un atto di civiltà dovuto a questi bambini e ragazzi che fuggono da fame, guerre e malattie in cerca di un'occasione di vita migliore e di un futuro possibile ma mettono ordine nelle procedure, creano un sistema e  assegnano risorse. Questa legge rende finalmente effettivi i diritti che l'Italia ha riconosciuto sottoscrivendo la Convenzione dei diritti del fanciullo di New York nel 1991. E mai epoca come questa ha bisogno che ciò avvenga."

Così Sandra Zampa, vice presidente della Commissione bicamerale Infanzia e Adolescenza, commenta l'approvazione della Camera della proposta di legge in materia di riordino del sistema di accoglienza dei minori stranieri non accompagnati

"Attorno a questa legge, di cui sono prima firmataria, si è raccolto, nei tre anni che sono stati necessari per arrivare fino a qui, il più ampio consenso e il sostegno delle associazioni e delle organizzazioni per la tutela dell'infanzia e dei diritti umani, a cominciare da Save the Children che è all'origine dell'iniziativa legislativa, per proseguire con Unicef, Terre des Hommes, Caritas, UNCHR, Intersos, Sant'Egidio, Defence Ford children, Emergency, Oxfam, CIR, CNCA.
Fondamentale è stato il concorso dell'ANCI con cui abbiamo condiviso l'urgenza di mettere ordine allo stato attuale delle cose e l'esigenza di avere certezza circa le risorse destinate. Il mio ringraziamento va alla relatrice, Barbara Pollastrini, al mio gruppo parlamentare e al Presidente del Consiglio per il suo impegno. Oggi l'Italia riconquista nelle sedi internazionali e in Europa, un primato che riporta ancora una volta il nostro Paese a quel livello di civiltà giuridica che ci ha sempre contraddistinti".

26/10/2016 - 21:12

“Esprimiamo la più viva e ferma preoccupazione per quanto sta accadendo in Turchia dove ieri sono stati tratti in stato di fermo i due co-sindaci di Diyarbakir, Gültan Kışanak and Fırat Anlı, esponenti democraticamente eletti dalla città. E’ il segno ulteriore della sistematica repressione dell’autonomia politica delle realtà locali che ha già portato in prigione oltre 55 co-sindaci di cui  22 ancora in stato di detenzione. Se a questo si aggiunge l’oscuramento chirurgico della rete Internet in numerose province del sud est della Turchia, tra cui quella di Diyarbakir, ci rendiamo conto del forte deterioramento della vita democratica che sta subendo uno dei paesi membri del Consiglio d’Europa nonché candidato all’ingresso nell’Unione europea”. 

Lo affermano in una nota congiunta le deputate del Partito Democratico Marietta Tidei e Sandra Zampa.

20/10/2016 - 18:16

Oggi alla Camera la commissione Affari costituzionali ha votato il mandato alla relatrice per il nuovo testo base della legge sui Minori stranieri non accompagnati, a prima firma Sandra Zampa. Il provvedimento sara' in aula lunedi' 24 per la discussione generale e proseguira' il suo iter fino alla conclusione nei giorni successivi. "Sono fiduciosa che la settimana prossima si voti la proposta e tengo a valorizzare il protagonismo e il sostegno di partiti e gruppi politici di maggioranza e opposizione'', ha detto la relatrice, Barbara Pollastrini. ''E’ un provvedimento molto atteso da associazioni, agenzie umanitarie e da Sindaci  e amministratori, in particolare quelli piu' virtuosi e sensibili. Ma soprattutto - prosegue Pollastrini - penso a quei bambini e ragazzi  che senza genitori scappano da guerre e poverta' violenze. Sono circa 16 mila in Italia e riconoscere i loro diritti e' anche il modo per contrastare mafie, illegalita' e investire nella sicurezza per il nostro paese'', conclude.

19/10/2016 - 12:39

Presentata una interrogazione delle deputate Tidei e Zampa

Il caso Med Nuce, la televisione privata satellitare curda spenta lo scorso 3 ottobre da Eutelsat, società francese proprietaria dei satelliti, arriva in parlamento. Con una interrogazione parlamentare le deputate del Pd Marietta Tidei, prima firmataria, e Sandra Zampa chiedono al governo di fare chiarezza su una vicenda che tocca una emittente televisiva con sede operativa in Belgio ma giuridicamente italiana. Nel testo depositato alla Camera si chiede infatti espressamente al Governo “come intenda adoperarsi, per quanto di competenza per favorire una soluzione che porti al ripristino della libertà di stampa e di espressione che sembrano essere state negate ad una emittente televisiva privata satellitare, con sede legale nel nostro Paese”. Allo stato peraltro Med Nuce risulta “essere in regola – si legge sempre nel testo – sia con le autorizzazioni che con i pagamenti”.

L’ipotesi che sembra più plausibile è che questo oscuramento sia stato ordinato per motivi politici e che si collochi dentro una più vasta azione di repressione della libertà di stampa in Turchia che ha interessato canali televisivi, stazioni radiofoniche, quotidiani, periodici e decine di giornalisti. E’ la seconda volta in pochi giorni che il Partito Democratico solleva, nelle sedi istituzionali, la questione dei diritti civili in Turchia e della loro concreta agibilità. Già nelle scorse settimane era stata presentata una risoluzione, prima firmataria Sandra Zampa insieme a oltre venti colleghi del PD, per impegnare il governo “a porre in essere ogni iniziativa sul piano internazionale al fine di persuadere il Governo turco a ripristinare lo stato di diritto, la libertà di stampa e di opinione, il rispetto dei diritti umani ed, in particolare, dei diritti delle donne e dei minori, oltre alle condizioni minime di agibilità politica per le opposizioni”.

10/10/2016 - 16:31

“I dati presentati oggi da Terre des Hommes destano enorme preoccupazione e ci richiamano alla necessità di dare un senso alla tutela delle bambine e dei bambini che vivono nel nostro paese. La piaga delle violenze sessuali si può combattere e occorre pianificare interventi di azioni concrete che coinvolgano tutte le istituzioni facendo anche uso delle tecnologie più all’avanguardia. Occorre anche  potenziare, dove necessario, il corpo della Polizia postale che fa un importante lavoro. Tutto questo lo dobbiamo fare con la consapevolezza che la priorità è una alleanza tra tutti coloro che, a diverso tutolo, sono coprotagonisti della vita di un minore come educatori, familiari, istituzioni sanitarie e scuola che devono collaborare tra loro in un rapporto di leale fiducia”.

Lo ha detto Sandra Zampa, deputata del Pd e vicepresidente della commissione bicamerale sulla adolescenza e l’infanzia.

04/08/2016 - 20:06

Un’interrogazione per chiarire fenomeno e chiedere nuovi strumenti di prevenzione

“I numerosi episodi di violenza che si sono verificati nell'ultimo periodo a danno degli assistenti sociali descrivono una situazione allarmante: minacce e intimidazioni in costante aumento, che spesso sfociano in vere proprie aggressioni.” Lo dichiarano in una nota le deputate del Partito Democratico Ileana Piazzoni e Sandra Zampa, che hanno presentato una interrogazione parlamentare sul tema.

“Solo nel biennio 2015/2016 si contano ben 52 episodi di violenza, considerando esclusivamente i fatti più gravi, dai quali è scaturita una denuncia alle Autorità di pubblica sicurezza. Preoccupa infatti, soprattutto, la quotidiana violenza verbale cui gli assistenti sociali sono sottoposti e la conseguente situazione di stress. L’Ordine nazionale degli assistenti sociali ha più volte richiamato l’attenzione sul diffuso clima di tensione che, in un crescendo spesso fuori controllo, circonda il lavoro di quanti operano nei servizi sociali. Ciò è dovuto – spiegano le Deputate – alle carenze che sconta l’infrastruttura dei servizi territoriali, eredità dei pesanti tagli operati nel passato, e ai nuovi bisogni frutto della recente crisi economica, che hanno visto crescere le richieste d’aiuto. Se il potenziamento delle risorse professionali dei servizi  rappresenta una questione ineludibile, ancora più urgente appare far emergere negli enti locali la cultura del rischio”.

“Per questo motivo abbiamo chiesto al Ministero del lavoro e delle politiche sociali di attivare percorsi di formazione in grado di fornire agli assistenti sociali e a tutto il personale dei servizi metodologie e sistemi organizzativi efficaci per  affrontare i casi più delicati o potenzialmente pericolosi. La professione di assistente sociale – concludono le Deputate –  ricopre un ruolo centrale all'intero del sistema di welfare italiano, e garantire loro tutti gli strumenti necessari per gestire al meglio le situazioni di maggiore criticità, tutelando la loro incolumità, rappresenta un investimento a favore dell’intera rete di protezione e di sostegno della società italiana.”

20/07/2016 - 18:12

Dal M5S attacchi strumentali, le famiglie vogliono risposte concrete e serietà

“Sorprendono le parole con le quali i deputati del M5S Emanuele Scagliusi e Alfonso Bonafede attaccano la ministra Boschi dopo l’audizione in commissione Giustizia sulle adozioni internazionali. Sorprendono perché rivelano una doppiezza nel comportamento: nessuna critica quando intervengono in commissione e poi attacchi frontali nei loro comunicati stampa nei quali usano toni aggressivi ad esclusivo uso mediatico. Stupisce ancora di più che ciò avvenga su un tema delicato e importante come quello delle adozioni internazionali: le famiglie si attendono risposte e soluzioni e non contrapposizioni ad esclusivo fine di propaganda. Sorprende infine che le critiche vengano espresse dopo che il ministro ha illustrato un serio piano di lavoro volto a rilanciare la Cai la quale, dopo la necessaria fase di integrazione dei nuovi componenti, verrà convocata a settembre”.

Lo ha detto Sandra Zampa del Pd e vicepresidente della commissione bicamerale per l’infanzia e l’adolescenza.

30/06/2016 - 19:52

"A tre mesi dalla notizia della consegna, da parte del comune tedesco di Engelsbrand della medaglia al valor militare a Wilhelm Kusterer, si apprende oggi che il procedimento a carico dell' ex SS coinvolto nella strage di Marzabotto è stato archiviato. Oggi, come tre mesi fa, grandi sono l'indignazione e la ferma condanna di tutta la regione Emilia Romagna e del nostro Paese. Mi unisco allo sdegno espresso dai familiari delle innocenti vittime della furia nazista e da esponenti della politica". Così Sandra Zampa, vicepresidente del Partito democratico "Chiederò un incontro all'ambasciatrice tedesca in Italia per conoscere quali sono le motivazioni che hanno portato a questa decisione che riapre una ferita dolorosa e profonda per una intera comunità e un territorio che ha dedicato tanta attenzione e cura alla diffusione dell'educazione alla pace e alla memoria storica come valori con i quali non si scende a compromessi". Sandra Zampa, vice presidente del Partito democratico.

25/05/2016 - 20:06

“La liberazione di Khadija Ismayilova è una bella notizia”. Lo dichiara Sandra Zampa, deputata del Partito democratico.

“La decisione della Corte suprema dell'Azerbaigian, a seguito dell’appello degli avvocati della giornalista, restituisce alla  Ismayilova la libertà e ripara parzialmente all’ingiustizia e alla grave violazione dei diritti dell’informazione compiuta con il sua arresto e la sua condanna. Alla giornalista erano state imputate inchieste sulla corruzione ed era condannata per aver indagato con rigore il sistema di potere. La mobilitazione avvenuta in molte parti del mondo per la sua scarcerazione ha dunque raggiunto il risultato sperato”.

“Anche il Parlamento italiano ha fatto la sua parte, con un’interrogazione in Commissione Esteri a mia prima firma, sulla grave violazione dei diritti umani in quel paese. Siamo davvero contenti per il ritorno in libertà di Katia e ci auguriamo che torni presto al suo lavoro”, conclude.

23/05/2016 - 18:43

"E' da salutare con sollievo la notizia della vittoria, in Austria,  di Van der Bellen al quale vanno davvero rivolti i migliori auguri di buon lavoro. Il compito che lo aspetta è molto impegnativo e difficile perché si accinge a governare un Paese diviso, con una forte componente populista al suo interno che si potrà sconfiggere solo con la ripresa della costruzione di una buona Europa." Così commenta Sandra Zampa, vicepresidente del Partito democratico, la vittoria in Austria di Van der Bellen.

"Il mio auspicio è che egli possa trovare al più presto una intesa con quanti vogliono, come il governo italiano, ricostruire questa buona Europa e che i paesi europei, non governati dai partiti di destra e populisti, uniscano le forze per questo obiettivo, superando le eventuali differenze".

Pagine