29/10/2014 - 18:28

Lettera aperta all’ambasciatore, “siamo indignati per l’uccisione di Reyhaneh Jabbari”

Una delegazione di parlamentari del Pd si recherà questa sera all’ambasciata dell’Iran in via Nomentana a Roma per manifestare la propria indignazione per l’impiccagione della giovane donna Reyhaneh Jabbari, avvenuta lo scorso 25 ottobre. La delegazione è composta, fra gli altri, da Roberta Agostini, Sofia Amoddio, Lorenza Bonaccorsi componente della segreteria nazionale del Pd, Rosa Calipari, Elena Carnevali, Anna Maria Carloni, Susanna Cenni, Maria Chiara Gadda, Daniela Gasparini, Anna Giacobbe, Fabrizia Giuliani, Chiara Gribaudo, Vanna Iori, Pia Elda Locatelli, Barbara Pollastrini, Anna Rossomando, Gea Schirò, Marietta Tidei, Valeria Valente e Sandra Zampa, componente della commissione Esteri e vicepresidente della commissione bicamerale per l’infanzia e l’adolescenza.

Segue testo della lettera inviata questo pomeriggio all’Ambasciata iraniana a Roma.

 

14/10/2014 - 20:06

“Con l'approvazione in I Commissione della proposta di legge per la tutela dei minori stranieri non accompagnati il Parlamento consegue oggi un risultato di grande valore politico e umanitario. Le nuove norme attese da tempo dalle Associazioni e dai Comuni italiani affrontano e rispondono in modo concreto e razionale alle necessità di accoglienza che ogni giorno la cronaca ci mette sotto gli occhi con il racconto degli sbarchi di tanti minori giunti sulle nostre coste da soli, senza alcun adulto che possa loro provvedere. Si tratta di un risultato davvero di grande valore, che va ascritto a pressoché tutte le forze politiche presenti in Parlamento i cui esponenti hanno saputo comprendere l'urgenza di riorganizzare l'accoglienza dei minori stranieri non accompagnati. Questa proposta di legge di cui ho l'onore di essere prima firmataria, è nata su impulso di Save the Children e il mio ringraziamento va a questa Associazione che da sempre si batte per i diritti dei minori. Un ringraziamento speciale alla relatrice, Barbara Pollastrini e a tutti i colleghi della Commissione Affari Costituzionali per la sensibilità e l'impegno profusi". E' quanto dichiara Sandra Zampa, vicepresidente della Commissione Infanzia e Adolescenza, prima firmataria della proposta di legge che riordina il sistema di accoglienza dei minori stranieri non accompagnati al fine di dotare il nostro Paese di una nuova organizzazione, rispettosa del superiore interesse del fanciullo e al contempo attenta alle necessarie misure di razionalizzazione della spesa. 

“Occorre ora che la Commissione Bilancio e le altre Commissioni interessate dall'iter legislativo, raccolgano l'urgenza e procedano ad esprimere un parere prima che abbia inizio la sessione di bilancio che ne comporterebbe una lunga sospensione. Di questa legge c'è bisogno subito. Ogni sindaco lo sa e le Associazioni umanitarie sono a chiedercelo ogni giorno. Lo dobbiamo ai tanti minori stranieri che disperati raggiungono, dopo un vero calvario di sofferenze e di violenze, il nostro Paese, finalmente un luogo in cui trovare accoglienza".

 

22/07/2014 - 17:44

“Quali iniziative il governo intenda assumere, anche nell’ambito della Presidenza italiana del semestre europeo, per fermare la crisi umanitaria e rilanciare un strategia politica europea in favore della ripresa del processo di pace in Medioriente”.

E’ il tema dell’interrogazione presentata da un gruppo di deputati del Partito Democratico, primo firmatario il capogruppo in commissione Esteri Vincenzo Amendola (e a seguire Lia Quartapelle , Khalid Chaouki , Andrea Manciulli, Eleonora Cimbro, Marco Fedi, Francesca La Marca, Marina Sereni, Sandra Zampa), rivolta al Ministro degli Esteri Federica Mogherini.

L’obiettivo è sollecitare il governo a sostenere in tutte le sedi le iniziative a favore di una tregua che possa consentire di riprendere i negoziati tra le parti in conflitto. Parti che – come si sottolinea nell’interrogazione – finora non hanno trovato alcun punto di contatto, ed entrambe sono state vittime di opposti e pericolosi estremismi, mentre le organizzazioni internazionali lanciavano frequenti e inascoltati allarmi in difesa delle popolazioni inermi.

 

15/07/2014 - 19:54

“Il voto di oggi è una bella pagina di questo Paese. Non solo perché la legge sulle adozioni internazionali approvata dalla Camera nel ’98 mantiene tuttora la sua validità perché lungimirante e intelligente, ma anche perché siamo un Paese generoso e capace di aprirsi al mondo”. Lo afferma la deputata del Pd, Sandra Zampa, intervenendo in Aula sulla mozione unitaria per favorire le adozioni.

“Nelle statistiche internazionali – spiega Zampa - siamo al secondo posto dopo gli Sati Uniti per numero di adozioni. Ma il dato quantitativo non spiega da solo la qualità e la generosità delle famiglie italiane nel dare risposte ai bisogni dell’infanzia, facendosi carico anche di casi molto problematici. Il sistema italiano è considerato un modello, anche per i rapporti di collaborazione che instauriamo con i paesi di provenienza. Il governo Renzi ha creato una struttura ad hoc a Palazzo Chigi, la CAI (Commissione per le adozioni internazionali), che ha funzioni di controllo e di garanzia sull’intera procedura. Con la mozione approvata oggi chiediamo l’impegno del governo perché la legge sulle adozioni, che è una buona legge, possa funzionare al meglio e per questo è necessario che vengano snellite le pratiche burocratiche, fissati tempi certi, rafforzate le relazioni bilaterali, sostenuta la CAI e rifinanziato il fondo per le adozioni”. 

 

16/05/2014 - 15:15

“La scelta di Luisa Todini di mantenere doppio incarico e doppio stipendio alle Poste e alla Rai appare inopportuna. Il nuovo corso avviato dal governo nelle aziende pubbliche mal si concilia con la moltiplicazione delle poltrone”. E’ quanto dichiarano i senatori del Pd Camilla Fabbri, Francesco Verducci e i deputati Lorenza Bonaccorsi, Gero Grassi, Antonio Misiani, Nicodemo Oliverio e Sandra Zampa.

“Siamo sicuri che la consigliera Todini – spiegano – possa effettuare una riflessione ulteriore, anche alla luce delle sue dichiarazioni subito dopo la nomina a presidente delle Poste, con le quali aveva messo in luce la difficoltà di fare bene troppe cose insieme. Tra l’altro sorprende che l’incarico di presidente delle Poste, un colosso da oltre 140mila dipendenti, sia sminuito come una sorta di funzione onorifica, così come risulta quantomeno sospetto il ragionamento secondo cui il ruolo in Rai è strategico e delicato, ma in caso di scelta Todini opterebbe per Poste, dove la remunerazione è maggiore”.

“E’ singolare, inoltre – aggiungono i parlamentari – che la Todini si definisca un ‘bravo soldato’ pronto a rispondere agli ordini che riceve. Le personalità indicate nei Cda devono portare le proprie competenze al servizio dell’interesse pubblico e non essere a disposizione di non meglio precisati generali, magari per tutelare ‘equilibri’”.

06/05/2014 - 18:48

“Chiediamo al governo di predisporre un sistema di raccolta dei dati e di monitoraggio del fenomeno della violenza sui minori, dell’abuso sessuale e dell’adescamento tramite la rete internet”. Lo hanno detto Vanna Iori, deputata e responsabile del Pd per l’infanzia, prima firmataria della mozione, e Sandra Zampa, del Pd vicepresidente della commissione bicamerale sull’infanzia durante una conferenza stampa oggi a Montecitorio.

“La mozione che abbiamo presentato – ha detto Iorio – mira a prevenire e contenere la pedofilia e la pedopornografia. Sono questi fenomeni sommersi ma diffusi più di quanto dicano i numeri ufficiali. Il vero allarme è legato ai luoghi degli abusi, il 90% degli avvengono in famiglia, e a chi li compie, in gran parte sono commessi da padri e nonni. Il 68% di chi subisce abusi sono femmine. Oltre a questo c’è il fenomeno del turismo sessuale nel quale l’Italia è al primo posto con 80mila viaggi l’anno. In continuo aumento sono poi la pedopornografia e la pedofilia online”.

“La nostra mozione - ha detto dal canto suo Zampa - sarà il testo di tutta la maggioranza. Il Pd è orgoglioso di avere una specializzazione sul tema della infanzia e tutela dei diritti dei minori. Chiediamo di concedere alla Polizia postale, che fa un importantissimo lavoro, la possibilità di condurre indagini con attività sottocopertura per l’adescamento dei minori in rete”.

Pagine