19/09/2021 - 13:30

“Il Sud ha bisogno di una grande forza politica che si faccia carico delle istanze di crescita e giustizia sociale ed ha ragione Letta nel dire che questo partito  non può che essere il Pd.” Così in una nota il deputato dem Alberto Losacco. “Il Mezzogiorno - prosegue - è la porzione del Paese con  maggiori potenzialità di crescita. Bisogna lavorare su questo, superando stereotipi e luoghi comuni per dire che il  Sud non è un problema, ma la principale opportunità del Paese per affrontare e risolvere i suoi ritardi strutturali, anche in relazione agli interventi strategici del PNRR. Come annunciato da Letta, nei prossimi mesi si dovrà intensificare il percorso iniziato con questa campagna elettorale. I territori, come sempre, giocheranno un ruolo fondamentale sulla riuscita del progetto. Il Pd deve diventare una grande forza del Sud e per il Sud.”

02/09/2021 - 16:30

“Complimenti alla Guardia di Finanza per l’indagine sul tentativo di acquisizione da parte di ambienti cinesi di materiale militare italiano.”

Lo scrive in una nota il deputato dem, Alberto Losacco.

“Il complesso meccanismo che ne era alla base - prosegue - conferma la bontà della norma sul golden power a tutela delle imprese nazionali che ricoprono un interesse di carattere strategico. Come dimostra l’inchiesta di Pordenone è un rischio molto concreto. Occorre mantenere alta l’attenzione per evitare gravi ripercussioni sull’interesse nazionale.”

28/07/2021 - 14:58

La carenza degli assistenti sociali soprattutto nelle regioni meridionali è cosa ormai tristemente nota e nonostante ciò i servizi sociali hanno affrontato la pandemia provando a dare risposte alla popolazione con ogni mezzo a loro disposizione, svolgendo un enorme lavoro di sostegno per le fasce di popolazione più fragili, non soltanto recependo le indicazioni arrivate dal livello centrale, ma anche ripensando e riorganizzando i propri servizi e mettendo in campo inedite forme di vicinanza alle persone e alle famiglie.

Ci stiamo già da molti mesi battendo in Parlamento perché trovino finalmente attuazione i livelli minimi delle prestazioni. Quanto giustamente è stato rilevato sugli organi di stampa in questi giorni in merito alla distribuzione non equa dei fondi per l’assunzione di nuovi assistenti sociali fortemente penalizzante per il Mezzogiorno e le aree interne è purtroppo a noi ben noto ed è stato oggetto di diversi tentativi di intervento.

Occorre innanzitutto dire che quanto è stato fatto con la scorsa legge di Bilancio rappresenta un passo avanti importante per garantire servizi e prestazioni di assistenza sociale più efficienti. È altrettanto importante, però, far sì che quei territori che per ragioni storiche hanno difficoltà ad assicurare prestazioni idonee, anche a causa di un bassissimo rapporto di assistenti sociali rispetto al bacino d’utenza, siano accompagnati verso un deciso cambio di rotta. L’istituzione di un livello essenziale delle prestazioni in tal senso è un fatto assolutamente positivo, ma è indispensabile che il parametro di 1 assistente ogni 5.000 abitanti come indicato in legge di Bilancio venga inteso come un traguardo a cui tutti, con la dovuta gradualità ma entro tempi accettabili, possano ambire.
Il rischio oggi è che l'obiettivo di garantire un livello minimo di prestazioni sociali e di contrasto alla povertà su tutto il territorio nazionale finisce per potenziare il servizio sociale nelle aree in cui è già presente e non sostenerlo adeguatamente dove invece è insufficiente. Proprio per questo abbiamo anzitutto depositato un'apposita interrogazione parlamentare sul tema.
Abbiamo poi presentato un emendamento sia sul decreto “Sostegni bis” che sul “Semplificazioni” che intendeva modificare il sistema di ripartizione dei fondi, affinché anche i comuni e gli ambiti più svantaggiati potessero assumere da subito nuovi assistenti sociali e aumentarne la dotazione in proporzione alla popolazione.
In particolare, la modifica da noi proposta permetteva a tutti i Comuni e agli ambiti che sono più indietro, ossia con poche o nessuna unità di personale, di utilizzare fino al 50% della quota loro spettante del fondo per la povertà e l’esclusione sociale per l’assunzione di assistenti sociali a tempo indeterminato. A questo è associato anche un meccanismo premiale: i comuni e gli ambiti che utilizzano almeno il 40% di quella quota possono accedere direttamente ai contributi stanziati con la legge di bilancio per assumere altro personale e raggiungere più in fretta il rapporto di 1 a 5.000.

È indubbio che la norma varata dal governo, così come molti osservatori hanno denunciato ha bisogno di una correzione per raggiungere pienamente le sue finalità. Non solo, dunque, elevare gli standard attuali in ambito di servizi sociali, ma farlo uniformemente su tutto il territorio nazionale. Purtroppo, su nessuno dei due provvedimenti siamo riusciti ad averla vinta ma confidiamo di arrivare presto a una soluzione.

Non abbiamo pertanto assistito inermi a questa ingiustizia perpetrata ai danni del Sud, anzi abbiamo provato con tutte le nostre forze a correggere un errore grave. E non ci arrendiamo certo. Nei prossimi mesi infatti torneremo a combattere la nostra battaglia affinché si possa rendere l'intervento previsto nell'ultima legge di Bilancio concreto ed efficace, maggiormente aderente al dettato costituzionale, che impone esplicitamente solidarietà e coesione tra territori per il contrasto delle diseguaglianze.

Lo affermano i parlamentari del Pd Bruno Bossio, De Luca, Fedeli, Frailis, Lacarra, Lattanzio, Losacco, Manca, Margiotta, Miceli, Navarra, Pagano, Pezzopane, Pittella, Raciti, Siani, Stefano, Topo, Valente, Viscomi.

14/07/2021 - 15:02

“Ieri sera il Consiglio dei Ministri ha deliberato la rinuncia all’impugnativa della legge pugliese di proroga del Piano Casa per il 2021.Grazie a una proficua dialettica sul piano istituzionale e su quello politico, si è salvata una legge che guarda alla riqualificazione urbanistica, all’efficientamento energetico degli immobili, al recupero di quelli abbandonati, alla riduzione del consumo di suolo. Bene quindi la decisione del Governo, che ha chiuso nel migliore dei modi un contenzioso che avrebbe generato incertezza e danneggiato un settore essenziale per il rilancio economico della nostra regione”.

Così in una nota il deputato barese del Pd Alberto Losacco.

06/07/2021 - 16:06

“Il parere favorevole del relatore e del governo, e l’accordo unanime delle forze politiche per l’istituzione di un fondo destinato al ristoro delle perdite derivanti dalla sospensione e dal ridimensionamento a causa della pandemia dei servizi di ristorazione collettiva, è un nostro importante successo. Il sostanziale via libera per l’approvazione dell’emendamento a nostra firma, infatti, permette lo stanziamento di 100 milioni di euro per l’anno 2001 da destinare per contributi a fondo perduto tenendo conto della riduzione dei ricavi delle imprese nel corso del 2020 rispetto all’anno precedente e del livello di mantenimento in servizio degli addetti. Si rende così giustizia a un settore fino a oggi escluso da ogni aiuto economico e che però, a seguito dei provvedimenti per il contrasto alla pandemia da parte del governo e di alcune regioni ed enti locali, aveva visto il prodursi di interruzioni totali del servizio di ristorazione fornito alla pubblica amministrazione, in particolare alle scuole, e di mensa aziendale e commerciale. Parliamo di aziende che occupano circa 100mila persone, il cui 85% è lavoro femminile, che sono labour intensive, con una presenza femminile maggioritaria e di dimensioni tali da non aver avuto accesso fino ad ora a nessuno dei ristori”.

Così i deputati dem, Alberto Losacco e Graziano Delrio, primi firmatari dell’emendamento sulle misure di sostegno al settore della ristorazione collettiva.

05/07/2021 - 10:59

“Un sindaco del Pd, un sindaco di una città del Sud. Quando si amministra prendendo di petto problemi quotidiani senza mai rinunciare all'impegno per conferire alle città una nuova centralità strategica, i cittadini se ne accorgono e sono pronti a riconoscere e a sostenere il tuo operato. E’ così che si rivitalizzano le comunità, è così che si fa buona politica. Congratulazioni ad Antonio Decaro, confermato anche quest’anno come il sindaco più apprezzato d’Italia.”

Così in una nota il deputato barese del PD Alberto Losacco sui dati Governance Poll 2021 del Sole 24 ore.

31/05/2021 - 16:52

“Spero davvero che, anche dopo le parole di fiducia e apprezzamento del segretario Letta, Nicola Irto torni su suoi passi e confermi la sua candidatura a presidente della Calabria. Una regione così importante merita una guida e una politica ben diversa da quella del leghista Spirlì. E il PD ha in Irto una figura credibile e competitiva, che va sostenuta con la massima determinazione per raggiungere quest’obiettivo.” Così in una nota il deputato dem Alberto Losacco.

10/05/2021 - 14:17

“Congratulazioni a Michele Partipilo, che dal 15 maggio prenderà la guida della Gazzetta della Mezzogiorno al posto di Giuseppe De Tomaso, che ha guidato il giornale per 13 anni e in uno dei momenti più difficili della sua storia. A Partipilo i miei migliori auguri di buon lavoro, nella certezza che la sua lunga esperienza professionale sarà un valore aggiunto nel rilancio che partirà dalla nuova veste grafica e dalla nuova sede dove, come annunciato dagli editori, ci sarà la possibilità di consultare quell’archivio cartaceo, da poco dichiarato dalla Soprintendenza bene culturale assieme al marchio della testata. La Gazzetta, come abbiamo sempre ripetuto nei mesi difficili in cui è stata messa in discussione la sua esistenza, è un bene comune, un patrimonio della libera informazione meridionale che appartiene a ciascuno di noi.
E allora buon lavoro a tutti i giornalisti e i lavoratori di Gazzetta, con l’augurio di tante nuove pagine di buon  giornalismo per la crescita civile, sociale ed economica della nostra terra.”

Così in una nota il deputato barese del Pd, Alberto Losacco.

26/04/2021 - 17:06

“Con 75 milioni di euro per la riqualificazione della costa Sud, anche Bari tra le realtà protagoniste del Piano Strategico Grandi attrattori culturali promosso dal Ministero della Cultura per finanziare, con un fondo complessivo di 1,460 miliardi di euro legato al Recovery fund, quattordici grandi interventi di tutela e promozione culturale nel Paese.”

Così in una nota il deputato barese del Pd, Alberto Losacco. 

“Grazie a queste risorse - prosegue Losacco - il tratto di costa a sud di Bari verrà riqualificato e trasformato in in un parco costiero della cultura, del turismo e dell'ambiente. In questo modo i miglioramenti urbanistici portati avanti in questi anni potranno contare su un altro indispensabile tassello, a conferma dell'attenzione del Ministero della Cultura per la nostra città e per la valorizzazione del Mezzogiorno.”

16/04/2021 - 20:09

“Bene la volontà del governo di aumentare la quota di fondi del Recovery per il Mezzogiorno. E’ un segnale necessario anche in considerazione del fatto che se l'Unione Europea ha fatto dell'Italia la principale beneficiaria degli aiuti, lo si deve proprio al Mezzogiorno. Il deficit strutturale del Sud e il divario col resto del Paese, resta il vero freno allo sviluppo del Mezzogiorno, essenziale per garantire la crescita del sistema-Paese e dell'Unione Europea. È un moltiplicatore implicito, perché è quella parte d'Italia con le maggiori ricadute e potenzialità di sviluppo. Più risorse si destineranno ai progetti per il Sud, più facilmente si raggiungeranno gli obiettivi di crescita e modernizzazione fissati dall’Europa. Non possiamo permetterci di perdere questa occasione, si destini al Mezzogiorno almeno il 40% Recovery”.

Così in una nota il parlamentare barese del Pd, Alberto Losacco.

13/04/2021 - 11:06

“Un plauso a Sabrina Ferilli per aver offerto la propria disponibilità a sostenere le spese legali di Riccardo Cristello, l’operaio dell’ex Ilva licenziato per aver condiviso un post con il quale invitava a seguire la fiction con la stessa Ferilli ispirata alla vicenda del siderurgico. Lo stesso ha fatto anche l’attore tarantino Michele Riondino, a riprova di una sempre più forte solidarietà per una vicenda che è semplicemente inaccettabile. Questa settimana la questione sarà sul tavolo del Ministro Orlando, anche se l’auspicio di tutti è che la vicenda possa risolversi senza passare per le vie legali. Arcelor Mittal faccia pubblica ammenda e revochi il licenziamento”. Lo dichiara il deputato del PD, Alberto Losacco.

09/04/2021 - 21:45

“La Puglia, con la nomina di Michele Emiliano a vicepresidente della conferenza Stato-Regioni, non solo ribadisce la centralità che si è conquistata in questi anni nel panorama nazionale ma con questa nomina fa un ulteriore salto di qualità: quella di una terra chiamata a ruoli di sempre maggiori responsabilità nei rapporti con lo Stato centrale, forte anche della presidenza dell’Anci affidata a un altro pugliese, il sindaco di Bari Antonio Decaro".

Così in una nota il deputato barese del Pd, Alberto Losacco.

“A Michele Emiliano, e naturalmente al neopresidente Fedriga, gli auguri di un proficuo lavoro, così come un sentito ringraziamento al presidente uscente Bonaccini, che ha rappresentato le regioni italiane nel momento di maggiore delicatezza dell’intera storia repubblicana.”

07/04/2021 - 18:00

“Lo sfregio di Erdogan alla Presidente Von der Leyen è un vero e proprio guanto di sfida all’Unione Europea e ai valori che rappresenta agli occhi del mondo. Una provocazione assurda, un modo inequivocabile per dire che le donne non sono all’altezza degli uomini, a pochi giorni dall’uscita della Turchia dalla Convenzione di Istanbul sul contrasto alla violenza contro le donne.
Negando quella sedia, Erdogan ha mostrato disprezzo per milioni di cittadini europei, per il nostro stile di vita basato sulla centralità dei diritti individuali e sull’impegno per la parità tra i sessi. Non si era mai assistito a uno sgarbo del genere neppure nei momenti più ruvidi della Guerra Fredda. È una vergogna. L’Europa faccia sentire la sua voce.”

Così in una nota il deputato dem, Alberto Losacco.

04/04/2021 - 21:45

Lascia senza parole la decisione di Arcelor Mittal di sospendere due operai, “rei” di aver condiviso sui loro profili social uno screenshot della fiction “svegliati, amore mio”, liberamente ispirata alla storia dell’Ilva, con l’invito a guardarla in tv. E non convince neppure la giustificazione dell’azienda, secondo cui gli operai in un secondo momento avrebbero usato parole ingiuriose nei confronti dell’azienda. Se la fiction si ispira a fatti precedenti all’attuale gestione, dove sarebbe il danno d’immagine per l’attuale proprietà? E poi uno dei due operai aveva la bacheca chiusa: come ha fatto l’azienda ad accedere al post che era riservato alla cerchia dei suoi amici? Arcelor Mittal torni su suoi passi e revochi la sospensione. Non è certo questo il modo di comportarsi con una forza-lavoro duramente provata dalle drammatiche vicende di questi anni e che, proprio per questo, meriterebbe tutt’altra cura e rispetto. Così il deputato dem Alberto Losacco

02/04/2021 - 14:30

“La mia solidarietà e vicinanza al Ministro Speranza, per le gravi minacce di cui è stato oggetto assieme alla sua famiglia. Siamo nel passaggio più delicato e l’impegno di Speranza, affinché non si prendano strade che  compromettano lo sforzo di tutti questi mesi, merita soltanto attenzione e rispetto. Minacce e campagne d’odio sono assolutamente inaccettabili e vanno perseguite con tutti gli strumenti che la legge mette a disposizione.” Così il deputato dem Alberto Losacco.

Pagine