05/10/2017 - 12:06

“I dati nazionali e internazionali certificano fatti concreti e non propaganda. L’Italia cresce e lo fa con un rafforzamento dell’economia, il consolidamento degli investimenti e l’aumento dell’occupazione”.
- Così Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico, commenta la nota mensile dell’Istat sull'andamento dell'economia italiana -
“Continuiamo a registrare ulteriori conferme di una tendenza positiva che compone un quadro complessivo di crescita. Oltre all’ulteriore aumento del Pil e della fiducia, anche il mercato del lavoro continua a migliorare – sottolinea la deputata Dem - con un incremento dell’occupazione femminile e giovanile. 850 mila posti di lavoro creati con il Jobs act secondo l’Ocse, ma i dati più recenti ne registrano 900 mila e il numero è destinato a crescere, sono la realtà. È una bella realtà fatta dalla crescita degli occupati tra donne e giovani, sinora vero scoglio per il superamento della crisi, e da assunzioni stabili. Non possiamo fermarci. Andiamo avanti rafforzando le misure già messe in campo per favorire l’occupazione di giovani e donne, così come indicato anche dall’Ocse. L’impegno per estendere i giorni di obbligatorietà del congedo parentale, per superare gli stereotipi di genere, per realizzare pari opportunità di lavoro non è mancato”.
“Sappiamo che c’è ancora molto da fare e molte sono le difficoltà da superare per restituire dignità a chi vive in condizione di fragilità, ma dati confermano che stiamo andando nella giusta direzione. Ora serve un ultimo sforzo – conclude Di Salvo - per rendere strutturali queste riforme e ristabilire l’equità sociale, perché nessuno sarà lasciato indietro”.
 

02/10/2017 - 10:55

“Aumenta l’occupazione, cala la disoccupazione e diminuiscono gli inattivi. Questi sono fatti e non parole che raccontano un Paese in netta ripresa”.
- così Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico, commenta i dati  diffusi dall’Istituto di statistica –
“I dati Istat testimoniano una novità importante. Si registrano l’aumento dell’occupazione femminile e la diminuzione della disoccupazione giovanile, elementi  che negli ultimi anni hanno impedito di immaginare un futuro  nel nostro Paese. Sono condizioni che, insieme alla diminuzione degli inattivi, raccontano non solo il livello economico, ma – sottolinea la deputata Dem -  il cambiamento nella vita di uomini e donne e disegnano l’immagine di un Paese in ripresa.
“Ora questa tendenza positiva deve essere consolidata. È necessario, già a partire dalla legge di bilancio, stabilizzare gli investimenti, aumentare le risorse contro la povertà  incentivare la buona occupazione di giovani e donne e per tutte le fasce di età.  Il Partito Democratico ed il governo – conclude Di Salvo -, dopo aver portato avanti le riforme che stanno conducendo il Paese fuori dalla crisi, sono già impegnati per le prossime sfide”.

28/09/2017 - 18:02

Intervenire su cause denatalità  

"Il desiderio di fare figli è doppio rispetto alla realtà, ce lo ha ricordato l'Istat stamattina, e per superare lo scarto tra il desiderio e la realtà, in un Paese in cui il tasso di natalità è già basso e continua a ridursi,  bisogna  andare avanti con le riforme che permettono di intervenire sulle cause e anche con il riconoscimento previdenziale della maternità. Spiace che il presidente Inps, che stamattina ha detto molte cose importanti sulla condivisione della genitorialita, non ne colga l'importanza, come avviene in altri Paesi e come già la legge Dini ha cominciato a fare per chi è nel sistema contributivo "

- lo scrive in un post su Facebook Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico e responsabile del dipartimento mamme, nel giorno di inizio della terza conferenza nazionale sulla famiglia -

"Quindi l'impegno è rivolto a creare più lavoro per le donne, più servizi, più sostegno economico alle famiglie; abbassare l'Iva sui prodotti della prima infanzia, e poi - spiega - agire sulla conciliazione dei tempi di lavoro produttivo e riproduttivo e sulla condivisione delle responsabilità genitoriali, puntando ad aumentare il congedo obbligatorio di paternità, come già abbiamo fatto nell'ultima legge di bilancio e come ipotizzato nella mia proposta di legge che arriva a prevederne 15 giorni. Non basta. Bisogna anche riconoscere il valore sociale del lavoro di cura - sottolinea la deputata Dem - anche nel momento della pensione, come avviene in altri Paesi.  Il presidente dell'Inps Boeri ritiene che questo sia un risarcimento che condanna le donne alla supplenza del welfare, ma non è così. Si tratta, invece, di un doveroso riconoscimento di quello che, di fatto, è un lavoro doppio".  Siccome la pensione e' la fotografia della vita lavorativa deve fotografare anche il doppio lavoro, produttivo e riproduttivo.  "La politica - conclude Di Salvo - può fare ancora molto, proseguendo con le riforme intraprese. Governo e Partito Democratico hanno già imboccato la giusta strada, #avanti"

27/09/2017 - 13:47

“La lotta alla violenza contro le donne non può limitarsi a provvedimenti di tutela o inasprimenti di pene, ma deve partire da un cambio culturale e di rimozione degli stereotipi di genere, a partire dall’eliminazione delle discriminazioni linguistiche”.

- lo dichiarano le vicepresidenti dei deputati del Partito Democratico Titti Di Salvo, prima firmataria della proposta di legge sulle “discriminazioni linguistiche negli atti normativi e amministrativi.  Delega al governo per la revisione linguistica della legislazione relativa alla violenza di genere”, e Silvia Fregolent. –

“È attraverso il linguaggio che rappresentiamo l’idea di società e di valori, per questo, ora più che mai, non possiamo più permetterci di utilizzare un linguaggio che cancelli il genere femminile. Il neutro maschile, troppo usato nella lingua italiana, di fatto – spiegano le deputate Dem - rende invisibili le donne e i rapporti specificamente femminili. Il linguaggio influenza i livelli di coscienza e consapevolezza critica rispetto al contesto sociale”.

“Prevedere una revisione del linguaggio amministrativo e culturale è un passo importante per cambiare alla radice la percezione dei rapporti tra uomo e donna, e – concludono Di Salvo e Fregolent - non possiamo che iniziare proprio dalla revisione linguistica della legislazione relativa alla violenza di genere”. 

26/09/2017 - 14:26

“Non possiamo lasciare che l’Italia rischi di diventare uno dei Paesi più anziani del mondo. Abbattere i costi dei beni di prima necessità per l’infanzia, attraverso una riduzione dell’Iva, è un atto concreto che, insieme  alle riforme portate avanti in questi anni, può incidere positivamente sulla vita delle persone”.

- Lo dichiarano Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico e prima firmataria della proposta di legge, e Sandra Zampa, vicepresidente della Commissione Infanzia e Adolescenza –

“La spesa complessiva per il costo di quanto necessita alla vita del bambino incide in maniera rilevante sul bilancio familiare, e i genitori, durante il primo anno di vita del bambino, versano all’erario circa mille euro di imposte, in particolare per l’Iva sui prodotti di prima necessità.  Ridurre l’aliquota su pannolini, biberon, omogeneizzati e tutto quanto serve alla prima infanzia, - spiegano le deputate Dem - portandola dal 22% al 5%, solleverebbe le famiglie da un onere che, in una situazione di difficoltà, è una delle cause che porta ad avere una natalità effettiva dimezzata rispetto al desiderio di genitorialità espresso”.

“La genitorialità, soprattutto quando negata, non può restare una scelta privata, ma deve essere supportata dalla collettività anche attraverso interventi normativi orientati alla famiglia, anche per promuovere la conciliazione e la condivisione delle responsabilità. Il compito della politica – concludono Di Salvo e Zampa - è fare in modo che la maternità e la paternità possano tornare ad essere una scelta attuabile”. 

20/09/2017 - 16:31

"Dobbiamo fare fronte alla sequenza ininterrotta di violenza maschile nel  confronti delle donne che le cronache ci riportano quotidianamente. Da un lato bisogna proseguire con determinazione nelle scelte che in questi anni e in questa legislatura sono state  prese, dall'altro dare seguito all'appello della Presidente della Camera perché prima  della fine della legislatura si varino misure per aumentare le tutele nei confronti delle donne e le misure interdittive nei confronti degli uomini violenti, appello che va proprio in questa direzione e noi lo sosteniamo con convinzione”.

Lo dichiarano Silvia Fregolent e Titti Disalvo vicepresidenti delle deputate e dei deputati del Partito Democratico al termine della riunione dell’intergruppo delle donne alla Camera.

20/09/2017 - 11:56

“Il governo intervenga per escludere che nei confronti di genitori di bambini di età non superiore ai 6 anni possa essere disposta o mantenuta la custodia cautelare in carcere, perché è necessario tutelare i minori, qualunque sia la colpa delle madri”.

- È quanto chiede Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico, in una interrogazione al ministro della Giustizia – .

“È di pochi giorni fa la notizia di una bambina di 3 anni rinchiusa in carcere con la sua mamma, una donna nigeriana condannata per il reato di immigrazione clandestina, che ha avuto complicazioni per aver ingerito un topicida. È solo un episodio che, però,  ripropone il problema delle detenute madri e dell'inadeguatezza di molte strutture di reclusione italiane destinate ad accogliere donne con figli in tenera età, nonostante – sottolinea la deputata Dem - nel tempo siano state approvate norme, si siano espressi organismi internazionali e istituzioni europee volte a contemperare gli interessi dei minori. È del 2001 la legge che prevede l’esclusione della custodia cautelare in carcere per le madri con figli minori di sei anni, salvo che sussistano esigenze cautelari di eccezionale rilevanza. Ad oggi però in Italia sono circa 60 i bambini sotto i tre anni che vivono in carcere con le loro madri, e non possiamo voltarci dall’altra parte: è necessario effettuare maggiori controlli per verificare l'idoneità delle strutture penitenziarie che ospitano figli di detenute e le loro condizioni di salute psico-fisica e promuovere l'istituzione di ulteriori Icam o case protette”.

“Uno stato che voglia dirsi di diritto – conclude Di Salvo - deve considerare come preminente l'interesse superiore del bambino ed aiutarlo nella crescita”.

14/09/2017 - 11:55

“Un milione di posti di lavoro recuperati non sono parole, ma fatti che stanno cambiando il volto dell’Italia”.

- Così Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati del Partito democratico, commenta i dati del rapporto del Centro studi di Confindustria -

“Il percorso riformatore iniziato con il governo Renzi e proseguito dall’esecutivo Gentiloni continua a dare i suoi frutti. Le stime per il nostro Paese sono più positive di quanto ogni previsione potesse lasciare sperare: aumenta il Pil, migliorano i conti pubblici, crescono l’occupazione ed i consumi e scende la pressione fiscale. Dati – sottolinea la deputata Dem - che confermano una tendenza consolidata che porta a miglioramenti anche rispetto al livello pre crisi; si delinea, dunque, un quadro che dà certezze per il futuro. Ora non ci si può fermare: è necessario incentivare l’occupazione giovanile e femminile, punto dolente degli ultimi anni e freno per una ripresa che possa dirsi uniforme,  si devono stabilizzare gli investimenti ed aumentare le risorse contro la povertà, già dalla prossima legge di bilancio”.

“Il lavoro del Partito Democratico e del governo è in campo – conclude Di Salvo - per rafforzare la tendenza positiva ed  è rivolto a sciogliere quei nodi che rallentano un cambio radicale di passo nell’economia del Paese”

13/09/2017 - 12:48

Candidato “congelato” raffreddi bollenti spiriti

“Una donna all’Agricoltura perché le donne fanno figli? Cancelleri vuole riportare la Sicilia all’età della pietra, relegando le donne al ruolo di mere riproduttrici”.

- Così Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico, commenta le parole del candidato presidente del M5S alla regione Sicilia - 

“Di Maio, Di Battista e Beppe Grillo sono d’accordo con una simile concezione? Chi si candida a governare una terra culla di civiltà come la Sicilia – sottolinea la deputata Dem  - non può pronunciare parole del genere. Il candidato “congelato” dovrebbe raffreddare anche i bollenti spiriti che lo inducono ad esporre tali affermazioni. 

"Sarebbe bene che i capi del Movimento 5 stelle si scusassero immediatamente di fronte all’ennesima gaffe del loro candidato. Di Maio, che da settimane salta da una parte all'altra dell'isola in campagna elettorale, - conclude Di Salvo - ha il dovere di rispondere su questo”.

 

12/09/2017 - 11:16

Occupazione femminile invita ad andare avanti con riforme

“I dati Istat dimostrano che il mercato del lavoro marca la ripresa del Paese. La diminuzione della disoccupazione e l’aumento dell’occupazione, in particolare quella femminile, non sono solo segnali, ma una realtà che dà speranze per il futuro”.
“Tutto conferma una tendenza positiva. L’aumento della produzione industriale, la crescita del Pil e dell’occupazione sono il frutto delle politiche riformatrici intraprese dal governo Renzi e portate avanti ancor oggi dal governo Gentiloni.  La vera novità – sottolinea la deputata Dem - è il tasso di occupazione delle donne, in crescita stabile nell’ultimo anno, che registra il livello più alto negli ultimi 40 anni. Buone notizie, dunque, che sono un invito ad andare avanti per sciogliere i nodi ancora in campo”. 
“Ora dobbiamo consolidare gli investimenti, a partire dalla legge di bilancio, potenziare le risorse contro la povertà e incentivare l’occupazione di giovani e donne, perché la crescita sia uniforme. L’impegno del Partito Democratico e del governo per la ripresa economica e sociale del Paese è già in campo”.
 

05/09/2017 - 11:39

“L’economia accelera, la ripresa è accompagnata da indicatori positivi in tutti i settori produttivi e da un aumento degli investimenti e dell’occupazione. A luglio, in particolare, abbiamo circa 60mila rapporti di lavoro in più rispetto al mese precedente, sia tra i dipendenti (23mila contratti in più a tempo indeterminato e 19mila a termine) che nel settore autonomo (+17mila unità). Queste le conferme contenute nella nota mensile dell’Istat aggiornata ad agosto che premia il percorso riformatore avviato con il governo Renzi e che ora sta proseguendo con Gentiloni. L’istituto ci segnala però anche alcune criticità sulla condizione dei giovani e delle donne che non dobbiamo sottovalutare ma, anzi, dobbiamo affrontare con grande determinazione. Con la consapevolezza, ad esempio, che puntare sull’occupazione femminile vuol dire anche promuovere un importante effetto moltiplicatore sulla domanda di occupazione e sui servizi. Anche di questo ragioneremo nel mettere a punto la Legge di Bilancio per il 2018”.

Così la deputata Dem Titti Di Salvo, Vicepresidente del Gruppo Pd della Camera. 

31/08/2017 - 12:13

“I dati diffusi dall’Istat ci dicono due cose: la prima, che prosegue il positivo andamento dell’occupazione con il ritorno ai livelli del 2008, grazie agli oltre 900mila posti di lavoro creati dal febbraio 2014 ad oggi; la seconda, che l’aumento della fiducia e delle opportunità provoca un forte e positivo calo degli inattivi ed anche la conseguente crescita del numero dei disoccupati. Ma ciò che è più importante valutare non è questa o quella fotografia scattata dall’Istat in un determinato periodo, ma il trend complessivo negli anni degli indicatori economici. E questo trend (Pil, occupazione, investimenti, ordini e fatturati delle imprese… ) è univoco, ci indica un Paese che grazie alle riforme volute dal Pd è uscito dalla crisi e, anzi, sta rafforzando la sua crescita. Ora l’obiettivo principale è quello di far beneficiare sempre più di questa crescita economica le donne, i giovani, tutti i settori sociali ancora in difficoltà e sarà l’impegno centrale anche della prossima Legge di Bilancio”.
Così la deputata Dem Titti Di Salvo, Vicepresidente del Gruppo Pd della Camera.

28/08/2017 - 14:30

“Matteo Salvini, sempre pronto ad esternare, questa volta resta in silenzio di fronte alle parole di odio espresse dall’esponente di Noi con Salvini”. “Siorini non ha espresso una opinione, seppur discutibile, ma, con le sue affermazioni, ha superato il limite arrivando ad istigare allo stupro della Presidente della Camera e di tutte le donne del Pd. Nessun fraintendimento dunque”.
- così Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati del Partito Democratico, in merito a quanto scritto su Facebook il segretario cittadino di San Giovanni Rotondo (Foggia) di Noi con Salvini, Saverio Siorini.
“Il segretario cittadino di San Giovanni Rotondo ha tentato più che maldestramente di fare un passo indietro, ma nulla può giustificare l’istigazione deliberata alla violenza sulle donne. Nel nostro Paese, purtroppo,- sottolinea la deputata Dem - siamo ancora costretti a contare le vittime di abusi, di violenze sessuali e di femminicidi, e, nella maggior parte dei casi, gli autori sono parenti, mariti o fidanzati, e non stranieri venuti da lontano”.
“Siorini è un incosciente ad incitare alla violenza e alla rabbia, ma non mi stupisce: l’odio instillato quotidianamente da Matteo Salvini genera mostri. È arrivato il momento che il segretario federale della Lega Nord chieda scusa, alle donne e a tutti  i cittadini, e smetta di diffondere paura, odio e violenza: i suoi interessi elettorali – conclude Di Salvo - rischiano di farci sprofondare nel sonno della ragione ed avere conseguenze tragiche”.

28/08/2017 - 12:17

“Il dato diffuso oggi dall’Istat, che registra una fiducia di consumatori ed imprese al top da dieci anni a questa parte, è un segnale inequivocabile. Da una parte, segnala senza ormai più dubbi che il Paese è fuori dalla crisi economica e, dall’altro, indica che le riforme dei governi Renzi e Gentiloni sostenute dal Partito democratico funzionano. Del resto, questa ulteriore conferma sul clima economico e su quello personale delle cittadine e dei cittadini si inserisce in un contesto già positivo suggerito dai principali indicatori, dalla crescita del Pil e dell’occupazione, all’aumento dei consumi, dal picco delle esportazioni al rafforzamento di tutto il mercato interno. Occorre proseguire in questa direzione anche nella prossima Legge di Bilancio con scelte che favoriscano e incentivino l’occupazione dei giovani e delle donne, sostengano le persone più fragili e rafforzino le politiche per gli investimenti pubblici e privati”.

Così la deputata Dem Titti Di Salvo, Vicepresidente del Gruppo Pd della Camera.

14/08/2017 - 16:08
 Alla presidente Boldrini tutta la nostra solidarietà

“Ha fatto bene la Presidente della Camera a decidere di denunciare l'aggressione continua nei suoi confronti che corre sui social. Non solo per la violenza insopportabile dei toni e dei modi di quell'aggressione, sessista e fascista. Ha fatto bene perché in questo modo dice a tutti che non ci si può rassegnare a tanto odio e tanta violenza come fosse un effetto collaterale inevitabile della rete a cui non ci si può sottrarre. E ha fatto bene perché ci dice anche che quella violenza non solo non va subita ma non va neppure sottovalutata. Alla presidente Boldrini tutta la solidarietà e l'affetto del gruppo Pd alla Camera".

Lo ha detto Titti Di Salvo, vicepresidente dei deputati Pd.  

 

Pagine