15/11/2019 - 15:23

“Il Partito Democratico è in prima linea per risolvere il problema del caro voli per la Sicilia, con le tariffe esorbitanti delle compagnie aree in vista del periodo natalizio, cosa che rischia di negare a tantissimi siciliani la possibilità di trascorrere quelle giornate in famiglia.”

Lo dice da Siracusa il Commissario Regionale Alberto Losacco, dove oggi si terrà la nuova tappa delle assemblee territoriali del pd siciliano.

“Per il 22 dicembre - prosegue Losacco - un volo Ryan da Torino a Catania costa 306 euro, mentre uno da Londra costa 26. Stessi importi si riscontrano anche sui voli di ritorno dopo Capodanno. Siamo a una situazione paradossale, per cui a un siciliano che vive a Torino converrebbe raggiungere Londra con un altro volo e da lì imbarcarsi per l’isola.

È evidente - insiste Losacco - che è in atto un’operazione speculativa inaccettabile, determinata anche dal fatto che altre compagnie hanno rinunciato ai voli da e per la Sicilia.

Per questo occorre riconoscere per la Sicilia il regime di continuità territoriale, al fine di garantire il diritto alla mobilità dei siciliani. Il Governo si faccia carico della questione, a cominciare da quella legata all’imminente periodo natalizio.”

06/08/2019 - 13:10

“Al presidente del consiglio Conte risulta che la ministra Lezzi abbia nominato Antonio Mattia nel comitato di indirizzo per la Zes jonica? Lo chiedo perché dagli organi di informazione sembrerebbe proprio che il candidato dei 5 stelle alla presidenza della Regione Basilicata alle recenti elezioni avrebbe ricevuto tale nomina proprio dalla ministra per il Sud, appartenente al suo stesso movimento e che, anzi, Mattia avrebbe già partecipato a una riunione della cabina di regia della Zes a Roma. Se così fosse vorremmo sapere i criteri che hanno indotto a scegliere l’ex candidato grillino, forte dei suoi 332 voti sulla piattaforma Rousseau e del terzo posto al voto della Basilicata”. Lo ha chiesto il deputato democratico Alberto Losacco in una interrogazione al presidente del consiglio.

26/07/2019 - 13:14

“Sono molto soddisfatto che il governo abbia accolto l’odg a mia firma che impegna l'Esecutivo ad un potenziamento degli organici delle forze di polizia presenti in provincia di Matera, rafforzando le unità in servizio presso la Questura di Matera e i commissariati di Pisticci e Policoro in considerazione dell'oggettivo aumento dei carichi di lavoro, dovuti in particolare all'evento Matera capitale Europea della Cultura per l'anno 2019, e circa la necessità di assicurare un capillare controllo del territorio e contrastare le attività illegali e criminali. Come è noto per il 2019 a Matera è richiesto alle forze dell'ordine un significativo impegno a tutela dell'ordine pubblico e del controllo del territorio, tant'è che spesso in città viene richiamato anche personale in servizio presso altri Commissariati presenti in provincia, come Pisticci e Policoro e questo determina situazioni di difficoltà per suddetti commissariati e per il loro lavoro. Va inoltre tenuto in debita considerazione anche quanto emerso dalla recente relazione della DIA che evidenzia come il territorio lucano e in particolare quello di Matera sia attenzionato anche da organizzazioni malavitose. Da tempo le organizzazioni sindacali delle forze di polizia chiedono un adeguamento delle piante organiche per tutti i presidi presenti sul territorio e anche un potenziamento dei mezzi a disposizione a partire dalle autovetture. Ci auguriamo pertanto che il Governo dia tempestivamente seguito a questo impegno assunto in Parlamento e come Pd vigileremo costantemente”. Lo ha detto il deputato Pd, Alberto Losacco, firmatario di un ordine del giorno al dl sicurezza bis accolto dal Governo.

03/07/2019 - 14:12

“Fa bene al Paese, in uno dei momenti più difficili della sua storia, vedere l’affermarsi in Europa di personalità come David Sassoli che fanno del bene comune il riferimento costante della propria azione”.

Così in una nota il deputato dem Alberto Losacco.

"Conoscendo David – prosegue Losacco - sono certo che, al di là dei doveri imposti dal ruolo, interpreterà questa nuova prestigiosa responsabilità come un servizio da mettere a disposizione non solo di una parte politica ma di tutto il Paese, dell’intera comunità nazionale, secondo il magistero del presidente Mattarella, vero interprete del sentimento nazionale e dell’interesse generale dell’Italia”.

Adesso l’unico augurio è che il Governo veda nella responsabilità attribuita a Sassoli una grande opportunità per il ruolo dell’Italia in sede europea. Non farlo sarebbe un atto di vera e propria miopia che il nostro Paese non merita”, conclude Losacco.

27/06/2019 - 12:14

Serve aumentare borse di specialità post-laurea

“Davanti all’emergenza di carenza di medici, da parte del ministro Bussetti arriva una risposta. Peccato sia quella sbagliata”. Lo afferma il deputato del Pd Alberto Losacco.

“Ieri il ministro – prosegue Losacco - ha firmato i decreti con cui si aumentano i posti nei corsi di Medicina e Odontoiatria.  Il problema però non è la carenza di medici generici ma di specialisti, ed è la loro assenza che genera il grave fenomeno delle lunghe liste d’attesa. La questione si affronta aumentando le borse di specialità post-laurea, come chiedono da tempo l’Ordine dei Medici, le organizzazioni sindacali e le regioni. L’assenza di borse è anche la principale ragione dell’emigrazione dei nostri dottori più bravi. Sono circa 1500 i medici che ogni anno lasciano l’Italia per questo motivo. È un vero e proprio danno economico, stimato nell’ordine di 225 milioni di euro, per un Paese che quindi forma validi professionisti per poi regalarli ad altre nazioni. Nella passata legislatura, coi governi di centrosinistra, le borse di specializzazione sono passate da 3500 a 6200. Ancora poche, ma era un primo passo sulla giusta strada. Qui invece si fa finta di non vedere il problema e si sceglie una strada molto efficace dal punto di vista della comunicazione e della propaganda, ma del tutto inefficace per il miglioramento del nostro sistema sanitario.”

26/06/2019 - 17:15

“Egregio Presidente, segnalo alla Sua cortese attenzione quanto evidenziato anche a mezzo stampa da importanti organizzazioni di rappresentanza del mondo della sanità e in particolare dei medici circa l’inopportunità che presso la sala stampa della Camera possa svolgersi la conferenza di una associazione nota per posizioni ‘No Vax’. Tale preoccupazione è stata segnalata anche dal presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Filippo Anelli. Per la seconda volta in pochi mesi, la Sala Stampa della Camera risulta essere stata concessa per ospitare la Conferenza di un’associazione, Corvelva, nota per diffondere informazioni allarmistiche sui vaccini prive di ogni fondamento scientifico. Suddetta conferenza, prevista per domani, segue quella del 24 gennaio scorso, in occasione della quale vennero presentati i risultati di alcune analisi, subito smontati dalla comunità scientifica e dall’Agenzia del Farmaco. Per quanto l’evento non sia stato organizzato in sé dalla Camera non può, però, essere derubricata la questione di come uno spazio della Camera possa diventare luogo di divulgazione di elementi equivoci per validità scientifica. Le chiedo pertanto di attivarsi per quanto di Sua competenza per valutare l’opportunità che si tenga proprio presso la sala stampa della Camera suddetta conferenza e di evitare che tali iniziative possano diventare sistematiche a danno della scienza e della salute dei cittadini”.

Così il deputato Dem, Alberto Losacco, in una lettera inviata al presidente della Camera, Roberto Fico.

11/03/2019 - 16:29

Interrogazione a ministro Interni dopo nuovo episodio Bari

“Quali iniziative intende assumere il governo, con atti concreti e con una vera campagna educativa che coinvolga le società di calcio, la scuola e tutte le istituzioni, dopo il grave episodio di violenza avvenuto sabato scorso durante una partita di calcio del campionato allievi di Bari? Il ministro degli Interni come intende evitare il ripetersi di simili episodi e riaffermare il principio della bellezza dello sport privo di violenza, tutelando gli arbitri e quanti si dedicano con passione a questa attività?”.

Sono le domande alle quali intende dare una risposta il deputato Dem, Alberto Losacco, con l’interrogazione rivolta al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e al ministro degli Interni, Matteo Salvini.

“Al termine dello spareggio fra l’Asd Levante 2008 e la Virtus Palese, disputato a Japigia - si segnala nell’interrogazione - l’arbitro Tiziano Albore ha subito una pesante aggressione, prima da un calciatore, poi da alcuni scalmanati che si erano introdotti sul campo scavalcando le barriere. Si tratta dell’ennesima aggressione ai danni di un arbitro, nonostante la roboante conferenza stampa del 13 novembre del ministro dell’Interno e l’annuncio di misure drastiche proprio in risposta ad un’altra aggressione, in quel caso ai danni di un giovane arbitro di Roma. L’episodio di sabato scorso - denuncia con la sua iniziativa Alberto Losacco - testimonia purtroppo come la situazione continua a rimanere assolutamente preoccupante e che le parole di condanna non sono più sufficienti”.

26/02/2019 - 16:30

“La risposta del governo alla mia interrogazione sulla diffusione di alghe tossiche nel periodo estivo lungo le coste pugliesi, pur apprezzando l’approfondimento fatto dal sottosegretario Micillo, non risponde alle attese e rischia di evidenziare una sottovalutazione del problema.

Noi chiedevamo e chiediamo un’azione di supporto alla Regione nel costante monitoraggio e nella attivazione sin da ora di programmi che evitino il diffondersi di questa alga. Il mare per la Puglia è una voce importante della sua economia con 800 km di costa. Turismo e pesca non possono essere penalizzati da un'alga. Siamo a febbraio e c'è il tempo per affrontare questa potenziale criticità. Non è sufficiente fare nell’aula parlamentare il resoconto di quanto accaduto la scorsa estate. Il Ministero dell'Ambiente non può dimostrarsi impreparato e questo ci preoccupa in vista della prossima estate”.

Lo ha dichiarato il deputato dem Alberto Losacco a commento della risposta ricevuta ad una sua interrogazione sul problema delle alghe tossiche in Puglia

14/02/2019 - 16:06

Da Pd presto proposta organica per soluzioni

“Non si può che esprimere un’amara insoddisfazione per le modalità con le quali il governo sta affrontando le due delicatissime questioni della Xylella e delle gelate in Puglia. L’unico risultato è stato solo di dividere rappresentanza e agricoltori”. Lo dichiarano i capigruppo Pd in Commissione Agricoltura alla Camera e al Senato Maria Chiara Gadda e Mino Taricco e i parlamentari democratici Teresa Bellanova, Francesco Boccia, Michele Bordo, Dario Stefano, Marco Lacarra, Alberto Losacco, Assuntela Messina, Ubaldo Pagano.

“Il caos generato negli ultimi mesi – continua - è il risultato di una politica che non risolve i problemi, ma li alimenta e li cavalca per ragioni di consenso elettorale. Nonostante le tante promesse, il settore agricolo è stato totalmente ignorato dalla legge di bilancio prima e dal dl Semplificazioni poi. Oggi il governo pensa di ergersi a salvatore, invece sono i primi responsabili del ritardo. L’agricoltura italiana si merita dignità: non basta sventolare misure come l’etichettatura, bisogna che sotto l’etichetta ci sia un prodotto e che le aziende siano aiutate e sostenute in maniera adeguata. Per questi motivi, di fronte ai dissidi tra le forze di maggioranza, depositeremo i primi giorni della prossima settimana una proposta organica del Pd che chiederemo a tutte le forze politiche di condividere”.

“Troppe volte ha promesso Centinaio, noi mettiamo sul tavolo misure concrete. Gli agricoltori meritano risposte. Questo governo non comprende nemmeno le loro esigenze”, concludono.

06/02/2019 - 17:27

“Le istituzioni, nel pieno rispetto dell’azione della magistratura, si assumano un impegno per trovare una soluzione per i lavoratori della testata e scongiurino la chiusura della Gazzetta del Mezzogiorno”. Lo dichiara Alberto Losacco, deputato del Partito democratico, a proposito della crisi aziendale che investe la testata.

“Lo scorso 23 gennaio – ricorda - in una risposta a un’interrogazione in Aula, il vice-premier nonché Ministro del Lavoro, Di Maio aveva testualmente affermato: ‘Posso garantire la mia disponibilità a fornire ogni utile supporto mediante l’utilizzo degli strumenti disponibili a legislazione vigente per evitare situazioni di crisi occupazionale’ alla Gazzetta del Mezzogiorno. Da oggi e per tre giorni il giornale non sarà in edicola e questo dovrebbe essere motivo di grande preoccupazione. Una delle più importanti e autorevoli voci del Sud costretta al silenzio poiché gli amministratori giudiziari e della direzione aziendale continuano a privilegiare i fornitori anziché corrispondere ai giornalisti gli stipendi arretrati che a oggi ormai ammontano a tre mensilità. C’è necessità che le istituzioni, nel pieno rispetto dell’azione della magistratura, si assumano però un impegno per trovare una soluzione per i lavoratori della testata e scongiurino la chiusura del giornale. Si conferma un pregiudizio del governo ‘gialloverde’ nei confronti della carta stampata e anche l’inerzia a cui assistiamo è figlia di quel sentimento ideologico”.

“Nel solidarizzare con giornalisti e lavoratori della Gazzetta, chiediamo che si giunga in tempi rapidi a una soluzione strutturale che consenta alla testata di andare avanti, ai lavoratori di essere regolarmente retribuiti e ai lettori che in queste settimane hanno mostrato ancora di più il loro affetto per il giornale di poter continuare a leggere come da 130 anni dei loro territori attraverso le pagine di questa importantissima voce dell’editoria”, conclude.

04/02/2019 - 17:28

“Questo governo sembra non voglia neanche ascoltare il grido di dolore dei nostri corregionali in Venezuela”. Lo dichiara Alberto Losacco, deputato del Partito democratico, a proposito della crisi venezuelana.

“Non resta – continua - che fare appello a un altro pugliese che ricopre un ruolo apicale grazie a questa compagine di Governo. Perché se dobbiamo dare per buone le analisi geopolitiche di Di Battista, tanto vale appellarsi alla sensibilità di Lino Banfi. Parli con Conte e da pugliese lo convinca a prendere la posizione che i tanti nostri emigrati in Venezuela attendono da settimane e che in queste ore sono sgomenti per l’atteggiamento italiano. In questa situazione così grottesca vai a vedere che Banfi non possa essere la persona giusta al posto giusto”.

“Faccia un tentativo, parli con Conte, gli ricordi il suo dovere da Presidente del Consiglio, da Presidente del Consiglio pugliese”, conclude.

30/01/2019 - 16:23

“Procedere alla dichiarazione dello stato di emergenza per il Comune di Pomarico in modo da poter porre in essere tutte le iniziative necessarie a porre in sicurezza il centro abitato e avviare interventi di consolidamento e contrasto al dissesto idrogeologico rispetto a questo comprensorio”. Lo chiede Aberto Losacco, deputato del Partito democratico, con un’interrogazione al presidente del Consiglio dei Ministri.

“Si assiste – spiega - a un rapido aggravamento del fenomeno franoso che sta interessando il Comune di Pomarico, in Provincia di Matera, con grave situazione di rischio per il centro abitato. Il fenomeno ha causato danni alle infrastrutture viarie, a edifici ad attività economiche e alla esecuzione di ordinanze di sgombero per alcune abitazioni. Considerata la progressiva evoluzione dell'evento calamitoso in argomento, anche in conseguenza di ulteriori eventi metereologici in piena stagione invernale, il Fondo per le emergenze nazionali presenta le necessarie disponibilità”.

“Si ritiene dunque necessario e improcrastinabile provvedere tempestivamente a porre in essere tutte le iniziative di carattere straordinario finalizzate al superamento della grave situazione determinatasi a seguito dell'evento franoso tuttora in atto, dal momento che la situazione di emergenza, per intensità ed estensione, non è fronteggiabile con mezzi e poteri ordinari”, conclude.frana, materno, 

14/01/2019 - 18:37

Serve tavolo istituzionale per salvare voce importante del Sud

“E’ inaudito che il Governo sottovaluti la vicenda delicata che riguarda il futuro de La Gazzetta del Mezzogiorno, che da domani sciopererà per tre giorni come indetto dal comitato di redazione del quotidiano diffuso in Puglia e Basilicata”. Lo dichiara Alberto Losacco, deputato del Partito democratico.“La crisi – continua - di una delle voci più importanti della stampa del Mezzogiorno del quotidiano non può essere derubricata a mera vertenza tra le parti. E’ qualcosa di più rilevante e investe aspetti importanti anche per la qualità della democrazia.  Esprimo piena solidarietà ai lavoratori e ai giornalisti della testata”. “Ho da tempo depositato un atto di sindacato ispettivo alla Camera dei Deputati, di cui sollecito la risposta e mi auguro che il Governo attivi al più presto un tavolo istituzionale come fatto dalla Regione Puglia”, conclude.

31/10/2018 - 18:40

“Un sentito e doveroso ringraziamento alla Polizia Postale e alla Procura minorile di Bari il cui lavoro ha consentito di salvare la vita ad una ragazzina di 13 anni finita nella rete pericolosissima del ‘Blue Whale’”. Lo dichiara Alberto Losacco, deputato del Partito democratico, a proposito del caso della tredicenne barese che, insieme ad altre 30 minorenni di altre regioni d’Italia, sarebbe stata coinvolta in chat sul gioco Blue Whale fino alla fase che prevede il suicidio.

“Purtroppo – continua - l'episodio rinnova la preoccupazione sui rischi della Rete per i più fragili. È necessaria una grande alleanza per aumentare il grado di consapevolezza nell'utilizzo delle nuove tecnologie e dei social per rafforzare gli anticorpi rispetto a fenomeni pericolosi come quello che ha coinvolto la giovane e purtroppo tanti altri ragazzi in giro per l'Italia”.

“Sono fenomeni da non derubricare e che la politica deve affrontare partendo dalla grande questione educativa che ci pone questo tempo”, conclude

20/09/2018 - 15:18

“La rinuncia da parte dell'avv. Cavallo all'incarico nel Cda delle Fal non può esimere il Ministro Toninelli dal rispondere su alcuni nodi che rimangono in piedi e lasciano perplessi”. Lo dichiara Alberto Losacco, deputato del Partito democratico, a proposito della vicenda della nomina di Cavallo nel Cda delle Ferrovie Apulo Lucane.

“Perché – continua - attendere la rinuncia e non manifestare da subito l'inopportunità della nomina? Il Ministro temeva la reazione dell'alleato di Governo? Quali sono i criteri utilizzati e ora dopo la ‘rinuncia’ quali saranno utilizzati per procedere alla nuova nomina?”

“Perché non coinvolgere gli enti istituzionali interessati? Il gattopardismo si è impadronito del cambiamento”, conclude.

Pagine