15/11/2017 - 17:22

“Una proroga doverosa per finire l’importante lavoro fin qui fatto al fine di lasciare un segnale fattivo di questa quarta commissione d'inchiesta”. Lo dice Paola Boldrini, deputata Dem in merito alla approvazione da parte della Camera della proroga dei lavori della Commissione di inchiesta sugli effetti dell'uranio impoverito e degli altri elementi patogeni che hanno colpito il personale Militare e civile impegnato nelle missioni internazionali, nei poligoni di tiro e negli arsenali Militari.

Boldrini ricorda che “l’intensa attività fin qui svolta, spiegata dettagliatamente nelle relazioni della Commissione, ha prodotto anche due testi di legge a prima firma del presidente Gianpiero Scanu. Uno riguarda la sicurezza sul lavoro e la tutela della salute ed è in discussione in commissione Affari sociali, l’altro relativo alle bonifiche ambientali dei luoghi dove insistono i poligoni. Auspico che il lavoro della commissione, frutto di tante audizioni, sia coronato dall'approvazione di queste due proposte di legge, anche per onorare l'impegno preso con tanti militari vittime dell’uranio impoverito e con le loro famiglie”.

15/11/2017 - 15:59

“E’ stata approvata alla unanimità dai membri della Commissione Affari sociali della Camera un testo unificato della risoluzione che prevede di includere la fibromialgia nell’elenco delle malattie croniche di rilevante impatto sociale e sanitario e che devono rientrare nei LEA (livelli essenziali di assistenza). Sono molto soddisfatta perché il Ministero della Salute ha accolto favorevolmente il testo, considerando gli impegni concretamente attuabili e creando un percorso facilitato per l'inserimento nei LEA. La risoluzione prevede anche l'individuazione di centri di riferimento multidisciplinari a livello regionale dedicati alla ricerca o all’attività clinico – assistenziale e la individuazione tra le migliori esperienza regionali di un percorso diagnostico terapeutico assistenziale che posso essere un modello per tutto il territorio nazionale”.

E’ quanto rende noto Paola Boldrini, deputata Dem, prima firmataria della risoluzione 

25/10/2017 - 17:27

L’art. 3 la garantisce per la prima volta in Italia

“Il ddl Lorenzin, alle sue battute finali alla Camera, garantisce per la prima volta in Italia la medicina di genere. Si tratta di un fatto davvero importante al quale abbiamo lavorato con determinazione”.

Lo afferma Paola Boldrini, deputata del Partito democratico che ha contribuito alla scrittura di questa parte della legge.

Boldrini spiega che “la legge dice che il Ministero della Sanità, avvalendosi dell’Istituto superiore di sanità, dovrà stabilire un piano per la diffusione della medicina di genere mediante la divulgazione, formazione e indicazione di pratiche sanitarie che nella ricerca, nella prevenzione, nella diagnosi e nella cura tengano conto delle differenze derivanti dal genere. Tutto questo per garantire la qualità delle prestazioni del nostro Servizio sanitario. Dispiace che un capitolo così importante, supportato dalle evidenze scientifiche e dalle osservazioni della medicina e della società, sia stato usato da alcuni deputati durante la discussione in Aula per criticare la teoria gender, estranea alla legge e al tema stesso. Un mix di ignoranza e strumentalizzazione davvero odioso”, conclude Boldrini. 

29/06/2017 - 16:28

"L'approvazione della legge che istituisce il Rete nazionale dei registri tumori è un passo fondamentale per implementare le misure di prevenzione. Atteso da tempo, il provvedimento è frutto di una lunga battaglia, iniziata dell’AIRTUM l’Associazione Italiana Registro Tumori, e dell’impegno dell'allora  ministro Balduzzi che nel 2012 mise a punto la prima normativa”. Lo ha detto oggi in Aula, durante la dichiarazione di voto per il Gruppo del Pd, Paola Boldrini, la quale sottolinea “il contributo migliorativo da parte, in particolare, della Commissione Lavoro grazie al quale il Registro diventa uno strumento di valutazione dei rischi tumorali nei luoghi di lavoro, mentre spero vivamente che in sede di decreto applicativo sia accolto il suggerimento di comprendere anche i dati sui rischi del personale delle Forze armate e del comparto Sicurezza. Non ultimo, il registro sarà uno strumento per la valutazione degli screening sanitari e degli stili di vita e per misurare l’impatto dell’inquinamento ambientale sull'incidenza delle patologie oncologiche. Ora il Senato approvi prestissimo il testo”, conclude Boldrini.

28/06/2017 - 17:31

Approvato emendamento in commissione Affari sociali

“Esprimo molta soddisfazione per la approvazione a larga maggioranza in commissione Affari sociali del mio emendamento al ddl Lorenzin che prevede l’introduzione in medicina di un orientamento attento alle differenze di sesso e di genere in particolare nella ricerca, nella prevenzione, nella diagnosi e nella cura”. Lo ha detto Paola Boldrini, deputata del Pd e componente della commissione Affari sociali, prima firmataria dell’emendamento e di una proposta di legge sulla medicina di genere.

“Di medicina di genere - ha proseguito Boldrini - se ne parla dagli anni ’90. Perciò quello di oggi è un passo avanti molto importante nel mondo della medicina che permetterà una maggiore appropriatezza nella diagnosi e nella cura. Non è la medicina delle donne ma una medicina che, nella sua applicazione, tiene in considerazione le differenze che esistono tra donne e uomini, poiché non siamo tutti uguali. Per il personale sanitario sono previsti corsi di formazione e aggiornamento. Ci auguriamo che al Senato venga approvata celermente”.

08/06/2017 - 11:06

“La cannabis terapeutica, in base al decreto del Ministero della Salute del 23 marzo 2017 (G.U. 3 giugno), è entrata nel Tariffario nazionale al costo di 9 euro al grammo. Questo diventa il prezzo imposto e fisso di qualsiasi varietà di cannabis, italiana o olandese, a cui il Farmacista dovrà venderlo al pubblico, indipendentemente dal prezzo di acquisto. Accogliendo le preoccupazioni dei malati, chiediamo che il ministro Lorenzin venga in Commissione spiegando questa decisione. Infatti, la cannabis verrebbe a costare al farmacista ben più del prezzo di vendita (fino ad oggi 18-22€  al grammo per quella olandese, 15-14€  al grammo per quella italiana),  con le prevedibili conseguenze. Non vorremmo che l’elevato costo di questa pratica alternativa, divenuta efficacissima per moltissime persone che possono alleviare così le loro sofferenze, avrà conseguenze negative per la vita dei malati”.

Lo chiede Paola Boldrini, deputata del Pd in commissione Affari sociali.

28/09/2016 - 16:11

Approvata all’unanimità in commissione Difesa in sede legislativa

“Siamo molto soddisfatti dell’approvazione all’unanimità in commissione Difesa della proposta di legge che istituisce la giornata nazionale delle vittime civili delle guerre e dei conflitti nel mondo che ricorrerà il primo febbraio di ogni anno”. Lo ha detto Paola Boldrini, deputata del Pd e relatrice della pdl presentata dal Collega Burtone approvata in sede legislativa in commissione Difesa.

“La giornata per le vittime civili delle guerre - ha proseguito Boldrini - ha il fine di conservare la memoria delle vittime civili di tutte le guerre e di tutti i conflitti nel mondo, e di promuovere, come stabilito dall’art. 11 della Costituzione, la cultura della pace e del ripudio della guerra. È stato scelto il primo febbraio perché è il giorno dell’entrata in vigore del testo unico delle norme in materia di pensioni di guerra nel 1978; quelle norme hanno equiparato, ai fini dei trattamenti risarcitori, le vittime civili a quelle militari riconoscendo alle prime pari dignità rispetto ai caduti militari. Ci auguriamo che anche al Senato ci sarà un rapido iter per arrivare ad una approvazione definitiva quanto prima per poter avere l'opportunità di onorare la memoria delle vittime civili il prossimo 1° febbraio 2017".

04/08/2016 - 14:20

Unica e storica officina dello Stato destinata a produrre cannabis a scopo terapeutico

Paola Boldrini, deputata del Pd, dopo l’approvazione in commissione Difesa della Risoluzione sullo Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze (testo di seguito) ha espresso la sua “soddisfazione per l’impegno preso dal governo a sostenere e ampliare le attività di questa storica e unica officina farmaceutica dello Stato, destinata alla produzione di cannabis a scopo terapeutico, di farmaci carenti o del tipo ‘orfani’ per le malattie rare. La risoluzione, presentata dopo una visita effettuata nella struttura di Firenze allo scopo di sostenere questo Stabilimento che ha molte potenzialità ma sta attraversando problemi di carenza di organico dovuto ai pensionamenti, è stata votata all'unanimità. Sostenere questa struttura – dice Boldrini -  significa offrire una risposta alle esigenze delle Forze Armate e del Paese, fornendo servizi nel settore sanitario e producendo medicinali e presidi di carattere etico e di interesse strategico, secondo criteri di qualità, efficienza ed efficacia”.

10/05/2016 - 10:20

Oggi, martedì 10 maggio, ore 12.30, presso la sala stampa della Camera dei deputati, via della Missione, 4 Roma.

Saranno presenti alla conferenza stampa Federico Gelli, Deputato e responsabile sanità Pd e componente della Commissione Affari sociali, Paola Boldrini, Deputata del Pd e componente della commissione Affari sociali prima firmataria della Proposta di legge 3603, Roberta Mori, Consigliera regionale Emilia-Romagna e proponente della legge quadro regionale sulle pari opportunità, Fulvia Signani, Psicologa AUSL di Ferrara/ Docente incaricato presso l’Università di Ferrara, Roberto Manfredini, Professore ordinario di medicina interna presso l’Università di Ferrara/Direttore di UO Clinica Medica, Azienda Ospedaliera-Universitaria 'S. Anna' di Ferrara e Teresita Mazzei, Professore ordinario di farmacologia all’università di Firenze.

24/02/2016 - 14:26

Risposta De Filippo a interrogazione insoddisfacente

“Chiediamo al governo di inserire la fibromialgia nei Livelli essenziali di assistenza e di monitorare i singoli pazienti al fine di escluderli dall’esenzione in casi di eventuali miglioramenti. Purtroppo il sottosegretario al ministero della Sanità, De Filippo, rispondendo ad una mia interrogazione oggi in commissione, ha detto che al momento attuale il governo non ritiene che ci siano le condizioni per l’inserimento di questa grave patologia fra quelle coperte dal Servizio sanitario nazionale”. Lo ha detto Paola Boldrini, deputata del Pd e componente della commissione Affari sociali della Camera commentando la risposta del sottosegretario De Filippo ad una sua interrogazione su questo tema.

“L’attuale revisione dei Lea – prosegue Boldrini – sarebbe l’occasione di inserire questa grave patologia nei Livelli essenziali. Il Consiglio superiore della sanità ha definito la malattia come cronica anche se invalidante solo in alcuni casi; si tratta di una patologia complessa e debilitante caratterizzata da dolore muscolare cronico e diffuso associato a rigidità che rende difficili i movimenti di tutti i giorni. Ne sono colpiti circa due milioni di italiani, prevalentemente donne. Sono anche in corso altri studi ed approfondimenti che chiediamo di proseguire e, nell’attesa dei risultati, di riconoscere l’assistenza piena ai malati di fibromialgia”. 

23/02/2016 - 01:00

Risposta De Filippo a interrogazione insoddisfacente

“Chiediamo al governo di inserire la fibromialgia nei Livelli essenziali di assistenza e di monitorare i singoli pazienti al fine di escluderli dall’esenzione in casi di eventuali miglioramenti. Purtroppo il sottosegretario al ministero della Sanità, De Filippo, rispondendo ad una mia interrogazione oggi in commissione, ha detto che al momento attuale il governo non ritiene che ci siano le condizioni per l’inserimento di questa grave patologia fra quelle coperte dal Servizio sanitario nazionale”. Lo ha detto Paola Boldrini, deputata del Pd e componente della commissione Affari sociali della Camera commentando la risposta del sottosegretario De Filippo ad una sua interrogazione su questo tema.

“L’attuale revisione dei Lea – prosegue Boldrini – sarebbe l’occasione di inserire questa grave patologia nei Livelli essenziali. Il Consiglio superiore della sanità ha definito la malattia come cronica anche se invalidante solo in alcuni casi; si tratta di una patologia complessa e debilitante caratterizzata da dolore muscolare cronico e diffuso associato a rigidità che rende difficili i movimenti di tutti i giorni. Ne sono colpiti circa due milioni di italiani, prevalentemente donne. Sono anche in corso altri studi ed approfondimenti che chiediamo di proseguire e, nell’attesa dei risultati, di riconoscere l’assistenza piena ai malati di fibromialgia”.

08/10/2015 - 16:09

Dopo il ferimento di medico e infermiere a Torino presentata risoluzione alla Camera

“Dopo il ferimento di un medico e un infermiere ieri a Torino è necessario predisporre in sede di Conferenza Stato-Regioni linee guida nazionali volte ad adottare procedure e tecniche omogenee per la presa in carico di persone in grave stato di alterazione che, pur non richiedendo l’attivazione di procedure per il Trattamento Sanitario Obbligatorio, siano in condizioni tali da poter costituire pericolo immediato per sé o per altri”. Lo ha detto Paola Boldrini, deputata del Pd componente della commissione Affari sociali che ha presentato una risoluzione su questo tema all’indomani di quanto accaduto ieri in via Lagrange a Torino dove un paziente ha accoltellato un infermiere e un medico della equipe medica dell’Asl.

“È necessario anche predisporre - ha proseguito Boldrini -, in collaborazione con le Regioni, campagne d’informazione degli operatori per la divulgazione su tutto il territorio nazionale della convenzione del 25 luglio 2014 firmata dalle principali Autorità militari e civili di Ferrara per la gestione di interventi d’urgenza su soggetti con alterazioni. Organi di stampa nazionali e locali riportano sempre più frequentemente notizie di cronaca in cui si verificano situazioni che richiedono agli organi di Polizia ed ai Servizi di Emergenza preospedaliera di gestire, in strada, circostanze di non agevole soluzione determinate dalla condotta intemperante assunta da persone in grave ‘stato di alterazione’”.