16/05/2016 - 17:25

“Il calo del 27,3 per cento delle richieste di indennità di disoccupazione registrato a marzo rispetto all’anno precedente significa che le aziende tornano a produrre e ad assumere. Insieme al calo della disoccupazione e alla crescita del Pil, anche il dato odierno dell’Inps ci dice che l’Italia è tornata in carreggiata”.

Lo ha detto Titti Di Salvo vicepresidente del gruppo Pd alla Camera.

12/05/2016 - 17:14

Nessuna meraviglia che un candidato di una lista a sostegno della Lega a Bologna sfrutti in modo indecente l’immagine di una donna per i suoi manifesti elettorali. Sessimo, omofobia e volgarità sono la base “culturale” di cui Salvini & company fanno sfoggio in ogni occasione. E questo manifesto non fa che confermarcelo.

Lo afferma Titti Di Salvo, vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera.

04/05/2016 - 20:47

“I bambini, qualunque sia il modo in cui vengono al mondo, hanno diritto al riconoscimento della loro identità e alla piena tutela. E’ questo il cuore della mozione condivisa da tutto il Partito democratico”. Lo dichiara Titti Di Salvo, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera, commentando l’approvazione della mozione presentata dal Partito democratico.

“Su argomenti  così delicati come la maternità surrogata – spiega -  non ci possono essere certezze granitiche da brandire contro chi non la pensa diversamente. La genitorialità non è un diritto assoluto ma un bisogno che può essere vissuto con una sofferenza rispetto alla quale difficilmente si può chiudere gli occhi. Le nuove tecniche riproduttive tracciano in modo differente, rispetto al passato, il confine tra diritto e bisogno ma mai l’acutezza del bisogno può giustificare l’uso e l’acquisto del corpo delle donne come merce e come mezzo. D’altra parte, di fronte a quella sofferenza, in altri Paesi, vengono compiuti atti di solidarietà, realizzati gratuitamente e riconosciuti come tali”.

“Allo stesso modo, non c’è alcun motivo per associare maternità surrogata a unioni civili. Sia perché le coppie che ricorrono sono soprattutto etero, sia perché una legge così importante come quella sulle unioni civili che, dando diritti a persone legate da amore, fa finalmente rientrare l’Italia nel consesso dei paesi civili, non ha bisogno di alcun bilanciamento”.

“La nostra mozione nomina tutti gli aspetti e i diversi piani (politico, culturale, sociale, simbolico, giuridico) incrociati dal tema, sottraendoli alle ideologie e propone l’ascolto per le opinioni differenti come modalità necessaria, insieme al pieno riconoscimento dei diritti dei bambini. A fronte della legge 40 che vieta in italia la maternità surrogata, essa impegna infine il governo ad aprire una discussione pubblica ed un confronto”, conclude.

29/04/2016 - 11:57

“I dati diffusi oggi dall’Istat sull’occupazione, da segnalare l’importante discesa della disoccupazione giovanile (-5,4% in un anno), ci dicono che la direzione di marcia è quella giusta e che le riforme stanno producendo effetti positivi. Certamente c’è ancora molto da fare e abbiamo l’obbligo e il dovere di andare avanti per aumentare l’occupazione. Ed è fondamentale insistere su politiche economiche che mettano al centro il binomio crescita e investimenti. Da questo punto di vista, una battaglia decisiva si giocherà in Europa per superare definitivamente il dogma dell’austerità e ridare fiato e prospettiva all’Unione Europea”.

Così la deputata Dem Titti Di Salvo, vicepresidente del Gruppo Pd della Camera.

19/04/2016 - 14:34

“Non sono a favore della presunzione di innocenza per i politici, se uno è indagato deve lasciare: così tuonava l’imperturbabile Di Maio intervistato nel dicembre scorso. E oggi, che dice il ‘fustigatore’ dei politici, il ‘manettaro’ del tribunale del popolo? Perché questo silenzio assordante suo e del Direttorio? Si ripete la farsa dello scandalo di Quarto. Tutti pronti a urlare davanti alle telecamere ‘onestà, onestà’, poi quando lo scandalo è in casa propria… ”.

Così Titti Di Salvo, Vicepresidente del Gruppo Pd alla Camera.

14/04/2016 - 14:03
“Il calo del 22,7% delle domande di disoccupazione a febbraio rispetto all’anno precedente, nonostante il cambiamento dei requisiti per richiedere l’indennità di disoccupazione previsto nel Jobs act, ha un significato inequivocabile: anche se la strada che abbiamo davanti è ancora lunga, è certo che è quella giusta”.

 

Lo ha detto Titti Di Salvo, vicepresidente del gruppo Pd alla Camera.

11/04/2016 - 13:46

“Dobbiamo ascoltare le parole con cui è stato accolto dal Consiglio d’Europa il ricorso della Cgil in materia di rispetto della legge sull’aborto e di discriminazione dei medici che non optano per la obiezione di coscienza. Interrompere una gravidanza è una scelta che una donna non prende a cuor leggero e proprio per questo lo Stato deve garantire la possibilità di abortire nel pieno rispetto della legge. Succede a volte che al dolore di quella scelta si aggiunga il percorso a ostacoli per la ricerca della struttura pubblica in cui abortire. In alcune regioni italiane in particolare, come emerge dalla relazione annuale al Parlamento sullo stato di applicazione della 194/78, risulta molto difficile abortire. È perciò necessario un impegno dello Stato per garantire la presenza di medici non obiettori su tutto il territorio nazionale in modo da evitare il ricorso all’aborto clandestino. Ci appelliamo al ministro Lorenzin perché si impegni personalmente affinché la 194 sia rispettata pienamente e vengano evitate discriminazioni sul posto di lavoro per quei medici che non sono obiettori”.

Lo ha detto Titti Di Salvo, vicepresidente del gruppo Pd alla Camera.

01/04/2016 - 19:30

“In questi anni Linda Laura Sabbadini ha portato avanti un rivoluzionario lavoro che ha cambiato il volto del nostro Paese e che le stato riconosciuto quando a dicembre è stata indicata tra le 100 eccellenze italiane . Se infatti le statistiche sono la fonte e i dati su cui la politica, le istituzioni e i cittadini stessi si basano per comprendere la realtà, in questa realtà Linda Laura ha fatto emergere le donne, prima assenti. Il suo enorme lavoro all'interno dell'Istat ha infatti permesso di iniziare a guardare all'Italia come un Paese fatto di donne e uomini, facendo emergere questa differenza all'interno delle statistiche ufficiali. L'assenza di un punto di vista neutro che l'Europa ci indica e la lettura di genere della realtà all'interno delle statistiche ufficiali sono la precondizione per le politiche antidiscriminatorie particolarmente necessarie oggi per la qualità della crescita. Per questo è fondamentale non disperdere questo importante patrimonio di competenze e sono necessari atti concreti in questa direzione. Nell'Istat e nel paese”. 

Lo dichiara la vice presidente del Gruppo Pd della Camera Titti Di Salvo,

24/03/2016 - 11:53

“Roma vive una forte necessità di cambiamento, un grande bisogno di voltare pagina, una legittima esigenza  di avviare un percorso nuovo. Ma queste giuste e legittime ragioni non devono mai provocare un’ansia da prestazione, né tantomeno ridursi in comportamenti superficiali. Un conto è impegnarsi per il cambiamento, altro è rilasciare imprudenti dichiarazioni nei salotti televisivi. La candidata Raggi, da questo punto di vista, ha puntato sui suoi interessi particolari e non su quelli dei cittadini romani. Le conseguenze delle sue improvvisazioni sono sotto gli occhi di tutti: il titolo Acea sprofonda in borsa a -4.73%, mandando in fumo 142 milioni di euro, 71 dei quali del comune di Roma”.

Così la deputata Dem Titti Di Salvo, vicepresidente del Gruppo Pd della Camera.

15/03/2016 - 11:45

“Le dichiarazioni di Bertolaso e Berlusconi di oggi su che cosa può o non può fare una donna incinta, se possibile sono più gravi di quelle dei giorni scorsi. Il machismo patriarcale è proprio questo: decidere il posto in cui deve stare una donna. L’insistenza sull’argomento dimostra un medioevo culturale che persiste. Roma francamente ha bisogno di altro”.

Lo ha detto Titti Di Salvo vicepresidente del gruppo Pd alla Camera.

11/03/2016 - 19:09

“Domani entra in vigore la norma del Jobs act che impedisce l’abuso delle dimissioni in bianco, e finalmente verrà eliminata, per legge, quella inaccettabile consuetudine che molte aziende, quelle scorrette, hanno applicato in questi anni a danno delle donne. La lettera di dimissioni senza data, che spesso è stata fatta firmare soprattutto alle giovani donne al momento della assunzione per poterle cacciare in caso di gravidanza, matrimonio o altro, da domani sarà un capitolo chiuso”.

Così la deputata democratica Titti Di Salvo, vicepresidente del gruppo del Pd  

“Ci Son voluti 8 anni, l'impegno di tante donne fuori dal Parlamento, la caparbietà di  molte parlamentari e la determinazione del Partito Democratico per riconquistare una norma di civiltà varata nel 2007 e poi abrogata dal governo Berlusconi nel 2008. L’abbiamo fatto – spiega la vicepresidente Di Salvo - inserendo nel Jobs act l'obbligo di dare dimissioni volontarie attraverso la compilazione di un modulo online del ministero del Lavoro con numerazione progressiva.”

“La cancellazione delle dimissioni in bianco, l’estensione della indennità di maternità, il decreto sul ampliamento dei congedi per le madri e i padri, tutte norme contenute nel Jobs act,  insieme alle novità della legge di stabilità indicano una visione: la maternità non è in assenza ma un valore. Domani viene raggiunta una tappa importante, ora – conclude Di Salvo - bisogna andare avanti in questa direzione".

10/03/2016 - 12:32

 

“I dati Istat sulla disoccupazione annua, che per la prima volta dopo sette anni è passata dal 12,7% all’11,9%, certificano una diminuzione significativa delle persone senza una occupazione. Le misure della legge di stabilità e il Jobs Act stanno producendo effetti positivi. Anche la disoccupazione giovanile diminuisce di 2,4 punti percentuali. Sono ulteriori conferme di buone notizie. L’Italia finalmente è sulla buona strada anche se c'è ancora molto da fare. Questi dati sono un motivo in più per proseguire con le riforme e con la scelta di puntare sul lavoro a tempo indeterminato perché non è importante soltanto che aumentino i posti di lavoro ma è necessario che si abbassi la precarietà che penalizza le vite delle persone e nega prospettive a una intera generazione. Bene ha fatto il ministro Poletti a ribadire la volontà di andare a fondo in merito all’aumento esponenziale dei voucher; si deve evitare che diventino la nuova frontiera della precarietà”.

08/03/2016 - 17:35

“Il mancato voto di oggi sulle mozioni che riguardano i 70 anni in Italia del diritto di voto alle donne  mette ancora una volta a nudo la incapacità dei 5 Stelle di andare oltre il loro naso. L’unica cosa che sanno fare è dire sempre e comunque di no o, in alternativa, tacere”. Lo dichiara Titti Di Salvo, vice-presidente del gruppo Pd alla Camera.

“Nemmeno nel giorno dedicato alle donne – spiega – sono stati in grado di aderire, con il voto, a una mozione, che rende omaggio alle 21 madri costituenti e alla svolta  rappresentata dal diritto  di voto riconosciuto alle donne in Italia  70 anni fa. E questo solo perché, essendo elaborata da gruppi che non erano il loro, hanno ritenuto che evitare il riconoscimento indiretto di un merito e una posizione altrui fosse più importante della celebrazione di  una data storica e della assunzione di responsabilità comune per rafforzare ed estendere i diritti delle donne. Allo stesso modo, la settimana scorsa non hanno presentato una propria mozione sulla famiglia, denunciando, di nuovo, una totale mancanza di visione”.

“Viene davvero da domandarsi come possano pensare di governare un Paese in totale solitudine, incapaci di guardare oltre il loro naso,  pronti a ignorare o condannare tutte le opinioni che non coincidano con le loro. Anche oggi il M5S non ha perso l'occasione per dimostrare tutta la sua immaturità politica, la sua strutturale incapacità a dire di sì”, conclude Di Salvo.

07/03/2016 - 18:11

“I dati di oggi del Ministero del Welfare che ci segnalano un aumento del 100.9% di contratti a tempo indeterminato nel 4° trimestre del 2015 rispetto allo stesso periodo del 2014, ma anche quelli relativi alla diminuzione dei licenziamenti (-8% nel 2015; -14,9% nel 4° trimestre) sono senza possibilità di smentita positivi e confermano ulteriormente che la direzione di marcia è quella giusta. Per decenni il paese ha rinunciato  alla politica industriale e ha scelto, in sostituzione della competitività alta, la via della precarietà del lavoro. Oggi siamo di fronte a un cambio di direzione nelle scelte di governo: la lotta alla precarietà, di vita e di lavoro, è il traguardo principale. E questo è infatti perseguito con convinzione nel Jobs Act e nelle due ultime leggi di stabilità che hanno stanziato le risorse per gli sgravi contributivi destinate alle assunzioni stabili”. 

Così la deputata Dem Titti Di Salvo, Vicepresidente della Commissione parlamentare di controllo sull’attività degli Enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale, commenta i dati sull’occupazione diffusi dal Ministero del Welfare.

“I dati di oggi - aggiunge Titti Di Salvo - confermano che le scelte prese vanno  nella direzione giusta. Anche se molto c’è ancora da fare. Ma è importante proseguire nella direzione giusta.  Per questa ragione è altrettanto decisivo l’impegno del governo espresso dal ministro Poletti di andare a fondo all’aumento esponenziale del uso dei voucher, perché l’utilizzo dei voucher non sia la nuova frontiera della precarietà”.

02/03/2016 - 18:24

"Ancora una volta M5s fa propaganda elettorale sulla pelle dei cittadini e cavalcando timori e preoccupazioni. Si inventa una campagna sui mutui per la casa quando sa benissimo che questo è il governo che più ha fatto per sostenere un bene irrinunciabile. Mai nessuna proposta, mai nessuna iniziativa, né in aula né in commissione da parte dei Grillini, ma tanta 'caciara', condita con un po’ di violenza con la quale oggi hanno impedito ai deputati di entrare in commissione per svolgere il proprio dovere. Per una forza politica che si propone di diventare classe dirigente è davvero grave e irresponsabile". 

Così Titti Di Salvo, vice presidente del Gruppo Pd alla Camera. 

Pagine