26/10/2017 - 16:52

“Il riconoscimento formale dei domini collettivi, obiettivo strategico della legge, è cosa molto attesa e lungimirante”. Lo dichiara Giorgio Zanin, deputato del Partito democratico e componente della Commissione Agricoltura della Camera, per commentare l’ok della Camera alle norme in materia di domini collettivi.

“Le proprietà collettive – spiega - costituiscono un altro modo di possedere, che unisce fattispecie diverse quali la proprietà, la gestione e l'uso civico delle terre, dei boschi, delle lagune. Una specie di origine pre-moderna, che vive quasi una vita separata dagli altri domini privati o pubblici, a partire dallo specifico ruolo esercitato dalla collettività locale, un ruolo non solo di utilità ma soprattutto di gestione civica. Si tratta perciò di un riconoscimento non secondario, che di fatto rende giustizia ad una storia che per modificazioni socio-economiche e volontà di superamento politico rischiava di far perdere molti ‘treni’ al nostro contesto nazionale. L'approvazione della legge è anche un'occasione in cui si pone al centro un nuovo rapporto tra le comunità e i loro territori. Spetterà poi alle comunità locali cogliere l'occasione, rilanciare l'iniziativa, a questo punto senza più alibi. Tanto più se, come auspicato, le regioni sapranno cogliere l'opportunità offerta per sviluppare un'attività normativa che oltre a favorire il riconoscimento in sé e per sé, uscendo da ambiguità e frammentazione, sappia offrire energia per rilanciare davvero i domini collettivi. Una fattispecie tra l'altro che avrebbe ragionevolmente da essere anche spinta con la creazione di nuovi domini”.

“Ad esempio a superamento della frammentazione fondiaria nelle aree interne, piaga perniciosa che impedisce tanto spesso una gestione attiva delle risorse di bosco e pascolo in montagna”, conclude.

21/09/2017 - 16:53

"Ora, dopo il voto praticamente all'unanimità del Senato per il passaggio di Sappada in Friuli Venezia Giulia,  si prosegua rapidamente anche alla Camera a votare il passaggio di Regione per Cinto Caomaggiore.

Le leggi che prescrivono i passaggi di regione sono chiare e la volontà espressa democraticamente dai cittadini va rispettata proprio in ossequio alla legge. Le considerazioni di opportunità politica e gli effetti indesiderati si combattono cambiando le leggi, non evitando di rispettare quelle esistenti per calcoli più o meno astrusi.

Quanto all'opportunità di provvedere al passaggio di Regione con legge costituzionale, chi sostiene questa tesi non sa o finge di non sapere che esistono sentenze precise che attestano la piena legittimità delle leggi ordinarie. Si eviti perciò di perdere ulteriore tempo,  l'attesa dei cittadini di Cinto Caomaggiore dura da 11 anni,  e si proceda". Così il deputato Pd Giorgio Zanin

26/07/2017 - 15:23

Riconoscere l’importanza delle associazioni musicali, corali, bandistiche e folcloristiche definendo anche misure di sostegno , incentivo, agevolazione e promuoverne l’insegnamento nelle scuole e nelle comunità; orientare questo settore in una prospettiva europea; promuovere un sistema che valorizzi i progetti di qualità e semplifichi l’apparato burocratico , evitando la dispersione a pioggia delle risorse ; favorire la formazione del pubblico . Sono questi i passaggi fondamentali della proposta di legge Pd, a prima firma del deputato Giorgio Zanin, presentata oggi a Montecitoro.

“Il provvedimento  – ha spiegato Zanin –  si propone di porre rimedio a una condizione fragile e critica dei cori, delle bande e dei gruppi folcloristici, che con le loro reti diffuse svolgono un ruolo culturale inestimabile nel tessuto socioculturale e vanno adeguatamente sostenuti in quanto presidi culturali, musicali e sociali irrinunciabili, un patrimonio prezioso da sostenere, custodire e valorizzare".
Presenti alla conferenza, anche il deputato Pd Marco Donati, firmatario della pdl, che ha sottolineato il valore  identitario di questo settore della cultura e  Sante Fornasier, della Federazione Nazionale Italiana associazioni regionali corali (Feniarco) che sottolineato come la proposta di legge  “darà gli strumenti  per una destinazione finalmente trasparente dei contributi previsti per il settore evitandone  la dispersione a pioggia, come accaduto fino ad oggi”. Per Giampaolo Lazzari, presidente Ambina ( Associazione Nazionale bande italiane musicali autonome e gruppi corali) il provvedimento “pone fine a un nostro disagio nella formazione di base nelle scuole”. Un apprezzamento alla pdl  è stato poi espresso da Giovanni Bressan,  presidente UGF FVG, e da Ettore Galvani presidente Feniarco, che lo ha definito  “ un punto di non ritorno”.
 

26/07/2017 - 11:39

Presentata oggi, mercoledì 26 luglio, ore 13, sala stampa Montecitorio

Oggi, mercoledì 26 luglio, alle ore 13,00, presso la Sala stampa di Palazzo Montecitorio si terrà la conferenza stampa di presentazione della proposta di legge “Disposizioni per la promozione, il sostegno e la valorizzazione della musica corale, bandistica e folclorica" (A.C. 4520), promossa dall’on. Giorgio Zanin.
Interverranno: on. Marco Donati; Sante Fornasier di Feniarco (Federazione Nazionale Italiana Associazioni
Regionali Corali), che ha collaborato in modo decisivo alla stesura della proposta; l'attuale presidente Feniarco Ettore Galvani; il presidente Anbima Giampaolo Lazzeri; il presidente UGF FVG Giovanni Bressan.
"I cori e le bande musicali non professionistici e i gruppi folcloristici - spiega Giorgio Zanin - rappresentano un valore qualificante della tradizione culturale musicale italiana, con una presenza capillare nel territorio nazionale grazie agli oltre otto mila gruppi locali attivi, anche nei comuni più piccoli. Un presidio di cultura attiva, che accompagna migliaia di manifestazioni. Nonostante questo ruolo prezioso, queste aggregazioni purtroppo non sono adeguatamente sostenute, la pdl che sarà presentata - conclude Zanin – vuole porre rimedio a una condizione critica del settore”.

01/06/2017 - 15:14

Il governo ha accolto odg del Pd, ministra Pinotti faccia valere questo impegno

"Sono molto soddisfatto dell’accoglimento da parte del governo di un mio ordine del giorno che impegna l’esecutivo ad estendere in tutte le regioni la concessione del trasporto pubblico regionale gratuito ai militari in divisa, al fine di renderne evidente la presenza sui mezzi di trasporto con effetti positivi sulla percezione della sicurezza per i cittadini. Mi auguro che la ministra Pinotti sappia far valere questo impegno, a beneficio di tutto il mondo militare”. Lo ha detto Giorgio Zanin, deputato del Pd componente della commissione Difesa e primo firmatario dell’ordine del giorno approvato dall’Aula.

“La sede di servizio di un numero significativo di personale militare - prosegue Zanin - non coincide con il luogo di abituale residenza e questo comporta quotidiani spostamenti perlopiù, nell'ambito regionale. Alcune regioni, tra le quali Liguria, Lazio e Campania, hanno riconosciuto al personale delle Forze armate la possibilità di avvalersi gratuitamente dei servizi di trasporto ferroviario e di quello reso attraverso i pullman a livello regionale; l'iniziativa di queste regioni, assolutamente condivisibile, determina però una disparità di condizione, alla quale appare opportuno porre rimedio estendendo tale possibilità a tutte le altre regioni. Inoltre, la presenza sui mezzi di trasporto pubblico di militari in divisa rappresenta intrinsecamente un elemento di rassicurazione per tutti i viaggiatori e questo beneficio può sicuramente compensare gli eventuali oneri per la concessione del servizio gratuito”.

15/05/2017 - 18:10

Alla Camera primo incontro promosso dalla “Rete: Amici Della Fondazione Achille Grandi”

“Per un nuovo umanesimo, da dove ricominciare: la Dottrina Sociale della Chiesa alla luce del magistero di papa Francesco” è il titolo dell’incontro che si terrà giovedì 18 maggio, alle 14 nella Sala Salvadori della Camera dei deputati.

 Si tratta del primo appuntamento della “Rete: Amici della Fondazione Achille Grandi”, l’associazione di amicizia politica nata lo scorso dicembre come luogo di approfondimento e di cultura politica rivolto a tutti i cittadini che intendono intraprendere l’impegno nelle istituzioni pubbliche.

 “Come ‘Rete’ – dichiara Francesco Prina, deputato del Pd e presidente dell’associazione - vogliamo dichiarare pubblicamente che la Dottrina Sociale della Chiesa, dissolte le ideologie del ‘900, è ancora oggi la base fondamentale del nostro agire politico. Inoltre – aggiunge il deputato del Pd - le pratiche evangeliche di papa Francesco ci interpellano e ci spronano a riproporre i principi in essa contenuta per un nuovo umanesimo in questo storico cambiamento d’epoca”.

 A moderare l’incontro Giorgio Zanin, deputato del Pd. Interverranno Giacomo Costa JS, direttore di Aggiornamenti Sociali; Matteo Truffelli, Presidente Nazionale di Azione Cattolica e Roberto Rossini, Presidente Nazionale delle Acli. Concluderà il Sottosegretario Luigi Bobba.

23/03/2017 - 12:26

Il prossimo 25 marzo si celebra il sessantesimo anniversario dei trattati di Roma che hanno dato vita all’Unione Europea.

"Per l’occasione - spiega l'on. Zanin - ho deciso di promuovere, insieme ad un numeroso gruppo di giovani della provincia di Pordenone, un viaggio-studio che si concluderà proprio a Roma con la partecipazione alla grande marcia per l’Europa, promossa dal movimento federalista europeo. Oggi faranno tappa a Firenze presso gli Archivi Storici dell'Unione Europea di Villa Salviati. A Roma, poi, visiteranno la Camera dei Deputati e avranno così l'opportunità di comprendere il processo legislativo, anche per uscire dai luoghi comuni dell'antipolitica, dove avranno modo di dialogare con il collega On. MIchele Nicoletti sulla crisi e gli scenari europei e con il sottosegretario On. Luigi Bobba a proposito del servizio civile nazionale ed europeo e sulla necessità di orientare in modo coerente con la volontà di pace le politiche di sicurezza e di difesa. Sabato 25 marzo infine, insieme a migliaia di europei si uniranno per partecipare alla Marcia per l’Europa 2017 e dare un messaggio forte per il rilancio dell’integrazione politica europea".

"Siamo una ventina di giovani - concludono Marco Salvadego e Marco Cavallaro, co-organizzatori del viaggio - di età e provenienza diversa, chi iscritto al PD, chi di area centro-sinistra e chi proveniente dalla società civile, ma accumunati tutti dalla medesima visione di Europa, ovvero quale condizione necessaria per la pace, la prosperità e il progresso del nostro continente. In molti hanno individuato il prossimo 25 marzo come una data spartiacque. Essere a Roma quel giorno avrà un valore simbolico: vogliamo uno Stato europeo e lo vogliamo adesso. Non domani. La strada la conosciamo, ci serve solo qualcuno in grado di guidarci".
 

23/03/2017 - 12:04

“Il settore pataticolo in Italia rappresenta un mercato molto importante in termini quantitativi e qualitativi: la produzione della patata infatti è la seconda coltivazione orticola per diffusione e importanza (dopo il pomodoro) nel nostro Paese, con circa 60 mila ettari di terreno e 50 mila coltivatori. Anche il territorio della destra Tagliamento è fortemente interessato dal tema, basti ricordare l’eccellenza della patata di Ovoledo”. Lo ha dichiarato il deputato Giorgio Zanin che aggiunge: “Ieri in Commissione agricoltura  è stata approvata all’unanimità la risoluzione sul settore pataticolo a mia prima firma, che impegna il governo a non sottovalutare questi dati e a mettere in campo risorse per rilanciare un comparto che sta rischiando il collasso, a causa dei mancati finanziamenti dedicati al settore. La patata, infatti, non rientra nell'elenco dei prodotti che possono beneficiare degli aiuti comunitari e i9noltre i sostentamenti messi in campo dal governo nazionale negli anni scorsi al momento sono bloccati. La conseguenza diretta è un aggravamento molto forte delle condizioni del mercato pataticolo. Gli impegni, discussi anche con il presidente di CoProPa di Zoppola (PN) Flavio Pighin e con il presidente Sante Cervellati di UNAPA, Unione Nazionale fra le Associazioni dei Produttori di Patate, prevedono dalla lotta alle problematiche fitosanitarie allo sviluppo della ricerca genetica, dagli indirizzi sempre più necessari in termini di tracciabilità del prodotto all’avvio di un serio programma di informazione al consumatore in materia di sicurezza alimentare e alla promozione della coltivazione con metodo biologico. Tutti impegni che,  oltre allo sblocco dei fondi, richiedono e necessitano della costituzione di un osservatorio economico nazionale della patata capace di orientare l’azione. I margini di crescita sono amplissimi ed è dunque necessario promuovere il Made in Italy anche nel settore pataticolo".

10/11/2016 - 14:40

“Il senatore Gasparri, con le sue dichiarazioni in merito alla vicenda dei fucilati per mano amica della Grande Guerra, rivela almeno tre gravi mancanze. La prima è che dimostra di non conosce la legge di cui vuole parlare, cioè il provvedimento approvato alla Camera, che non prevede affatto la riscrittura della storia ma la riapertura d'ufficio dei processi per appurare se la pena di morte risulta giustificata dal reato ascritto al militare o applicata semplicemente per dare l’esempio, come pretendeva la circolare Cadorna. Per quanti tra loro verranno ritenuti vittime ingiuste della pena capitale, la riabilitazione sarà un atto conseguente di civiltà giuridica, coerente con i valori e i dettami del nostro ordinamento ed emesso dalla stessa magistratura militare. Il secondo errore è nell'attribuire al Senato una saggezza che implicitamente, secondo lui, la Camera intera non possiede, visto che qui abbiamo approvato all'unanimità il provvedimento di cui sono stato Relatore. Questa esternazione non solo è supponente ma è anche gravemente lesiva della qualità del lavoro svolto in questo ramo del Parlamento. In terzo luogo, sul piano politico, si assume delle responsabilità con un bullismo doppiamente fuori luogo: da un lato contraddice i colleghi di partito che alla Camera, per l'appunto, hanno approvato il provvedimento, dall'altro si assume un ruolo di arbitro senza essere parte della maggioranza che in questo momento governa il Paese e che ha la responsabilità in prima battuta di approvare le leggi. Una dichiarazione improvvida, che stupisce e che si giustifica probabilmente solo con la voglia da parte di Gasparri di sostenere la riforma Costituzionale che prevede un Senato con nuovi compiti”.

Così Giorgio Zanin, deputato Pd e relatore alla Camera del provvedimento approvato alla unanimità sulla riabilitazione dei soldati decimati durante la Guerra Guerra per decisione dei loro superiori.

 

18/05/2016 - 20:00

"Il viceministro del Lavoro Bellanova oggi ha dato una importante e soddisfacente risposta alla nostra interrogazione in commissione a proposito del Fondo per il credito alle aziende vittime di mancati pagamenti (Fondo "Serenella"), istituito con la legge di stabilità 2016. La materia è di notevole importanza, a salvaguardia del comparto produttivo e dell'occupazione, tanto da necessitare anche di una speciale attenzione nel merito della revisione delle norme in materia di fallimento, data anche la evidente presenza di casi di fallimento fraudolento, come evidenziato proprio dal caso dell'imprenditrice Serenella Antoniazzi dalla cui vicenda ha preso nome il fondo". Lo dicono i deputati del Pd, Gianluca Benamati e Giorgio Zanin, firmatari dell'interrogazione.

"Il Governo ha spiegato le ragioni del rallentamento nell'emanazione dei decreti attuativi, ma il testo predisposto è ora pronto per l'invio al Ministero dell'Economia e delle finanze per il previsto concerto. Come auspicavamo, ci è stata assicurata la massima solerzia circa i tempi di adozione, con l'impegno a tenere aggiornato il Parlamento", hanno aggiunto manifestando "il pieno sostegno all'impegno del Governo a valutare la possibilità di ulteriori interventi per garantire anche la tenuta delle aziende in stato di necessità".

26/04/2016 - 19:41

“Bene ministro Pinotti sugli F-35, per riduzione a metà del peso economico del programma, in linea con l’azione parlamentare. Investimento che salvaguarda anche il sentimento popolare, a vantaggio di una diversa e aggiornata idea di sicurezza”. Lo dichiara il deputato del Pd, Giorgio Zanin.

09/03/2016 - 16:49

Question Time con Martina

 

“La sua risposta, ministro Martina, è un bel segnale. Lei lo sa anche per esperienza personale: ogni anno migliaia di ragazzi si diplomano negli istituti tecnici e professionali a indirizzo agrario. Le iscrizioni sono da qualche anno in crescita. Segnale di una percezione del settore primario che sta mutando di segno. Di questo ringraziamo in primo luogo scuola e insegnanti ma anche l'impegno di tanti che hanno portato allo straordinario successo di Expo, sulla cui scia oggi color:#333333"> possiamo far scorrere un po' di buon futuro. Sono felice che questo governo offra, per stare in tema, il concime ideale per coltivare i sogni di tanti giovani. L'agricoltura italiana attraverso i giovani può mirare a traguardi di innovazione che valorizzino al meglio la nostra tradizione nazionale. Il passaggio di testimone è un percorso abituale per il mondo agricolo. Ma qui, nel piano operativo del Governo che lei ci ha descritto, c'è di più.

Abbiamo bisogno di giovani preparati per vincere le sfide della multifunzionalità e della produzione di qualità. Abbiamo bisogno di imprenditori agricoli giovani e flessibili, capaci di aggregarsi e di studiare la transizione necessaria per le coltivazioni nell'epoca del cambiamento climatico. Abbiamo bisogno di giovani che fanno impresa agricola e contribuiscono in questo modo al presidio del territorio che in tante zone rischia l'incu. Il Governo con il Piano Giovani, con le misure che Lei ha delineato, dimostra di aver capito queste urgenze e come deputati siamo orgogliosi di accompagnare la spinta che questo Governo sta imprimendo all'occupazione giovanile, non solo nel mondo agricolo, e con essa anche alla crescente presenza femminile in agricoltura. Le cose fatte bene e che funzionano, a me fanno venire il buon umore. In questo caso ho anche la sensazione di essere in giovane compagnia. Grazie Ministro!” Così il deputato Pd Giorgio Zanin durante il question time con il ministro Martina.

27/11/2015 - 12:53

In relazione agli effetti che i cambiamenti climatici provocano anche in agricoltura, la XIII commissione ha approvato la risoluzione del deputato Pd Giorgio Zanin che impegna il Governo a promuovere la costruzione di un tavolo permanente nazionale per sostenere una pianificazione a 20-30 anni della trasformazione colturale, delle esigenze del mondo zootecnico e che indichi un percorso di negoziazione in sede europea anche a proposito di indennizzi e di polizze assicurative. La risoluzione, votata all’unanimità, assorbe alcuni obiettivi proposti anche da M5stelleo e Sinistra Italiana.

Spiega il deputato Zanin : “ La prossima settimana, a Parigi, si terrà la COP 21 ai fini di contenere il cambiamento climatico. L’agricoltura, un comparto che produce notevoli quantità di gas serra, nei prossimi decenni sarà inevitabilmente condizionata dai cambiamenti climatici in atto. La fascia del sud Europa sarà la più colpita nel continente, con rovesci improvvisi, siccità e generale impoverimento idrico. Diventa quindi decisivo una specifica iniziativa che accompagni il mutamento in atto, anche a tutela del reddito agricolo nazionale. La resilienza del sistema-agricoltura – continua - è legata in misura notevole al tradizionale passaggio generazionale di conoscenze, mentre oggi sono necessarie conoscenze che aiutino una pianificazione di lungo corso. Il mondo scientifico deve essere coinvolto per sostenere i percorsi formativi dei soggetti pubblici come Ersa e privati come i consulenti tecnici delle associazioni di categoria quali Coldiretti, Confagricoltura e Cia”.

“Il testo – conclude Zanin – è frutto anche di una serrata collaborazione con il Dipartimento di Scienze Agrarie ed Ambientali dell’Università di Udine ed, in particolare, con il Prof. Federico Cazorzi. Ritengo che non solo il mondo universitario, ma tutte le istituzioni di istruzione, formazione e assistenza devono assumere in questo senso un ruolo primario per coadiuvare gli agricoltori, mentre le organizzazioni agricole devono collaborare nel progetto coerente di innovazione dei processi produttivi. Solo così sarà possibile promuovere un modello di agricoltura sostenibile, incoraggiando le comunità locali a gestire la produzione e il consumo delle proprie risorse, promuovendo la transizione verso l'agroecologia e le pratiche resilienti”.

07/10/2015 - 15:26

La tragedia del Vajont non fu provocata per incuria, ma per colpa grave. Per questo il deputato Pd Giorgio Zanin ha inviato una nota alla Vicepresidente della Camera On. Marina Sereni che presiederà a Montecitorio le celebrazioni per la “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali causati dall'incuria dell'uomo” sollecitando la riformulazione della dicitura della suddetta Giornata istituita nel 2011 per eliminare la parola "incuria".

“L’anno scorso - spiega in deputato pordenonese - in sede di approvazione alla Camera del Collegato Ambiente - Legge di Stabilità 2014, avevo presentato l'emendamento, sottoscritto da numerosi colleghi, finalizzato alla riformulazione della dicitura della suddetta Giornata istituita nel

2011 per eliminare la parola "incuria" Con questa nota, ho voluto sollecitare la Vicepresidente a farsi carico pubblicamente della volontà di numerosi parlamentari di emendare la vigente interpretazione. Infatti, in taluni casi di disastri ambientali e industriali sono stati messi in azione non comportamenti involontari ma attivi, in spregio del valore della vita.

“Tale proposta – spiega Zanin - trova ragione nel sentimento comune della gente che collega al termine “incuria” un inadempimento dovuto ad un comportamento scorretto ma non di particolare gravità. Poiché la giornata indetta dalla legge per la data del 9 ottobre fa di fatto un esplicito riferimento alla memoria della tragedia del Vajont, mi preme sottolineare che al Vajont non ci fu incuria, ma colpa grave, come dimostrato chiaramente dalla ricostruzione dei fatti. Non si tratta dell'unico caso, ed è quindi evidente la necessità di correggere la denominazione della legge, irriguardosa in particolare delle vittime”.

05/08/2015 - 14:54

Oggi a Montecitorio giornata di promozione della frutta nostrana, in particolare delle pesce e nettarine che potranno essere degustate dai deputati i quali le troveranno a disposizione sui banchi della bouvette.“L’appuntamento – spiega il deputato del Pd Giorgio Zanin - riprende una campagna nazionale accompagnata anche dal MIPAAF, per sensibilizzare in merito alla crisi che sta danneggiando profondamente il comparto ortofrutticolo italiano. La produzione di pesche rappresenta oltre il 50% del settore ortofrutticolo in estate ed è la fascia più colpita dal periodo di difficoltà.”. Una promozione quelle delle pesche voluta anche dall’ l'Organizzazione Interprofessionale ORTOFRUTTA ITALIA. Dice il suo presidente Nazario Battelli:"l'iniziativa di comunicazione collettiva “generica”, che ha ottenuto il patrocinio del MiPAAF connotandosi come lo strumento istituzionale dell'intera filiera e della Pubblica Amministrazione competente, richiama l'attenzione alla stagionalità, alla territorialità e alla qualità, come fattori di stimolo al consumo di pesche e nettarine nel momento giusto della stagione. L'intera filiera, dalla produzione alla distribuzione, si rivolge così ai consumatori con un messaggio grafico originale presente fino al 12 settembre in migliaia di punti vendita delle principali catene della Distribuzione Moderna su tutto il territorio nazionale e con il coinvolgimento degli Operatori Grossisti dei Mercati Agroalimentari."

“La produzione di Pesche Nettarine e Percoche in Europa nel 2015 – aggiunge il coordinatore del comitato Pesche e Nettarine, Gabriele Ferri - è simile a quella della precedente annata, sul piano visivo e gustativo il prodotto è ottimo. Anche l’ultima motivazione dell’embargo russo fra pochi giorni sarà rimossa. Non si comprende più quali siano le reali motivazioni che stanno comprimendo verso il basso le quotazioni.. L’intera filiera produttiva deve riorganizzarsi con nuovi modelli in grado di organizzare in modo nuovo la gestione commerciale di questo straordinario prodotto”.

 

Pagine