Fase 3: Rizzo Nervo, scuola e sanità, puntare su due pilastri universalistici

  • 11/06/2020

“Oggi possiamo dire che la decisione di chiudere del Paese, la radicalità di quella scelta complessa, la sua tempestività rispetto a tanti altri Paesi che ne hanno pagato le conseguenze, ha prodotto gli effetti sperati. Senza questo sforzo, senza questa collaborazione silenziosa fra le radicali scelte delle istituzioni e la resistenza dei cittadini, avremmo, senza tema di smentita, pagato un prezzo ancora più alto e doloroso.

Mes: Piero De Luca, unica sorveglianza è utilizzo per sanità

  • 09/06/2020

“È bene un ulteriore chiarimento rispetto all'eventuale utilizzo da parte degli Stati della linea di credito sanitaria nell'ambito del Mes. In alcuni ambienti si continua a paventare il rischio di un obbligo di aggiustamento macroeconomico e di una sorveglianza finanziaria rafforzata per gli Stati che vi accedono. Sul punto c’è ancora un’enorme confusione. Per questo è bene chiarire che sia il regolamento c.d. Two Pack (n.

Tags: 

Sanità. Delrio: Sicurezza medici e infermieri, Camera scritto buona pagina

  • 21/05/2020

"Approvando in modo pressocchè unanime il ddl sulla sicurezza di medici, infermieri e personale sociosanitario la Camera ha scritto una buona pagina. Giustamente abbiamo tutti espresso gratitudine a questi professionisti per la dedizione ed il sacrificio mostrati nell’affrontare la gravissima crisi dell’epidemia da Covid 19 ma la qualità del loro lavoro, l’abnegazione ed anche i rischi a cui spesso vanno incontro non sono una novità.

Aggressioni sanità: Carnevali. legge doverosa e giusta per contrastare violenza

  • 21/05/2020

“Questa legge è giusta e doverosa perché riconosce l’estensione delle pene previste per i pubblici ufficiali, con aggiunta dell’introduzione delle aggravanti, al personale sanitario e socio sanitario e sociale nell’ambito delle loro funzioni. Non più in relazione, quindi, a un luogo specifico come previsto al Senato, ma nello svolgimento dell’attività di cura, assistenza e soccorso. Una legge che non solo agisce sul fronte giudiziario, ma riconosce l’esigenza di investire in formazione, comunicazione, lavoro in equipe, oltre alla necessità di adeguare i piani di sicurezza.

Dl Rilancio: Navarra, investimenti in sanità e istruzione importanti per prospettiva Paese

  • 15/05/2020

“Ho sempre ritenuto che il principale motore di sviluppo di ogni sistema economico e sociale sia la persona. Essa, per dare il suo massimo contributo alla società, deve essere sana e istruita. Sanità e istruzione, quindi, sono il più importante investimento che un governo può fare per assicurare un futuro di prospettiva al Paese. Infrastrutture, tecnologia e innovazione non producono nulla se non ci sono persone sane e istruite che possano e sappiano utilizzarli al meglio.

Dl Rilancio: Rizzo Nervo, buone notizie su sanità presupposto ripartenza

  • 14/05/2020

“Nel Decreto Rilancio vi sono buone notizie per tutti coloro che credono che la salute dei cittadini debba essere rimessa al centro dell'agenda politica nazionale, presupposto per ogni possibile ripartenza. I 2,350 miliardi previsti, che si aggiungono a quelli stanziati nei precedenti decreti e nella legge di bilancio portano ad un aumento delle risorse per circa 6 miliardi di euro. Un fatto tanto inedito quanto necessario.

Dl Rilancio: Carnevali, su sanità strategia che va oltre emergenza

  • 14/05/2020

“Per provare a riassumere l’intento del decreto legge Rilancio sulla parte relativa alla salute possiamo dire che va oltre l’emergenza. Gli assi principali sono costituiti dal rafforzamento delle rete ospedaliera, con la definizione degli standard di posti per le terapie intensive e sub intensive; dall’investimento sul capitale umano, con assunzioni del personale sanitario e 4200 borse di studio per specializzandi su cui ci impegniamo a raggiungere l'obbiettivo di  5000 in sede di riconversione; e, soprattutto, dall’obiettivo di portare più Servizio Sanitario sul territorio.

Coronavirus: Carnevali, grazie a governo e operatori, tornare a investire su sanità

  • 01/04/2020

“Grazie al ministro Speranza per la sua relazione, per la sua sobrietà, per il suo impegno. Lei, il governo, tutti noi, abbiamo fatto scelte durissime per il Paese, ma avete operato affinché non ci fosse un conflitto tra salute e lavoro e di questo ve ne siamo grati. Ora dobbiamo iniziare ad immaginare e mettere in campo, come già stiamo facendo, le azioni necessarie per la ricostruzione economica e sociale. Per sconfiggere l’epidemia, però, non possiamo permetterci nessun arretramento nei comportamenti individuali, per consolidare quel barlume di speranza che vediamo.

Pagine