• 08/07/2015

Interrogazione ai ministri della Giustizia e del Lavoro

“E’ grave l’episodio della donna, di professione cancelliera presso il Tribunale di Monza, costretta a a dimettersi perché non le sarebbe stato consentito di avvicinarsi ai genitori disabili residenti a Ravello, in provincia di Salerno. La legge n. 104 del 1992 , che prevede agevolazioni in favore di coloro che devono prendersi cura dei loro familiari disabili, deve essere applicata”. Lo afferma Lorenzo Becattini, deputato del PD, primo firmatario di un’interrogazione al Ministro della Giustizia ed al Ministro del lavoro e delle politiche sociali. “La legge 104 è un’importante conquista sociale - prosegue Becattini – ed è quindi inaccettabile che sia stato impedito ad una lavoratrice l’avvicinamento ai propri genitori entrambi disabili. Non si può infatti mettere il cittadino nella difficile condizione di dover scegliere tra il mantenere il lavoro e la cura dei propri genitori disabili. “Quanto accaduto a Monza, oltre a porsi in contrasto con il contenuto della Legge 104, pregiudica il diritto al lavoro del cittadino che trova ampia tutela nella nostra Carta Costituzionale”.