• 22/04/2015

Interrogazione ai ministri Lorenzin e Padoan

“Una situazione di questo tipo è inconcepibile in un Paese moderno come l’Italia. I pazienti non possono correre il rischio di trovare le farmacie sprovviste di medicinali a causa di ritardi dell’Istituto Poligrafico dello Stato nella stampa dei bollini farmaceutici”. Lo ha detto Lorenzo Becattini, deputato del Pd, che ha presentato un’interrogazione al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e al Ministro dell’Economia e delle Finanze. Pier Carlo Padoan.

“Il ritardo - spiega Becattini -, dovuto alla mancata messa in funzione delle macchine da stampa, ad oggi risulterebbe pari a settanta milioni di contrassegni, corrispondenti ad altrettante scatole di farmaci, che di conseguenza attendono di essere immesse sul mercato”.

“Il rischio di non trovare molti medicinali nelle nostre farmacie - prosegue Becattini - è concreto ed è stato paventato anche da Farmindustria che ha raccolto le numerose segnalazioni dei produttori farmaceutici. Una situazione del genere rappresenta un vero e proprio pericolo per la salute dei cittadini, diritto che trova la più alta tutela nell’articolo 32 della nostra Costituzione”.

Roma, 22 aprile 2015

***********************************************

Di seguito il testo dell’interrogazione:

Interrogazione a risposta orale in commissione al Ministro della Salute e al Ministero dell’Economia e delle Finanze

Premesso che:

-l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato è una società per azioni controllata interamente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze;

-tra le varie funzioni, si occupa della stampa dei bollini farmaceutici, che garantiscono l’autenticità del farmaco, contenendo tutte le informazioni per la sua identificazione;

-secondo l’articolo di Mario Sensini del 7 aprile 2015 sul sito www.corriere.it , l’Istituto Poligrafico starebbe accumulando un considerevole ritardo nella stampa dei bollini da applicarsi sui farmaci;

-il ritardo, dovuto alla mancata messa in funzione delle macchine da stampa, ad oggi risulterebbe pari a settanta milioni di contrassegni, corrispondenti ad altrettante scatole di farmaci, che di conseguenza attendono di essere immesse sul mercato;

-secondo quanto ritiene Farmindustria, a seguito delle continue segnalazioni dei produttori farmaceutici, i pazienti potrebbero avere serie difficoltà nel reperire i medicinali nelle farmacie;

-durante i primi giorni del corrente mese di aprile, l’Istituto Poligrafico si starebbe impegnando a recuperare quantomeno sulla stampa dei bollini dei farmaci urgenti (cosiddetti farmaci salvavita);

-quanto riferito in premessa parrebbe esporre i pazienti al rischio di trovare nei prossimi mesi le farmacie sprovviste dei medicinali loro occorrenti;

-quanto esposto parrebbe pregiudicare il diritto alla salute che trova il più alto riconoscimento nell’articolo 32 della Costituzione e che rappresenta il corollario del più generale diritto alla vita di cui all’articolo 2 della Carta Costituzionale;

Si chiede di sapere:

-se i ministri in indirizzo, secondo le rispettive competenze, non ritengano urgente e doveroso accertare i fatti di cui in premessa e porre in essere iniziative per evitare il rischio del mancato reperimento dei medicinali nelle farmacie dovuto al ritardo nella stampa dei bollini farmaceutici da parte dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.

On. Lorenzo Becattini