08/11/2017 - 16:19

Per questo Parlamento e questo governo la cultura ha assunto un ruolo centrale e indiscutibile nelle strategie di crescita del sistema-Paese. Lo dimostra oggi l’approvazione della legge quadro per lo spettacolo. Si tratta di un testo importante che prevede l’incremento delle risorse del Fondo Unico per lo Spettacolo, la tax credit per la musica, l’estensione dell’art bonus, nuove forme di spettacolo e, su tutto, il riconoscimento del carattere essenziale e strategico dello spettacolo e delle arti sceniche, come quelle cinematografiche e audiovisive, per la vita stessa e il futuro del nostro Paese.
A un settore per troppo tempo governato in assenza di una strategia complessiva,  il Parlamento e la legge riconoscono invece un valore enorme, come recita l’art. 1 che affida alla Repubblica la promozione e il sostegno dello spettacolo, sancendone il valore formativo ed educativo, così come sottolineando il valore delle professioni artistiche, la loro specificità, l’utilità sociale dello spettacolo, la relazione tra industria dello spettacolo e nuova e buona economia. Ed è proprio questo il senso profondo della norma, che istituisce peraltro il Consiglio superiore dello spettacolo. Un provvedimento che parla agli operatori dello spettacolo, ai lavoratori e alle lavoratrici del settore,  a tutti coloro che ogni giorno alimentano la vita del teatro e nel teatro, alle nuove generazioni, a quanti – giovani donne e uomini – scelgono la via della formazione universitaria proprio nei settori dell’arte e dello spettacolo. 
Lo afferma Salvatore Capone, deputato del Pd.
 

08/11/2017 - 16:17

“Sfrattata la Casa internazionale delle Donne? No, ditemi che è uno scherzo!” Fabrizia Giuliani, deputata del Pd, è “incredula” di fronte alla notizia che Il Comune di Roma lunedì ha inviato l'avviso alla struttura di via della Lungara. “E’ una realtà che opera da trent’anni a Roma, coinvolgendo la città in tante iniziative importanti. Non è possibile che la sindaca non torni sui suoi passi. Difendere luoghi cruciali per le donne dovrebbe essere un valore non negoziabile per tutti”.

08/11/2017 - 16:04

"Le risposte del Ministro Madia sulla stabilizzazione del personale precario della Pubblica amministrazione ci rassicurano. Ci auguriamo che la pubblicazione della circolare ministeriale avvenga in tempi brevi, per dichiararci pienamente soddisfatti “. Lo afferma Valentina Paris, deputata del Partito Democratico e componente della Commissione Lavoro, a margine di un'interrogazione al Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, Marianna Madia, in materia di stabilizzazione del personale precario della PA.

"In merito – continua - ai fabbisogni degli enti locali, dei lavoratori dei centri per l'impiego e ANPAL, e dei lavoratori con contratto a tempo determinato (con o senza i tre anni di servizio continuativo), il ministro ha risposto in modo dettagliato, includendo le categorie citate tra quelle rientranti nelle disposizioni previste dall'articolo 20 del Dlgs 25/2017 e comunicando che una circolare ministeriale di prossima pubblicazione tutelerà e garantirà la stabilizzazione degli aventi diritto”.
“Con l'auspicio che ciò accada in tempi brevi, considerata l'annosa condizione di precarietà di migliaia di lavoratori del settore pubblico, ringrazio i colleghi del Partito Democratico per il prezioso lavoro svolto in questi mesi e per la sensibilità dimostrata su un tema che riguarda la vita di tanti lavoratori e delle loro famiglie", conclude.

08/11/2017 - 16:02

“Con il tavolo organizzato oggi dal ministro Martina, al MIPAAF, con i rappresentanti della filiera del pomodoro si sono poste le basi per l’avvio di un percorso stabile per la tutela di uno dei prodotti del Made in Italy più significativi, che deve contare sulle le sinergie e i contributi di tutti i soggetti del comparto”. Lo dichiara Nicodemo Oliverio, capogruppo Pd in commissione Agricoltura, che aggiunge: “Siamo pronti per essere parte attiva e propositiva nel percorso che ci attende per raggiungere il prima possibile l’obiettivo finale: introdurre in etichetta l'obbligo di indicazione dell'origine dei derivati del pomodoro. Dobbiamo continuare nella strada intrapresa da questo governo e parlamento nel fornire informazioni trasparenti al consumatore. Dopo la battaglia vinta a Bruxelles per l’etichettatura obbligatoria su latte e grano siamo ottimisti che riusciremo anche ad arrivare all’obbligo di indicazione dell'origine dei derivati del pomodoro”.

 

08/11/2017 - 15:47

Settore fondamentale per la crescita della democrazia

“L’approvazione di una legge quadro dedicata allo spettacolo dal vivo è un traguardo che definirei storico se la parola non fosse a volte abusata. Un traguardo importante per un settore che aspetta ormai da troppi decenni una riforma ed una legislazione organica che spesso, di legislatura in legislatura,  è sempre sembrata sul punto di essere approvata salvo svanire, per vari motivi, fino qui”. Lo ha detto Irene Manzi deputata del Pd e componente della commissione Cultura durante la dichiarazione di voto sul ddl sullo spettacolo dal vivo nell’Aula di Montecitorio.

“È molto importante - ha proseguito Manzi - che il testo che stiamo per approvare riconosca, tra l’altro, il ruolo ed il valore delle professioni artistiche. È il segnale inequivocabile non solo di un riconoscimento ma anche dell’assunzione di un dovere e di una responsabilità da parte della Repubblica verso chi opera in questo settore; è un modo per riconoscere l’indubbio valore culturale, sociale, identitario ed economico che questo ambito riveste per il nostro Paese. Un valore da cui non si può prescindere. Approvando questo testo noi diciamo alle donne e agli uomini che tutti i giorni lavorano nel settore dello spettacolo che le istituzioni per crescere e restare vitali hanno bisogno di loro. Noi diciamo loro, e non è così scontato dopo i governi passati che hanno spesso rappresentato la cultura più come un settore futile e di spreco da contrapporre a spese ben più urgenti e pressanti, che non siamo indifferenti nei loro confronti e che vogliamo investire su di loro, sulla specificità del loro lavoro quale strumento rilevante per contribuire alla crescita democratica delle nostre istituzioni. Lo facciamo prevedendo una delega specifica per disciplinare il rapporto di lavoro dei professionisti dello spettacolo dal vivo; incrementando le risorse del Fondo Unico per lo spettacolo dal vivo; ampliando le opportunità previste nell’ambito dell’art bonus e destinando una quota del 3 per cento dello stesso Fus a favore delle attività di formazione nelle scuole”.

“L’approvazione di questo provvedimento - ha aggiunto la deputata dem - vale un’intera legislatura. Si tratta di un’approvazione che è anche inevitabilmente, giungendo ormai a conclusione questa legislatura, un’occasione per rileggere insieme  il lavoro svolto fin qui.  Un lavoro imponente ed importante che è passato attraverso l’incremento esponenziale e consistente delle risorse del Mibact a favore delle politiche culturali, il coinvolgimento e la sollecitazione del mecenatismo privato attraverso lo strumento dell’art bonus, la presa in carico del tema delle imprese culturali e creative, l’istituzione dei Caschi Blu della cultura, il tema fondamentale della cultura come diritto pubblico essenziale, il rapporto tra gestione e valorizzazione dei beni culturali, il bonus a sostegno dei consumi culturali, le Capitali italiane della  Cultura fino ad arrivare alla legge sul Cinema. Un lavoro entusiasmante, impegnativo, importante che ha visto nella relazione di continuo confronto e sollecitazione tra Governo e Parlamento uno dei suoi elementi di forza”.

08/11/2017 - 15:24

“Soddisfazione per l’esito del vertice sulle Grandi navi”. Lo dichiara Sara Moretto, deputata del Partito democratico, per commentare l’incontro tenutosi ieri presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

“L’immagine dei giganti del mare – spiega - che transitavano nel cuore della città ha scosso molti di noi. La politica, dopo anni di dibattiti, non poteva rimandare ancora questo problema. La soluzione trovata dal comitato interministeriale permetterà di salvaguardare la laguna, evitando lo scavo di nuovi canali, e di mantenere il settore crocieristico a Venezia, dotandolo anche di prospettive di sviluppo, visto l’indotto che ne deriva.  Per diventare completamente esecutiva, la decisione richiederà altri passaggi, fra i quali gli approfondimenti dell’Autorità portuale. Mi auguro che tutti questi atti arrivino a breve, così da risolvere in via definitiva una vicenda che richiede risposte immediate, ma che si trascina da troppo tempo”.

“Ringrazio in particolare il presidente dell’Autorità portuale Musolino. Il risultato di ieri è frutto anche del suo impegno alla ricerca di una soluzione concreta e realizzabile”, conclude.

08/11/2017 - 15:16

"Dovrebbe informare, formare, al massimo 'divertire'. Invece Libero, nutrendo quotidianamente odio e violenza, fa solo piangere. Semplicemente vergognoso. La mia solidarieta' a Matteo Renzi". Lo scrive, sui propri profili Facebook e Twitter, il presidente della Commissione per le Politiche Ue della Camera Michele Bordo del Pd.

 

08/11/2017 - 14:43

“È legge finalmente! Quella di oggi è una giornata storica”. Lo dichiara Roberto Rampi, deputato del Partito democratico, per commentare l’ok definitivo da parte della Camera al Ddl spettacolo, provvedimento di cui è stato relatore. “Dopo anni – continua - la missione è compiuta. Si tratta di una legge dedicata allo spettacolo dal vivo, alla cultura, ai suoi lavoratori, alla musica, al teatro, alla danza. Ovvero, l’industria della felicità che ci rende davvero più ricchi di emozioni condivise. Parliamo di un settore economico cruciale per il Paese e per la capacità critica che solo l’arte riesce a stimolare. Dalla cultura si riparte. Pe questo abbiamo previsto più risorse, l’Artbonus, il tax credit, il sostegno ai nuovi settori, dalle rievocazioni storiche alla canzone d'autore”, conclude.

08/11/2017 - 13:50

Presentata interpellanza urgente al ministro Calenda

“Chiediamo al governo di individuare strumenti più opportuni per risolvere urgentemente le problematiche di ordine economico e sociale inerenti l’esercizio del commercio ambulante su aree pubbliche sorte a seguito dell’applicazione della direttiva Bolkestein. A questo scopo il governo, il 3 novembre del 2016, ha convocato un tavolo e il 13 settembre scorso aveva preso un impegno preciso su questo tema”. Lo hanno detto Lorenzo Becattini e Marco Donati, deputati del Pd e componenti della commissione Attività produttive della Camera che hanno presentato una interpellanza urgente al ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, sottoscritta da più di trenta deputati dem.

“La cosiddetta direttiva Bolkestein, relativa ai servizi nel mercato interno, stabilisce - proseguono i deputati democratici - che qualora il numero di autorizzazioni disponibili per una determinata attività sia limitato per via della scarsità delle risorse naturali o delle capacità tecniche utilizzabili, gli Stati membri dell’Ue applichino una procedura di selezione tra i candidati potenziali. Il decreto legislativo del 26 marzo 2010, che attua la direttiva Bolkestein, ne ha esteso l'applicazione anche al settore del commercio ambulante su aree pubbliche, ritenendole risorsa naturale limitata e ha specificamente rinviato ad una intesa in sede di Conferenza unificata Stato-Regioni-Autonomie locali l'individuazione dei criteri per il rilascio e il rinnovo della concessione dei posteggi per l'esercizio del commercio su aree pubbliche e le disposizioni transitorie da applicare, con le decorrenze previste, anche alle concessioni in essere. Il 13 settembre 2017 la Camera ha approvato una mozione con cui si impegna il Governo, oltre che a promuovere proposte in sede di Unione europea per meglio definire la portata e gli effetti della Bolkestein rispetto al commercio ambulante, a costituire rapidamente un nuovo tavolo di confronto con gli operatori del commercio su aree pubbliche e con i rappresentanti degli enti locali per studiare, considerando anche la situazione in essere, interventi per contenere le potenziali ripercussioni negative sul tessuto economico e sociale e sulle piccole e micro imprese del settore. A questo scopo la mozione approvata impegna il governo a individuare criteri che, nell'ottica della valorizzazione delle finalità sociali, tengano conto delle diverse caratteristiche, delle dimensioni e dei requisiti professionali acquisiti dagli operatori, della tutela dell'occupazione nel settore e dei luoghi in cui si svolge il commercio ambulante”.
 

08/11/2017 - 13:48

Il quotidiano ‘Libero’ oggi “ha superato ogni limite, il titolo contro Matteo Renzi è pura irresponsabilità. Istigare all’odio e alla violenza non è una metafora, è un illecito penale”. Donatella Ferranti esprime “solidarietà” al segretario del Pd: “Qui non c’entra niente – sottolinea la presidente della commissione Giustizia della Camera – il giornalismo, il diritto di cronaca e di manifestazione del pensiero, e non lo dicono i ‘soliti politici’ per imbavagliare l’informazione, lo dice la Federazione nazionale della stampa, che ora mi auguro intervenga con rigorosi e tempestivi provvedimenti disciplinari”.

08/11/2017 - 13:46

"L’edizione odierna di Libero sarebbe da prendere e gettare in un camino acceso: ce lo consentono sia le temperature piuttosto rigide che il ribrezzo per un quotidiano che si permette di utilizzare toni così ripugnanti e violenti. Oltre all’indegna prima pagina di oggi, ciò che lascia ancor più basiti è l’ostinata difesa promossa online dal quotidiano che tenta di spostare l’attenzione sulla sconfitta elettorale maturata dal PD in Sicilia. Senaldi stia sereno: il nostro Segretario Renzi, oltre a lanciare il suo personale messaggio di buon lavoro al neo Governatore Musumeci, ieri sera ha riconosciuto pubblicamente e senza indugi la significativa battuta d’arresto del Partito Democratico. Questo giornalismo non fa bene a nessuno, mi auguro che su quanto pubblicato questa mattina intervenga anche l’Ordine dei Giornalisti”. Lo ha detto il deputato dem, Emiliano Minnucci, commentando il titolo della prima pagina di Libero.
 

08/11/2017 - 13:44

   
“La vicenda dei roghi tossici, che si innescano dentro e fuori alcuni grandi campi Rom della periferia romana, è il flagello che tormenta la vita di migliaia di famiglie romane ormai da anni e che negli ultimi si è è aggravato”. Lo scrive il vicepresidente della Commissione d’Inchiesta sul degrado delle Periferie, Roberto Morassut.

“Su questo tema - spiega Morassut - la Commissione parlamentare d’inchiesta per le periferie ha svolto un prezioso lavoro di raccordo tra i comitati dei cittadini dei quartieri interessati, le istituzioni, il Governo, la Prefettura e Roma Capitale. Personalmente, come Vice Presidente della Commissione e parlamentare eletto a Roma, ho preso a cuore la vicenda a seguito dei sopralluoghi svolti dalla Commissione e di una animata assemblea svolta a luglio presso il Comitato di quartiere di Morena”.

“Da allora - continua -  la Commissione ha effettuato sopralluoghi approfonditi presso i campi Rom di Salone, La Barbuta, Via Salviati e presso il Parco di Centocelle e l’area della “buca “ di Torrespaccata ed ha svolto audizioni con la Sindaca Raggi, il Prefetto Basilone ed il Ministro Minniti. Grazie al ruolo di impulso svolto dalla Commissione è stato possibile ottenere (purtroppo solo dopo numerose sollecitazioni rivolte alla Sindaca che ha rinviato la riunione per diverse volte) la convocazione del Comitato metropolitano per l’ordine e la sicurezza il giorno 20 ottobre, che ha accolto la disponibilità espressa a settembre da parte del Ministro Minniti ad utilizzare procedure straordinarie (simili alle normative utilizzate in Campania per la Terra dei fuochi) e mezzi straordinari (Esercito incluso) per stroncare il fenomeno dei roghi che determina danni ambientali e per la salute e cela traffici illegali di rifiuti”.
“Serve, ora, secondo quanto previsto dalla Legge Minniti per la sicurezza approvata a luglio - continua Morassut -  che il Comune di Roma indichi un programma di interventi in modo dettagliato e lo sottoponga alle decisioni del Comitato metropolitano.  Questo elenco di interventi, però, non arriva. La Sindaca ha dichiarato di aver inviato alla Commissione per le periferie una relazione. Ma non è assolutamente vero. Non ha inviato nulla”.

“La Sindaca chiede, poi, più risorse al governo per la video sorveglianza ma la sua Giunta ha perso quasi un milione di euro per la installazione di nuove telecamere non partecipando ad un apposto bando della Regione Lazio scaduto il 30 settembre. Un misto di bugie e incapacità. Ora, però, occorre FARE. Basta inerzie. La Sindaca Raggi e la sua Giunta svolgano il ruolo che a loro compete e non cerchino ulteriori alibi. Il Parlamento, il Governo e la Regione hanno messo a disposizione la massima collaborazione e sostegno. Ma bisogna saper fare le cose. Non bastano più le chiacchiere e le bugie”, conclude Morassut.

08/11/2017 - 13:05

Mercoledì 8 novembre ore 16 conferenza stampa di presentazione del Progetto Innòva sala stampa Montecitorio

"Educazione nella scuola, alla cittadinanza, nello sport, nel lavoro e Innovazione. Sono questi i temi che affronteremo nella terza edizione di Innòva, il progetto organizzato a Reggio Emilia dalla Fondazione Ora! che mette a confronto giovani, studenti universitari e rappresentanti delle Istituzioni". Lo dichiara la deputata del Pd, Vanna Iori, promotrice dell'evento Innova, che verrà presentato nella sala stampa di Montecitorio l'8 novembre alle ore 16.

"L'educazione e la formazione riguardano la capacità di attraversare le trasformazioni radicali del nostro tempo.  I veloci mutamenti richiedono oggi pensieri e comportamenti capaci di comprendere l’imprevisto, diventato agente strutturale del sistema, e non sempre  decifrabile attraverso un modo abitudinario di guardare la realtà. Ciò che oggi ci appare una certezza, non lo sarà più domani e dunque l'educazione, in ogni ambito, è allenare l’apertura al nuovo ed è il primo passo per abitare la complessità e trasformarla. Questo sarà il filo conduttore che attraverserà tutti i tavoli tematici e le diverse realtà di cui si discuterà", aggiunge Vanna Iori.

"La scelta di Reggio Emilia come luogo dell'evento non è casuale. La città, in virtù della sua storia passata e presente sempre all'insegna dell'innovazione, si è qualificata  non solo per gestire il cambiamento ma anche per generare il nuovo, nel mondo educativo come in quello tecnologico e produttivo", conclude la deputata democratica.

Alla conferenza stampa parteciperanno la deputata Pd, Vanna Iori, promotrice dell'evento; Andrea De Maria, responsabile Pd Formazione; Alessio Pecoraro, co-presidente della Fondazione Ora!

In allegato il programma dell'evento che si terrà a Reggio Emilia sabato 11 novembre dalle ore 9.30 alle 18 presso il Centro Internazionale Loris Malaguzzi. I tavoli di lavoro saranno 12 divisi in due sessioni.

08/11/2017 - 12:43

La vice presidente della Camera su Twitter: titolo 'Libero' inaccettabile e pericoloso

“Ma che titolo è? Linguaggio violento istiga alla violenza! Inaccettabile e pericoloso: propongo di togliere da tutte le rassegne stampa i giornali che usano espressioni di odio e volgarità”.

La vice presidente della Camera, Marina Sereni, dopo il titolo di 'Libero' sul segretario del Partito democratico, Matteo Renzi, lancia in su Twitter una proposta.

08/11/2017 - 12:11

“La nomina del Generale Claudio Graziano a presidente del Comitato militare dell’Unione Europea è un orgoglio per il Paese a riprova della nostra centralità in Europa in materia di politiche della difesa, oltre che grande riconoscimento per le qualità di una persona che, da tre anni al vertice militare della Difesa, ha sempre dimostrato grande dedizione e professionalità in qualità di Capo di Stato Maggiore della Difesa per il Paese”. Ad esprimere soddisfazione è il capogruppo Pd in commissione Difesa alla Camera Tonino Moscatt.
“Il Generale avrà il compito di dirigere tutte le attività militari nel quadro dell’Ue, cosa che saprà fare in linea con le sue precedenti, prestigiose funzioni”. Ha concluso Moscatt.

Pagine