21/01/2016 - 14:35

"Napoli, con l'apertura del primo centro europeo Apple per lo sviluppo delle app, ha l'occasione di diventare il più grande incubatore d'Europa per la creatività e l'innovazione. L'investimento di Tim Cook è una notizia straordinaria". - così Gennaro Migliore ha commentato l'annuncio, fatto in conferenza stampa dal presidente del Consiglio Matteo Renzi, dell'arrivo della società di Cupertino nella città partenopea -

"Dopo gli investimenti Cisco, che hanno riguardato Scampia, questa nuova opportunità nell'ambito dell'"information and communication technology" apre prospettive di formazione d'eccellenza e di occupazione buona e stabile per la nostra città.
Grazie alle riforme portate avanti con coraggio dal governo, il nostro Paese torna ad attrarre investimenti di qualità che potranno creare lavoro e saranno di stimolo per far ripartire economicamente e socialmente tutto il Sud".

 

04/08/2015 - 20:24

Montate polemiche strumentali. Rampelli ripassi la Costituzione

"Non c'è nessun allarme sanitario, né a Roma né nel resto d'Italia, connesso alla presenza di persone richiedenti asilo e profughi." È quanto dichiara il presidente della commissione d'inchiesta sul sistema d'accoglienza dei migranti Gennaro Migliore, a seguito di alcune polemiche sorte dopo l'audizione del sindaco Marino tenutasi stamattina. 

"Nel corso dell'impegnativo lavoro di inchiesta che stiamo svolgendo, abbiamo sempre ricevuto informazioni da tutte le autorità competenti che escludono ogni forma di possibile epidemia. Per questo non si comprende il motivo che ha spinto rappresentanti della politica romana a strumentalizzare le parole del sindaco Marino, che ha semplicemente ribadito l'attenzione costante al tema da parte dell'amministrazione. Sarebbe stato grave se il sindaco avesse dimostrato scarso interesse!" Così continua Migliore. "Per questo, invito i rappresentanti della politica romana a leggere i resoconti, che sono pubblicati sul sito della Camera, di tutte le audizioni fin qui tenute, invece di montare inesistenti polemiche su un lancio d'agenzia". "Infine", conclude Migliore "inviterei il capogruppo di FdI Rampelli a ripassare l'art. 82 della Costituzione, dove si precisa che il Parlamento può istituire commissioni d'inchiesta con gli stessi limiti e poteri dell'autorità giudiziaria. La secretazione di parte dei lavori è a tutela delle inchieste, visto che alcune audizioni possono riguardare argomenti coperti da segreto istruttorio o ad altre attività d'inchiesta giudiziarie in essere. Ricordo per esempio che tutta l'audizione del procuratore Pignatone fu, per sua scelta, integralmente secretata. Così accade per la commissione antimafia o per quella sugli ecoreati. Non si tratta di un talk show! Per altro la commissione d'inchiesta è composta da rappresentanti di tutti i gruppi, ma non è un caso che proprio il rappresentante di FdI in commissione brilli per la sua assenza."

17/07/2015 - 17:41

Situazione di difficoltà dipende dalle scelte dei governi di destra

“Assistendo alle scene di aperta ostilità nei confronti di inermi profughi viene da dire che siamo di fronte a una gigantesca operazione di sciacallaggio politico da parte di alcune forze dichiaratamente xenofobe, a partire dalla Lega di Salvini. A Treviso, come a Casale San Nicola, va in scena la rappresentazione del peggior fondo demagogico e violento di queste organizzazioni. Le dichiarazioni e le coperture politiche sono di Salvini, mentre il braccio armato è dei fascisti di Casa Pound. Si tratta di atti che mettono a rischio l'incolumità e la sicurezza dei richiedenti asilo, delle forze di polizia e degli stessi abitanti dei quartieri”.

- Lo dichiara il deputato del Pd Gennaro Migliore, presidente della Commissione d’inchiesta sul sistema di accoglienza, identificazione e trattenimento dei migranti –

“Le forze responsabili, a partire dal governo nazionale, si stanno impegnando a rendere più efficiente il sistema di protezione umanitaria e quello dell'accoglienza. Un primo positivo contributo c'è stato ieri con un emendamento che ha potenziato gli organici giudiziari, per accorciare i tempi di esame dei ricorsi dei migranti. La stessa commissione d'inchiesta sul sistema di identificazione e accoglienza – spiega il presidente della Commissione migranti - sta agendo per segnalare le anomalie e le possibili soluzioni di problemi che esistono sul nostro territorio. Siamo dalla parte delle amministrazioni locali e dei cittadini, che nella grandissima loro parte hanno dato prova di sostenere con responsabilità e umanità l'afflusso dei migranti che scappano dalle persecuzioni e dalle violenze”.

“Mettiamo in guardia i cittadini dai demagoghi che vogliono sfruttare le sofferenze di qualche incolpevole profugo per il loro vantaggio elettorale. Non si tratta solo di sciacallaggio, ma anche di un vero e proprio imbroglio, visto che la attuale situazione di difficoltà dipende dalle scelte che i governi di destra hanno compiuto: dalla dichiarazione dello stato d'emergenza nel 2011 alle leggi sbagliate e dannose come la Bossi-Fini.
Dire no alla violenza non è un optional – conclude Migliore - è un dovere civile e morale”.

09/06/2015 - 11:39
Ripristinare collaborazione tra istituzioni
 
"Piena soddisfazione per la decisione di Raffaele Cantone. Con la missione fatta due settimane fa dalla Commissione migranti avevamo messo in evidenza l'esigenza di bloccare una pessima gestione del Cara di Mineo".
- Lo dichiara Gennaro Migliore, presidente della Commissione d'inchiesta sul sistema di accoglienza, identificazione e trattenimento dei migranti in merito alla decisione del presidente dell'Autorità Nazionale Anti Corruzione di  aprire un procedimento per il commissariamento del Cara di Mineo -
"Si tratta ora di svuotare progressivamente quel mega centro per passare - spiega il deputato democratico - a una suddivisione per piccoli gruppi nel sistema SPRAR".
"Si ipotizzino anche altri commissariamenti, ove necessario, per impedire che vi siano malversazioni ai danni in primo luogo dei richiedenti asilo e poi delle casse dello stato. Ora più che mai - conclude Migliore - è necessario ripristinare la corretta collaborazione tra le istituzioni".
04/06/2015 - 13:05

Commissione migranti continuerà attività di inchiesta e proposta

"La prosecuzione dell'inchiesta di Mafia Capitale ha portato a nuovi arresti che coinvolgono rappresentanti politici e amministratori di cooperative che operano a Roma, in Sicilia e a Mineo in particolare. Si conferma la gravità degli intrecci tra politica, affari e criminalità nella gestione del "business dell'accoglienza", che rappresenta una grave violazione tanto dei diritti dei migranti, che pagano per primi le conseguenze di queste malversazioni, quanto per le casse dello Stato e per la sicurezza pubblica".
- lo dichiara Gennaro Migliore, presidente della Commissione d'inchiesta sul sistema di accoglienza, identificazione e trattenimento dei migranti, commentando la notizia de. -
"La Commissione di inchiesta si incarica di affrontare il tema sia acquisendo un quadro chiaro, sulla base degli atti prodotti dalla magistratura, sia individuando situazioni radicali che possano stroncare quello che è un vile utilizzo della sofferenza di tante persone che sono richiedenti asilo e che fuggono da guerre e sofferenze".
"Già nella nostra prima missione a Mineo - spiega il presidente Migliore -, prima dell'ulteriore evoluzione dell'inchiesta, abbiamo potuto verificare molte inadempienze che, evidentemente, sono meritevoli di essere poste sotto l'attenzione dell'autorità giudiziaria.
"Ora intendiamo proseguire con approfondimenti ancora più stringenti sulla modalità di gestione dell'accoglienza e continueremo con l'attività di inchiesta e di proposta. Perché crediamo che si debbano superare, nel più breve tempo possibile, i grandi centri, che sono anche grandi attrattori di soldi pubblici ".
"Non intendiamo lasciare spazio a chi da queste inchieste trae conclusioni che hanno il retrogusto della xenofobia, ma - conclude Migliore - saremo inflessibili nei confronti di chiunque abbia approfittato di questa condizione, definita erroneamente emergenziale, per ottenere un vantaggio e un interesse proprio".

 

16/04/2015 - 19:39

“L’ipotesi che, con l'Italicum, i deputati passino da 630 a 640, aumentando quindi il loro numero di 10 rispetto agli attuali seggi alla Camera, è una panzana”. Lo dichiara Gennaro Migliore, deputato del Partito Democratico e relatore del provvedimento alla Camera, per commentare la notizia pubblicata da Fatto quotidiano e dal blog di Grillo. Dalla norma risulta chiaro – spiega Migliore - che gli eletti di Trentino Alto-Adige e Valle D’Aosta ‘non concorrono alla ripartizione dei seggi nella restante parte del territorio nazionale’. Il che vuol dire che il numero di eletti trentini e valdostani, che fanno riferimento alla lista vincente, vanno sottratti a 340. O, meglio, che nel resto d’Italia si assegneranno tanti seggi quanti sono necessari a raggiungere il numero di 340, cioè quello di seggi assegnato alla lista vincente”.

“La ratio – continua il deputato democratico - è che i seggi di Trentino Alto-Adige e Valle D’Aosta sono assegnati al primo turno mentre, dal momento che per arrivare a 340 o c’è il superamento del 40% o il ballottaggio, al numero dei seggi da attribuire deve essere sottratto il numero degli eletti, appunto, al primo turno, ovvero solo quelli trentini e valdostani”.

“Capisco la necessità di far polemica a prescindere ma arrivare addirittura a modificare la Costituzione mi pare un po’ l’ultima spiaggia dell’argomentazione politica”, conclude Gennaro Migliore. 

 

14/04/2015 - 09:53

Uscire da emergenza e passare a gestione ordinaria dell’accoglienza

 

Dopo l'ennesima tragedia in mare, che ha visto ancora nove persone morire per il naufragio di un barcone, è necessario ripristinare con determinazione il dispositivo previsto nell'operazione "Mare nostrum". Al di là del nome, si chiami anche Triton, non è accettabile che non si ritorni al dispositivo volto alla salvezza di disperati che fuggono da guerre, persecuzioni e violenze. L'Italia imponga all'Ue una revisione profonda delle strategie volte a salvare vite umane e certo non a "difendere confini".

- lo dichiara il deputato del Partito Democratico Gennaro Migliore, presidente della Commissione d’inchiesta sui centri per gli immigrati –

“Sul versante interno, fa bene il Viminale a lanciare la massima allerta ai prefetti per accogliere in tutta Italia i flussi di queste ore. Ma – spiega il deputato democratico - va reso stabile e omogeneo sul territorio lo SPRAR, ossia il sistema di protezione dei rifugiati e richiedenti asilo, realizzato in collaborazione con i comuni. Va reso stabile perché è l'unico strumento che fino a oggi ha fornito livelli qualificati di accoglienza, anche in una prospettiva di integrazione”.

“Bisogna uscire dal regime d'emergenza e – conclude Migliore - passare a una gestione ordinaria e più rispettosa delle persone e delle comunità che accolgono i rifugiati”.

 

12/03/2015 - 16:57

Spero faccia prevalere il primato dell’interesse generale che lo ha sempre contraddistinto

“Conosco Massimo Paolucci da oltre vent'anni. Ne apprezzo la determinazione, la competenza, il senso di appartenenza a una storia collettiva e la passione. Qualche volta è proprio la troppa passione politica che può far commettere un errore. E un errore è stato quello di annunciare l'abbandono del Pd, una scelta inaspettata e che non fa bene alla nostra comunità. Per questo comprendo e condivido l'appello di centinaia di rappresentanti e dirigenti democratici che chiedono il rientro di Paolucci nel Pd”.

“Siamo in una fase delicata della storia del nostro Paese e della nostra regione in particolare. Abbiamo bisogno di unire le forze e non di dividerle. Sono sicuro – conclude Migliore - che Massimo saprà far prevalere quel "senso di partito" e il primato dell'interesse generale che lo hanno sempre contraddistinto. E che il nostro partito saprà essere sempre una casa aperta e al servizio della collettività”.

 

 

28/11/2014 - 19:35

“Le minacce al giudice Giuseppe Lombardo sono gravissime e vanno risolutamente affrontate da parte del governo”. - Lo dichiara Gennaro Migliore, deputato del Partito Democratico, alla notizia della telefonata minatoria che annunciava un attentato nei confronti del sostituto procuratore della Dda di Reggio Calabria. - “La 'ndrangheta sente che il suo potere incontrastato è messo in discussione da giudici e uomini dello Stato che svolgono il loro lavoro con straordinaria capacità e rigore. Ognuno di loro, a Palermo o in Calabria, deve sentire la piena solidarietà e protezione dell'intero Paese. Il sud – conclude Migliore - può rinascere anche grazie a uomini dello spessore di Giuseppe Lombardo.”

 

27/11/2014 - 20:50

"A Giuliano Pisapia, uomo e sindaco straordinario, va tutta la solidarietà e la vicinanza di ognuno di noi". - Lo dichiara Gennaro Migliore, deputato del Partito Democratico - "La sinistra ha bisogno di uomini come Pisapia e oggi più che mai vanno respinte le minacce e le intimidazioni di chi vigliaccamente vuole turbare la miglior stagione amministrativa di Milano da decenni a questa parte. Giuliano Pisapia - spiega il deputato Pd - è un esempio per un'intera generazione di come si possa coniugare serietà amministrativa e passione per il cambiamento". "Non si sottovaluti questa mefitica recrudescenza in questo clima. Dobbiamo reagire - conclude Migliore - con la passione e l'impegno dimostrati proprio dall'esempio di Pisapia".

 

19/11/2014 - 20:09

Colpisce il disinteresse delle istituzioni campane e napoletane

“Sconcerta la richiesta del procuratore generale della Corte di Cassazione all’apertura del processo Eternit. In quello che viene definito ‘il processo del secolo’, per numero di vittime coinvolte e perché una sentenza di conferma della condanna per disastro ambientale doloso avrebbe segnato un punto importante per la giurisprudenza e per la giustizia, il pg Iacoviello sceglie di mettere in contrapposizione diritto e giustizia”

- Così Gennaro Migliore, deputato Pd, commenta la decisione del pg di chiedere un annullamento senza rinvio della condanna 18 anni di reclusione inflitta a Stephan Schmidheiny perché il reato di disastro ambientale doloso si è prescritto –

“Le conseguenze dei reati ambientali sono illimitate nel tempo e non si può pensare di far intervenire la prescrizione del reato quando gli effetti dello stesso reato sono ancora visibili, e donne e uomini continuano a morire. In Campania sono ancora molti, troppi, i lavoratori che non hanno visto riconosciuto il disastro ambientale per l’esposizione all’amianto, come i ferrovieri di Portici e Pozzuoli o le maestranze dei cantieri navali di Castellammare. Una sentenza di conferma della condanna – spiega Migliore - potrebbe creare un varco per l’apertura di un processo anche nei confronti di Italsider e delle tante vittime rimaste senza verità e giustizia”.

“Colpisce quindi il disinteresse delle istituzioni campane e napoletane, oggi assenti in sede processuale. Bagnoli non può essere usata per avviare un braccio di ferro col governo: dell’area ci si deve occupare con rispetto, anche dei suoi abitanti e di chi vi ha perso la vita. La Campania è in questo momento un territorio su cui finalmente il governo pone l’attenzione, a partire dal completamento della bonifica per l’area ex eternit previsto dal decreto “Sblocca Italia”, ma non possiamo partire dall’anno zero. È necessario non dimenticare quello che è successo, i troppi morti, i mancati risarcimenti, e – conclude Migliore - le istituzioni regionali e locali devono iniziare a fare la loro parte”.